Chiesa

di

Messaggio di Papa Francesco ai partecipanti al 25.mo Congresso mariologico mariano internazionale

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La Madre di Gesù fa nascere il mondo della fraternità dove c’è posto per ogni scartato,Maria “è la Madre di tutti, indipendentemente dall’etnia o dalla nazionalità”. È “un punto di riferimento per una cultura capace di superare le barriere che possono creare divisione” e “sul cammino di questa cultura di fraternità lo Spirito ci chiama ad accogliere nuovamente il segno di consolazione e di sicura speranza che ha il nome, il volto, il cuore di Maria, donna, discepola, madre e amica”.

Con queste parole Papa Francesco si rivolge ai partecipanti del 25.mo Congresso mariologico mariano internazionale che fino all’11 settembre vedrà confrontarsi circa 300 rappresentanti delle società mariologiche e studiosi provenienti da tutto il mondo sul tema “Maria tra teologie e culture oggi. Modelli, comunicazioni, prospettive”. Organizzato dalla Pontificia Academia Mariana Internationalis e presieduto a nome del Papa dal cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio consiglio della Cultura.

Un modo diverso dal solito per celebrare questo evento, ribadisce Francesco, che condivide la gioia dei partecipanti. Tuttavia, osserva, “il nostro rallegrarci non dimentichi il grido silenzioso di tanti fratelli e sorelle che vivono in condizioni di grande difficoltà, aggravate dalla pandemia”. “La vera gioia che viene dal Signore”, prosegue Papa Francesco, “dà sempre spazio alle voci dei dimenticati, perché insieme a loro si possa costruire un futuro migliore”. “Maria”, sottolinea, “nella bellezza della sequela evangelica e nel servizio al bene comune dell’umanità e del pianeta, educa sempre all’ascolto di queste voci e Lei stessa si fa voce dei senza voce.

Il Papa ricorda anche come negli oltre sessant’anni di attività la Pontificia Academia Mariana Internationalis abbia sempre offerto “spunti, intuizioni, idee e approfondimenti” in un’epoca di mutamenti e ribadisce quanto scritto alle Accademie Pontificie il 4 dicembre 2019: la mariologia è “una presenza necessaria di dialogo fra le culture, capace di alimentare la fraternità e la pace”. Maria, infatti, ha una sua specifica presenza sulle frontiere e questi che viviamo sono i “tempi di Maria”, e la Pontificia Academia, “perseverando nel suo impegno di rinnovamento, cerca di leggere i segni di questi tempi, a beneficio della Chiesa e di ogni donna e uomo di buona volontà,

Quindi rammentando le parole di Papa Benedetto XVI, il Vescovo di Roma sottolinea poi come “il mistero che la persona di Maria racchiude in sé è il mistero stesso della Parola di Dio incarnata”. Una Parola che nutre la “pietà popolare”, che proprio alla Madonna “attinge con naturalezza”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/09/2021
2105/2022
Santa Caterina da Genova

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa Francesco: “Non si volti la testa di fronte ai deboli”

Il Papa, nella Messa per la V Giornata mondiale dei poveri, celebrata nella Basilica di San Pietro, chiama i cristiani ad essere convertitori di bene

Leggi tutto

Chiesa

Montenegro: i vescovi cattolici respingono la richiesta di green pass

I vescovi cattolici del Montenegro non accettano le nuove misure contro il Covid-19, in vigore dal 1° dicembre, che prevedono che l’entrata nelle chiese potrà essere effettuata solo con il green pass.

Leggi tutto

Storie

Haiti: fuggiti i missionari rapiti

Il racconto della fuga dei missionari dalle mani dei rapitori

Leggi tutto

Chiesa

Sudan: più sicurezza per la popolazione

In Sudan il presidente della Conferenza episcopale sudanese esorta a lavorare per la pace

Leggi tutto

Chiesa

Vaticano: Parolin e Peña Parra positivi al Covid

Il Segretario di Stato ha sintomi lievi, assenti invece per quanto riguarda il Sostituto.

Leggi tutto

Chiesa

Costa D’Avorio - Il contributo della Chiesa per le nuove generazioni

“Il tema dell’istruzione - ha affermato Monsignor. Bessi Dogbo - è una grande sfida che richiede una riflessione approfondita sul modello di società da costruire e sui mezzi per realizzare una buona formazione, ma che pone anche al primo posto la formazione integrale dell’uomo”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano