Società

di Mario Adinolfi

UN MONUMENTO AGLI HATERS

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Ho letto che Loretta Goggi avrebbe lasciato i social per “l’odio in rete” e cioè commenti pesantissimi legati al suo invecchiamento. Guardate che il problema non è la rete: l’odio sta scorrendo a fiumi nella società ed è alimentato dai media generalisti per poi scaricarsi in rete, che dei media generalisti è la cloaca. Sono i media generalisti a predicare pensiero unico e se non pensi come loro ti dicono di pensare sei feccia da eliminare. Sono i media generalisti a proporti un modello di vita dove servi solo se produttivo: se sei vecchio, storpio, obeso, depresso, una madre di famiglia con tante rughe o un disabile al Grande Fratello non ti vogliono, ma manco al dibattito finto intellettualoide con Concita De Gregorio. Negli aperitivi in terrazza meglio un ex terrorista che un’ex bella (magistrale la scena con una Serena Grandi deformata girata da Sorrentino nel party della Grande Bellezza).

L’odio è acceso dai grandi media, alimentato da una rabbia che è benzina composta dalla tragica condizione socio-economica che contrappone garantiti e non garantiti (per i quali una Goggi diventa dunque una decrepita ricca su cui sfogarsi), portato a soluzione definitiva quando vi raccontano che i rimedi a portata di mano da rivendicare in qualità di diritti sono quello a suicidarsi e a drogarsi. Vi spiegano quindi quanto siete inutili e quanto gliene frega a loro di voi. Niente. Schifano le vostre faticosissime vite, di conseguenza voi odiate le loro, patinate e arricchite. Altro che odio in rete. Meno male che c’è la rete che fa da collettore di tutta questa rabbia: uno mette il suo commento su Facebook, va a sfregiare la pagina di uno famoso, di solito proteggendosi con l’anonimato, così pensa di aver agito contro questo sistema che lo opprime.

Chi detiene le chiavi del potere sa bene di dover costruire un monumento agli haters dei social, di cui parlano con aria corrucciata, senza averne alcuna paura. Tigri di carta, spie di un disagio e anche evidenziatori della fragilità emotiva del jet set nostrano, che vuole essere ricco, potente, famoso e pure idolatrato dai servi della gleba che s’arrangiano senza vedere prospettive. Tutto non si può avere. Beccatevi dalla rete quel che la rete produce, fanghiglia inclusa. Poi ragioniamo tutti insieme sui perché. E vedrete che, forse anche grazie alla fanghiglia, il risultato del ragionamento sarà sorprendente.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

15/09/2021
2806/2022
Sant'Ireneo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Istruzioni per le liste del PDF

Il prossimo 11 giugno si voterà in oltre 1.000 comuni italiani per la tradizionale tornata amministrativa di primavera. Il Popolo della Famiglia si presenta con il proprio simbolo e chiede a tutte le donne e agli uomini di buona volontà di organizzare una presenza capillare sul territorio che sarà propedeutica alle politiche che si terranno tra pochi mesi. Azione fondamentale per il radicamento sul territorio è la campagna di tesseramento, così come il reperimento di candidati e sottoscrittori delle liste che vorranno misurarsi con il consenso elettorale sulla base della piattaforma politica PdF

Leggi tutto

Chiesa

L’ordinario militare ci parla di Fatima

Monsignor da Silva Rodrigues Linda, prelato personale dell’ordinariato militare lusitano, oltre che presidente della commissione ecumenica della Conferenza episcopale del Portogallo, che è stato domenica in visita a Roma, ha rilasciato una intervista esclusiva per “La Croce”, in occasione delle celebrazioni del centenario della Regina del Santo Rosario

Leggi tutto

Politica

Perchè il PDF serve sempre di più?

Mai come in questo momento il ruolo che il Popolo della Famiglia intende svolgere è decisivo. Siamo una realtà piccola, ma in crescita, le amministrative lo hanno testimoniato. Se il 4 marzo a Roma prendevamo lo 0.6 alla Camera e lo 0.7 al Senato, il 10 giugno a Roma abbiamo preso l’1.83. Vuol dire che il movimento è in salute e lo abbiamo spiegato analiticamente con i numeri il giorno dopo il primo turno delle amministrative. Proprio i numeri hanno evidenziato che il nostro ruolo è di presidio di un’area che nella storia si chiama “cattolicesimo politico”, che ha avuto origine nel 1919 grazie all’intuizione di don Luigi Sturzo, si è rivitalizzata con il codice di Camaldoli del 1943, si è strutturata in diverse esperienze partitiche a partire dalle elezioni repubblicane del 1946 per giungere fiacca e secondo alcuni esaurita al centenario dell’appello ai Liberi e Forti, di don Sturzo appunto. Un movimento politico di ispirazione cristiana con al centro i bisogni della famiglia e la cultura della vita è quanto mai necessario oggi all’Italia. Secondo alcuni questa opzione viene svolta nell’Italia del 2018 dalla Lega di Matteo Salvini. Si tratta ovviamente di una opzione legittima, chi la ritiene valida può andare nelle sedi disseminate in tutta Italia di quel partito e iscriversi, salendo sul carro del vincitore. Lo stanno facendo in molti e Salvini grazie a parole d’ordine decisioniste su migranti e rom sta facendo il pieno di consensi anche tra i cattolici.

Leggi tutto

Chiesa

Un disperato bisogno di padri

La figura paterna è un pilastro educativo che va sempre accompagnato al suo naturale complemento – quella materna. Dalla rivoluzione industriale in qua si è verificata una inedita scollatura tra le due – da allora le madri hanno esortato i figli a essere “meglio” e “più” dei padri – nella quale le mogli “castravano” (simbolicamente) i mariti e questi si vendicavano nell’apatia e/o nella violenza. Ecco un equilibrio che deve essere ristabilito quanto prima

Leggi tutto

Società

Mario Adinolfi a Marco Cappato sull’eutanasia attiva

Spero che queste parole ti interroghino e interroghino i congressisti di Bari, che noi verremo a contestare con le nostre bandiere del Popolo della Famiglia e con i nostri militanti disabili che vogliono vivere e non morire, non vogliono sentirsi dire che diventano “dignitosi” solo se scelgono di suicidarsi. Continuiamo a credere che quello sconosciuto depresso che sale su un parapetto per buttarsi giù vada convinto a non farlo, non vada spinto di sotto per aiutare la sua “libera autodeterminazione”. E continuiamo a pensare che una società che organizza la sua libertà attorno all’idea di liberamente sballarsi, drogarsi, uccidersi sia una società malata che necessita di una cura.

Leggi tutto

Politica

POPOLO DELLA FAMIGLIA: “LA SINISTRA DICA NO ALL’UTERO IN AFFITTO”

Barbara Figus, coordinatore regionale del Popolo della Famiglia Sardegna, commenta la vicenda della bambina commissionata tramite utero in affitto e successivamente abbandonata in Ucraina:

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano