Storie

di Raffaele Dicembrino

Haiti: assassinato padre Andrè Sylvestre

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Ancora una vittima della violenza contro i cristiani del mondo. Il nuovo barbaro assassinio stato compiuto ad Haiti. Aveva infatti 70 anni padre Andrè Sylvestre. Il parroco di Nostra Signora della Misericordia di Robillard, a Cap-Haïtien, è stato probabilmente vittima di una delle bande criminali che tengono negli ultimi mesi in ostaggio Haiti, gruppi armati proliferati soprattutto dopo il recente disastroso terremoto che ha causato morte e distruzione in una realtà già duramente indebolita da un precedente sisma e da una crisi politica che sembra senza uscita. Padre Andrè, attinto da colpi d’arma da fuoco mentre si trovava in strada, è stato vittima di due giovani che da una motocicletta gli hanno sparato per poi appropriarsi di quanto portava con sé. Tentativo non riuscito a causa della folla che ha immediatamente circondato il prete ferito a morte. Inutile la corsa in ospedale dove padre Sylvestre è morto subito dopo il ricovero.

Il delitto ha purtroppo drammaticamente interrotto il lavoro di padre Andrè Sylvestre, che dirigeva un orfanotrofio ed era molto vicino ai senza fissa dimora che assisteva giornalmente con opere di carità. Già ad aprile scorso un gruppo di cinque sacerdoti, due suore e sette laici venne stato sequestrato. Uno dei primi episodi che ha denunciato l’aggravarsi della situazione sociale ad Haiti.

Eppure la Chiesa tutta opera ad Haiti con dedizione per aiutare poveri e terremotati ma la violenza dilaga e lo stato latita.

Haiti è un Paese bellissimo che non merita il suo presente ma purtroppo, condizioni sociali, economiche e amministrative non permettono alla popolazione di Haiti di avere più di ciò che sta avendo. Quanto più debole è uno Stato, tanto più forti sono le bande. Le poche regole non si rispettano ed è così più facile che si verifichi il proliferarsi delle bande armate. Peraltro di recente c’è stata la fuga da una enorme prigione che ha generato una diffusione massiccia delle bande che la stanno facendo da padrone sul territorio”. E proprio di queste bande padre Andrè Sylvestre potrebbe essere stato vittima.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/09/2021
2605/2022
San Filippo Neri

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La povera famiglia italiana

I dati Istat certificano che le famiglie sono sempre più lasciate sole, in Italia e in Europa: una su quattro vive un forte disagio economico

Leggi tutto

Chiesa

Il cardinale Petrocchi: L’Aquila è città-sorella di Kiev

Il cardinale arcivescovo del capoluogo abruzzese ha celebrato una Messa a 13 anni dal sisma che fece 309 morti

Leggi tutto

PoliticaChiesa

Haiti: timori dei vescovi dopo i nuovi rapimenti

La Commissione Episcopale Nazionale per la Giustizia e la Pace, in una nota, fa luce sull’atteggiamento della polizia dopo il sequestro dei missionari lo scorso sabato. L’ennesimo rapimento a scopo di riscatto avviene in una guerra tra poveri e in un contesto di degrado, insicurezza e pandemia.

Leggi tutto

Società

Africa: in crescita le spese militari

Le spese militari stanno indebolendo la capacità dei responsabili politici locali di effettuare investimenti pubblici in infrastrutture vitali per lo sviluppo economico e il miglioramento delle condizioni di vita delle loro popolazioni. Questo a sua volta genera malcontento e frustrazione specie tra i giovani, alcuni dei quali vanno ad alimentare i gruppi di guerriglia che operano nella regione.

Leggi tutto

Società

Ma solo la Chiesa e il Papa pensano ai poveri?

Il guru di Slow Food Carlo Petrini se la prende con McDonald’s all’Expo perché fa pagare “solo” un euro il “panino con la carne”. La sinistra dalla terrazza del ristorante gourmet non vede più i poveri

Leggi tutto

Storie

NIGER - La croce pasquale portata da un popolo che soffre

“Noi, cristiani di Dosso, formiamo una piccola, piccolissima comunità minoritaria all’interno di una società prevalentemente islamizzata. Felici di essere ma fragili di fronte alla varietà e densità di colori dei nostri fratelli”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano