Società

di Tommaso Ciccotti

Asia meridionale: in crescita i problemi per gli studenti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Scatta l’allarme apprendimento per alcuni studenti dell’asia Meridionale. Secondo una ricerca dell’UNICEF condotta in India, Maldive, Pakistan e Sri Lanka, nonostante notevoli sforzi da parte dei governi e dei partner per espandere l’apprendimento a distanza, la chiusura delle scuole ha portato a disuguaglianze allarmanti nelle opportunità di apprendimento per i bambini dell’Asia meridionale.

La chiusura delle scuole in Asia meridionale a causa della pandemia da COVID-19 ha interrotto, l’apprendimento di 434 milioni di bambini. Secondo la ricerca dell’UNICEF, una parte considerevole degli studenti e dei loro genitori ha riferito che gli studenti hanno imparato molto meno rispetto ai livelli pre-pandemia. In India, l’80% dei bambini tra i 14 e i 18 anni ha riportato livelli di apprendimento inferiori rispetto a quando andava fisicamente a scuola. Allo stesso modo, nello Sri Lanka, il 69% dei genitori di bambini della scuola primaria ha riferito che i loro figli stavano imparando “meno” o “molto meno”. Le ragazze, i bambini provenienti dalle famiglie più svantaggiate e i bambini con disabilità hanno affrontato le sfide maggiori nell’apprendimento a distanza.
“La chiusura delle scuole in Asia meridionale ha costretto centinaia di milioni di bambini e i loro insegnanti a passare all’apprendimento a distanza in una regione con scarsa connettività e accessibilità ai dispositivi”, ha dichiarato George Laryea-Adjei, direttore regionale UNICEF per l’Asia meridionale. “Anche quando una famiglia ha accesso alla tecnologia, i bambini non sono sempre in grado di accedervi. Di conseguenza, i bambini hanno subito enormi battute d’arresto nel loro percorso di apprendimento”.

Nonostante i considerevoli sforzi dei governi, la scarsa connettività e l’accesso ai dispositivi digitali hanno ostacolato gravemente le azioni per la diffusione dell’apprendimento a distanza. In India, il 42% dei bambini tra i 6 e i 13 anni ha riferito di non aver utilizzato alcun tipo di apprendimento a distanza durante la chiusura delle scuole. In Pakistan, il 23% dei bambini più piccoli non aveva accesso a nessun dispositivo che potesse supportare l’apprendimento a distanza. Le famiglie povere e svantaggiate sono state le più colpite, in quanto molte famiglie fanno fatica a permettersi anche un solo dispositivo.
Anche quando i dispositivi sono disponibili, secondo la ricerca dell’UNICEF, sono spesso insufficientemente utilizzati e l’accesso dei bambini a questi dispositivi è spesso limitato. Per esempio, in Pakistan, tra i bambini che avevano accesso ai dispositivi, solo il 24% circa poteva usarli quando voleva.
La ricerca ha rilevato che l’impegno di studenti e insegnanti, quando è regolare e reciproco, è un forte fattore di successo nell’apprendimento dei bambini, soprattutto per gli studenti più giovani. Tuttavia, le indagini hanno rilevato che la maggior parte degli studenti aveva poco o nessun contatto con i loro insegnanti dopo la chiusura delle scuole. Nelle scuole elementari private dello Sri Lanka, il 52% degli insegnanti ha riferito di aver contattato i loro studenti cinque giorni alla settimana, ma questo numero è sceso a solo l’8% per gli insegnanti delle scuole elementari pubbliche.

“La riapertura in sicurezza delle scuole deve essere considerata una priorità assoluta per tutti i governi. Parallelamente, investire negli insegnanti garantirà che i docenti e le scuole potranno adattarsi a tutte le situazioni. Più gli insegnanti sono formati, dotati di attrezzature e supportati nell’apprendimento a distanza e misto, meglio saranno in grado di raggiungere tutti i loro studenti”, ha aggiunto George Laryea-Adjei. “Questo è un investimento cruciale che dobbiamo fare per i bambini mentre la regione si prepara alle future ondate di COVID-19. Abbiamo bisogno di costruire sistemi che possano resistere a qualsiasi tempesta e far sì che i bambini continuino a imparare, indipendentemente dalle circostanze”.

Per assicurare che i bambini continuino ad apprendere, l’Unicef fa appello ai governi per dare priorità alla riapertura in sicurezza di tutte le scuole, assicurando allo stesso tempo che i bambini siano in grado di perseguire un apprendimento di qualità a distanza, se necessario; agli insegnanti, per valutare i livelli di apprendimento dei bambini e garantire il recupero attraverso un periodo di “recupero dell’apprendimento”; ai governi, che devono dare priorità alla vaccinazione degli insegnanti per sostenere la riapertura in sicurezza delle scuole; e ancora ai governi, che devono formare e dotare gli insegnanti di attrezzature per raggiungere meglio i bambini e gli adolescenti con accesso limitato o nullo alla tecnologia attraverso una combinazione di modalità che includa dispositivi mobili, TV, radio e materiale stampato; e ai donatori per proteggere ed espandere gli investimenti nell’istruzione, compresi l’alfabetizzazione e il calcolo pre-primari e di base; il settore privato e le organizzazioni della società civile a collaborare con i governi per migliorare la connettività e creare contenuti di alta qualità e multilingue per l’apprendimento a distanza, adatti alle esigenze degli studenti; gli amministratori scolastici e i funzionari dell’istruzione a fornire maggiori indicazioni agli insegnanti per coinvolgere i loro studenti e utilizzare diversi tipi di tecniche di apprendimento; ai genitori e gli assistenti devono ricevere un sostegno e una guida adeguati per proseguire il percorso d’apprendimento a casa.
La chiusura delle scuole in Asia meridionale ha aggravato una situazione che era già precaria. Anche prima della pandemia, quasi il 60% dei bambini dell’Asia meridionale non era in grado di leggere e comprendere un testo semplice entro i 10 anni di età. Inoltre, 12,5 milioni di bambini a livello primario e 16,5 milioni di bambini a livello secondario inferiore non andavano a scuola.

Un problema quindi soltanto in parte riconducibile al Covid ma comunque una grave situazione di disagio che i governati di questi Stati hanno l’obbligo morale e civile di risolvere con o senza gli aiuti dell’Occidente.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/09/2021
2805/2022
Sant'Emilio martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

La storia di Francesca testimone del bello e del bene del mondo

Oggi, sono un’insegnante da 26 anni e mai neanche un giorno ho pensato che avrei potuto scegliere un’altra strada. Perché insegnare è la mia vita, non è il mio lavoro. Lo dico a tutte le persone che, in assenza d’altro o come ripiego, cercano di entrare nel mondo della scuola, magari attratti scioccamente dalle vacanze estive. Insegnare non è un lavoro, è una vocazione, è una missione. Lo devi desiderare fin dal profondo delle tue viscere. Devi sentire che ti scorre nel sangue. Devi imparare ad attingere forza ed energie da un sorriso, da un abbraccio o da un disegno di te che occupa tutto il foglio per dirti quanto sei importante. Da un 《ti voglio bene maestra… 》. Devi imparare a ricaricarti nelle piccole cose perché per il resto del tempo è un darti, darti, darti e ancora darti. E allora quei mesi di vacanza sono come la prescrizione medica dei giorni che necessiti per ritornare a darti.

Leggi tutto

Chiesa

CEI: al via il Consiglio permanente

Bassetti sottolina come una “grave inquietudine la prospettiva di un referendum per depenalizzare l’omicidio del consenziente. Autorevoli giuristi hanno messo in evidenza serie problematiche di compatibilità costituzionale nel quesito per il quale sono state raccolte le firme e nelle conseguenze che un’eventuale abrogazione determinerebbe nell’ordinamento”. “E’ necessario ribadire che non vi è espressione di compassione nell’aiutare a morire, ma il prevalere di una concezione antropologica e nichilista in cui non trovano più spazio né la speranza né le relazioni interpersonali. C’è una contraddizione stridente tra la mobilitazione solidale, che ha visto un Paese intero attivarsi contro un virus portatore di morte, e un’iniziativa che, a prescindere dalle intenzioni dei singoli firmatari della richiesta referendaria, propone una soluzione che rappresenta una sconfitta dell’umano”, confida il Presidente della Conferenza Episcopale Italiana.

Leggi tutto

Società

C’è chi “OSA” per il rispetto della Costituzione

Alla Bocca della Verità si sono dati appuntamento uomini e donne appartenenti ai vari corpi di sicurezza dello Stato. La manifestazione è stata organizzata dall’O.S.A.-Operatori Sicurezza Associati. L’associazione conta ad oggi 2.357 iscritti alla luce del sole, appartenenti alla Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza, Vigili del Fuoco, Polizia Penitenziaria, Esercito Italiano, Aeronautica Militare, Marina Militare, Corpo Forestale, Polizia Locale. La loro parola d’ordine è: “difendere i valori, i dettami ed i principi della Costituzione della Repubblica Italiana

Leggi tutto

Media

Volo solo chi osa farlo

in questi giorni l’autrice dell’articolo ho trovato questo libro ed ha pensato di parlarcene In un tempo dove il più grande punto interrogativo sono i giovani, la scuola, questo libro di Michele Smecca è la certezza che il nostro sguardo deve essere rivolto a questi ragazzi e al loro potenziale.

Leggi tutto

Politica

Italia e crimini contro l’umanità: la nota del CIEB

CIEB – Duro parere del Comitato Internazionale per l’Etica della Biomedicina sulle implicazioni sociali del #Greenpass e sulla campagna vaccinale italiana come lesiva di diritti umani: la strategia italiana rientri “tra i crimini contro l’umanità”.

Leggi tutto

Politica

NON AVER PAURA DELLA PAURA

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano