Politica

di Giuseppe Udinov

Rimini, candidati del Pd uomo e donna si scambiano i vestiti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La loro foto è diventata popolare in poco tempo e sta girando sui social fortunatamente tra la maggioranza di commenti negativi.

Due candidati nella lista del Pd alle prossime elezioni comunali di Rimini si sono ritratti con i vestiti scambiati: lei, Anna Maria Barilari, da uomo, lui, Edoardo Carminucci, da donna.
“I vestiti non hanno genere”, dichiarano nel post. “Vogliamo andare oltre gli stereotipi di genere”. Lei indossa un completo maschile, lui un abito da sera femminile. “Cosa è da uomini e cosa è da donne? Decidiamolo noi”.

La provocazione non è certo passata inosservata, tanti i commenti arrivati dopo la pubblicazione dello scatto: in gran parte di approvazione, ma non mancano quelli polemici di chi chiede loro di occuparsi dei problemi di Rimini.

“Questa è una battaglia culturale per destrutturare pregiudizi e preconcetti”, replica Carminucci. “Ci hanno chiesto un contributo su battaglie culturali e di civiltà che seguiamo da anni, lo abbiamo dato, non vedo lo scandalo”, aggiunge Barilari.

Pieno sostegno all’iniziativa giunge dal presidente di Arcigay Rimini Marco Tonti: “Anche se fatto chiaramente un po’ con spirito giocoso e con la giusta dose di gusto della provocazione, i temi sollevati dalla foto sono importanti e perfino esistenziali per molte persone, soprattutto giovani”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

08/09/2021
2209/2021
Ss. Maurizio e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

La proposta del PDF, il reddito di maternità

Noi facciamo politica per cambiare concretamente la vita delle persone e per dare un pugno al piano inclinato che vede le normative orientarsi tutte contro i diritti della famiglia naturale. Essere militanti del Popolo della Famiglia, essere sostenitori di questo progetto, significa battersi per dare alle donne la piena libertà di scelta: il reddito di maternità è questo, una fondamentale battaglia per la libertà della donna. Si può concretamente portare a casa questo risultato se il Popolo della Famiglia, fin dalle prossime elezioni amministrative, avrà livelli di consenso tali da far capire che il traguardo dell’ingresso in Parlamento non è una chimera ma un reale obiettivo politico perseguibile che cambierà radicalmente gli equilibri dei rapporti di forza nel Paese, dando voce a quelle ragioni che attualmente voce non hanno. Se c’è un motivo per dedicarsi alla lotta politica, ora questo motivo c’è: salvare la famiglia, proteggere i nostri figli, liberare davvero le donne. Perseguilo insieme a noi, vota Popolo della Famiglia, rendi concreto il progetto del reddito di maternità.

Leggi tutto

Chiesa

Padre Arsenio beato a Milano

«Tu vuoi morire da santo? – si chiedeva il giovane sacerdote, entrato già prete nella Compagnia di Gesù – Ebbene, vivi da santo. Fa’ da santo secondoil tuo stato di religioso. Sii santo negli sguardi, santo nei discorsi, santo nell’udito, nel tratto, nel gusto, nel tatto. In breve, sii perfetto nell’uso dei tuoi sensi. Santo nell’obbedienza, e allora, certo, morirai da santo».

Leggi tutto

Politica

Per arrivare con metodo al 5 Marzo

Fino a pochi giorni fa Massimo Gandolfini si limitava a ignorare inelegantemente le attività e la stessa esistenza del Popolo della Famiglia. Arrivati all’ultimo giro, la sua preoccupazione sembra
essere anzitutto legata alla delegittimazione attiva dell’opzione di autonomia del PdF. Eppure il 4 marzo arriverà e trascorrerà: allora sarà il caso di non essere diventati autenticamente nemici.

Leggi tutto

Politica

A Camaldoli per il bene comune

A Camaldoli per il bene comune e per la festa de La Croce Quotidiano

Leggi tutto

Società

Rachele e Diana, ostetriche per la pelle

Un’ostetrica che si diede alla professione quando già aveva vissuto “il mestiere di partorire” dall’altra parte del lettino torna a incontrare in un’ampia intervista una delle sue storiche insegnanti, Diana Panfili (che oggi ha 81 splendidi anni ed è una vivacissima perugina). Il dialogo si riversa su molti fronti fra ricordi dei primi anni ’60 e prospettive per il futuro.

Leggi tutto

Politica

Bibbiano non è un mistero italiano

Ieri Enrico Mentana ha tentato di mescolare le carte sul sistema Hansel e Gretel, a partire da presunti “abusi realmente avvenuti”. Ideologia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano