Società

di Tommaso Ciccotti

La terza dose del vaccino Covid e la dose di vaccino antinfluenzale verranno somministrate insieme

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Con l’inizio dell’invero, case farmaceutiche, scienziati e ministero della salute sono stati colti da un dubbio? Come poter fare la terza dose di vaccino covid e il vaccino antinfluenzale agli italiani? La soluzione appare alle porte: due vaccini in una sola volta!|

L’ipotesi su cui sta lavorando il ministero della Salute è quella di somministrare il vaccino contro l’influenza insieme alla terza dose di vaccino anti-Covid. Il ministero sta preparando la circolare sul “booster”, ovvero sul rinforzo di protezione dato da una nuova somministrazione, che per il momento riguarda le persone anziane e parte del personale sanitario. Ad ottobre, quando finirà il lavoro sulle persone che hanno problemi al sistema sanitario, riceveranno la terza dose le persone che hanno un’età superiore agli 80 anni o quelle che si trovano in una Rsa. Si tratta di una categoria di persone che rientra in quella a cui viene consigliato il vaccino antinfluenzale.

Non ci sono studi che forniscono un’indicazione precisa su come procedere. Negli Stati Uniti hanno deciso per la doppia dose contemporanea, dopo l’indicazione dei Cdc. Si tratta della stessa ipotesi su cui sta lavorando l’Italia. Il ministero ipotizza di effettuare le due iniezioni insieme, una per braccio. Gli esperti hanno dichiarato che l’antinfluenzale è preparato per proteggere contro tre ceppi di influenza, quindi è come se chi lo ricevesse facesse tre vaccini. Somministrando anche il vaccino anti-Covid non aumenterebbe il rischio di reazioni avverse. Il fatto che siano medicinali con diversi meccanismi impedisce, però, di metterli nella stessa fiala.

Da quest’anno, per la prima volta, sono state coinvolte anche le farmacie nella campagna per la vaccinazione antinfluenzale. L’idea è di procedere con accesso diretto. Non è detto che le farmacie si organizzino, però, anche per fare la doppia dose nella seduta per gli over 80. Questa potrebbe essere affidata alle strutture della Asl e dai medici di famiglia. La circolare chiarirà anche un altro aspetto ancora poco chiaro, ovvero quali operatori sanitari dovranno fare la terza dose. Aifa ha dichiarato che il nuovo richiamo va fatto a chi è maggiormente esposto al rischio di infezione. Almeno per iniziare…...

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/09/2021
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

CROSBY E GLI ALTRI CANADESI PARLANO DI EUTANASIA

In molti attendevano la loro presa di posizione che è puntualmente giunta in queste ore.
Eutanasia e suicidio assistito sono totalmente inaccettabili”: è quanto scrive, in una nota, monsignor Douglas Crosby, presidente della Conferenza episcopale del Canada. La dichiarazione del presule arriva dopo che, il 25 febbraio, il “Comitato speciale del governo canadese sull’aiuto medico a morire” ha pubblicato un rapporto intitolato “L’aiuto medico a morire: un approccio incentrato sul paziente” e tutte le polemiche che ne sono seguite.

Leggi tutto

Politica

Volete o non volete cambiare il Paese?

Il Popolo della Famiglia lancia la proposta a tutti gli uomini e le donne “liberi e forti” d’Italia: ora impegnarsi in prima persona

Leggi tutto

Politica

Politica degli annunci e politica dei fatti

Il populismo considera la politica come “mero annuncio”, come vellicazione della pancia, eccitazione degli umori popolari dal basso. Per gli studiosi, i politici e i leader populisti “sono gli annunci che creano i fatti e fanno opinione e da qui la loro rappresentazione politica

Leggi tutto

Politica

Sulla crisi della classe dirigente

La ragione per cui la classe dirigente cattolica che guidò ininterrottamente il governo dalla presidenza del Consiglio dal 1948 al 1981 invece riuscì a mettere in campo politiche che risollevarono un paese in macerie trasformandolo nella quarta potenza industriale del mondo con una rete di welfare capace di tutelare tutto e tutti risiede nel fatto che quella classe dirigente era forgiata dalla dura esperienza della guerra e culturalmente formata da uno studio profondissimo, con uno sguardo dunque rivolto al presente senza dimenticare il medio e lungo periodo

Leggi tutto

Politica

Il vero problema non è il covid ma la denatalità

Per veder rifiorire il Paese dalle macerie della Seconda Guerra mondiale, caro presidente Draghi, le donne italiane fecero tra il 1946 e il 1949 sei milioni di bambini, crescendoli e prestando loro cura pressoché esclusiva, si generò ricchezza per dare loro un futuro degno. Con gli attuali 400mila bambini che nascono l’anno (nel 2021 già si dice che saremo sotto quella soglia) per fare sei milioni di bambini ci vorranno quindici anni. E nel 2036 sarà troppo, troppo tardi. Reddito di maternità, subito. E subito dopo riforma fiscale del quoziente familiare perché è ovvio che i trentamila euro guadagnati da un single devono essere tassati di più dei trentamila euro guadagnati da un padre di famiglia che deve sfamare con quel reddito moglie e tre figli. Un criterio basilare di giustizia sociale richiede che finalmente questa riforma fiscale diventi realtà.

Leggi tutto

Storie

I corto circuiti dell’intelligenza oggi. E domani?

Dove ci porteranno i cortocircuiti dell’intelligenza. Che essi esistano e siano sempre più evidenti e invadenti appare indubitabile.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano