Storie

di Raffaele Dicembrino

Haiti: assassinato padre Andrè Sylvestre

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Ancora una vittima della violenza contro i cristiani del mondo. Il nuovo barbaro assassinio stato compiuto ad Haiti. Aveva infatti 70 anni padre Andrè Sylvestre. Il parroco di Nostra Signora della Misericordia di Robillard, a Cap-Haïtien, è stato probabilmente vittima di una delle bande criminali che tengono negli ultimi mesi in ostaggio Haiti, gruppi armati proliferati soprattutto dopo il recente disastroso terremoto che ha causato morte e distruzione in una realtà già duramente indebolita da un precedente sisma e da una crisi politica che sembra senza uscita. Padre Andrè, attinto da colpi d’arma da fuoco mentre si trovava in strada, è stato vittima di due giovani che da una motocicletta gli hanno sparato per poi appropriarsi di quanto portava con sé. Tentativo non riuscito a causa della folla che ha immediatamente circondato il prete ferito a morte. Inutile la corsa in ospedale dove padre Sylvestre è morto subito dopo il ricovero.

Il delitto ha purtroppo drammaticamente interrotto il lavoro di padre Andrè Sylvestre, che dirigeva un orfanotrofio ed era molto vicino ai senza fissa dimora che assisteva giornalmente con opere di carità. Già ad aprile scorso un gruppo di cinque sacerdoti, due suore e sette laici venne stato sequestrato. Uno dei primi episodi che ha denunciato l’aggravarsi della situazione sociale ad Haiti.

Eppure la Chiesa tutta opera ad Haiti con dedizione per aiutare poveri e terremotati ma la violenza dilaga e lo stato latita.

Haiti è un Paese bellissimo che non merita il suo presente ma purtroppo, condizioni sociali, economiche e amministrative non permettono alla popolazione di Haiti di avere più di ciò che sta avendo. Quanto più debole è uno Stato, tanto più forti sono le bande. Le poche regole non si rispettano ed è così più facile che si verifichi il proliferarsi delle bande armate. Peraltro di recente c’è stata la fuga da una enorme prigione che ha generato una diffusione massiccia delle bande che la stanno facendo da padrone sul territorio”. E proprio di queste bande padre Andrè Sylvestre potrebbe essere stato vittima.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/09/2021
2109/2021
S. Matteo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La povera famiglia italiana

I dati Istat certificano che le famiglie sono sempre più lasciate sole, in Italia e in Europa: una su quattro vive un forte disagio economico

Leggi tutto

Società

Ma solo la Chiesa e il Papa pensano ai poveri?

Il guru di Slow Food Carlo Petrini se la prende con McDonald’s all’Expo perché fa pagare “solo” un euro il “panino con la carne”. La sinistra dalla terrazza del ristorante gourmet non vede più i poveri

Leggi tutto

Società

La povertà nascosta dei padri separati

Il caso dell’ex comico di Zelig commuove e fa discutere, ma non si tratta di un caso isolato: ecco i numeri dei padri poveri

Leggi tutto

Società

News sulla Violenza Ostetrica: parla la Relatrice Speciale delle Nazioni Unite (parte prima)

Il motivo principale presupposto dei maltrattamenti è la diseducazione dilagante generale. Se ognuno di noi si recasse in diversi reparti di diversi nosocomi pubblici - e anche privati - di modo tale da poter osservare, come potrebbe fare una mosca, il trattamento che viene riservato a ogni singolo paziente durante le ore del giorno e della notte e in diverse circostanze, non rimarrebbe stupito nel constatare che in ogni turno, composto da diversi operatori sanitari (medici, infermieri, ostetriche, ausiliari) vi è chi possiede tatto - e quindi comunica in una certa maniera sia coi colleghi e i sottoposti, sia coi pazienti - e chi pare proprio mostri una condotta sbagliata - con colleghi, sottoposti e/o pazienti

Leggi tutto

Società

News sulla Violenza Ostetrica: il commento delle Associazioni coinvolte (parte seconda)

«I maltrattamenti e la violenza contro le donne nei servizi di salute riproduttiva e durante il parto sono affrontati nel Rapporto come parte di un insieme di violazioni che vengono realizzate nel contesto più vasto dell’ineguaglianza strutturale, della discriminazione e del patriarcato e sono anche il risultato di una mancanza di istruzione e formazione adeguata e della mancanza di rispetto per l’uguaglianza e i diritti umani delle donne».

Leggi tutto

Società

Violenza Ostetrica: una proposta ispirata da Flora Gualdani (e la mia)

La donna è al centro della propria salute e quindi tutto dovrebbe filare liscio con grande soddisfazione da parte di tutti, donne incluse. E invece no. La depressione post-aborto esiste, la diffusione delle infezioni e delle malattie sessuali riduce la fertilità, il ricorso a tecniche complesse per la fertilità sfruttano la salute della donna stessa e di altre donne e debilitano la loro salute fisica e psicologica e, come se non bastasse, le donne non fanno più figli anche a causa della ‘violenza ostetrica’ (un’indagine sulla ‘violenza ostetrica’, invero criticata da un’associazione di medici, riporta che ci siano ventimila bambini che ogni anno non vengono al messi al mondo). Mi pare evidente che tutto stoni parecchio, perché le aspettative di una qualsivoglia rivoluzione dovrebbero essere positive.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano