{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} Tutta la verità sul reddito di cittadinanza

Politica

di Giuseppe Udinov

Tutta la verità sul reddito di cittadinanza

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il reddito di cittadinanza continua ad essere punto di controversia tra i partiti al Governo ma anche tra i cittadini. Da un’analisi realizzata dall’Ufficio studi della Cgia, l’Associazione artigiani e piccole imprese, è emerso che ogni posto di lavoro “prodotto” con tale misura è costato allo Stato almeno 52mila euro. Oltre il doppio di quanto spende annualmente un imprenditore privato per un operaio a tempo indeterminato full time.

Ogni posto di lavoro creato con il Reddito di cittadinanza è costato allo Stato almeno 52mila euro, oltre il doppio di quanto spende un privato per un operaio a tempo indeterminato. L’analisi è stata realizzata dall’Ufficio studi della Cgia di Mestre. Solo in 152mila hanno trovato un posto di lavoro grazie ai navigator. “Un costo - commenta l’Ufficio studi - che appare eccessivo per un numero limitato di persone entrate nel mercato del lavoro”.

In base agli ultimi dati disponibili a fronte di poco più di un milione di persone beneficiari del reddito di cittadinanza che hanno manifestato la disponibilità a recarsi in ufficio o in fabbrica solo 152mila persone hanno trovato un posto di lavoro grazie al sostegno dei navigator.

Secondo la Cgia il reddito di cittadinanza “non è efficace per combattere la disoccupazione”. Non si tratta di contrarietà ideologica. L’associazione ha, infatti, puntualizzato che “in un Paese civile e avanzato chi si trova in uno stato di povertà ed esclusione sociale va aiutato, anche attraverso l’erogazione di un reddito di cittadinanza”. Ma altra cosa “è ipotizzare che un aiuto economico possa concorrere a far entrare nel mercato del lavoro il destinatario della misura. I dati appena descritti e quelli che illustreremo successivamente dimostrano il contrario”. Pertanto, è il ragionamento portato avanti dalla Cgia,“chi è in difficoltà economica va assolutamente aiutato, ma per combattere la disoccupazione il rdc ha dimostrato di non essere uno strumento efficace”.

Le spese, come già scritto, sono piuttosto elevate. Dalla prima metà del 2019, periodo in cui è entrato in vigore la misura, fino alla fine di quest’anno l’investimento dello Stato ammonta a 19,6 miliardi: 3,8 per il 2019, 7,2 per il 2020 e 8,6 miliardi per l’anno in corso. Per il 2022 è prevista una spesa di 7,7 miliardi. Va sottolineato che per i primi due anni le cifre si riferiscono a quelle effettivamente spese, mentre per gli anni successivi si fa riferimento alle risorse stanziate.
Vi è, poi, un altro dato su cui riflettere. La Cgia ha ricordato che secondo l’Anpal le persone che percepiscono il rdc sono difficilmente occupabili. L’Agenzia ha stimato che la probabilità di rimanere disoccupato a distanza di 12 mesi sfiora il 90%. Questo perché la platea di soggetti ha una insufficiente esperienza lavorativa alle spalle. A supporto di tale tesi vi sono altri dati forniti, questa volta dall’Inps. L’Istituto previdenziale, analizzando lo storico contributivo di queste persone nella fascia di età tra i 18 e i 64 anni, ha segnalato che solo un terzo ha avuto un’occupazione in passato. Da ciò si evince che spesso ci si trova di fronte a soggetti a forte rischio di esclusione sociale, ovvero in condizioni di povertà economica e di grave deprivazione materiale. Ma non solo. Invece di fare del bene si potrebbe creare una sorta di effetto negativo proprio su queste persone. In pratica trovare un lavoro a questi soggetti potrebbe costituire per loro un problema a causa del precario equilibrio psico-fisico in cui versano.

Secondo i dati dell’Inps riferiti ad agosto di ques’anno, le persone destinatarie del reddito di cittadinanza erano 3,5 milioni, pari a poco meno di 1,5 milioni di nuclei familiari. Tra questi, gli over 18 che hanno sottoscritto il Patto per il Lavoro sono 1,15 milioni, in base a numeri forniti dall’Anpal. La Corte dei Conti ha a sua volta evidenziato che coloro che hanno trovato un’occupazione stabile sono poco più di 152mila.Altri numeri interessanti diffusi dalla Cgia sono quelli relativi alle provincie. In quella di Caserta (147.036) e di Napoli (555.646) si concentrano complessivamente quasi 703mila beneficiari del provvedimento. In altri termini solo in queste due province si concentra quasi il 20% dei percettori totali della misura.

L’Associazione artigiani e piccole imprese ha reso noto il numero dei percettori del rdc nelle grandi aree metropolitane: a Roma sono 240.065, a Palermo 212.544, a Catania 169.250. a Milano 122.873, a Torino 104.638 e, infine, a Bari 92.233.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/09/2021
2209/2021
Ss. Maurizio e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

La nostra risposta: fare 5 cose

Contro il Popolo della Famiglia e i suoi dirigenti, invece, c’è una furia feroce che probabilmente è degna di miglior causa. Per la lobby che noi apertamente sfidiamo, per la sua politica contro la vita e contro la famiglia, per la visione del mondo che vuole trasformare le persone in cose, c’è un solo nemico da attaccare con tutte le energie fino a zittirlo: il Pdf. Torniamo alla domanda. Perché? Perché siamo ostinati e organizzati. Due fattori molto temuti: ostinazione e organizzazione. Sanno che ormai in ogni angolo del Paese c’è un nucleo territoriale organizzato del Popolo della Famiglia. Si tratta del frutto di due anni di lavoro casa per casa, compiuto dal Pdf attraverso l’esperienza di ben tre tornate amministrative ma anche con la presenza quotidiana e fattiva di monitoraggio di quel che accade. E così ogni settimana in Italia ci sono almeno dieci iniziative con dirigenti del Popolo della Famiglia che incontrano persone sul territorio, più di cinquecento all’anno. Ci sono gli iscritti, ci sono le liste, ci sono i candidati, ci sono 48.750 firme da raccogliere che saranno agevolmente raccolte, ci sono centinaia di migliaia di voti che certamente i nostri militanti otterranno alle prossime politiche sui 945 coraggiosi che candidandosi alla Camera e al Senato diranno: fate una croce sul simbolo del Popolo della Famiglia, tutto il resto l’abbiamo già sperimentato e ha portato al disastro attuale.

Leggi tutto

Società

Una repubblica fondata sulla canzonetta

Criticata e idolatrata, pare che di rado la canzone di Mahmood sia statacompresa: perfino mentre veniva presentata si aveva l’impressione che cantasse di un generico amore travagliato. L’ombra della politica tuttavia si stende sempre sull’Ariston, contribuendo a rendere meno sereno e disteso ciò che potrebbe e dovrebbe essere una grande liturgia nazionale italiana.

Leggi tutto

Politica

Sul tema del voto dei cattolici

La questione che io pongo, però, è: se tutti si trovano concordi sulla necessità di questa benedetta “spinta dal basso”, perché nessuno si adopera per organizzarla sul serio? Guardate, sarei curioso persino di vedere all’opera i nuovi comitati civici “escludenti” di Fontana, sono convinto che sarebbero però più efficaci le “sardine bianche” in qualche modo evocate dalla Morresi, ma ormai mi sta bene tutto, purché io veda i cattolici fare qualcosa di politicamente decente e non solo lamentarsi fino alla prossima sconfitta, quando si lamenteranno di nuovo e ancora di più.

Leggi tutto

Politica

Eu: all’Italia 4,7 miliardi per sostenere l’occupazione

La Commissione europea ha concesso 4,7 miliardi di euro all’Italia a titolo di REACT-EU per sostenere la risposta del paese alla crisi del coronavirus e contribuire a una ripresa socioeconomica sostenibile.

Leggi tutto

Chiesa

Preoccupazioni prive di azioni

Le conclusioni dell’assemblea generale della Cei indicano una serie di problemi, osservano l’avanzata di un’offensiva legislativa contro la famiglia, ma non offrono risposte operative

Leggi tutto

Politica

Il quadro di un’occasione unica

Nel 2013 uscirono dal Parlamento deputati e senatori eletti da appena 5 liste: PdL, Pd, Lega Nord, Udc e Italia dei Valori. Il sistema sembrava aver trovato un suo equilibrio maggioritario, ma proprio le elezioni di quell’anno hanno introdotto, insieme allo tsunami M5S, anche una serie di fattori che hanno portato alla polverizzazione del quadro politico. In questo schema, alimentato dalla struttura proporzionale della prossima legge elettorale, si è ormai al tutti contro tutti e i tradizionali legami coalizionali perdono ogni senso. Per il PdF storica opportunità di essere decisivo

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano