Media

di Tommaso Ciccotti

Padre Andrea Mandonico e il Premio Letterario su Charles de Foucauld

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Consegnato a padre Andrea Mandonico il Premio Letterario nato due anni fa su iniziativa di un gruppo di ambasciatori presso la Santa Sede per rendere omaggio alla lingua di Dante. Il riconoscimento è rivolto ad autori che pubblicano libri di divulgazione in italiano su temi legati alla “cultura e ai valori cristiani, ai rapporti tra Chiese e Stati cristiani, alla storia delle Chiese cristiane e al dialogo interreligioso”.

La giuria di questa seconda edizione - presieduta dall’ambasciatore Alexandra Valkenburg, capo della delegazione dell’Unione Europea presso la Santa Sede e dal vicepresidente Pietro Sebastiani, ambasciatore d’Italia presso la Santa Sede - ha selezionato il volume del religioso - “Mio Dio, come sei buono. La vita e il messaggio di Charles de Foucauld” - tra 57 libri esaminati e pubblicati durante il 2020. “La breve biografia del Beato Charles de Foucauld ha evidenziato i punti forti della sua spiritualità e della sua pastorale”, si legge in una nota. Padre Andrea - vice postulatore della causa di canonizzazione di Charles de Foucauld, docente al Centro studi interreligiosi dell’Università Gregoriana, dove ha tenuto il corso “Cristianesimo e islam, una fraternità possibile?” - apre il suo saggio con un approfondimento dell’epoca in cui visse il “piccolo fratello”, e traccia il suo profilo biografico e mistico.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/09/2021
2605/2022
San Filippo Neri

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Il Papa ad Ariccia medita sull’ultima cena

Padre Giulio Michelini ha esposto al Santo Padre Francesco la terza meditazione del suo corso di esercizî quaresimali: il tema erano il pane e il vino consacrati da Cristo nell’ultima cena (e dalla Chiesa nell’Eucaristia). «Il sangue di Cristo viene versato per molti per la remissione dei peccati. Così chi legge il Vangelo scopre cosa significa il nome di Gesù – il Signore salva»

Leggi tutto

Storie

Un pomeriggio a tu per tu con Rita Coruzzi

Non è facile raccontare in poche parole, chi sono. Lo hai visto, mi piace parlare, rischierei di non finire più! Vedrò di sintetizzare. Potrei iniziare narrando le gioie, i dolori, i desideri realizzati, i rimpianti, i sogni. Potrei dire che sono una ragazza come tante altre della mia età, ma non è così. Racconterò la mia storia dall’inizio. Era una giornata piovosa, quella del 2 giugno del 1986, quando volli nascere a tutti i costi, anche se era ancora troppo presto per farlo. Mia madre era ricoverata da tre giorni in ospedale, dove i medici cercavano di fermare le contrazioni. Già ti ho detto, che io ho sempre fretta a fare le cose, anche per nascere ho avuto fretta, cosi alla trentaquattresima settimana, ho deciso di venire al mondo. Io ho sempre fretta di fare tutto e subito, è la mia caratteristica.

Leggi tutto

Storie

San Paolo ed il gender

Durante un convegno di Gianfranco Amato e Silvana De Mari a Bagheria il professor Luciano Sesta, docente cattolico di antropologia filosofica e
bioetica all’Università di Palermo, ha voluto prendere la parola, dichiarando a sorpresa che a suo avviso il primo manifesto “gender” si troverebbe
nella lettera ai Galati di san Paolo. Si trattò di una provocazione, che però merita di essere sviscerata adeguatamente e in modo esaustivo

Leggi tutto

Società

L’antisemitismo vive in Europa?

La scomparsa del senso religioso nella maggioranza della popolazione, poi, ha fatto eclissare anche il rispetto per il sacro: resta solo il disprezzo per realtà che non si comprendono e che si interpretano con categorie secolari e logiche di profitto e potere, che le sono fondamentalmente estranee, ma che sono le uniche conosciute dal mondo.

Leggi tutto

Chiesa

Febbraio 1945: Bosnia Erzegovina: i 30 martiri di Široki Brijeg

Durante la dominazione turca della Bosnia-Erzegovina, dodici francescani originari dell’Erzegovina e provenienti da Kresevo in Bosnia, decisero di costruire un monastero nella loro terra d’origine, come segno della fede, e scelsero la località di Široki Brijeg. Si sistemarono in questo piccolo villaggio e, dopo aver comprato un caro prezzo un grande appezzamento di terreno, iniziarono a costruire la chiesa dedicandola alla Madonna Assunta in Cielo. Subito iniziarono anche i lavori per edificare il monastero e successivamente un edificio da adibire a seminario.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco in Slovacchia: l’importanza dell’integrazione

Papa Francesco è tornato a parlare di uno degli argomenti che gli stanno più a cuore con un richiamo all’integrazione, alla coesione e all’ospitalità. Tutto questo è avvenuto durante l’incontro, a Bratislava, con le Autorità, la Società Civile e il Corpo diplomatico

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano