Società

di Roberto Signori

PAKISTAN - Il governo riconosce i servizi delle scuole cattoliche

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“In questa epoca, educare gli altri è l’atto più virtuoso. Conosciamo le sfide che le scuole cattoliche e gli insegnanti stanno affrontando, riconosciamo il vostro ingegno, gli sforzi straordinari e il duro lavoro per i nostri studenti. Vi rendiamo omaggio per i grandi servizi per il contributo dato allo sviluppo della nazione nella nostra Provincia del Sindh. Le Scuole Missionarie sono la spina dorsale della conoscenza e della cultura nel nostro Paese, impartiscono un’istruzione di qualità e olistica a un prezzo accessibile”: è quanto ha affermato Syed Sardar Ali Shah, Ministro provinciale dell’Istruzione nella Provincia pakistana del Sindh, in un incontro con i presidi e gli insegnanti delle scuole cattoliche tenutosi a Karachi.

Syed Sardar Ali Shah ha aggiunto: “Questo riconoscimento per i vostri eccezionali servizi parte da un passato lontano. Voi contribuite all’istruzione del popolo da più di 160 anni, molto prima della nascita del Pakistan e della nascita dei fondatori del nostro Paese. Non è facile gestire scuole senza il sostegno del Governo. Apprezziamo la vostra opera che continuare senza alcun sostegno finanziario del governo”.
Il Ministro ha concluso: “Visiterò le vostre scuole in particolare quelle che sono state annunciate come edifici storici per affrontare e risolvere i problemi esistenti. Faremo del nostro meglio per restaurare gli edifici di valore storico”.
L’evento, co-organizzato dal Ministero per l’Istruzione e dell’associazione degli Scout di Karachi, intendeva rendere omaggio ai presidi, agli insegnanti e ai membri del personale delle istituzioni educative missionarie, per il loro impegno esemplare nel garantire istruzione ai giovani del Pakistan.ì Erano presenti anche sacerdoti, suore e fedeli della provincia del Sindh. Uno speciale riconoscimento è stato consegnato al preside e al personale della “St. Joseph’s Convent School” di Karachi per il servizio nel campo dell’istruzione offerto a partire dal dal 1862.

Rafiah Mallah, vicedirettore del ministero per l’ufficio che sovrintende delle scuole private nel Sindh, ha dichiarato: “Rendiamo omaggio alle scuole missionarie per aver impartito un’istruzione di eccellenza, contribuendo al futuro della nostra nazione con la massima sincerità e dedizione e per aver fornito pari opportunità opportunità di apprendimento per bambini di diversa estrazione etnica e religiosa con grande amore e cura”.
Sr. Elizabeth Niamat FC, Direttrice della St. Joseph’s Convent Schoolha sottolineato: “Siamo grati al Governo per aver riconosciuto e apprezzato le nostre scuole missionarie, assicurando il suo sostegno. Questo apprezzamento ci permetterà di continuare la nostra missione nell’ educare i bambini con zelo e dedizione”.

Secondo le statistiche del ministero, nella provincia del Sindh sono attive 116 scuole cattoliche di ogni ordine e grado: 60 sono a Karachi e 56 nelle altre città e paesi della provincia. Vi sono iscritti 56.242 studenti (molti dei quali musulmani) e 5.618 insegnanti,

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

27/09/2021
2810/2021
San Simone Apostolo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Il Papa delle parole chiare

Il merito principale di Papa Francesco è quello di adottare un linguaggio privo di ambiguità

Leggi tutto

Media

La presenza politica dei cattolici secondo Torriero

Dopo avere ascoltato, ascoltato e ancora ascoltato Fabio Torriero, sento confermati i pensieri nati in questi mesi di attività politica con il Popolo della Famiglia. Ciascuno di noi, come cattolico e come cittadino, ha il dovere di attivarsi nella polis, a favore della comunità, per il bene comune, secondo le proprie possibilità, i propri talenti, i propri impegni. Ma deve farlo. Non c’è più tempo. Il nostro disimpegno ha creato un vuoto che altri hanno riempito, attraverso l’imposizione di una nuova antropologia. Si può, si deve coniugare preghiera ed azione: la prima sia carburante per le nostre mani, le nostre gambe, la nostra mente. Ma, perché l’impegno dei cattolici in politica si traduca in attività proficue ed efficaci, non si può prescindere da una formazione strutturata, organizzata, che coinvolga tutto il Popolo della Famiglia. È importante comunicare bene agli altri - cattolici e non - perché siamo nati, in che direzione andiamo e quali sono le nostre battaglie.

Leggi tutto

Politica

Giustizia, giudici e diritti civili da centrodestra a centrosinistra

Confrontiamo i temi giudiziari nell’arco costituzionale in vista delle politiche di marzo 2018

Leggi tutto

Politica

Il Popolo della Famiglia è la sola alternativa

Il Popolo della famiglia, oggi sta continuando a seminare. Oggi mette sempre al centro la buona politica: il fare per l’altro. Oggi continua sempre di più il suo operato. Ci siamo e stiamo continuando a radicarci in tutto il territorio italiano e nelle politiche del 4 Marzo, nonostante tutto e tutti ci siamo presentati in autonomia, 220mila persone hanno sbarrato il nostro simbolo. 220 mila per molti una sconfitta ma per noi, per me rappresentano un INIZIO. Alle amministrative abbiamo superato in molti comuni l’1% e non è scontato.

Leggi tutto

Politica

informarsi-e-formarsi-per-la-politica

La formazione è ciò che ha permesso al Pci di perpetuare nei decenni una classe dirigente che producesse ceto politico e che al contempo detenesse l’egemonia culturale nel Paese (perfino quando il ceto politico era all’opposizione). Essa non può tuttavia illudersi di partire dalla pubblicazione di date e corsi a cui iscriversi: occorre una selezione previa basata sull’attivismo giovanile.

Leggi tutto

Politica

La scritta in piccolo

Mentre è in corso una campagna elettorale nelle parrocchie i sacerdoti e anche i fedeli più timorati ci dicono sempre che “la politica non si fa in chiesa” e me l’hanno ripetuto così tante volte che quasi mi convincevano. Io in realtà penso che se su alcuni temi non si vuole soccombere le parrocchie dovrebbero assolutamente unirsi e organizzarsi politicamente, il Popolo della Famiglia in fondo è un’avanguardia di questa idea, ma accetto la regola: fuori dalle chiese, facciamo iniziative per strada (domani a Tor sapienza), in un salone affittato (lunedì a San Giovanni), nei ristoranti (mercoledì a Ostia

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano