Politica

di Tommaso Ciccotti

Usa, il Ministero della Giustizia scende in campo contro la legge del Texas sull’aborto

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il Dipartimento di Giustizia americano presenta una mozione di emergenza per bloccare temporaneamente la legge sull’aborto del Texas, che vieta l’interruzione di gravidanza dopo sei settimane. Il ministro della Giustizia Merrick Garland aveva annunciato che il Dipartimento avrebbe presentato un’azione legale contro una legge “chiaramente incostituzionale”. La legge sull’aborto del Texas “impedisce alle donne di esercitare i loro diritti costituzionali” e un blocco “è necessario per tutelare i diritti costituzionali delle donne in Texas e l’interesse sovrano degli Stati Uniti”, afferma il Dipartimento di Giustizia nella documentazione depositata in tribunale, con la quale apre lo scontro fra l’amministrazione Biden e i leader repubblicani del Texas.

La Corte Suprema degli Stati Uniti aveva esaminato la legge del Texas ma non era arrivata ad alcuna decisione. L’Alta Corte, molto divisa con quattro dei suoi nove giudici contrari alla decisione, non si era pronunciata sulla costituzionalità della legge, appena entrata in vigore, ma aveva invocato “questioni di procedura complesse e nuove”. Il ricorso alla Corte suprema era stato presentato d’urgenza, a ridosso dell’entrata in vigore di una restrittiva legge sull’aborto in Texas, che impedisce il ricorso all’interruzione di gravidanza dopo sei settimane, anche in caso di stupro o incesto. La decisione è stata presa grazie alla maggioranza di 5 giudici conservatori, dei quali tre sono stati nominati dall’ex presidente Donald Trump. Il capo della Corte, il conservatore moderato John Robert, si e’ opposto assieme ai tre magistrati progressisti.

La legge, firmata lo scorso maggio dal governatore repubblicano Greg Abbott, vieta l’interruzione volontaria di gravidanza dal momento in cui e’ percepibile il battito del cuore dell’embrione, ovvero attorno alla sesta settimana di gravidanza. L’unica eccezione prevista dal provvedimento texano, che è stato formulato in modo da evitare i blocchi legali disposti dai tribunali in altri Stati conservatori, è quella del pericolo per la salute della donna

Nell’ultimo anno sono stati quattordici gli stati americani che hanno proposto l’introduzione di misure che limitano fortemente o rendono impraticabile l’aborto.

E’ giusto sottolineare che le limitazioni all’aborto possano diventare effettive anche in altri stati. Come ad esempio l’Arkansas dove nello scorso maggio è stata introdotta una legge che vuole ribaltare la sentenza Roe v. Wade. La nuova legislazione introdotta prevede l’aborto solo nel caso in cui questo sia necessario per salvare la vita della madre. Particolarmente chiare le parole del promotore della legge, il senatore repubblicano Jason Rapert: “Dobbiamo abolire l’aborto così come abbiamo abolito la schiavitù nel 19mo secolo”.

Da segnalare che il presidente degli Stati Uniti in persona, Joe Biden, aveva attaccato la legge, assicurando che il diritto all’aborto “stabilito quasi cinquant’anni fa” sarà difeso e protetto da quella che ha definito la “legge radicale” entrata in vigore in Texas.

Nel frattempo molti americani iniziano a pentirsi della loro scelta alle presidenziali. Joe Biden è infatti in netto calo nei sondaggi. Secondo una rilevazione di Quinnipiac University, il 42% degli americani approva il presidente a fronte di un 50% che non approva la sua azione. Agli inizi di agosto il 46% degli interpellati promuoveva Biden contro un 43% che lo appoggiava. Una discesa ripida e costante|

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

15/09/2021
2209/2021
Ss. Maurizio e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Quarant’anni di Movimento per la Vita

Il 22 maggio del 1975 nasceva a Firenze il primo centro di aiuto alla vita, nucleo originario di un movimento che ha fatto la storia della difesa dei più deboli in Italia

Leggi tutto

Politica

L’InaugurationDay visto da laggiù

Girato l’angolo, ci si para davanti una testuggine della polizia in assetto anti-sommossa, alzo lo sguardo e vedo salire in lontananza una colonna di fumo nero. “Hanno dato fuoco a una limousine”, ci dice una ragazza. Mentre passo accanto allo schieramento, incrocio lo sguardo inquieto di un poliziotto di colore, non avrà più di venti anni. Già nelle ore precedenti erano circolate notizie di vetrate spaccate, quelle di un McDonald e di una filiale di Bank of America. Anche io, nel 2012, la prima volta in cui ho votato in un’elezione presidenziale, ho provato la cocente delusione di non vedere il mio candidato eletto, ma mi sono limitata a sfogare la mia frustrazione con un post su Facebook. Quella devastazione, quegli occhi impauriti, quegli americani che attaccano altri americani per affermare la propria idea sono la conferma che Trump è stata la scelta giusta.

Leggi tutto

Politica

In estrema sintesi

La sfida del 3% nazionale è a portata di mano e sbaglia chi torna a riproporre lo schema vecchio delle candidature di bandiera del Family Day all’interno dei partiti del centrodestra, è lo schema che ci ha portato al disastro attuale. Bisogna prenderne atto: Forza Italia ha dato libertà di voto sull’eutanasia e si è astenuta sulla legge su gender e omofobia in Umbria; leghisti importanti come Zaia sono addirittura apertamente a favore dell’eutanasia e insieme a Fratelli d’Italia propongono la legalizzazione della prostituzione; il divorzio breve è stato votato da tutti i gruppi politici con appena 11 voti contrari al Senato, mentre alla Camera sull’eutanasia i contrari sono stati 37.

Leggi tutto

Media

La censura degli indegni

Censurandoci da persone indegne quali siete, cari noti lobbisti, ci avete fatto prendere gusto allo stare per strada, sul territorio, a incontrare le persone. I giornali e le tv locali raccontano le nostri iniziative, persino Repubblica ha raccontato che è stato il Pdf con Mirko De Carli a prendere le difese del sacerdote bolognese che ha giustamente interrogato l’Italia sulle responsabilità di chi ha ucciso con l’aborto e sul paragone da fare con chi ha ucciso per logica mafiosa. Domani alle 9.45 la nostra campagna di comunicazione per far conoscere il Pdf continua da Canale 5, dove sarò ospite per parlare di temi analoghi. Non ci fermerete, non potete accanirvi su di noi persino nel momento del dolore e pensate che questo popolo non reagisca con tutta la determinazione di cui è capace e cioè mettendo ancora più impegno per vivere i valori in cui sono cresciuti Gianfranco e Massimiliano Amato grazie all’insegnamento del loro papà.

Leggi tutto

Politica

CODICE DI CAMALDOLI: STATO E FAMIGLIA

La Costituzione repubblicana deve moltissimo al Codice di Camaldoli e la sua riscoperta serve a tornare alle radici e alle ragioni di un tempo in cui un soggetto politico autonomo di ispirazione cristiana riusciva a essere sostanzialmente egemone, perché partiva da uno studio analitico delle esigenze del Paese, fornendo risposte chiarissime anche quando queste risposte dovevano essere necessariamente complesse.

Leggi tutto

Società

Processo De Mari: chiuso il dibattimento

Il PM chiede la condanna a 1000 €, i difensori della dottoressa, che è anche contribuente, l’assoluzione con formula piena per aver esercitato critica politica sui contributi pubblici dell’UNAR, Regione Lazio e Comune di Roma. Il 28 giugno alle ore 9 verrà comunicato il nudo dispositivo.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano