Società

di Stefano Di Tomassi

AD OSTIA I GIOVANI CHE ‘URLANO’ VANNO ASCOLTATI, COME DIO ASCOLTA IL GRIDO DEGLI UOMINI

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Una chiesa in uscita è anche quella che ascolta i giovani che ‘gridano’ e che si mette in comunicazione. A parlare è Generoso Simeone, marito, papà giovane, lavoratore, oltre che accolito e responsabile della commissione giovani della prefettura di Ostia, diocesi di Papa Francesco. “Una chiesa che va fuori dai vecchi limiti, perché Dio non ha limiti”. Generoso si sta prodigando per agevolare la rete tra oratori e scende tra le strade don don Giovanni Carpentieri e il diacono Mauro Colantuoni per parchetti e piazzette con ‘Ospedale da Campo per i Giovani’ a portare e mangiare un po’ di pizza con i ragazzi per strada e conoscerli. Ma va oltre.

“Noi vogliamo trovare una modalità di dialogo con questi ragazzi che scrivono e lasciano messaggi sui muri del nostro Territorio” – prosegue Generoso.

Il diacono, punto di riferimento dei ragazzi delle parrocchie di Ostia che è organizzata in commissione giovani, carità/volontariato e la neo commissione cultura, oltre al metodo, si riferisce in merito alle ultime scritte che compaiono specialmente di fronte alla chiesa di San NicolaVia Passeroni – oggi chiesa prefettura che precede le altre chiese di Ostia nella carità e nell’organizzazione.

Giovani degli schieramenti politici agli estremi che ‘urlano’ le loro questioni, ma che difficilmente trovano chi gli risponda, anzi che quasi sempre vengono stigmatizzati e a volte isolati ed emarginati. Le sigle che compaiono sono quelle del ‘blocco studentesco’ piuttosto che quelle della federazione giovani comunisti FGC.

Bisogna distinguere tra la loro lecita necessità di attirare l’attenzione facendogli capire che poi devono ascoltare una risposta per avviare una comunicazione. Il rischio, se questo non avviene, è che questi ragazzi possano essere usati da certi adulti come megafoni e casse di risonanza per le ideologie che vogliono massificare e fare consensi.

Il Signore allora ci manda a spezzare certe catene, a liberare. Essere sul Territorio ci porta alla prossimità e a incontrarci nel quotidiano. Se invece organizziamo nelle chiese convegni o corsi, movimenti o seminari, separati dal reale, selezionando il pubblico presente, escludendo nella partecipazione piuttosto che nell’informazione tanti e tanti che non hanno la fortuna di avere un contesto agevole intorno faremmo come quelli che invitati non entrarono, perché di guardia ai cancelli, e non fecero entrare alla mensa del Signore che chiama tutti.

Come non fa bene quell’educatore che separa i bambini nel gioco che naturalmente invece avvicina tutti, così non fa bene quel formatore che separa i giovani nel dialogo perché crea che differenze di ceto ‘artificialmente’ li dove nella naturalezza Dio getta le sue reti e costruisce i suoi ponti.

In fondo questi giovani che scrivono sui muri e attaccano i loro manifesti gridano la loro presenza; fa tenerezza che inizino a urlare di fronte alle chiese di Ostia. Non possiamo allora che concludere con il valore che Papa Francesco da al ‘grido’ degli uomini:

Il Signore è lì, presente, infatti, attende - per così dire - che siamo noi a coinvolgerlo, a invocarlo, a metterlo al centro di quello che viviamo. Il suo sonno provoca noi a svegliarci. Perché, per essere discepoli di Gesù, non basta credere che Dio c’è, che esiste, ma bisogna mettersi in gioco con Lui, bisogna anche alzare la voce con Lui, gridare a Lui; sentite questo: bisogna gridare a Lui. La preghiera, tante volte, è un grido: “Signore, salvami!”. (Angelus, 27 Marzo ’20)

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/09/2021
0307/2022
San Tommaso apostolo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Da un lettore che non vuole leggerci più

Dalla rubrica delle lettere tutti i giorni presente sul giornale, la missiva di un lettore critico e la risposta puntuta del direttore Mario Adinolfi

Leggi tutto

Società

Francesco, la Chiesa, il potere e la coscienza

Rinnovate polemiche sulle dichiarazioni di Papa Francesco di ritorno dal Messico. Titoli divisi tra “Non mi immischio” e “Trump non è cristiano”, ma quando il problema non è di buona o cattiva fede è proprio il concetto di “coscienza” a risultare pressoché alieno, malamente rimpiazzato com’è da “privacy”. In un mondo in cui lo smartphone è diventato il “sacramento della coscienza”, i continui rinvii del Pontefice tracciano un Leitmotiv del magistero

Leggi tutto

Chiesa

Eutanasia, in Vaticano la Nuova Carta: giro di vite

Hanno scritto che “Francesco apre al fine-vita”, mentre tutta la notizia consiste nell’annuncio (!) di una revisione della Carta degli Operatori Sanitari, la quale sarà resa pubblica nella giornata mondiale del malato (11 febbraio, a Lourdes). Si tratta di un aggiornamento che chiarisce punti controversi

Leggi tutto

Chiesa

Il santo dell’apologetica francese dell’800

Uomo di pensiero e di azione, Federico Ozanam è per gli universitari del nostro tempo, professori e studenti, un modello di impegno coraggioso capace di far udire una parola libera ed esigente nella ricerca della verità e nella difesa della dignità di ogni persona umana». Così Giovanni Paolo II, beatificandolo a Notre Dame, nel 1997, definiva il santo cui è stato assegnato uno dei posti più in ombra del calendario cattolico, la casella odierna, riempita dalla Vergine.

Leggi tutto

Politica

Lo stato non ci pensa e lo farà la Chiesa

La diocesi di Brescia finanzia bandi diocesani per borse di studio in favore di famiglie a basso reddito che optano con i loro figli per le paritarie. Giusto ma, alla lunga, pericoloso… Il Rapporto 2017 sulla
scuola cattolica, infatti, certifica la deresponsabilizzazione dello Stato nei confronti dell’esercizio di un diritto-dovere dei genitori costituzionalmente (e internazionalmente) sancito

Leggi tutto

Politica

Verona, Roma, Vaticano: le tre giornate sull’aborto

Chiunque si permette di mettere in discussione “conquiste” consolidate viene linciato

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano