Chiesa

di Giampaolo Centofanti

Ho liberato dal peso la sua spalla (Sal 80) 

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Secondo quanto scrive Benedetto XVI nella Spe Salvi al numero 46 quando una persona va in cielo la fede non la orienta a valutare se nella vita ha fatto sufficientemente la brava tanto da potere essersi guadagnata il cielo. La fede la conduce verso il confidare nell’amore senza limiti del Padre.

Dio ci ama, ci salva, godiamo di questo amore meraviglioso. È in questo sentirci amati senza condizioni che liberamente possiamo scegliere di cercare di accogliere la grazia che ci viene donata, di non ostacolarla. Di lasciarci portare nella vita sempre più piena.

Piccole, molto belle dice la Genesi, creature (anche se ferite dal peccato originale) tutte appoggiate nell’amore di Dio. Se si commette un vero peccato consapevole e volontario, un vero rifiuto della grazia ricevuta, ci si può dispiacere un attimo, chiedere perdono e riperdersi subito nell’amore di Dio che tutto trasforma in vita.

Quando ci viene trasmesso nello Spirito il giusto rapporto tra l’infinito amore di Dio e la nostra creaturalità ogni cosa la vediamo in modo più equilibrato. Godiamo dell’amore di Dio, dei suoi doni anche umani, materiali e relativizziamo ciò che ci manca, i nostri limiti ed errori. Ci accorgiamo che il moralismo, il farci sentire costretti in un bene meccanico, non maturato nel cuore, nella grazia, ci orientava a puntare su noi stessi, a ingigantire in tale valutazione distorta i nostri limiti, a farci giudicare con pesantezza noi stessi e gli altri. A bloccarci nei nostri schemi, a non cogliere il filo sereno, come una colomba, dello Spirito di Gesù in noi. A non accogliere gli altri come un dono ma a rinchiudere i rapporti con loro e loro stessi dentro mentalità di corto respiro.

Tutto un complicarci, appesantirci, la vita che viene non da noi ma dell’educazione ricevuta, cristiana o non credente che sia.

Ecco l’amore sereno, a misura, di Dio forse in questa nostra epoca viene a manifestarsi più pienamente, più diffusamente. E ad aprire orizzonti di autentica, personalissima, semplice e serena crescita di ciascuno. Quindi anche tendenzialmente di più autentica democrazia.

Anche i dolori, le prove, su questa via li viviamo potendo più agevolmente sentire Dio vicino, la sua comprensione, il suo soffrire con noi e aiutarci a risolvere su tale strada autentica tanti problemi e altri a viverli comunque in modo diverso.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/09/2021
0210/2022
Ss. Angeli Custodi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa Francesco ai giudici argentini: non c’è democrazia con la fame

In un videomessaggio, inviato a magistrati del Capitolo argentino , il Pontefice ricorda che la ricchezza nel mondo è sempre di più a vantaggio di pochi

Leggi tutto

Chiesa

La rivoluzione della diffusa traduzione simultanea

Il “fischi per fiaschi” del potere era conosciuto già nell’Antico Testamento. Il continuo rivolgere ogni cosa a proprio vantaggio del pensiero unico del sistema. Realtà oggi particolarmente difficile da contrastare perché la grande informazione e cultura sono in mano al potere. Le vie del discernimento sono strutturalmente falsate dall’assenza di una libera formazione e informazione. La gente non può davvero partecipare, la vissuta ricerca del vero è cancellata dai criteri di apparato.

Leggi tutto

Chiesa

Quanta Ostia “sugli altari della “mensa” di Dio

Dalla Cattedrale della Basilica di Sant’Aurea fino alla chiesa di Regina Pacis e Santa Monica, nel Servizio presso l’altare: i “riti” della chiesa, Ostia in prima linea: servirli, capirli, crescerci.

Leggi tutto

Chiesa

Buon compleanno a Papa Francesco

Il Pontefice, che oggi compie 85 anni, festeggia il proprio compleanno in forma privata. Tanti gli auguri giunti in Vaticano sin dalla zone più remote della Terra.

Leggi tutto

Chiesa

Il cardinale Koch: l’ecumenismo, “monastero invisibile”

Nel saluto rivolto al Papa dal cardinale presidente del Pontificio Consiglio per l’Unità dei Cristiani, al termine dei Vespri a San Paolo fuori le Mura, il cardinale Koch ribadisce che solo una teologia “capace di inginocchiarsi davanti al mistero” avvicinerà alla piena comunione

Leggi tutto

Società

L’arte di odiare degli inluencer.

In questi tempi virtuali siamo circondati da un sacco di influenzatori che cercano, con la prosopopea tipica dell’arruffa popolo, di erigersi a paladini di diritti inesistenti, facendo per giunta passare il popolo italiano come retrogrado, razzista, bigotto e medioevale. Sono in realtà dei lupi travestiti da agnelli che conducono gli sciagurati seguaci verso il burrone senza fine di un ideologia perversa che ignora i problemi reali della gente comune. Il guaio è che, facendo incetta di proseliti, aizzano feroci dobermann al loro seguito pronti a sbranare chi non si inginocchia ad adorare questi nuovi dei.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano