{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} Tutta la verità sul reddito di cittadinanza

Politica

di Giuseppe Udinov

Tutta la verità sul reddito di cittadinanza

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il reddito di cittadinanza continua ad essere punto di controversia tra i partiti al Governo ma anche tra i cittadini. Da un’analisi realizzata dall’Ufficio studi della Cgia, l’Associazione artigiani e piccole imprese, è emerso che ogni posto di lavoro “prodotto” con tale misura è costato allo Stato almeno 52mila euro. Oltre il doppio di quanto spende annualmente un imprenditore privato per un operaio a tempo indeterminato full time.

Ogni posto di lavoro creato con il Reddito di cittadinanza è costato allo Stato almeno 52mila euro, oltre il doppio di quanto spende un privato per un operaio a tempo indeterminato. L’analisi è stata realizzata dall’Ufficio studi della Cgia di Mestre. Solo in 152mila hanno trovato un posto di lavoro grazie ai navigator. “Un costo - commenta l’Ufficio studi - che appare eccessivo per un numero limitato di persone entrate nel mercato del lavoro”.

In base agli ultimi dati disponibili a fronte di poco più di un milione di persone beneficiari del reddito di cittadinanza che hanno manifestato la disponibilità a recarsi in ufficio o in fabbrica solo 152mila persone hanno trovato un posto di lavoro grazie al sostegno dei navigator.

Secondo la Cgia il reddito di cittadinanza “non è efficace per combattere la disoccupazione”. Non si tratta di contrarietà ideologica. L’associazione ha, infatti, puntualizzato che “in un Paese civile e avanzato chi si trova in uno stato di povertà ed esclusione sociale va aiutato, anche attraverso l’erogazione di un reddito di cittadinanza”. Ma altra cosa “è ipotizzare che un aiuto economico possa concorrere a far entrare nel mercato del lavoro il destinatario della misura. I dati appena descritti e quelli che illustreremo successivamente dimostrano il contrario”. Pertanto, è il ragionamento portato avanti dalla Cgia,“chi è in difficoltà economica va assolutamente aiutato, ma per combattere la disoccupazione il rdc ha dimostrato di non essere uno strumento efficace”.

Le spese, come già scritto, sono piuttosto elevate. Dalla prima metà del 2019, periodo in cui è entrato in vigore la misura, fino alla fine di quest’anno l’investimento dello Stato ammonta a 19,6 miliardi: 3,8 per il 2019, 7,2 per il 2020 e 8,6 miliardi per l’anno in corso. Per il 2022 è prevista una spesa di 7,7 miliardi. Va sottolineato che per i primi due anni le cifre si riferiscono a quelle effettivamente spese, mentre per gli anni successivi si fa riferimento alle risorse stanziate.
Vi è, poi, un altro dato su cui riflettere. La Cgia ha ricordato che secondo l’Anpal le persone che percepiscono il rdc sono difficilmente occupabili. L’Agenzia ha stimato che la probabilità di rimanere disoccupato a distanza di 12 mesi sfiora il 90%. Questo perché la platea di soggetti ha una insufficiente esperienza lavorativa alle spalle. A supporto di tale tesi vi sono altri dati forniti, questa volta dall’Inps. L’Istituto previdenziale, analizzando lo storico contributivo di queste persone nella fascia di età tra i 18 e i 64 anni, ha segnalato che solo un terzo ha avuto un’occupazione in passato. Da ciò si evince che spesso ci si trova di fronte a soggetti a forte rischio di esclusione sociale, ovvero in condizioni di povertà economica e di grave deprivazione materiale. Ma non solo. Invece di fare del bene si potrebbe creare una sorta di effetto negativo proprio su queste persone. In pratica trovare un lavoro a questi soggetti potrebbe costituire per loro un problema a causa del precario equilibrio psico-fisico in cui versano.

Secondo i dati dell’Inps riferiti ad agosto di ques’anno, le persone destinatarie del reddito di cittadinanza erano 3,5 milioni, pari a poco meno di 1,5 milioni di nuclei familiari. Tra questi, gli over 18 che hanno sottoscritto il Patto per il Lavoro sono 1,15 milioni, in base a numeri forniti dall’Anpal. La Corte dei Conti ha a sua volta evidenziato che coloro che hanno trovato un’occupazione stabile sono poco più di 152mila.Altri numeri interessanti diffusi dalla Cgia sono quelli relativi alle provincie. In quella di Caserta (147.036) e di Napoli (555.646) si concentrano complessivamente quasi 703mila beneficiari del provvedimento. In altri termini solo in queste due province si concentra quasi il 20% dei percettori totali della misura.

L’Associazione artigiani e piccole imprese ha reso noto il numero dei percettori del rdc nelle grandi aree metropolitane: a Roma sono 240.065, a Palermo 212.544, a Catania 169.250. a Milano 122.873, a Torino 104.638 e, infine, a Bari 92.233.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/09/2021
2302/2024
San Policarpo di Smime

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

La presenza politica dei cattolici secondo Torriero

Dopo avere ascoltato, ascoltato e ancora ascoltato Fabio Torriero, sento confermati i pensieri nati in questi mesi di attività politica con il Popolo della Famiglia. Ciascuno di noi, come cattolico e come cittadino, ha il dovere di attivarsi nella polis, a favore della comunità, per il bene comune, secondo le proprie possibilità, i propri talenti, i propri impegni. Ma deve farlo. Non c’è più tempo. Il nostro disimpegno ha creato un vuoto che altri hanno riempito, attraverso l’imposizione di una nuova antropologia. Si può, si deve coniugare preghiera ed azione: la prima sia carburante per le nostre mani, le nostre gambe, la nostra mente. Ma, perché l’impegno dei cattolici in politica si traduca in attività proficue ed efficaci, non si può prescindere da una formazione strutturata, organizzata, che coinvolga tutto il Popolo della Famiglia. È importante comunicare bene agli altri - cattolici e non - perché siamo nati, in che direzione andiamo e quali sono le nostre battaglie.

Leggi tutto

Politica

In politica pazienti come i contadini: il seme del PDF è germogliato

Il Segretario nazionale del Popolo della Famiglia racconta la propria riflessione mentre si consolidava il positivo risultato elettorale di Ostia: «Mi è capitato tra le mani uno scritto di don Giussani che spiega che il fare non deve avere limiti di tempo preventivati e qualsiasi gesto impegna tutta la persona come tale. Occorre una pazienza di sviluppo lunga come la pazienza del Signore»

Leggi tutto

Società

Miseria dell’identitarismo di destra e di sinistra

Anche in Chiesa si trovano quanti spezzano il legame vitale tra dovere e interesse. Ed implodono.

Leggi tutto

Società

Guardando “The Affair”

..... mentre guardavo The Affair in questi anni mi chiedevo se “un cambiamento del cambiamento” non fosse ormai alle porte. Avendo sperimentato io sulla mia pelle tutto quello che la serie televisiva raccontava ed avendone accertato l’estremo realismo nella descrizione psicologica del concatenarsi delle varie decisioni caotiche, mi sono davvero interrogato se dagli Stati Uniti non stia arrivando finalmente un vento opposto rispetto a quello libertario che da mezzo secolo ha devastato le nostre vite

Leggi tutto

Politica

L’UNICA STRADA

L’unica strada per uscire dalla crisi italiana è la rilegittimazione della politica e la riconsegna dei tecnici al ruolo di tecnici. Ma per far questo i politici devono tornare ad essere del livello di questi tredici uomini la cui impressionante biografia dovreste studiare.

Leggi tutto

Società

Ecce Italia, il Paese più vecchio in Europa

Per studiare i cambiamenti demografici e il loro profondo impatto, la ricerca propone un’analisi degli ultimi trend globali e fa il punto sulle debolezze e critiche dell’Italia: i cervelli in fuga e l’essere il paese più anziano d’Europa. Il malessere demografico italiano: la fuga dei cervelli, l’invecchiamento della popolazione e la bassa natalità

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano