Società

di Tommaso Ciccotti

Asia meridionale: in crescita i problemi per gli studenti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Scatta l’allarme apprendimento per alcuni studenti dell’asia Meridionale. Secondo una ricerca dell’UNICEF condotta in India, Maldive, Pakistan e Sri Lanka, nonostante notevoli sforzi da parte dei governi e dei partner per espandere l’apprendimento a distanza, la chiusura delle scuole ha portato a disuguaglianze allarmanti nelle opportunità di apprendimento per i bambini dell’Asia meridionale.

La chiusura delle scuole in Asia meridionale a causa della pandemia da COVID-19 ha interrotto, l’apprendimento di 434 milioni di bambini. Secondo la ricerca dell’UNICEF, una parte considerevole degli studenti e dei loro genitori ha riferito che gli studenti hanno imparato molto meno rispetto ai livelli pre-pandemia. In India, l’80% dei bambini tra i 14 e i 18 anni ha riportato livelli di apprendimento inferiori rispetto a quando andava fisicamente a scuola. Allo stesso modo, nello Sri Lanka, il 69% dei genitori di bambini della scuola primaria ha riferito che i loro figli stavano imparando “meno” o “molto meno”. Le ragazze, i bambini provenienti dalle famiglie più svantaggiate e i bambini con disabilità hanno affrontato le sfide maggiori nell’apprendimento a distanza.
“La chiusura delle scuole in Asia meridionale ha costretto centinaia di milioni di bambini e i loro insegnanti a passare all’apprendimento a distanza in una regione con scarsa connettività e accessibilità ai dispositivi”, ha dichiarato George Laryea-Adjei, direttore regionale UNICEF per l’Asia meridionale. “Anche quando una famiglia ha accesso alla tecnologia, i bambini non sono sempre in grado di accedervi. Di conseguenza, i bambini hanno subito enormi battute d’arresto nel loro percorso di apprendimento”.

Nonostante i considerevoli sforzi dei governi, la scarsa connettività e l’accesso ai dispositivi digitali hanno ostacolato gravemente le azioni per la diffusione dell’apprendimento a distanza. In India, il 42% dei bambini tra i 6 e i 13 anni ha riferito di non aver utilizzato alcun tipo di apprendimento a distanza durante la chiusura delle scuole. In Pakistan, il 23% dei bambini più piccoli non aveva accesso a nessun dispositivo che potesse supportare l’apprendimento a distanza. Le famiglie povere e svantaggiate sono state le più colpite, in quanto molte famiglie fanno fatica a permettersi anche un solo dispositivo.
Anche quando i dispositivi sono disponibili, secondo la ricerca dell’UNICEF, sono spesso insufficientemente utilizzati e l’accesso dei bambini a questi dispositivi è spesso limitato. Per esempio, in Pakistan, tra i bambini che avevano accesso ai dispositivi, solo il 24% circa poteva usarli quando voleva.
La ricerca ha rilevato che l’impegno di studenti e insegnanti, quando è regolare e reciproco, è un forte fattore di successo nell’apprendimento dei bambini, soprattutto per gli studenti più giovani. Tuttavia, le indagini hanno rilevato che la maggior parte degli studenti aveva poco o nessun contatto con i loro insegnanti dopo la chiusura delle scuole. Nelle scuole elementari private dello Sri Lanka, il 52% degli insegnanti ha riferito di aver contattato i loro studenti cinque giorni alla settimana, ma questo numero è sceso a solo l’8% per gli insegnanti delle scuole elementari pubbliche.

“La riapertura in sicurezza delle scuole deve essere considerata una priorità assoluta per tutti i governi. Parallelamente, investire negli insegnanti garantirà che i docenti e le scuole potranno adattarsi a tutte le situazioni. Più gli insegnanti sono formati, dotati di attrezzature e supportati nell’apprendimento a distanza e misto, meglio saranno in grado di raggiungere tutti i loro studenti”, ha aggiunto George Laryea-Adjei. “Questo è un investimento cruciale che dobbiamo fare per i bambini mentre la regione si prepara alle future ondate di COVID-19. Abbiamo bisogno di costruire sistemi che possano resistere a qualsiasi tempesta e far sì che i bambini continuino a imparare, indipendentemente dalle circostanze”.

Per assicurare che i bambini continuino ad apprendere, l’Unicef fa appello ai governi per dare priorità alla riapertura in sicurezza di tutte le scuole, assicurando allo stesso tempo che i bambini siano in grado di perseguire un apprendimento di qualità a distanza, se necessario; agli insegnanti, per valutare i livelli di apprendimento dei bambini e garantire il recupero attraverso un periodo di “recupero dell’apprendimento”; ai governi, che devono dare priorità alla vaccinazione degli insegnanti per sostenere la riapertura in sicurezza delle scuole; e ancora ai governi, che devono formare e dotare gli insegnanti di attrezzature per raggiungere meglio i bambini e gli adolescenti con accesso limitato o nullo alla tecnologia attraverso una combinazione di modalità che includa dispositivi mobili, TV, radio e materiale stampato; e ai donatori per proteggere ed espandere gli investimenti nell’istruzione, compresi l’alfabetizzazione e il calcolo pre-primari e di base; il settore privato e le organizzazioni della società civile a collaborare con i governi per migliorare la connettività e creare contenuti di alta qualità e multilingue per l’apprendimento a distanza, adatti alle esigenze degli studenti; gli amministratori scolastici e i funzionari dell’istruzione a fornire maggiori indicazioni agli insegnanti per coinvolgere i loro studenti e utilizzare diversi tipi di tecniche di apprendimento; ai genitori e gli assistenti devono ricevere un sostegno e una guida adeguati per proseguire il percorso d’apprendimento a casa.
La chiusura delle scuole in Asia meridionale ha aggravato una situazione che era già precaria. Anche prima della pandemia, quasi il 60% dei bambini dell’Asia meridionale non era in grado di leggere e comprendere un testo semplice entro i 10 anni di età. Inoltre, 12,5 milioni di bambini a livello primario e 16,5 milioni di bambini a livello secondario inferiore non andavano a scuola.

Un problema quindi soltanto in parte riconducibile al Covid ma comunque una grave situazione di disagio che i governati di questi Stati hanno l’obbligo morale e civile di risolvere con o senza gli aiuti dell’Occidente.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/09/2021
2209/2021
Ss. Maurizio e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Il nodo gordiano: la scuola

Non c’è apprendimento senza orientamento e l’orientamento è educazione. Il fanciullo lasciato a se stesso intorno agli orientamenti di fondo, ai comportamenti e agli atteggiamenti, semplicemente si fa educare dal contesto che percepisce, ma ancor più dal fondamentale abbandono che sperimenta da parte di chi gli è vicino. Come sgusciare allora dal vuoto di valori ideologicamente perseguito, o riempito di indegni surrogati, e riappropriarsi del naturale buon senso che accompagna la vita reale non ridefinita dal totalitarismo gestionale del potere costituito?

Leggi tutto

Società

Assicurare per vaccinare in libertà

Lottare contro i luoghi comuni. Continuare a ragionare, farsi domande, cercare risposte. Bisogna fregarsene di essere additati come antivax o che so io e se il governo prende decisioni che secondo noi sono fortemente restrittive della libertà individuale, garantita dalla Costituzione, bisogna avere il coraggio o semplicemente l’onestà di dirlo. Licenziare i docenti che non si sottopongono entro cinque giorni dalla nomina al vaccino, appare una decisione eccessiva e anticostituzionale.

Leggi tutto

Politica

Vaccini a scuola: obbligo per tutti i bambini (0-6)

Il Consiglio dei ministri ha varato venerdì scorso il temuto “decreto legge vaccini”. La mancanza di documentazione sulle vaccinazioni obbligatorie produrrà da parte dell’autorità scolastica sanzioni dalle 10 alle 30 volte maggiori di quelle esistenti. Pericoli per questo invasivo intervento del Governo sono avvertiti dalle famiglie, dalle associazioni dei consumatori e… dagli “home schooler”. L’impressione è che la dialettica venga esacerbata dal governo nella ricerca dello scontro frontale con il M5S. La solita impostazione manichea che non permette di approfondire e vagliare adeguatamente

Leggi tutto

Politica

Il vero problema non è il covid ma la denatalità

Per veder rifiorire il Paese dalle macerie della Seconda Guerra mondiale, caro presidente Draghi, le donne italiane fecero tra il 1946 e il 1949 sei milioni di bambini, crescendoli e prestando loro cura pressoché esclusiva, si generò ricchezza per dare loro un futuro degno. Con gli attuali 400mila bambini che nascono l’anno (nel 2021 già si dice che saremo sotto quella soglia) per fare sei milioni di bambini ci vorranno quindici anni. E nel 2036 sarà troppo, troppo tardi. Reddito di maternità, subito. E subito dopo riforma fiscale del quoziente familiare perché è ovvio che i trentamila euro guadagnati da un single devono essere tassati di più dei trentamila euro guadagnati da un padre di famiglia che deve sfamare con quel reddito moglie e tre figli. Un criterio basilare di giustizia sociale richiede che finalmente questa riforma fiscale diventi realtà.

Leggi tutto

Società

Genitori, “disoccupate” le scuole e occupatevi dei figli

Segna una rimarchevole novità l’ormai tristemente consolidata tradizione delle “occupazioni dell’Immacolata”: quest’anno sono state molto
più “deboli” e “brevi” degli anni precedenti. Non solo: in alcuni licei romani (anche della Roma bene pariolina) i genitori hanno letteralmente fatto
irruzione negli stabili scolastici “okkupati” dai figli, senza mezzi termini li hanno trascinati fuori e riportati a casa – e pare che sia volato anche qualche
schiaffone. Pur nel suo tratto pittoresco, il dato appare positivo e foriero di speranza per un auspicato ritrovamento dell’autorità del ruolo genitoriale

Leggi tutto

Politica

HERA: nasce l’Autorità europea per prepararsi alle future emergenze sanitarie

Per Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, “l’HERA rappresenta un altro tassello di un’Unione della salute più forte e un importante passo avanti per la nostra preparazione alle crisi. Con l’HERA ci assicureremo di disporre delle attrezzature mediche necessarie per proteggere i nostri cittadini dalle future minacce sanitarie. L’HERA sarà in grado di adottare rapidamente decisioni per salvaguardare le forniture. Questo è quanto ho promesso nel 2020 e questo è quanto abbiamo realizzato”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano