Società

di Mario Adinolfi

UN MONUMENTO AGLI HATERS

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Ho letto che Loretta Goggi avrebbe lasciato i social per “l’odio in rete” e cioè commenti pesantissimi legati al suo invecchiamento. Guardate che il problema non è la rete: l’odio sta scorrendo a fiumi nella società ed è alimentato dai media generalisti per poi scaricarsi in rete, che dei media generalisti è la cloaca. Sono i media generalisti a predicare pensiero unico e se non pensi come loro ti dicono di pensare sei feccia da eliminare. Sono i media generalisti a proporti un modello di vita dove servi solo se produttivo: se sei vecchio, storpio, obeso, depresso, una madre di famiglia con tante rughe o un disabile al Grande Fratello non ti vogliono, ma manco al dibattito finto intellettualoide con Concita De Gregorio. Negli aperitivi in terrazza meglio un ex terrorista che un’ex bella (magistrale la scena con una Serena Grandi deformata girata da Sorrentino nel party della Grande Bellezza).

L’odio è acceso dai grandi media, alimentato da una rabbia che è benzina composta dalla tragica condizione socio-economica che contrappone garantiti e non garantiti (per i quali una Goggi diventa dunque una decrepita ricca su cui sfogarsi), portato a soluzione definitiva quando vi raccontano che i rimedi a portata di mano da rivendicare in qualità di diritti sono quello a suicidarsi e a drogarsi. Vi spiegano quindi quanto siete inutili e quanto gliene frega a loro di voi. Niente. Schifano le vostre faticosissime vite, di conseguenza voi odiate le loro, patinate e arricchite. Altro che odio in rete. Meno male che c’è la rete che fa da collettore di tutta questa rabbia: uno mette il suo commento su Facebook, va a sfregiare la pagina di uno famoso, di solito proteggendosi con l’anonimato, così pensa di aver agito contro questo sistema che lo opprime.

Chi detiene le chiavi del potere sa bene di dover costruire un monumento agli haters dei social, di cui parlano con aria corrucciata, senza averne alcuna paura. Tigri di carta, spie di un disagio e anche evidenziatori della fragilità emotiva del jet set nostrano, che vuole essere ricco, potente, famoso e pure idolatrato dai servi della gleba che s’arrangiano senza vedere prospettive. Tutto non si può avere. Beccatevi dalla rete quel che la rete produce, fanghiglia inclusa. Poi ragioniamo tutti insieme sui perché. E vedrete che, forse anche grazie alla fanghiglia, il risultato del ragionamento sarà sorprendente.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

15/09/2021
2209/2021
Ss. Maurizio e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Gli errori-orrori della Fedeli

Impareggiabile Valeria Fedeli! Anche lei è caduta nella più banale delle trappole per i parvenu culturali della politica: la finta laurea. Oscar Giannino docet! Credo si tratti di una questione psicologica. Una sorta di complesso di inferiorità che porta alcuni politici insicuri a fingersi dottori.

Leggi tutto

Media

Cinque cose che non bisogna fare

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Siamo in una contesa dove la critica fa parte del gioco e che ci sparino addosso è nelle cose. Il fuoco amico fa più male, ma è messo nel conto pure quello. Un solo ultimo avvertimento agli amici come Marco Invernizzi: non strumentalizzate mai l’ora che padre Livio vi concede su Radio Maria per attaccare il Popolo della Famiglia. Quando ho fondato il Pdf, in completo accordo con lui, ho voluto sospendere la trasmissione a cui tenevo molto su questa che è l’emittente che più mi è cara: Radio Maria non fa politica e non può con la politica confondersi. ne trarrebbe solo danno. Tutto il resto, poi, sia oggetto di una confronto franco e onesto. Fatevi dire infine da un giocatore di poker che l’idea secondo cui “le minoranze non si devono far contare” somiglia troppo all’atteggiamento del pokerista scarso che vuole vincere giocando sempre in bluff: pensa di essere tanto furbo e tutti gli altri al tavolo glielo fanno credere, perché prima che lui cominciasse a pensare l’hanno già individuato come il pollo da spennare.

Leggi tutto

Politica

Verso il 4 Marzo: frenare la deriva

Appello di sacerdoti e religiosi a sostenere il Popolo della Famiglia

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ed il sesso

Papa Francesco ha detto la sua su un tema molto delicato: il sesso. Le nostre cadute spirituali, le nostre debolezze, ci portano a usare la sessualità al di fuori di questa strada tanto bella, dell’amore tra l’uomo e la donna. Ma sono cadute come tutti i peccati. La bugia, l’ira, la gola… sono peccati: peccati capitali

Leggi tutto

Politica

Lo spazio politico al centro

I flussi elettorali hanno provocato un’intensa polarizzazione tra centrodestra verso destra e centrosinistra verso sinistra, ma evidenziano l’esistenza e la resistenza del bacino centrista, riversatosi nel voto alla Lega e nell’astensione. Il centro vale ancora 7 milioni e mezzo di voti, un buon 15%.

Leggi tutto

Politica

Parlamento Europeo: risoluzione sui diritti delle persone LGBTIQ nell’UE

L’Unione Europea dovrebbe rimuovere tutti gli ostacoli che le persone LGBTIQ affrontano nell’esercitare i loro diritti fondamentali. È quanto sostiene il Parlamento Europeo in una risoluzione sui diritti delle persone LGBTIQ nell’UE, approvata questa mattina con 387 voti favorevoli, 161 contrari e 123 astensioni. Nella risoluzione, il Parlamento europeo sottolinea come questi cittadini dovrebbero poter esercitare pienamente i loro diritti, compreso il diritto alla libera circolazione, ovunque nell’Unione Europea.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano