{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} Robert Sarah a Budapest: l’Eucarestia è «culmen et fons»

Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Robert Sarah a Budapest: l’Eucarestia è «culmen et fons»

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

«Nel silenzio diamo a Dio l’opportunità di parlare al nostro cuore». Si potrebbe riassumere con questa breve ma significativa affermazione il senso ultimo dell’omelia del cardinal Robert Sarah, il prefetto emerito della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti ha infatti celebrato una partecipata Santa Messa a Budapest, in Ungheria, nell’ambito del Congresso Eucaristico Internazionale (IEC). Congresso che si è aperto domenica 5 settembre e terminerà il 12 con la Santa Messa celebrata da papa Francesco.

Il cardinale Sarah, nel corso dell’omelia il cardinale ha evidenziato l’idolatria materialista tipica dei nostri giorni, che porta le persone a vivere come se Dio non esistesse, in quanto appunto sostituito da «argento e oro, opera delle mani dell’uomo» (Sal 115[113B). Un’impostazione di vita che si porta dietro conseguenze nocive per il singolo e per la società nel suo complesso: nell’inseguimento di un tanto agognato quanto mai raggiunto progresso, basato su fondamenti fragili, l’uomo finisce per perdere sé stesso e la libertà insita nel riconoscersi figli di Dio.

Ecco quindi il forte richiamo di Sarah a tornare a quel «culmen et fons» che è l’Eucarestia, rimettendo al centro Cristo nella propria vita. Un passaggio, questo, che necessariamente implica delle rinunce: tra queste, la tentazione di lasciarsi prendere da un “attivismo” spesso fine a se stesso, e in sé distruttivo della vita interiore, in quanto in opposizione a un’esistenza condotta nella consapevolezza dell’importanza di dedicare i giusti tempi e spazi anche al silenzio e alla preghiera, cosa che in parte la cosiddetta “pandemia” Covid-19 ha peraltro favorito.

Sulla falsariga di Sarah si è espresso anche Johannes Hartl, fondatore della Casa di preghiera di Augusta e autore cattolico tedesco di successo, intervenuto nel corso della settimana a Budapest.

Anch’egli ha mosso critiche contro l’attivismo tipico della modernità, per focalizzare il punto con una domanda che, a suo avviso, ogni cattolico dovrebbe porsi: «Il mio cuore arde ancora per Gesù?».

«Sogno una chiesa famosa per ciò per cui è affascinata e per ciò per cui brucia», ha anche affermato Hartl, che ha richiamato anche all’importanza di coltivare la bellezza nell’architettura, nella musica e anche nella liturgia, alla luce della constatazione che «il fascino è al centro della vita cristiana!»: «Non solo la società», ha sottolineato, «ma anche la Chiesa ha perso la sua bellezza. Tutto oggi deve essere economico e minimalista. Tuttavia, la bellezza non è sempre una questione di soldi, ma sempre una questione di amore». Proprio quell’amore che si trasforma in cura e in rispetto, e che dovrebbe essere al massimo grado quando riguarda il Signore.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/09/2021
2209/2021
Ss. Maurizio e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Parlamento Europeo: risoluzione sui diritti delle persone LGBTIQ nell’UE

L’Unione Europea dovrebbe rimuovere tutti gli ostacoli che le persone LGBTIQ affrontano nell’esercitare i loro diritti fondamentali. È quanto sostiene il Parlamento Europeo in una risoluzione sui diritti delle persone LGBTIQ nell’UE, approvata questa mattina con 387 voti favorevoli, 161 contrari e 123 astensioni. Nella risoluzione, il Parlamento europeo sottolinea come questi cittadini dovrebbero poter esercitare pienamente i loro diritti, compreso il diritto alla libera circolazione, ovunque nell’Unione Europea.

Leggi tutto

Chiesa

Viaggio Apostolico in Slovacchia: Conferenza Stampa del Santo Padre

Molti gli spunti offerti ai giornalisti da Papa Francesco nella conferenza stampa di ritorno dal viaggio spirituale in Ungheria e Slovacchia. La ferma presa di posizione sull’aborto giganteggia ma non è l’unica perla del pontefice

Leggi tutto

Storie

L’Ungheria del dopo voto raccontata da chi la conosce vermente

Un lettore marito di una donna ungherese racconta dal suo privilegiato punto di vista sui magiari l’elezione di domenica

Leggi tutto

Politica

Siria: riapre l’ambasciata ungherese

In Siria si cerca la fine della guerra da anni. Troppi gli interessi di’potenti’ in un Paese martoriato da una guerra che si trascina inesorabilmente. Giunge, in queste ore, la notizia di un passo importante proveniente dall’Europa: Orban fa riaprire l’ambasciata Ungherese!

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco pellegrino in Ungheria e Slovacchia

Il portavoce Matteo Bruni presenta la 34.ma trasferta del pontificato di Francesco del 12-15 settembre prossimi: “A Budapest pellegrinaggio in onore del Santissimo Sacramento. Un viaggio dalla forte connotazione spirituale. Per cui è bene “evitare di mischiare letture di altro genere a quella più spirituale”, ha detto Bruni, in risposta ad alcune domande dei giornalisti riuniti in Sala Stampa vaticana per la conferenza di presentazione del viaggio

Leggi tutto

Chiesa

Il programma ufficiale del viaggio spirituale di Papa Francesco in Ungheria e Slovacchia

Tre giorni ricchissimi di impegni, dal 12 al 15 settembre prossimi, per Papa Francesco che presiederà la Messa finale del Congresso Eucaristico internazionale a Budapest per poi trasferirsi a Bratislava. Visite nelle città di Košice, Prešov e Šaštin. Appuntamenti con giovani, vescovi, rom e una Divina liturgia bizantina.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano