Chiesa

di Giuseppe Udinov

INDIA - I Vescovi si oppongono alla legge anti-conversione

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

I dieci Vescovi cattolici dello stato del Karnataka, nel Sud dell’India, hanno espresso al Primo ministro dello stato, Basavaraj Bommi, profonda preoccupazione per una proposta di legge che intende vietare le conversioni religiose nello stato. Guidando una delegazione Mons. Peter Machado, Arcivescovo di Bangalore, ha presentato, al primo ministro, un Memorandum su varie questioni che toccano la vita dei cristiani in Karnataka. Secondo l’Arcivescovo Machado, agitare lo spauracchio di “conversioni forzate” è dannoso e inutile, e la Chiesa cattolica esprime tutto il suo disappunto.

La comunità cristiana nello stato gestisce centinaia di scuole, collegi e ospedali in varie diocesi. E milioni di studenti studiano in istituti educativi gestiti da cristiani. Milioni di persone beneficiano di queste istituzioni. A nessuno di costoro - sottolineano i Vescovi - si consiglia di abbracciare il cristianesimo. Potrebbero essersi verificati alcuni casi minori, ma sono stati gonfiati a dismisura, ha affermato l’Arcivescovo Machado. “La proposta di legge anti-conversione ha lo scopo di diffamare il cristianesimo”, ha sottolineato l’Arcivescovo. La comunità cristiana infatti, si assume la piena responsabilità morale di non indulgere in alcun modo nel promuovere conversioni forzate: “Non costringiamo nessuno”, ha specificato con vigore.

Nel Memorandum consegnato al Primo Ministro, i Vescovi notano che qualsiasi legge anti-conversione potrà causare “problemi nei rapporti inter-comunitari e disordini non necessari” , generando dichiarazioni e reazioni controverse e portando subbuglio nella società e nelle comunità religiose.

Il 21 settembre, Goolihatti Shekhar, membro dell’Assemblea legislativa statale e appartenente al partito nazionalista indù Bharatiya Janata Party (BJP), ha sollevato la questione nel Parlamento dicendo: “I missionari evangelici cristiani stanno indulgendo in una dilagante campagna di conversione religiosa nel mio collegio elettorale di Hosadurga. Hanno convertito al cristianesimo circa 20.000 persone di religione indù”.

In risposta a questo appunto, il presidente della Assemblea legislativa, Visheshwara Hegde Kageri, ha affermato che molti stati dell’India hanno già emanato leggi per frenare le conversioni religiose e ha proposto che il Karnataka possa avere una legge simile. Intervenendo nel dibattito, il ministro dell’Interno Araga Jnanedra ha affermato che il governo del Karnataka studierà le leggi in materia di altri stati e presenterà una propria versione. Il governo statale - ha detto - intende approfondire la questione per porre fine alle conversioni religiose operate con la forza e altre lusinghe.
La Costituzione indiana prevede che i cittadini abbiano la libertà di “professare, praticare e propagare” la religione. Tuttavia diversi stati della Federazione indiana hanno attuato e promulgato leggi o regolamenti per scoraggiare o vietare le conversioni religiose: sono Odisha, Uttar Pradesh, Arunachal Pradesh, Chhattisgarh, Gujarat, Jharkhand, Himachal Pradesh, Madhya Pradesh e Uttrakhand.

Il Karnataka è governato dal partito BJP, al cui interno membri e politici si dimostrano ostili alle comunità religiose minoritarie. Seguendo una ideologia diffusa nel BJP (la cosiddetta “Hindutva”), alcuni vorrebbero trasformare l’India da paese laico a stato teocratico indù.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/09/2021
2702/2024
San Gabriele dell'Addolorata

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Madonna dell’Attesa presso giardino chiesa del borghetto dei pescatori

Collocazione statua Maria dei Gigli - Madonna dell’Attesa presso giardino chiesa del borghetto dei pescatori, Ostia Lido

Leggi tutto

Storie

Nuovo vescovo a Taungngu

Fondata dai missionari del Pime nella seconda metà del XIX secolo, la diocesi ha un nuovo pastore: mons. John Saw Gawdy. Da qui provengono cinque giovani che da poco più di un anno continuano la preparazione al sacerdozio nel seminario di Monza.

Leggi tutto

Chiesa

VATICANO - Il 16 settembre la benedizione della statua di sant’Andrea Taegon

Una statua in marmo di Sant’Andrea Kim Taegon (1821-1846), il primo sacerdote e martire della Corea, sarà installata in una nicchia fuori dalla Basilica di San Pietro e benedetta il 16 settembre prossimo, giorno della “nascita al cielo” di Sant’Adrea. L’idea, sostenuta e promossa dalla Conferenza Episcopale della Corea, nata a conclusione delle celebrazioni per commemorare il 200° anno di nascita del santo e riunirà a Roma una folta delegazione di oltre 300 membri della Chiesa coreana che giungeranno in Vaticano per l’occasione, tra Vescovi, sacerdoti, religio

Leggi tutto

Chiesa

Un bosco simbolico sul sagrato di San Pietro

Una scenografia multiforme di arbusti, graminacee, erbacee e fioriture è l’installazione green realizzata da Confagricoltura e Assoverde che farà da cornice a “Together - Raduno del Popolo di Dio”, la veglia presinodale che si svolgerà il 30 settembre, in Piazza San Pietro.

Leggi tutto

Chiesa

Pizzaballa: temo una guerra molto lunga

Il cardinale patriarca latino di Gerusalemme, rientrato in Israele, esprime dolore e angoscia per quanto accade in Medio Oriente, rassicura sulle condizioni dei cristiani a Gaza e sollecita la comunità internazionale

Leggi tutto

Chiesa

I 400 anni dell’elezione di papa Urbano VIII

Numerose le iniziative promosse dal Comitato nazionale per il quarto centenario dell’elezione papale di Urbano VIII (1623-2023) con il sostegno di diverse istituzioni culturali pubbliche e private. Obiettivo degli organizzatori è “restituire ai cittadini italiani una conoscenza e una rilettura del suo papato come chiave di volta di un secolo - il ‘600 - che è stato rivalutato solo negli ultimi decenni e che merita di essere portato alla luce”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano