Politica

di Stefano Di Tomassi

MUSICA DEI “BOSS” E VAGINE FELICI, ADINOLFI (PDF): “A OSTIA LA CULTURA AVALORIALE DEL M5S E DEI LORO

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“C’è una sola certezza che consola, dopo aver saputo delle parole di Silvana De Nicolò a commento del nostro articolo che riporta le dichiarazioni di chi rappresenta le chiese su Ostia e decine di migliaia di persone e famiglie di credenti contro i concerti dei ‘boss’ e le vagine felicituona Mario Adinolfi Presidente Nazionale del Popolo della Famiglia - che tra due settimane i romani e anche i cittadini di Ostia metteranno fine a cinque anni di incubo di governo ‘AVALORIALE’ dei penta stellati. Ricordiamoci – conclude Adinolfi – che da chi è indifferente di fronte ai valori più profondi non puoi mai attenderti niente di buono.”

“Pressapochismi e insulti all’umana intelligenza” – aveva infatti virgolettato Silvana De Nicolò, Assessore penta stellato alla Cultura del X Municipio di Roma all’articolo che riportava la reazione sgomenta delle chiese cristiane, cattoliche, ortodosse e riformate, di fronte agli eventi ‘culturali’ tenutisi sul territorio lidense come festival della vagina felice e il concerto del nipote del boss, poi cancellato.

Oggi giunge però la notizia che è in programma per il 23 Settembre, sempre allo sport village del X municipio di Roma, un nuovo concerto neo melodico di un altro cantante Daniele De Martino, che si dichiara “contrario ai pentiti” e anche per questo già diffidato dalla Questura.

Siamo davvero alle comiche finali se un’ assessore si permette di mancare di rispetto in questo modo a chi rappresenta sul X Municipio di Roma una ventina di centri di culto. Diamo merito solo alla Presidente Giuliana Di Pillo di aver preso le distanze dalla sua stesso assessore e dal suo stesso partito e maggioranza dichiarando di ‘aver appreso le notizie dai giornali’. Questi i commenti dall’entourage PDF.

Combattere quotidianamente per una società migliore, avevano di fatto implicitamente evidenziato concordi i Padri, con ragazzi e famiglie li aveva visti obbligati a intervenire; la piaga delle baby gang, del bullismo nelle scuole, dell’anti cultura e del linguaggio stile ‘gomorra e mafia capitale’ serpeggia tra i nostri giovanissimi e avvelena il futuro.

Oltre che per questo i cristiani hanno dovuto esprimersi, ci sembra di capire argomentando, per il silenzio dei politici locali sui temi in questione.

Di fatti è sotto la luce del sole e sotto gli occhi di tutti i cittadini come Ostia sia stata commissariata per anni per infiltrazioni camorriste e chi è venuto oggi al governo si è sempre vantato di voler sostituirsi ai collusi inaugurando una stagione politica virtuosa.

In fine c’è da dire a onor di cronaca che va dato merito all’assessore De Nicolò di aver contribuito con la Casa della Cultura Gigi Proietti di aver tuttavia inaugurato uno spazio ci rigenerazione culturale sano e partecipato e di essersi prodigata per il coinvolgimento del tessuto cittadino, ma è pur vero che le scelte di questi ultimi tempi e che hanno visto ‘assegnazioni dirette ed extra territoriali’ o appunto le kermesse “immorali”, di cui l’articolo ha trattato, hanno rimesso tutto in discussione gettando un’ombra di ambiguità ‘avaloriale’. Per combattere l’ambiguità ci vuole la coerenza e allora ci si chiede e si chiede: qual è questa cultura lidense penta stellata/PD, quella della casa della cultura o la babele massonica tra soldi e potere?

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/09/2021
1708/2022
San Giacinto confessore

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

La tentazione di dividerci

Noi de La Croce dichiariamo un disarmo unilaterale: sono tutti liberi di sparare contro di noi, noi non risponderemo. Subiremo anche il fuoco amico senza reagire

Leggi tutto

Chiesa

Aborto, Chiesa e misericordia

Si è scatenato un polverone mediatico che riduce la Lettera apostolica di Papa Francesco alla
(presunta) abolizione del peccato di aborto. Nella scia di questa declinazione disonesta si sono
inseriti gli opportunismi politici e culturali di Monica Cirinnà e Roberto Saviano. La Lettera rischia
di essere vanificata dalle consuete dinamiche propagandistiche. Attacco all’obiezione di coscienza

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ed il populismo

Non mi sento un uomo eccezionale sono un peccatore, un uomo che fa quello che può, “comune”. Sento che “non mi fanno giustizia con le aspettative”, “esagerano. “Non si dimentichi - precisa - che l’idealizzazione di una persona è una forma sottile di aggressione” e “quando mi idealizzano mi sento aggredito”.
Dal momento che sono stato eletto Papa non ho perso la pace. Capisco che a qualcuno non piaccia il mio modo di agire, ma lo giustifico, ci sono tanti modi di pensare, è legittimo ed è anche umano, è una ricchezza.

Leggi tutto

Politica

La questione Giorgia Meloni

Con l’avvicinarsi del voto esiste la tendenza ad accaparrarsi più voti possibili con le promesse più disparate. Mario Adinolfi chiarisce questo scottante argomento prendendo come esempio Fratwlki d’Italua e la sua leader Giorgia Meloni

Leggi tutto

Media

L’ Europa contesa fra transumanisti e bioconservatori

Cosa è avvenuto alla seconda festa nazionale de La Croce: cosa resta dei diritti umani nel Vecchio Continente?

Leggi tutto

Chiesa

Il convegno di Siracusa raccontato da chi c’è stato

Oltre i soliti zelanti allarmismi di certo mondo reazionario si erge la parrhesía di Antonio Staglianò

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano