Società

di Roberto Signori

PAKISTAN - Il governo riconosce i servizi delle scuole cattoliche

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“In questa epoca, educare gli altri è l’atto più virtuoso. Conosciamo le sfide che le scuole cattoliche e gli insegnanti stanno affrontando, riconosciamo il vostro ingegno, gli sforzi straordinari e il duro lavoro per i nostri studenti. Vi rendiamo omaggio per i grandi servizi per il contributo dato allo sviluppo della nazione nella nostra Provincia del Sindh. Le Scuole Missionarie sono la spina dorsale della conoscenza e della cultura nel nostro Paese, impartiscono un’istruzione di qualità e olistica a un prezzo accessibile”: è quanto ha affermato Syed Sardar Ali Shah, Ministro provinciale dell’Istruzione nella Provincia pakistana del Sindh, in un incontro con i presidi e gli insegnanti delle scuole cattoliche tenutosi a Karachi.

Syed Sardar Ali Shah ha aggiunto: “Questo riconoscimento per i vostri eccezionali servizi parte da un passato lontano. Voi contribuite all’istruzione del popolo da più di 160 anni, molto prima della nascita del Pakistan e della nascita dei fondatori del nostro Paese. Non è facile gestire scuole senza il sostegno del Governo. Apprezziamo la vostra opera che continuare senza alcun sostegno finanziario del governo”.
Il Ministro ha concluso: “Visiterò le vostre scuole in particolare quelle che sono state annunciate come edifici storici per affrontare e risolvere i problemi esistenti. Faremo del nostro meglio per restaurare gli edifici di valore storico”.
L’evento, co-organizzato dal Ministero per l’Istruzione e dell’associazione degli Scout di Karachi, intendeva rendere omaggio ai presidi, agli insegnanti e ai membri del personale delle istituzioni educative missionarie, per il loro impegno esemplare nel garantire istruzione ai giovani del Pakistan.ì Erano presenti anche sacerdoti, suore e fedeli della provincia del Sindh. Uno speciale riconoscimento è stato consegnato al preside e al personale della “St. Joseph’s Convent School” di Karachi per il servizio nel campo dell’istruzione offerto a partire dal dal 1862.

Rafiah Mallah, vicedirettore del ministero per l’ufficio che sovrintende delle scuole private nel Sindh, ha dichiarato: “Rendiamo omaggio alle scuole missionarie per aver impartito un’istruzione di eccellenza, contribuendo al futuro della nostra nazione con la massima sincerità e dedizione e per aver fornito pari opportunità opportunità di apprendimento per bambini di diversa estrazione etnica e religiosa con grande amore e cura”.
Sr. Elizabeth Niamat FC, Direttrice della St. Joseph’s Convent Schoolha sottolineato: “Siamo grati al Governo per aver riconosciuto e apprezzato le nostre scuole missionarie, assicurando il suo sostegno. Questo apprezzamento ci permetterà di continuare la nostra missione nell’ educare i bambini con zelo e dedizione”.

Secondo le statistiche del ministero, nella provincia del Sindh sono attive 116 scuole cattoliche di ogni ordine e grado: 60 sono a Karachi e 56 nelle altre città e paesi della provincia. Vi sono iscritti 56.242 studenti (molti dei quali musulmani) e 5.618 insegnanti,

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

27/09/2021
0812/2022
Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

L’Argentina e l’aborto

Sembra provvidenziale questa retiterata volontà del Presidente argentino Macri di impedire la legalizzazione dell’aborto nel Paese sudamericano. Infatti, negli stessi giorni in cui il Capo di Gabinetto del Presidente della Repubblica Marcos Peña dichiara ufficialmente che, la depenalizzazione dell’omicidio del concepito nel grembo materno, «non è nei programmi» del Governo (cfr. Marcos Peña: “No está en agenda avanzar” con la legalización del aborto, “La Nación”, 22 de noviembre de 2016), il Nobel per la Letteratura Daniel Mantovani (“El ciudadano ilustre”), descrive un Paese alla ricerca delle proprie «radici europee» e «di una forte e coesiva identità nazionale» (cit. in L’Argentina, un Nobel in ritardo e la ricerca dell’identità nazionale, “Il Corriere della Sera”, 23 novembre 2016, p. 41). E quali possono essere queste “radici europee” se non quelle dell’umanesimo cristiano? Nella vigente Costituzione argentina del resto il Parlamento è chiamato fra l’altro a «dettare un regime di sicurezza sociale speciale» per il bambino anche «durante la gravidanza» (art. 75, co. 23). Per l’ordinamento nazionale appunto l’aborto è ammesso solo in caso di pericolo di vita, stupro o grave pregiudizio per la salute fisica della donna.

Leggi tutto

Politica

Omofobia in Umbria: si fa presto a dire “legge”

Lo statuto speciale della regione italiana a più alta concentrazione di santi ha permesso il varo di tante leggi regionali, la cui inefficacia dimostra il marchio ideologico

Leggi tutto

Politica

Dieci faq per i militanti del Popolo della Famiglia

Ora che le liste sono state consegnate e accolte in tutti i 97 collegi del Paese, comincia la parte più faticosa in vista del 4 marzo: la vera e propria campagna elettorale, con i dibattiti televisivi in par condicio e le discussioni in ogni angolo della nazione, fin dal fruttivendolo e dal barbiere. Per essere incisivo un piccolo movimento politico deve anzitutto uscire dall’anonimato in cui perlopiù vaga il suo simbolo. Oltre a questo, c’è tutta una ridda di questioni più o meno ricorsive che per comodità vengono qui compendiate in un decalogo. Evitare di dissipare tempo ed energie è il motto.

Leggi tutto

Chiesa

Beatificazione di padre Tiburcio Arnaiz Munoz

Tiburcio Arnaiz Muñoz nacque a Valladolid, in Spagna, l’11 agosto 1865. I suoi genitori, Ezequiel e Romualda, di professione tessitori, lo portarono al fonte battesimale della parrocchia di Sant’Andrea due giorni dopo la nascita, nel giorno in cui si ricorda appunto san Tiburzio. Ad appena cinque anni, rimase orfano di padre. Sua madre, allora, cercò in ogni modo di mantenere sia lui che l’altra figlia, Gregoria, che aveva sette anni in più. Anni dopo, lui raccontò che da piccolo, una notte, ebbe un incubo: sognò di cadere all’inferno. Impaurito, chiamò sua madre, ma lei non lo sentì. Sempre più terrorizzato, invocò la Madonna Addolorata, che gli apparve dicendo: «Non cadi all’inferno né mai vi cadrai» e lo coprì col suo manto.

Leggi tutto

Storie

TURCHI, CURDI E LA BONINO PRIMA DELL’APERICENA

Abbiamo una insopprimibile necessità di iscriverci a una curva, perché sui social così possiamo distillare perle di saggezza che ovviamente sono solo maldestre copiature dei riassunti del mainstream, ingaggiando feroci quanto inutili flames con gli appartenenti alla fazione opposta. Ne muore, così, la reale e profonda comprensione dei fenomeni che sono sempre complessi persino se parliamo di Temptations Island, figuriamoci se ci azzardiamo a discettare di una guerra.
Allora, proviamo a spiegarla questa guerra. Così ci risparmieremo scene oscene tipo il massacro sui social di Under e Demiral, due ragazzi turchi che giocano nella Roma e nella Juve che come tantissimi ragazzi turchi sono cresciuti considerando quella curda come una grave minaccia e ora si schierano con la loro patria salutando i loro coetanei connazionali in guerra.

Leggi tutto

Politica

Green pass per tutti a lavoro

.L’obiettivo è dare alla campagna vaccinale la spinta necessaria a raggiungere entro la metà di ottobre l’80% della popolazione. Ai lavoratori, ma anche ai sindaci, ai governatori, ai vertici istituzionali, viene dato un mese per adeguarsi, con la prima dose di vaccino. Poi dalla metà di ottobre per accedere ai luoghi di lavoro se non vaccinati o guariti dal Covid dovranno fare un tampone ogni 48 ore (72 ore se molecolare), altrimenti incorreranno nella sospensione dal lavoro o dallo stipendio e in multe fino a 1500 euro.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano