Storie

di Rachele Sagramoso

Carissima Greta

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Carissima Greta, sono una mamma qualunque.

Ti scrivo per tutta una serie di motivi, tra i quali, per primo, quello di dimostrarti che, se tu fossi stata abortita, non esisteresti. Ti hanno fatto diventare un’icona e questo, perdonami, ma non mi dà pace. Tu dovresti essere lasciata fare la ragazzina come fa mia figlia Anna o come ha fatto mia figlia Rebecca fino a poco tempo fa (adesso frequenta l’Università ed è oramai una giovane donna con la testa sulle spalle). Invece i tuoi genitori ti hanno rimpinzato delle loro opinioni (cosa che è loro diritto fare, ben inteso) e poi ti hanno dato in pasto al pubblico (cosa che non è, al contrario, granché corretta): in realtà, quindi, tu sei stata uno strumento.

Siccome sei stranetta come tutti gli adolescenti (la mia figlia grande ebbe la fase dark, la mia seconda ha la fase animalier e piume, e io – ai miei tempi – ero una hippies con tanto di fiori, sandali, trecce e riga nera sugli occhi) e i tuoi genitori volevano diffondere il loro pensiero al mondo, non hanno preso e pubblicato un libro vergato dalla loro firma, ma hanno usato il tuo volto e la tua proverbiale cocciutaggine postpuberale.

Io adoro gli adolescenti: annoiati, anticonformisti, contestatori, capricciosi, indolenti… ma così pieni di voglia di vivere da spaccare il cuore! E poi la freschezza mentale, il diritto alla verità, la cocciutaggine spirituale! Che magnificenza! Che ricchezza! Io vado d’accordo con chi termina l’infanzia e deve giungere all’età adulta (non gli/le do più di quattro anni per maturare, però: mi rendo conto di essere un tantinello perfida) perché mi consente di tirar fuori la personalità personale – perdona il giuoco di parole – di ognuno: ogni tanto una potatina qua e là (discussioni, litigate “a cappello in terra”, limiti durissimi) hanno il potere di far fiorire magnifiche piante che poi ringraziano della durezza ricevuta. Certo, so essere comprensiva e molto aperta all’affrontare tanti argomenti, ma in pedagogia è fondamentale dare l’esempio ed essere irremovibili. Certo, io so di commettere errori madornali e sono sempre pronta a chiedere scusa: quello che però è fondamentale con voi giovani è trasmettervi il messaggio che siete preziosi e degni di fiducia (questa però si perde e si deve riconquistare, non è un diritto).

Ecco, Greta, io credo che a te sia mancato un po’ questo: l’essere lasciata essere ciò che sei (saresti stata), senza farti invischiare in faccende troppo grandi fuori di te. Se i tuoi genitori ti avessero voluto dare spazio, ti avrebbero dovuto dire che l’ambiente va protetto perché Dio ce l’ha donato perché ne avessimo cura: ogni piccola pianta e piccolo animaletto è un dono enorme per noi, per il genere umano che, obiettivamente, non si è spesso comportato benissimo, con il Creato. Tutto quello che c’è di preziosissimo su questo pianeta, è stato spesso vittima di sopruso e abuso. Pensiamo alle grandi foreste, abbattute per le piantagioni di droga (che l’ideologia della legalizzazione vorrebbe ampliare), per quelle di cibo vegetale (e qui c’è l’ideologia alimentare della quale, lo racconto spesso, sono stata vittima anche io), per aumentare gli allevamenti intensivi (che privano spesso gli animali del benessere al quale noi umani dobbiamo rispetto)… E che dire della sofferenza imposta alle bestie per sfruttarne scioccamente le pellicce? Non c’è certo bisogno che io denunci a te l’orribile vivisezione anche per la cosmesi più voluttuaria… Insomma: ciò di cui avremmo dovuto prenderci cura, lo abbiamo un po’ straziato e io, alla tua stessa età, ero molto attenta all’ambiente, quindi capisco il tuo punto di vista.

Tuttavia quello che tu fai, ovvero lasciare che degli adulti ti utilizzino per dire quello che loro non hanno il coraggio di dire, ti sta privando di quella spontaneità adolescenziale alla quale tengo tanto. Non è un caso che sono stata piuttosto cristallina quando ho dovuto affrontare alcuni argomenti, tra i quali l’aborto. Perché a scuola se ne parla, ma in modo leggero, quasi fosse una favoletta, e mai dalla parte del soggetto della questione: l’abortito. Chi si trova ad affrontare l’argomento, spesso è terrorizzato dal fatto che il politicamente corretto sia un dovere civile, mentre spesso è solo una bieca servitù. Con l’aborto, ho sempre spiegato a chiunque di qualsiasi età (ovviamente con parole adeguate), viene soppresso un individuo che, se lasciato vivere, diventerebbe un essere umano. La gravidanza è fisiologica, l’aborto patologizza la vita della madre che – spesso priva di libertà da chi le dice che è libera di abortire – decide d’interrompere la vita del figlio. Costui o costei, Greta, diventerebbe un neonato, un bambino, un adolescente, un adulto e un anziano. In altre parole, ogni bambino che viene eliminato, è un essere umano che potrebbe difendere il pianeta, combattere per il rispetto degli animali, portare avanti istanze politiche per i bisognosi… Insomma, ogni aborto evita che tu, Greta, abbia un seguito.

Cara Greta, sei stata privata della naturale spontaneità della tua età e solo perché sei delicata: io infatti non credo affatto che tu pensi e sia certa di ciò che affermi, capricciosa, quando ne hai la possibilità. Io sono sicura che un branco di adulti facinorosi e sfruttatori, ti abbia corrotto “tagliandoti” con discorsi pieni d’ideologia, tarpandoti le ali. Sei stata vittima di adulti che ti “imboccano” con terminologie adultescenti e prive di cultura lungimirante. Perché se la possedessero, avrebbero avuto il coraggio di assumersi la responsabilità delle loro parole, invece che usare te: e un giorno te ne accorgerai. Succede sempre così, e il tonfo è grosso.

Affermato questo io non so cosa farai da grande, se sarai donna libera di vivere una serena vita da adulta responsabile, magari moglie, forse madre, certo è che io spero per te tanta bellezza nelle “piccole cose” (piantine, animaletti e bambini). Spero, Greta, che tu possa liberarti delle sciocchezze che ti fanno dire. Cara Greta, spero che un giorno tu possa aprire un libro che si chiama Bibbia e leggere le prime parole che si trovano nel primo capitolo, che si chiama “Genesi”. Qui troverai ciò che basta, all’Uomo, per capire quanto il pianeta sia importante in tutta la bella espressività del Creato, compresi – ovviamente – i “cuccioli” d’Uomo.

Una mamma.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/09/2021
2209/2021
Ss. Maurizio e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Una risposta a Melloni, inquisitore dei laicisti

In un disinvolto corsivo comparso ieri sulle colonne di Repubblica, lo storico bolognese del cristianesimo ha raccolto sotto i suoi consueti strali l’ormai crivellato padre Cavalcoli, Antonio Socci, Radio Maria e noi del Family Day. A questo punto è opportuno mettere in chiaro alcuni concetti

Leggi tutto

Media

L’altra metà del cielo di Messori

“Una fede in due” rivela ai lettori un sodalizio intellettuale profondissimo che ha attraversato i tempi turbolenti del post Concilio e le vicissitudini della storia d’Italia. Un tempo che Rosanna e Vittorio hanno vissuto da protagonisti e da osservatori privilegiati delle vicende della Chiesa e della società italiana. Si tratta sì, va detto, di un’avventura straordinaria, ma a due facce. Da una parte la faccia pubblica, contrassegnata da libri di successo, dall’altra la faccia privata, visitata dalla sofferenza. Su questo sfondo si staglia la storia di due anime così simili, così diverse, passate entrambe, quasi in contemporanea, dall’esperienza bruciante della conversione. Ma con modalità molto differenti.

Leggi tutto

Chiesa

Il crocifisso a scuola si può esporre regolarmente

La Cassazione ei è pronunciata nell’ambito del ricorso presentato da un docente che era stato sanzionato in via disciplinare perché invocando la libertà di insegnamento e di coscienza in materia religiosa si era opposto alla circolare di un dirigente scolastico di Terni che ordinava di esporre il crocifisso in aula.

Leggi tutto

Società

La Francia in piazza per la vita

La mancanza di un progetto genitoriale espone il feto alla concreta possibilità dello scarto. Essendo stata negata la sua esistenza, l’essere soltanto «nella carne» è destinato ad essere patologizzato e assimilato a un tumore. Si scava così un abisso incolmabile tra il feto come accidente, considerato come qualcosa di contingente nel corpo della donna, e il feto «umanizzato» dalla parola della madre. Il problema è che, scrive Boltanski, «gli esseri nella carne non possono essere distinti dagli esseri per la parola». Se «ciò che costituisce un essere umano non è il feto, iscritto nel corpo, ma la sua adozione simbolica», «questa adozione suppone la possibilità di una discriminazione tra embrioni per nulla distinguibili».

Leggi tutto

Società

L’insostituibile fisionomia del matrimonio

Il matrimonio monogamico realizza la più profonda comunione di amore tra i sessi in una integrazione mutua dei medesimi così perfetta da risultare naturalmente feconda e assicurare perciò la sopravvivenza della famiglia umana, ultimo scopo inteso dalla natura. Attraverso il matrimonio si realizza la perfezione dei coniugi e la procreazione della prole. Ovviamente, il secondo, anche se posteriore nel tempo, interessando la specie, prevale sul primo che riguarda due individui; perciò il primo, immediato, è subordinato al secondo.

Leggi tutto

Chiesa

Il miracolo di ogni vocazione

A volte si sente dire che il matrimonio ha una base naturale sulla quale si innesta la fede cristiana. Si può trattare talora di visioni variamente distorte e anche poco specificate. L’unione di coppia terrena può essere più facilmente soggetta alla precarietà dei rapporti umani. Certo si spera che nessuna legge sia mai a danno, per esempio, dei bambini.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano