Società

di Mario Adinolfi

L’IDEOLOGIA DELLA QUOTA ROSA

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La frase del titolo de La Stampa è mia, la ritrovate nel testo dell’articolo in cui ho detto chiaramente che il film di Paolo Sorrentino sulla morte dei suoi genitori, che si dischiudeva in un delicato inno alla vita e al cinema stesso, meritava il Leone d’Oro a Venezia rispetto alla solita pappa abortista che l’ha vinto per ragioni ideologiche e “di genere”. Donne, ribellatevi: Oscar, Leone d’Oro e Palma d’Oro sono andate quest’anno a tre registe. Di colpo esploso il talento femminile? No, di colpo è esplosa l’ideologia della quota rosa. Donne, ribellatevi: non si fa così la guerra (totally unnecessary, per citare Barney Panofski) della parità dei sessi. Così si costruiscono i cliché e i cliché sono il contrario dell’arte. Nomadland (premio Oscar) è stato recentemente definito persino su Repubblica “una cagata pazzesca” evocando Fantozzi; Titane (Palma d’Oro) ha fatto scrivere a Nanni Moretti di essere invecchiato “di colpo” perché è un film “in cui la protagonista rimane incinta di una Cadillac”; ora il Leone d’Oro a Venezia premia una che rimane incinta “umanamente” ma il figlio è un problema da eliminare, viva le leggi sull’aborto. Donne, ribellatevi ai cliché. E il cinema, come l’arte tutta intera, torni ad essere un inno alla vita. Siamo tutti condannati a morte lo sappiamo, come Caravaggio che ho citato, ma se l’arte non esplode in un tripudio all’esistenza spes contra spem restituendoci invece solo fotografie cupe e ideologiche, in cui la libertà dell’Occidente corrisponde solo ai “nuovi diritti civili” che sarebbero quelli di uccidere i bambini nel ventre materno con l’aborto o i sofferenti e gli anziani con l’eutanasia, allora che album di ricordi della nostra epoca (l’arte alla fine è questo) stiamo lasciando ai nostri figli? Donne, ribellatevi. Non diventate cliché, non siate portatrici di cupezza. Non è nella vostra natura. Siete voi stesse l’inno alla vita. E se il film di Sorrentino è meglio di quello della francese, lo si dica senza l’inutile inginocchiatoio al nuovo idolo della guerra ideologica del “women empowerment” che è solo farsa e politicamente corretto. Qualcosa che non vi piace, qualcosa che non ci piace: è un brutto film, nella storia proiettato già troppe volte, con esiti avvelenati. Lieto di aver condiviso parte di queste riflessioni (e lo spazio sulla paginata de La Stampa) con il sempre lucido vescovo Suetta. Un uomo coraggioso che non teme di andare controcorrente.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/09/2021
2805/2022
Sant'Emilio martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Un giudizio sulla legislatura

UN GIUDIZIO SULLA LEGISLATURA

Leggi tutto

Politica

Il quadro di un’occasione unica

Nel 2013 uscirono dal Parlamento deputati e senatori eletti da appena 5 liste: PdL, Pd, Lega Nord, Udc e Italia dei Valori. Il sistema sembrava aver trovato un suo equilibrio maggioritario, ma proprio le elezioni di quell’anno hanno introdotto, insieme allo tsunami M5S, anche una serie di fattori che hanno portato alla polverizzazione del quadro politico. In questo schema, alimentato dalla struttura proporzionale della prossima legge elettorale, si è ormai al tutti contro tutti e i tradizionali legami coalizionali perdono ogni senso. Per il PdF storica opportunità di essere decisivo

Leggi tutto

Società

Se un pediatra vendoliano un giorno

In un’importante sede istituzionale del capoluogo toscano avrà luogo, sabato 7 ottobre p.v., un convegno a senso unico e senza contraddittorio sulla nuova moda di una sinistra che ha dimenticato
il popolo, i lavoratori e i proletari, e che anzi si è rivolta alla demolizione della prole. Il pediatra vendoliano Paolo Sarti, consigliere in Regione, è l’artefice di questo spot LGBT già gravido di sciagure

Leggi tutto

Politica

Quanto ai lobbisti della borsa valori

Mentre Giorgia Meloni giustamente s’intesta le vittorie di Sicilia e
di Ostia, da alcuni improbabili pulpiti si alzano fumose rivendicazioni

Leggi tutto

Politica

Voti Lega o Meloni? Eleggi Lupi e Costa

Se vuoi veramente far sentire la tua voce in Parlamento non cadere nel solito tranello pre-elettorale. Non dare il tuo voto ai soliti noti che promettono di tutelare la famiglia, i malati, la vita, i bambini. Non credere alla storia del voto utile per i partiti che sono già affermati da anni. Se veramente vuoi cambiare questa società alal deriva hai una sola possibilità il Popolo della Famiglia

Leggi tutto

Politica

Un uomo in cammino riflette

Con tempismo che ben denota l’insipienza politica (proprio quella mattina da Forza Italia si levavano auspici per un futuro esecutivo a conduzione Bonino), Massimo Gandolfini ha diramato
una surreale lettera ai neocatecumenali di Emilia-Romagna per chiedere espressamente di non votare Popolo della Famiglia. Alla clamorosa ingerenza risponde uno dei destinatari della lettera.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano