Politica

di Mario Adinolfi

La scritta in piccolo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Mentre è in corso una campagna elettorale nelle parrocchie i sacerdoti e anche i fedeli più timorati ci dicono sempre che “la politica non si fa in chiesa” e me l’hanno ripetuto così tante volte che quasi mi convincevano. Io in realtà penso che se su alcuni temi non si vuole soccombere le parrocchie dovrebbero assolutamente unirsi e organizzarsi politicamente, il Popolo della Famiglia in fondo è un’avanguardia di questa idea, ma accetto la regola: fuori dalle chiese, facciamo iniziative per strada (domani a Tor sapienza), in un salone affittato (lunedì a San Giovanni), nei ristoranti (mercoledì a Ostia). Mettiamo simbolo, bandiere, spillette e chiediamo il voto a un cittadino per volta. Poi mi raccontano che lunedì un candidato cattolico che stimo, con un sacerdote che stimo e uno scrittore-attore che stimo fanno una iniziativa promossa da una parrocchia, chiaramente per far sapere che sono tutti stretti attorno al candidato di Fratelli d’Italia, meritevole, lo ripeto. Meno meritevole è, per far passare il messaggio e acca’ nisciun è fess’, metterci sopra una sorta di catechesi. In campagna elettorale per le comunali se si fa una iniziativa con un candidato al consiglio comunale si mette il simbolo del partito, come facciamo sempre noi e noi abbiamo disegnati mamma, papà e figli, nel caso di specie invece il simbolo ha la scritta sui fratelli e il disegno è della fiamma tricolore del Movimento sociale italiano. Son gusti. Lo scrittore-attore mi era molto piaciuto in un servizio che fece per Le Iene pressando Matteo Salvini con attitudine molto polemica perché strumentalizzava politicamente il Rosario e il Vangelo. Pensai: “Simpatico questo Scifoni”. Adesso tutti in chiesa a sostenere il candidato della fiamma che arde, ma scriviamolo piccolo: che si sappia, che si capisca, ma diciamo che si parla di padri e di figli. Per far arrivare i voti ai Fratelli. Che sono d’Italia e ormai forti e potenti. Popolo della Famiglia? No, voi fuori dalle chiese perché fate politica. E la politica in chiesa non si fa. Soprattutto se siete piccoli e per niente potenti. Ma non fateci caso, questo è il solito Adinolfi, quello che è divisivo. Ve lo spiegherà il prete e ve lo spiegherà senza doverlo manco dire, basta la scritta piccola, per chi unitariamente dovete votare. Queste forme di subalternità culturale e politica i cattolici le stanno pagando carissime da un quarto di secolo. Ma invece di innalzare un’insegna, si sceglie la via dell’imbroglietto “alla cattolica”, scritte piccole e simboli occultati dietro titoli ammiccanti, acquattati ai piedi degli interessi del partito del potente di turno, che cambia a ogni turno. Noi in chiesa non vi disturberemo, non organizzeremo catechesi a fini elettorali con personaggi cattolici amabili e di grido, ma io non so come si possa uscire dalla Messa il 3 ottobre e non andare a votare il simbolo del Popolo della Famiglia.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/09/2021
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Le bugie di Speranza

L’avvicinarsi delle elezioni politiche ha spinto Roberto Speranza a tornare in uno studio televisivo dopo due anni e mezzo, per portare avanti la campagna elettorale contro il centrodestra e cercare di gettare discredito sugli avversari.

Leggi tutto

Politica

Silvana Sciarra è la nuova Presidente della Corte Costituzionale

Nata a Trani, classe 1948, Silvana Sciarra è la nuova Presidente della Corte Costituzionale.

Leggi tutto

Politica

Politica – Ecco I ministri del governo di Giorgia Meloni

Questa mattina il governo Meloni ha giurato davanti al Presidente della Repubblica

Leggi tutto

Storie

Migranti, Italia con Grecia, Malta e Cipro contro le ONG

“L’Italia, la Grecia, Malta e Cipro, in quanto Paesi di primo ingresso in Europa, attraverso la rotta del Mediterraneo centrale ed orientale, si trovano a sostenere l’onere più gravoso della gestione dei flussi migratori nel Mediterraneo, nel pieno rispetto di tutti gli obblighi internazionali e delle norme dell’UE”. Così il ministro dell’Interno italiano Matteo Piantedosi e gli omologhi di Malta e Cipro e il ministro della Migrazione e dell’asilo della Grecia in una nota congiunta.

Leggi tutto

Politica

Clima e rifiuti: UE e regole più severe

Il Parlamento europeo ha adottato ieri 17 gennaio, la sua posizione negoziale su una nuova legge per riformare le procedure e le misure di controllo dell’UE per le spedizioni di rifiuti. La legge dovrebbe migliorare la protezione dell’ambiente e della salute umana, sfruttando le opportunità offerte dai rifiuti per raggiungere gli obiettivi UE di un’economia circolare e a inquinamento zero.

Leggi tutto

Politica

Gli errori-orrori della Fedeli

Impareggiabile Valeria Fedeli! Anche lei è caduta nella più banale delle trappole per i parvenu culturali della politica: la finta laurea. Oscar Giannino docet! Credo si tratti di una questione psicologica. Una sorta di complesso di inferiorità che porta alcuni politici insicuri a fingersi dottori.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano