Chiesa

di Giuseppe Udinov

INDIA - I Vescovi si oppongono alla legge anti-conversione

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

I dieci Vescovi cattolici dello stato del Karnataka, nel Sud dell’India, hanno espresso al Primo ministro dello stato, Basavaraj Bommi, profonda preoccupazione per una proposta di legge che intende vietare le conversioni religiose nello stato. Guidando una delegazione Mons. Peter Machado, Arcivescovo di Bangalore, ha presentato, al primo ministro, un Memorandum su varie questioni che toccano la vita dei cristiani in Karnataka. Secondo l’Arcivescovo Machado, agitare lo spauracchio di “conversioni forzate” è dannoso e inutile, e la Chiesa cattolica esprime tutto il suo disappunto.

La comunità cristiana nello stato gestisce centinaia di scuole, collegi e ospedali in varie diocesi. E milioni di studenti studiano in istituti educativi gestiti da cristiani. Milioni di persone beneficiano di queste istituzioni. A nessuno di costoro - sottolineano i Vescovi - si consiglia di abbracciare il cristianesimo. Potrebbero essersi verificati alcuni casi minori, ma sono stati gonfiati a dismisura, ha affermato l’Arcivescovo Machado. “La proposta di legge anti-conversione ha lo scopo di diffamare il cristianesimo”, ha sottolineato l’Arcivescovo. La comunità cristiana infatti, si assume la piena responsabilità morale di non indulgere in alcun modo nel promuovere conversioni forzate: “Non costringiamo nessuno”, ha specificato con vigore.

Nel Memorandum consegnato al Primo Ministro, i Vescovi notano che qualsiasi legge anti-conversione potrà causare “problemi nei rapporti inter-comunitari e disordini non necessari” , generando dichiarazioni e reazioni controverse e portando subbuglio nella società e nelle comunità religiose.

Il 21 settembre, Goolihatti Shekhar, membro dell’Assemblea legislativa statale e appartenente al partito nazionalista indù Bharatiya Janata Party (BJP), ha sollevato la questione nel Parlamento dicendo: “I missionari evangelici cristiani stanno indulgendo in una dilagante campagna di conversione religiosa nel mio collegio elettorale di Hosadurga. Hanno convertito al cristianesimo circa 20.000 persone di religione indù”.

In risposta a questo appunto, il presidente della Assemblea legislativa, Visheshwara Hegde Kageri, ha affermato che molti stati dell’India hanno già emanato leggi per frenare le conversioni religiose e ha proposto che il Karnataka possa avere una legge simile. Intervenendo nel dibattito, il ministro dell’Interno Araga Jnanedra ha affermato che il governo del Karnataka studierà le leggi in materia di altri stati e presenterà una propria versione. Il governo statale - ha detto - intende approfondire la questione per porre fine alle conversioni religiose operate con la forza e altre lusinghe.
La Costituzione indiana prevede che i cittadini abbiano la libertà di “professare, praticare e propagare” la religione. Tuttavia diversi stati della Federazione indiana hanno attuato e promulgato leggi o regolamenti per scoraggiare o vietare le conversioni religiose: sono Odisha, Uttar Pradesh, Arunachal Pradesh, Chhattisgarh, Gujarat, Jharkhand, Himachal Pradesh, Madhya Pradesh e Uttrakhand.

Il Karnataka è governato dal partito BJP, al cui interno membri e politici si dimostrano ostili alle comunità religiose minoritarie. Seguendo una ideologia diffusa nel BJP (la cosiddetta “Hindutva”), alcuni vorrebbero trasformare l’India da paese laico a stato teocratico indù.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/09/2021
0812/2022
Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

PAKISTAN - Libertà su cauzione per tre cristiani accusati di blasfemia

Come nota la Commissione nazionale “Giustizia e Pace” (NCJP) dei Vescovi cattolici del Pakistan, sono sei i cristiani accusati di blasfemia ai quali è stata concessa la libertà su cauzione nel 2022.
Secondo il “Center for Social Justice”, sono 1.949 persone accusate in base alle leggi sulla blasfemia dal 1987 al 2021. Questo numero include 928 musulmani, 643 ahmadi, 281 cristiani, 42 indù e 55 di fede non nota.

Leggi tutto

Chiesa

POLONIA - In arrivo “Il Sinodo missionario dei bambini 2022”

Rappresentano 33 diocesi della Polonia i bambini che si daranno appuntamento a Varsavia sabato prossimo, 17 settembre, per il “Sinodo missionario” a loro dedicato.

Leggi tutto

Storie

PARAGUAY - Laici in cammino per la chiesa

Promuovere la formazione dei laici che partecipano attivamente alla vita e alla missione delle Chiese locali e delle comunità, come battezzati e figli di Dio

Leggi tutto

Storie

Beati don Bernardi e don Ghibaudo

Vittime il 19 settembre 1943 dell’eccidio di Boves, il primo compiuto dai nazifascisti in Italia, don Giuseppe e don Mario erano rispettivamente parroco e vice parroco della cittadina piemontese che cercarono di salvare pagando con la loro vita.

Leggi tutto

Chiesa

Monsignor Paglia: cure palliative difendono l’umano

In occasione della Giornata nazionale della cure palliative, il presidente della Pontificia Accademia per la Vita ricorda l’importanza della terapia del dolore, divenuta un diritto del malato con la legge 38 del 2010.

Leggi tutto

Storie

Film su sant’Andrea Kim

“Il film ‘A Birth’ narra la vita di Sant’Andrea Kim Taegon. Gli esempi e le virtù del nostro santo ci pongono domande spirituali su come vivere oggi. Il titolo del film vuole riferirsi alla nascita di Sant’Andrea Kim nei nostri cuori, che non è altro se non la risurrezione e la vita in Cristo dentro ciascuno di noi”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano