Storie

di Mario Adinolfi

LA STORIA E LE STORIELLE

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Repubblica invita al giochino della memoria dell’11 settembre: dove eravate? Cosa stavate facendo? Non c’è un giornale, dico uno, che spieghi l’ansia di espansione dell’Islam prima con l’assalto all’Impero romano d’Oriente, poi all’Europa con la conquista della Spagna e la progressiva ambizione di occuparne il cuore fino a Vienna e a Roma, poi Lepanto, poi l’Impero ottomano fino alla forma d’assalto all’Occidente più riuscita, quella immigrazionista e demografica di cui l’11 settembre è figlio. Allah non sarà sazio finché tutto il mondo non sarà piegato all’Islam e noi non saremo al sicuro finché non sarà compreso a pieno il discorso di Ratisbona di Benedetto XVI, una chiave per disinnescare la bomba islamista. Ma noi invece di raccontare la storia, ci raccontiamo le storielle.

Dov’eri? Che facevi mentre una dozzina di kamikaze immigrati e istruiti in scuole di volo non solo americane ammazzavano qualche migliaio di occidentali? In tutto il mondo islamico quella immane strage fu festeggiata, pubblicamente da alcuni, privatamente da quasi tutti. Se non si studiano quattordici secoli di ansia espansiva dell’Islam non si capisce l’11 settembre, che è solo una marginale tappa di un percorso innescato dalla sura del Corano (2, 190-193) che recita: “Combattete per la causa di Allah coloro che vi combattono, uccideteli ovunque li incontriate, scacciateli. Combatteteli finchè il culto sia reso solo ad Allah”.

C’è questo o c’è Ratisbona. O capiamo o moriamo.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/09/2021
2109/2021
S. Matteo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Almeno i nonni

“Croce e delizia” ammette più di quanto pensi di dire: la gajezza senile (come molte altre) non è un dato naturale, bensì una moda che sconfina nell’ideologia. Per alcuni è professione, per chi tira
le fila è ossessione. Balza agli occhi nella sua evidenza come l’omosessualismo sia un gioco di società mentre l’orientamento maggioritario – e normale – della popolazione è ciò che costruisce il Paese.

Leggi tutto

Politica

La crescita passa dalla nascita di figli

Investire sulla maternità è definito da alcuni un provvedimento assistenzialistico e retrogrado, oppure una boutade per raccogliere voti centristi. Sono invece i conti a dimostrare che solo il ricambio generazionale può mantenere e incrementare la ricchezza di un popolo. I numeri dell’aborto in Italia rendono anche conto del plurimiliardario buco nel nostro bilancio statale. Serve invertire la rotta.

Leggi tutto

Società

La Fede vissuta

Riflessione sul solco tra la fede vissuta in termini accademici e la mancata applicazione degli insegnamenti escatologici della Bibbia nella vita quotidiana, soprattutto alla luce dei nostri giorni.

Leggi tutto

Politica

O capiamo o moriamo

Si cerca di analizzare il contesto che emerge dalla strage di Parigi prescindendo dal dato religioso. L’errore può essere fatale, l’unica soluzione venne indicata da Benedetto a Ratisbona

Leggi tutto

Società

UNAR, TUTTO QUELLO CHE LE IENE NON VI HANNO DETTO

Il Popolo della Famiglia aveva denunciato questa situazione a Roma quasi un anno fa, in occasione della sua campagna elettorale nella Capitale in cui chiedeva di “estirpare le colonie del male”, indicando proprio in circoli e dark room come quelle finanziate dallo Stato i luoghi dove si sviluppava una cultura del sesso promiscuo che mescolato al consumo sistematico di droghe aveva portato a tragedie come quelle dell’omicidio di Luca Varani. Proprio per questa attività di indagine e denuncia che il Popolo della Famiglia a Roma porta avanti fin dalla sua fondazione nel marzo 2016, siamo in grado di fornirvi i dettagli che Le Iene hanno deliberatamente occultato, non indicando ad esempio il nome dell’associazione finanziata, l’importo complessivo del bando, il legame a doppio filo tra il direttore dell’Unar Francesco Spano e questa associazione ed altre questioni che qui riveleremo.

Leggi tutto

Politica

Il Popolo della Famiglia ed il voto

Il riepilogo dei risultati del 2016 ci ricorda che abbiamo superato lo sbarramento solo a Cordenons. L’obiettivo di queste elezioni del 2017 per il Popolo della Famiglia è intanto quello di superare lo sbarramento in più di un comune, oltre a quello di raddoppiare almeno la media nazionale del nostro consenso. Avere un Pdf che possa contare su altri eletti nelle amministrazioni locali, con una percentuale di voto nazionale oscillante tra il 2% e il 3% sarebbe un ottimo viatico per lo sforzo finale in vista delle politiche. In termini assoluti ai 52.824 voti raccolti dai candidati sindaco del Popolo della Famiglia nel 2016, ne vorremmo aggiungere altrettanti nonostante i votanti di questa tornata siano molti di meno e sia prevista anche un affluenza non altissima. Ma lo sforzo delle nostre candidate sindaco donne come Lucianella Presta e Manuela Ponti, dei nostri candidati sindaco brillanti come Lorenzo Damiano e Luca Grossi, come Maurizio Schininà e Mirko Ghirlanda, come Zecchinato Gallo e Pietro Marcazzan sarà premiato oltre le attese. Altri cinquantamila voti significherebbe avere costruito una forza politica che può contare, sugli appena 35 comuni in cui ha testato la propria presenza, su centomila simpatizzanti. Vi

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano