Storie

di Raffaele Dicembrino

I grandi successi dell’Italia paralimpica a Tokyo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Gli atleti paralimpici italiani ci hanno regalato emozioni e tante medaglie alle olimpiadi giapponesi appena concluse. Infatti le Paralimpiadi di Tokyo 2020, che seguono la grande spedizione azzurra alle Olimpiadi giapponesi, sono andate meravigliosamente. Dopo l’Olimpiade più medagliata di sempre, arriva anche la seconda Paralimpiade più medagliata di sempre (seconda solo a quella della primissima edizione di Roma): 14 ori, 29 argenti e 26 bronzi.

Un totale di 69 medaglie in 11 discipline diverse: atletica, canoa, ciclismo, equitazione, nuoto, scherma, tennistavolo, tiro a segno, tiro con l’arco, triathlon. E se è vero come vero, che vincere una rassegna iridata ti consegna alla leggenda, è altrettanto vero che atletica e nuoto sono le discipline di maggior rilievo dell’appuntamento di ogni 4 anni. E l’Italia è proprio lì che ha fatto incetta di podi e inni nazionali, con dimostrazioni di strapotere ed emozioni eccezionali, e dimostrando di essere ai vertici dello sport paralimpico.
Una delegazione imponente (115 tra atlete e atleti) che ha chiuso al nono posto del medagliere. Al primo la Cina, con 207 medaglie, seguita da Regno Uniti e Stati Uniti d’America, con 124 e 104. Ma l’Italia, nell’11esimo giorno dei giochi, quello di chiusura, ha chiuso col botto, e che botto: tripletta nella gara dei 100 metri femminili della categoria t63, dedicata ad atlete cui le gambe sono state amputate sopra il ginocchio: Ambra Sabatini, oro condito da record del mondo col tempo di 14,11 secondi, Marina Caironi, argento (era stata oro nel 2012 e nel 2016), e Monica Contraffatto, bronzo (secondo bronzo per lei dopo Rio).
E poi il nuoto, dove azzurri e azzurre hanno ottenuto 39 medaglie, tra cui 11 ori.
La prima medaglia italiana ai Giochi Paralimpici è arrivata proprio nel nuoto con Francesco Bettella, che mercoledì 25 agosto ha vinto la medaglia di bronzo nei 100 metri dorso categoria S1. Poche ore dopo, la ventenne torinese Carlotta Gilli ha vinto l’oro nella finale dei 100 metri farfalla categoria S13, il primo oro italiano, stabilendo il record paralimpico della disciplina col tempo di 1 minuto e 2,65 secondi. La medaglia d’argento della stessa gara è andata a un’altra italiana, Alessia Berra.
E giorno dopo giorno, dal primo giorno di gare, la spedizione italiana non ha mai deluso, conquistando tutti i giorni varie medaglie. Arjola Trimi, che ha vinto due ori e due argenti, Giulia Terzi, due ori, due argenti e un bronzo, e poi il 23enne Stefano Raimondi, che si è portato a casa la bellezza di 7 medaglie, tra cui un oro, quattro argenti e due bronzi.
Impossibile poi non citare in questa spedizione l’oro di Beatrice “Bebe” Vio, volto più noto e influente dell’Italia paralimpica, che anche questa volta non ha tradito l’appuntamento conquistando l’oro nel fioretto individuale femminile. La schermitrice, che il giorno dopo della finale ha poi dichiarato di aver rischiato ultimamente l’amputazione di un braccio, ha poi dovuto fare ancora spazio nella sua personale bacheca per un altro argento, questa volta a squadre, conquistato con Andreea Ionela Mogos e Loredana Trigilia.
Da segnalare la dedica che i vincitori della gara di handbike a squadra, Luca Mazzoni, Paolo Cecchetto e Diego Colombari, hanno voluto realizzare per Alex Zanardi, anche lui volto noto tra gli atleti paralimpici, coinvolto in un bruttissimo incidente nel giugno del 2020 mentre era in allenamento sulla sua handbike.
Si è spento dunque il braciere a Tokyo 2020 (2021). Un’edizione storica, segnata profondamente dal Covid ma la cui fiamma olimpica ha emanato un fortissimo colore azzurro. L’Italia c’è e non si arrende mai ed i ragazzi dello sport ne sono la dimostrazione!.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/09/2021
1808/2023
Santa Elena

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

NON SI MUORE SOTTO LO SGUARDO DELLA “MADONNETTA”

Sul lido romano la ‘nuova bonifica’ sulla Via di quei bambini ‘crocifissi’. Vince il Castelporziano: 1 a 0 sul Jem’s. Si è concluso il primo Trofeo Ostiense in memoria di Riccardo, ragazzino “morto di paura” perché inseguito da un senza fissa dimora che voleva aggredirlo

Leggi tutto

Storie

Ostia ospiterà la Coppa Italia di pallanuoto paralimpica

Sabato 15 e Domenica 16 ottobre il Polo Natatorio di Ostia ospiterà la Coppa Italia di pallanuoto paralimpica ed il II Memorial dedicato a Roberto Melissano. Le compagini che si sfideranno nelle Final Four sono: la S.S. Lazio nuoto, il Centro Sportivo Portici, la Water Sport Napoli Lions e la Rari Nantes Florentia.

Leggi tutto

Società

Wang Yi: Taiwan e Ucraina sono situazioni diverse

Per il ministro cinese degli Esteri, la prima è una questione “interna” di Pechino, l’altra riguarda due Stati sovrani. Il suo intervento a margine dell’Assemblea nazionale del popolo

Leggi tutto

Società

Allarme sedentarietà: un italiano su tre non pratica sport

I rappresentanti dei clinici e i vertici nazionali del basket avviano una collaborazione per promuovere l’attività fisica. Francesco Cognetti: “Con stili di vita sani possiamo sconfiggere cancro, tumori del sangue e malattie cardiache”. Giovanni Petrucci: “Salute e Sport, binomio vincente soprattutto dopo il lockdown e la pandemia”.

Leggi tutto

Storie

Pallavolista licenziato con l’accusa di omofobia

Una mossa costatagli caro non solo per la reputazione ma anche per la carriera. Quando Mauricio Souza, stella della pallavolo mondiale, ha postato lo scorso 12 ottobre una foto del nuovo Superman, Jon Kent - che nei prossimi numeri del celebre fumetto si rivelerà bisessuale - mentre bacia un altro ragazzo. Il suo commento “Ah, è solo un cartone, non è un grosso problema. Vai a vedere dove andremo a finire…” ha sollevato un polverone mediatico. Un caso costatogli alla fine il licenziamento da parte del suo club, il Minas.

Leggi tutto

Storie

Papa Francesco ed il il Light of Faith Tour

Il mandato di Francesco è chiaro: testimoniare la visione fraterna e inclusiva dello sport.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano