Società

di Giampaolo Centofanti

Necessitano cercatori sinceri

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La gente chi dice io sia? E voi chi dite io sia? Viviamo nell’epoca del pensiero unico che intende teleguidare le persone con una comunicazione onnipervasiva e a senso unico, quello che conviene ai potenti della finanza e delle big tech. In tale drammatico contesto noi confidiamo nell’aiuto del Padre che conduce la storia.

Nella misura in cui la sapienza divina vuole questo, come è importante che vi siano persone, nella Chiesa, in profonda ricerca del vero, libere da interessi personali, sempre più capaci di cogliere il buono dagli altri e di comprendere il loro graduale cammino. Come è bello quando Dio vuole che incontriamo chi vive il proprio percorso cercando di accogliere adeguatamente anche quello degli altri.

Uomini che fanno respirare l’aria semplice e libera dello Spirito e non parole continuamente smentite da atteggiamenti, da fatti, magari involontariamente, contrari. Certo ognuno ha il suo graduale cammino ma in questa epoca difficile che dono i maturi cercatori del vero.

Ecco su tali scie un brano su San Giuseppe, cui il papa ha dedicato un Anno speciale, fino al prossimo 8 dicembre, tra l’altro con relativa concessione di indulgenze.

Alla notizia del concepimento di un bimbo da parte di Maria Giuseppe entra in una profonda confusione. Si vede che proprio non sa cosa pensare, cosa fare. Deve ripudiare Maria? Ma così verrà lapidata con il figlio. La legge offre alcune indicazioni ma non lo aiuta una giustizia formale. I profeti continuamente orientano al senso profondo di essa, al cuore…

Il nostro vive momenti di profondo tormento, come può essere accaduto questo a Maria? E poi chi ha mai sentito parlare dello Spirito Santo? Può essere uscita di senno? Mille rovelli caricano di tensione la sua mente. Alla fine della giornata distrutto si assopisce. Dio anche così aiuta l’uomo ad abbandonarsi a lui, con la stanchezza fisica. La mente non può continuare a girare così in eterno, Giuseppe crolla letteralmente nel sonno. E nel silenzio di quel cuore travagliato ma sincero finalmente può parlare lo Spirito. Sì proprio quello Spirito che Maria ha accolto con cuore semplice, fiducioso, coraggioso. La serenità, pur addolorata, di Maria in quella drammatica situazione lo turba, lo irrita ma nel profondo gli tocca il cuore. Maria lo ha sempre segretamente guidato senza nessuna imposizione ma in una meravigliosa, umile, delicatezza, libertà. Ecco ora nel silenzio parla lo Spirito e lo riporta al cuore di Maria. È sempre stata una ragazza semplice e sincera, tutta nella luce. Si sono sempre amati di un amore indicibile. Giuseppe è pazzamente innamorato di quella ragazza. E lo è a mille perché è una pazzia del cielo non una mera passione terrena.

Le ansie prendono a placarsi, ecco lo Spirito mette gradualmente al suo posto ogni cosa. Ricordi ora Giuseppe la parola sulla vergine che concepirà un figlio, che sarà chiamato Emmanuele, Dio con noi? Allora non si tratta di una vergine che poi si congiunge nel rapporto matrimoniale. Dio viene come e dove non te lo aspetti. Sei pronto alle sue sorprese o vuoi restare chiuso nel grigiore, nella micragna, degli schemi? Maria non mentisce, non lasciarti ingannare dalle agitazioni. Credile, lascia fare allo Spirito, amala pieno di gioia. E poi, non desideravate ardentemente la verginità? Ecco, ecco, perché con semplicità vi sentivate chiamati all’amore sponsale e alla verginità. Cosa così inusuale a quei tempi, due vie in opposizione tra loro. Non hai imparato ad accogliere nel cuore le mozioni dello Spirito senza incepparti in un apparente principio logico di non contraddizione? Si hai imparato con l’incomparabile aiuto di Maria. Certo anche lei si è appoggiata a te, al tuo confermarla.

Ma allora, allora il Messia è venuto. Capisci? Il Messia è venuto, tu, piccolo Giuseppe, padre del Messia, marito della vergine attesa. Destatosi dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l’angelo del Signore e prese con sé la sua sposa.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/09/2021
0602/2023
Ss. Paolo Miki e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Filippine - Vescovi in aiuto dei bisognosi

“La speranza e il sogno di ogni vittima di abusi e violenze è essere protetta, curata, guarita e avere giustizia. La missione e l’impegno di ogni cristiano è fare in modo che questo accada. Con la fede e le opere, dobbiamo far sì che la bontà e la verità vincano il male e le vittime di tratta e abusi vincano la morte spirituale e risorgano a nuova vita spirituale ed emotiva”:

Leggi tutto

Chiesa

Come Gesù vedeva la società

Un salto di qualità necessario come il pane

Leggi tutto

Chiesa

Papa: la vita consacrata non si scoraggi

Papa Francesco riceve in udienza la comunità dei Clarettiani, in occasione dei cinquant’anni di fondazione dell’Istituto. Il suo invito è a non lasciarsi tentare dallo “spirito della sconfitta” ma a seguire lo Spirito

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: l’Immacolata ci aiuti a custodire la nostra bellezza

Nella Solennità dell’Immacolata Concezione, il Papa ricorda che Maria, “piena di grazia e dunque vuota di peccato” porta a stupirci “della nostra bellezza”: pure noi peccatori nel giorno del nostro Battesimo “abbiamo ricevuto un dono iniziale che ci ha riempito la vita”

Leggi tutto

Storie

Istanbul: entro due mesi l’inaugurazione di una chiesa siro-ortodossa

Quella di Sant’Efrem sarà la prima della moderna Turchia. La struttura sarà dotata di campanile, dispone di cinque piani con sale per cerimonie e incontri, oltre a camere per gli ospiti per un costo complessivo di quattro milioni di euro.

Leggi tutto

Chiesa

Chiesa di San Biagio degli Armeni a Roma

Religious itineraries supervision oggi ci porta alla Chiesa di San Biagio degli Armeni in via Giulia a Roma

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano