Politica

di Stefano Di Tomassi

MUSICA DEI “BOSS” E VAGINE FELICI, ADINOLFI (PDF): “A OSTIA LA CULTURA AVALORIALE DEL M5S E DEI LORO

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“C’è una sola certezza che consola, dopo aver saputo delle parole di Silvana De Nicolò a commento del nostro articolo che riporta le dichiarazioni di chi rappresenta le chiese su Ostia e decine di migliaia di persone e famiglie di credenti contro i concerti dei ‘boss’ e le vagine felicituona Mario Adinolfi Presidente Nazionale del Popolo della Famiglia - che tra due settimane i romani e anche i cittadini di Ostia metteranno fine a cinque anni di incubo di governo ‘AVALORIALE’ dei penta stellati. Ricordiamoci – conclude Adinolfi – che da chi è indifferente di fronte ai valori più profondi non puoi mai attenderti niente di buono.”

“Pressapochismi e insulti all’umana intelligenza” – aveva infatti virgolettato Silvana De Nicolò, Assessore penta stellato alla Cultura del X Municipio di Roma all’articolo che riportava la reazione sgomenta delle chiese cristiane, cattoliche, ortodosse e riformate, di fronte agli eventi ‘culturali’ tenutisi sul territorio lidense come festival della vagina felice e il concerto del nipote del boss, poi cancellato.

Oggi giunge però la notizia che è in programma per il 23 Settembre, sempre allo sport village del X municipio di Roma, un nuovo concerto neo melodico di un altro cantante Daniele De Martino, che si dichiara “contrario ai pentiti” e anche per questo già diffidato dalla Questura.

Siamo davvero alle comiche finali se un’ assessore si permette di mancare di rispetto in questo modo a chi rappresenta sul X Municipio di Roma una ventina di centri di culto. Diamo merito solo alla Presidente Giuliana Di Pillo di aver preso le distanze dalla sua stesso assessore e dal suo stesso partito e maggioranza dichiarando di ‘aver appreso le notizie dai giornali’. Questi i commenti dall’entourage PDF.

Combattere quotidianamente per una società migliore, avevano di fatto implicitamente evidenziato concordi i Padri, con ragazzi e famiglie li aveva visti obbligati a intervenire; la piaga delle baby gang, del bullismo nelle scuole, dell’anti cultura e del linguaggio stile ‘gomorra e mafia capitale’ serpeggia tra i nostri giovanissimi e avvelena il futuro.

Oltre che per questo i cristiani hanno dovuto esprimersi, ci sembra di capire argomentando, per il silenzio dei politici locali sui temi in questione.

Di fatti è sotto la luce del sole e sotto gli occhi di tutti i cittadini come Ostia sia stata commissariata per anni per infiltrazioni camorriste e chi è venuto oggi al governo si è sempre vantato di voler sostituirsi ai collusi inaugurando una stagione politica virtuosa.

In fine c’è da dire a onor di cronaca che va dato merito all’assessore De Nicolò di aver contribuito con la Casa della Cultura Gigi Proietti di aver tuttavia inaugurato uno spazio ci rigenerazione culturale sano e partecipato e di essersi prodigata per il coinvolgimento del tessuto cittadino, ma è pur vero che le scelte di questi ultimi tempi e che hanno visto ‘assegnazioni dirette ed extra territoriali’ o appunto le kermesse “immorali”, di cui l’articolo ha trattato, hanno rimesso tutto in discussione gettando un’ombra di ambiguità ‘avaloriale’. Per combattere l’ambiguità ci vuole la coerenza e allora ci si chiede e si chiede: qual è questa cultura lidense penta stellata/PD, quella della casa della cultura o la babele massonica tra soldi e potere?

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/09/2021
0312/2021
San Francesco Saverio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Confutazione e risposta a 10 obiezioni sul risultato elettorale del PdF

I nemici del Popolo della Famiglia si affrettano a dileggiarne gli ancora esigui ritorni elettorali: i fatti, però, non si fermano alle sole cifre

Leggi tutto

Storie

Le donne africane non hanno bisogno di aborto

Una giovane nigeriana crea un’organizzazione prolife per opporsi alla “Bill & Melinda Gates Foundation” nei suoi intenti “filantropici” (ossia di controllo delle nascite – dei poveri del mondo). Lo scopo di Culture of Life Africa è dissuadere i “filantropi” dai loro propositi. La lettera di Obianuju a Melinda Gates è un testo di magistero della vita e di resistenza al pensiero unico.

Leggi tutto

Politica

Don Giussani e la politica

Ogni comunità cristiana, per il fatto di essere storicamente collocata in un determinato ambito civile – nel nostro caso, un Comune −, non può non avere uno sguardo sui bisogni e le urgenze più grandi che emergono in quel luogo. Per questo implicarsi con le prossime elezioni amministrative è una possibilità a portata di mano di tutti, nessuno può sentirsi escluso. Chi avrà accettato la sfida potrà giudicare se l’essersi implicato in questa circostanza, che non abbiamo deciso noi, gli è servito per verificare quello che dicevamo all’inizio, cioè se quello che abbiamo incontrato serve per affrontare tutto, perfino nel clima di sfiducia dal quale ci sentiamo circondati. Noi non possiamo essere definiti da questo clima, né possiamo lasciare che altri riempiano gli spazi di presenza che noi, per pigrizia, non riempiamo. Allora ciascuno nel proprio ambito potrà vedere se quello che ci diciamo è un fatto vivo – come è stato per quei nostri amici − o se è semplicemente un modo di dire che non c’entra con le urgenze della vita. Mi sembra che abbiamo davanti una bellissima opportunità per verificare tutti, ma proprio tutti, non solo coloro che s’impegnano direttamente in politica o che hanno deciso di candidarsi, se siamo veramente impegnati per realizzare quel ‘bene comune’ di cui parliamo sempre”.

Leggi tutto

Società

Stupri di donne ed uomini lasciati soli

Come Mario Adinolfi ha recentemente sintetizzato spulciando i dati istat, in una classe di 25 ragazzi delle superiori statisticamente si trovano un consumatore abituale di cocaina, 2 consumatori di oppiacei o droghe sintetiche, 5 dediti alla cannabis e 7 soliti alle sbronze nei week end. Questi dati sono allarmanti e gravissimi e fotografano una realtà giovanile allo sfascio: un ragazzo annebbiato da droghe o alcool è facilmente coinvolgibile in risse, che poi finiscono sempre molto male, o può essere soggetto di violenze, se trascinato in gruppo, nonché mette a rischio la propria e altrui incolumità se si mette alla guida. Per non parlare dei danni diretti che fa alla propria salute.

Leggi tutto

Politica

Quanto ai lobbisti della borsa valori

Mentre Giorgia Meloni giustamente s’intesta le vittorie di Sicilia e
di Ostia, da alcuni improbabili pulpiti si alzano fumose rivendicazioni

Leggi tutto

Politica

PERCHE’ IL PDF RIPARTE DA CAMALDOLI

Tre quarti di secolo fa, in un tempo davvero davvero difficile e se leggete le date seriamente coraggioso, cioè dal 18 al 24 luglio 1943, un gruppo di intellettuali (laici e religiosi) cattolici si riunì, presso il monastero benedettino di Camaldoli, sotto la guida di mons. Adriano Bernareggi, assistente ecclesiastico dei laureati dell’Azione Cattolica, con l’intento di confrontarsi e riflettere sulla dottrina sociale della Chiesa e sui problemi della società, sui rapporti tra individuo e stato, tra bene comune e libertà individuale.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano