Politica

di Mario Adinolfi

La scritta in piccolo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Mentre è in corso una campagna elettorale nelle parrocchie i sacerdoti e anche i fedeli più timorati ci dicono sempre che “la politica non si fa in chiesa” e me l’hanno ripetuto così tante volte che quasi mi convincevano. Io in realtà penso che se su alcuni temi non si vuole soccombere le parrocchie dovrebbero assolutamente unirsi e organizzarsi politicamente, il Popolo della Famiglia in fondo è un’avanguardia di questa idea, ma accetto la regola: fuori dalle chiese, facciamo iniziative per strada (domani a Tor sapienza), in un salone affittato (lunedì a San Giovanni), nei ristoranti (mercoledì a Ostia). Mettiamo simbolo, bandiere, spillette e chiediamo il voto a un cittadino per volta. Poi mi raccontano che lunedì un candidato cattolico che stimo, con un sacerdote che stimo e uno scrittore-attore che stimo fanno una iniziativa promossa da una parrocchia, chiaramente per far sapere che sono tutti stretti attorno al candidato di Fratelli d’Italia, meritevole, lo ripeto. Meno meritevole è, per far passare il messaggio e acca’ nisciun è fess’, metterci sopra una sorta di catechesi. In campagna elettorale per le comunali se si fa una iniziativa con un candidato al consiglio comunale si mette il simbolo del partito, come facciamo sempre noi e noi abbiamo disegnati mamma, papà e figli, nel caso di specie invece il simbolo ha la scritta sui fratelli e il disegno è della fiamma tricolore del Movimento sociale italiano. Son gusti. Lo scrittore-attore mi era molto piaciuto in un servizio che fece per Le Iene pressando Matteo Salvini con attitudine molto polemica perché strumentalizzava politicamente il Rosario e il Vangelo. Pensai: “Simpatico questo Scifoni”. Adesso tutti in chiesa a sostenere il candidato della fiamma che arde, ma scriviamolo piccolo: che si sappia, che si capisca, ma diciamo che si parla di padri e di figli. Per far arrivare i voti ai Fratelli. Che sono d’Italia e ormai forti e potenti. Popolo della Famiglia? No, voi fuori dalle chiese perché fate politica. E la politica in chiesa non si fa. Soprattutto se siete piccoli e per niente potenti. Ma non fateci caso, questo è il solito Adinolfi, quello che è divisivo. Ve lo spiegherà il prete e ve lo spiegherà senza doverlo manco dire, basta la scritta piccola, per chi unitariamente dovete votare. Queste forme di subalternità culturale e politica i cattolici le stanno pagando carissime da un quarto di secolo. Ma invece di innalzare un’insegna, si sceglie la via dell’imbroglietto “alla cattolica”, scritte piccole e simboli occultati dietro titoli ammiccanti, acquattati ai piedi degli interessi del partito del potente di turno, che cambia a ogni turno. Noi in chiesa non vi disturberemo, non organizzeremo catechesi a fini elettorali con personaggi cattolici amabili e di grido, ma io non so come si possa uscire dalla Messa il 3 ottobre e non andare a votare il simbolo del Popolo della Famiglia.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/09/2021
2209/2021
Ss. Maurizio e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Elezioni: il Popolo della Famiglia avanza

La foto della crescita del PdF ve la scatto nel contesto più difficile, nell’elezione più difficile, quella di un grande centro metropolitano come Roma dove due anni fa esordimmo ottenendo lo 0.6% che poi abbiamo confermato con una lievissima avanzata (0.66% e 0.7% appunto) alle politiche del 4 marzo. Ebbene, cento giorni dopo, Guido Pianeselli nel popoloso e storico municipio di Eur-Garbatella porta il Popolo della Famiglia a triplicare la percentuale, ottenendo non solo un importantissimo 1.82% ma battendo nettamente sia CasaPound che Potere al Popolo. Come previsto, lo smottamento del M5S, che nel municipio Roma VIII come nel municipio Roma III collassa, è parzialmente intercettato dalla posizione autonoma del Popolo della Famiglia che vede accrescere i consensi. Pure nel municipio Roma III, dove eravamo meno attrezzati e abbiamo candidato un eroico Francesco Garroni Parisi “in trasferta” perché non originario del territorio, abbiamo fatto registrare una crescita rispetto alle politiche, seppur più misurata, ottenendo lo 0.8%

Leggi tutto

Chiesa

INFLUENZE CRISTIANE NELLA MUSICA POPOLARE

Abbiamo cercato Cristo nelle canzoni e l’abbiamo trovato in un sacco di posti, anche dove non avremmo immaginato. Ecco una piccola guida all’ascolto per scoprire autori, generi e canzoni del mondo anglosassone che hanno messo Gesù e il suo messaggio al centro della loro ispirazione.

Leggi tutto

Politica

Senza manco capir perchè

Ecco perchè la sinistra continua a perdere consensi in Italia e nel mondo…...

Leggi tutto

Società

Assicurare per vaccinare in libertà

Lottare contro i luoghi comuni. Continuare a ragionare, farsi domande, cercare risposte. Bisogna fregarsene di essere additati come antivax o che so io e se il governo prende decisioni che secondo noi sono fortemente restrittive della libertà individuale, garantita dalla Costituzione, bisogna avere il coraggio o semplicemente l’onestà di dirlo. Licenziare i docenti che non si sottopongono entro cinque giorni dalla nomina al vaccino, appare una decisione eccessiva e anticostituzionale.

Leggi tutto

Politica

Perché la politica italiana sembra dover insultare i suoi giovani

Il ministro del Lavoro ci ricasca: un’altra frase infelice lascia trapelare disprezzo per i disoccupati

Leggi tutto

Politica

Grideranno i ragazzi

Il quotidiano la Repubblica dona una pagina a Monica Corinna’ e lei ci prospetta il suo mondo futuro. Un mondo voluto da minoranze e creato a colpi di fiducia parlamentare. Fortunatamente esiste il Popolo della Famiglia e vi sono i referendum abrogativi!

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano