Politica

di Mario Adinolfi

La scritta in piccolo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Mentre è in corso una campagna elettorale nelle parrocchie i sacerdoti e anche i fedeli più timorati ci dicono sempre che “la politica non si fa in chiesa” e me l’hanno ripetuto così tante volte che quasi mi convincevano. Io in realtà penso che se su alcuni temi non si vuole soccombere le parrocchie dovrebbero assolutamente unirsi e organizzarsi politicamente, il Popolo della Famiglia in fondo è un’avanguardia di questa idea, ma accetto la regola: fuori dalle chiese, facciamo iniziative per strada (domani a Tor sapienza), in un salone affittato (lunedì a San Giovanni), nei ristoranti (mercoledì a Ostia). Mettiamo simbolo, bandiere, spillette e chiediamo il voto a un cittadino per volta. Poi mi raccontano che lunedì un candidato cattolico che stimo, con un sacerdote che stimo e uno scrittore-attore che stimo fanno una iniziativa promossa da una parrocchia, chiaramente per far sapere che sono tutti stretti attorno al candidato di Fratelli d’Italia, meritevole, lo ripeto. Meno meritevole è, per far passare il messaggio e acca’ nisciun è fess’, metterci sopra una sorta di catechesi. In campagna elettorale per le comunali se si fa una iniziativa con un candidato al consiglio comunale si mette il simbolo del partito, come facciamo sempre noi e noi abbiamo disegnati mamma, papà e figli, nel caso di specie invece il simbolo ha la scritta sui fratelli e il disegno è della fiamma tricolore del Movimento sociale italiano. Son gusti. Lo scrittore-attore mi era molto piaciuto in un servizio che fece per Le Iene pressando Matteo Salvini con attitudine molto polemica perché strumentalizzava politicamente il Rosario e il Vangelo. Pensai: “Simpatico questo Scifoni”. Adesso tutti in chiesa a sostenere il candidato della fiamma che arde, ma scriviamolo piccolo: che si sappia, che si capisca, ma diciamo che si parla di padri e di figli. Per far arrivare i voti ai Fratelli. Che sono d’Italia e ormai forti e potenti. Popolo della Famiglia? No, voi fuori dalle chiese perché fate politica. E la politica in chiesa non si fa. Soprattutto se siete piccoli e per niente potenti. Ma non fateci caso, questo è il solito Adinolfi, quello che è divisivo. Ve lo spiegherà il prete e ve lo spiegherà senza doverlo manco dire, basta la scritta piccola, per chi unitariamente dovete votare. Queste forme di subalternità culturale e politica i cattolici le stanno pagando carissime da un quarto di secolo. Ma invece di innalzare un’insegna, si sceglie la via dell’imbroglietto “alla cattolica”, scritte piccole e simboli occultati dietro titoli ammiccanti, acquattati ai piedi degli interessi del partito del potente di turno, che cambia a ogni turno. Noi in chiesa non vi disturberemo, non organizzeremo catechesi a fini elettorali con personaggi cattolici amabili e di grido, ma io non so come si possa uscire dalla Messa il 3 ottobre e non andare a votare il simbolo del Popolo della Famiglia.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/09/2021
0808/2022
San Domenico

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La fatica del genitore

Il rapporto con i figli, il compito di educatore, la regola come strumento e mai come scopo

Leggi tutto

Storie

Un trans non può fare la tata

Non si può affidare la crescita di un bambino di pochi mesi a un trans. Dalla email si capisce che la transizione da un sesso all’altro non si è compiuta, l’Inps ha ancora tutti i documenti al maschile, quindi Alessandro è a tutti gli effetti Alessandro anche se “si sente” Alessandra. Siamo davanti dunque ad una persona che non si accetta per come è, che in questo percorso di transizione deve affrontare prove psicologiche e fisiche molto pesanti con l’assunzione continua di farmaci, che dal punto di vista fisico sostiene un iter di trasformazione molto doloroso e che fa tendere all’instabilità emotiva. Un bambino di pochi mesi può essere affidato a chiunque tranne che a persone con queste caratteristiche di instabilità. L’approdo alla diversa sessualità riconosciuta, quello che porterebbe il soggetto in questione ad avere i documenti in regola con il nome Alessandra, passa poi attraverso fasi di demolizione dei genitali maschili e di costruzione di forme genitali all’apparenza femminili che sono mediamente faticosissime da molti punti di vista, sia fisici che psicologici. Il ricorso al consumo di forti quantità di alcool e di droghe per ovviare all’inevitabile disturbo di personalità che accompagna ogni evoluzione dalla disforia di genere accertata all’approdo ad una diversa conformazione dei propri genitali, è comprovato in tutti i testi scientifici, così come la più alta propensione al suicidio dei transessuali rispetto alle altre persone.

Leggi tutto

Società

Spiegare a Vauro ciò che non gli è chiaro

Il guaio grosso è che i genitori sostengono che l’ospedale menta sulle reali condizioni del bambino, quindi dalle cartelle cliniche non c’è da aspettarsi grandi novità: non ci vuole molto a ritoccare la misura della circonferenza cranica, ad esempio, per dimostrare che Charlie non è cresciuto negli ultimi mesi. *Marwa** *Bouchenafa tre mesi fa si è trovata in una situazione del tutto analoga a quella di Charlie: i dottori francesi volevano sospenderle la ventilazione e i genitori invece volevano mantenerla e, per il momento, è ancora viva grazie ad una decisione (sempre in bilico) dei giudici francesi. La sua famiglia, quando ha visto che aria tirava in ospedale, ha cominciato a presidiare la stanza e a filmare ogni giorno la piccola, a misurarla per conto proprio, cioè a radunare evidenze scientifiche sul suo stato di salute indipendenti dall’ospedale. E grazie a questo lavoro meticoloso sono riusciti a strappare ai giudici la sentenza favorevole.

Leggi tutto

Politica

Da Parigi un’Europa vera grida all’impostura della falsa

E sulla “Dichiarazione di Parigi”, firmata da immortali e altri accademici di fama, cala il silenzio

Leggi tutto

Società

Emergenza sessista

Non si comprende cosa ci potrebbero guadagnare le donne dall’essere trattate come uomini: il corpo stesso si ribella, la maggiore debolezza fisica e anche emotiva farebbe di noi delle perdenti in un mondo che non tiene conto delle nostre peculiarità.

Leggi tutto

Chiesa

Santità per tutti: aspettando la nuova esortazione

È stata annunciata ufficialmente l’imminente uscita di un nuovo documento di Papa Francesco. Si tratterà di una Esortazione Apostolica, come
Evangelii Gaudium (il titolo “Gaudete et exsultate” sembra ammiccarvi) che avrà per tema la chiamata universale alla santità, cuore di ogni vera riforma. Rivisitiamo la santità nella Chiesa

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano