Politica

di Giuseppe Udinov

AMMINISTRATIVE: ADINOLFI (PDF), “PAR CONDICIO VIOLATA IN TV”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Mario Adinolfi, presidente nazionale del Popolo della Famiglia (PdF), protesta con l’Agcom e chiede al suo presidente Giacomo Lasorella il ripristino della par condicio televisiva: “In qualità di presidente nazionale e rappresentante legale del Popolo della Famiglia, movimento politico nazionale presente con proprie liste e proprio simbolo a Roma, Torino, Bologna, Ravenna, Rimini, Spoleto, San Benedetto del Tronto e dunque in ben più del richiesto ‘quarto dell’elettorato’ (12 milioni di italiani) chiamato al voto nelle prossime amministrative, chiedo che l’Autorità si attivi subito per ripristinare la legalità nella comunicazione radiofonica e soprattutto televisiva che calpesta le norme letteralmente azzerando la presenza del Popolo della Famiglia nei contenitori informativi. L’articolo 2 comma 2 della delibera Agcom 265/21 del 6 agosto scorso stabilisce con chiarezza i criteri che confermano che il Popolo della Famiglia nel corso di questa campagna elettorale è a tutti gli effetti da equiparare per la par condicio ai partiti con gruppi presenti in Parlamento. Ora va ristabilita immediatamente la legalità nella comunicazione radiofonica e televisiva garantendo al Popolo della Famiglia gli spazi cui ha diritto per legge. La par condicio è sistematicamente violata e a nostro totale danno, visto che siamo letteralmente azzerati. È il momento di rispondere all’illegalità e evidenziare il ruolo regolatore dell’Agcom. L’appello è rivolto al presidente dell’Autorità, Giacomo Lasorella, che non credo sia lieto nel vedere calpestate con arroganza le chiare direttive della legge e di Agcom”.

Scrive Mario Adinolfi: “E ci risiamo. L’articolo 2 comma 2 del regolamento dell’Autorità Garante per la Comunicazione garantisce in queste amministrative spazi uguali nell’informazione nazionale radiofonica e televisiva tra i partiti presenti in Parlamento e quelli in grado di presentare il simbolo almeno presso “un quarto dell’elettorato chiamato al voto”. Il simbolo del Popolo della Famiglia è presente in tutta Italia ed è letteralmente azzerato dalla comunicazione radiotelevisiva, compresa quella della Rai che è servizio pubblico. Oggi ho chiesto all’Agcom un intervento urgente di ripristino della par condicio. Fabiola Cenciotti deve avere gli stessi spazi di Raggi, Gualtieri e Calenda che sono gli unici citati sempre come candidati sindaco di Roma e non è giusto, non è legale. Anche per questo il 3 e 4 ottobre sorprendili votando Popolo della Famiglia”.

Cambiano le elezioni, trascorrono gli anni, ma gli “orrori” sono sempre gli stessi!

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/09/2021
2109/2021
S. Matteo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

INFLUENZE CRISTIANE NELLA MUSICA POPOLARE

Abbiamo cercato Cristo nelle canzoni e l’abbiamo trovato in un sacco di posti, anche dove non avremmo immaginato. Ecco una piccola guida all’ascolto per scoprire autori, generi e canzoni del mondo anglosassone che hanno messo Gesù e il suo messaggio al centro della loro ispirazione.

Leggi tutto

Politica

Legittima difesa: una legge inutile e dannosa

In dirittura d’arrivo il voto finale della Camera dei deputati sulla legge che cambia la legittima difesa secondo le istanze portate avanti da Matteo Salvini. Ieri sono stati votati i primi 6 articoli, con l’assenza di 35
deputati pentastellati considerati in dissenso. Dopo il voto scontato di oggi il testo tornerà al Senato per l’approvazione definitiva, prevista per il prossimo 28 marzo, se non ci saranno sorprese.

Leggi tutto

Politica

La crescita passa dalla nascita di figli

Investire sulla maternità è definito da alcuni un provvedimento assistenzialistico e retrogrado, oppure una boutade per raccogliere voti centristi. Sono invece i conti a dimostrare che solo il ricambio generazionale può mantenere e incrementare la ricchezza di un popolo. I numeri dell’aborto in Italia rendono anche conto del plurimiliardario buco nel nostro bilancio statale. Serve invertire la rotta.

Leggi tutto

Società

La Fede vissuta

Riflessione sul solco tra la fede vissuta in termini accademici e la mancata applicazione degli insegnamenti escatologici della Bibbia nella vita quotidiana, soprattutto alla luce dei nostri giorni.

Leggi tutto

Storie

La truffa della finta unione gay

Il crimine politico commesso da Renzi e Alfano è avere ceduto ai lobbisti Cirinnà e Lo Giudice che, per ragioni oscillanti tra gli interessi diretti e l’ideologia, hanno scritto una legge incostituzionale in cui peraltro il diritto alla reversibilità è previsto solo per la coppia omosessuale, mentre in una coppia eterosessuale che pure usa la stessa legge per ufficializzare la propria unione, al superstite non spetta nulla. Dunque il batterista jazz di Schio si godrà una bella pensione ringraziando per sempre Monica Cirinnà avendo recitato l’essere omosessuale, mentre una povera donna in una coppia di fatto eterosessuale che perde improvvisamente il compagno con cui magari ha generato tre o quattro figli si ritrova con il nulla e con il diritto negato all’accesso alla pensione di reversibilità. Vi pare una legge giusta questa, una legge che tutela le truffe compiute da para-omosessuali (in tutto 7.513 coppie) e ignora un milione di persone unite in coppia di fatto che allevano più di settecentomila figli minori?

Leggi tutto

Società

Se arrivano a volerci in galera

La violenza di chi l’ha denunciata è sotto gli occhi di tutti, la clamorosa dimensione della discriminazione di cui è fatto oggetto chi non la pensa come il coro dominante sul tema dei “nuovi diritti” dovrebbe far saltare in piedi l’Italia intera a difesa di Silvana De Mari. Invece in piedi insieme a lei ci siamo noi e pochi altri amici. Non un opinionista di un importante quotidiano, non una trasmissione televisiva che gridi allo scandalo, alla lesione importante di un fondamentale diritto alla libertà di opinione, non un collega giornalista che rivendichi persino per noi la libertà di stampa e l’articolo 21 della Costituzione. No, quell’articolo è invocato solo se l’opinione è quella “giusta”, cioè quella dominante.
In un’Italia così sarà motivo d’orgoglio essere radiati dagli Ordini e mandati in carcere. Quando poi il fascismo finì, fu chi subì quei provvedimenti a poter dire: io ho resistito.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano