Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Aborto e referendum, il vescovo di San Marino: ogni uomo ha diritto a vivere

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

I cittadini della Repubblica di San Marino, abitato da poco più di 33 mila persone, domenica 26 settembre sono chiamati a esprimersi sul referendum per la depenalizzazione dell’aborto.

Si parla di legalizzazione dell’aborto entro le 12 settimane di gravidanza e anche oltre, in caso di pericolo di vita per la madre o per gravi malformazioni del feto. Il quesito referendario è di tipo propositivo o di indirizzo, intende cioè determinare principi e criteri direttivi a cui il Consiglio Grande e Generale, cioè il parlamento di San Marino, dovrà attenersi nel disciplinare con una legge la materia oggetto del referendum. Si chiede, quindi, ai cittadini di pronunciarsi solo sui casi in cui l’aborto dovrà essere depenalizzato e non sui molti altri aspetti che lo regolamentano come i consultori, l’autorizzazione dei genitori in caso di minorenni, l’obiezione di coscienza e non solo.

La Chiesa è “decisamente contraria”, fa sapere il vescovo di San Marino-Montefeltro, monsignor Andrea Turazzi. Ma con il suo essere venuto alla ribalta, questo argomento “ci ha anche costretto a prendere coscienza di più delle problematiche che sono soggiacenti al referendum”.

Sono sorte due realtà. Una è stata la ripresa della consulta delle aggregazioni ecclesiali laicali. Si sta dimostrando una cosa molto bella, anche di unità, con la disponibilità alla testimonianza e a scendere in campo. Poi c’è stata la nascita di un comitato che giuridicamente si chiama comitato contrario, a cui poi si è dato il nome di comitato “Uno di noi”, che è più autonomo rispetto alla diocesi, perché è volutamente laico, punto di riferimento anche per chi non è cattolico e che però condivide la posizione contro l’aborto. Anche se poi anche per le aggregazioni ecclesiali, ci sono motivazioni di fede e anche di ragione.

Il concepito è un essere umano, sottolinea monsignor Turazzi offrendo tre punti di vista con cui leggere la questione. Innanzitutto mettendosi dalla parte della creatura che ha appena iniziato la sua avventura. “Ogni uomo ha diritto a vivere, poi ci saranno anche altri diritti, ma questo è previo. Quindi, la difesa del nascituro per noi è molto più della difesa di un principio, perché è l’accoglienza di una persona”, sottolinea. L’altro punto di vista riguarda la mamma, soprattutto se è in difficoltà, e bisogna assicurarle accompagnamento e tutela. “E’ inconcepibile”, riafferma, che una mamma debba ricorrere all’aborto per le difficoltà economiche. Il terzo punto di vista riguarda la società che deve anche interrogarsi sui suoi valori fondanti, su come si prenda cura della vita. Allora entrano in ballo discorsi di solidarietà sociale grazie anche al lavoro delle associazioni pro-life.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/09/2021
2605/2022
San Filippo Neri

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

A Milano per parlare di famiglia

Miriano, Adinolfi, padre Botta e Scicchitano rispondono alle polemiche sul convegno in Regione Lombardia

Leggi tutto

Società

Mary Gatter vuole “una Lamborghini”

Così ha detto ridendo l’alta funzionaria di Planned Parenthood nel nuovo video pubblicato ieri dal Center for Medical Progress: si parla di veri e propri “compensi”, non di “rimborsi spesa”; ma «ne deve valere la pena». Planned Parenthood è nel caos per gli affondi ricevuti in quello che si annuncia come un temibile “abortionleaks”: ieri sera è stata diramata una lista di nomi di “anti-choice”, una vera e propria lista di proscrizione. Ora la Richards e i suoi collaboratori accusano gli altri di mentire, laddove gli altri semplicemente pubblicano le dichiarazioni pubbliche dei primi mettendole a confronto con quelle private

Leggi tutto

Società

Famiglia, natura o cultura?

Gianfranco Amato, Costanza Miriano, Franco Nembrini: questo il tridente dell’evento culturale che l’associazione Sunodia schiererà sul palco del Centro Convegni Cavour domani. A tema la questione fondamentale di tutto il diritto familista: se la famiglia sia o non sia una società naturale, dunque unica ed esistente da sempre. L’appuntamento è dunque a Roma nella Sala delle Carte Geografiche, in zona Termini, a partire dalle 10:30 del mattino

Leggi tutto

Società

La famiglia, sola barriera contro la mercificazione dell’uomo

Non solo la natalità biologica, ma pure la genitorialità adottiva è in caduta libera. Vediamo perché...........................

Leggi tutto

Politica

La storia infinita delle case chiuse

Si torna a parlare della riapertura delle case chiuse ma la prostituzione,  non degrada solo la donna. Guasta anche l’uomo. Non bisogna confondere infatti la virilità col virilismo. Quella piaga nota col nome di maschilismo attinge precisamente da questo pozzo avvelenato. Il maschilista è un uomo rimasto solo “maschio”.

Leggi tutto

Società

Le femministe militanti vere complici dello sfruttamento delle donne

Dall’encomio dei rapporti anali all’apologia dell’aborto che “non praticano solo le donne”, una rassegna di cortocirtuiti del femminismo odierno.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano