Politica

di Mirko De Carli

Senza fallimento non si può vincere

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sono ore di forte sconforto per quanto accaduto con il referendum sull’aborto tenutosi nel weekend a San Marino: il 77% dei cittadini ha votato per la legalizzazione della pratica abortiva. Ci si poteva aspettare un esito diverso? Credo proprio di no. Possiamo pensare di costruire una cultura della vita alternativa alla dilagante “non cultura” della morte partendo da quel 23% che ha votato contro? Difficile, perché in politica le regole della matematica non valgono. Serve un serio e profondo esame di coscienza. In questa analisi mi vengono in soccorso le lunghe conversazioni, anche pubbliche, con un amico come Gabriele Mangiarotti: più volte abbiamo gridato l’urgenza di una presenza capace di testimoniare e non solo spiegare perché la vita merita una tutela legale sempre e comunque e che accettare l’aborto significa promuovere un vero e proprio omicidio di Stato. Questo lavoro meticoloso quasi certamente non avrebbe costituito le condizioni per una vittoria (difficile davanti alla campagna massiva e ben finanziata pro aborto) ma avrebbe irrobustito la consapevolezza di molti nel non arrendersi al pensiero unico, anche dopo l’esito referendario nefasto, e promuovere (dentro e fuori le istituzioni) una cultura di vita animata dal principio inossidabile dell’obiezione di coscienza. Abbiamo invece dovuto constatare che le contro campagne mediatiche con messaggi e immagini forti hanno allontanato buona parte di quella maggioranza silenziosa che ancora vive la quotidianità della comunità ecclesiastica e che non ha sentito sue (purtroppo) le regioni profonde per dire no a una deriva pericolosa che parte dall’aborto, passa dall’utero in affitto e arriva all’eutanasia. Per questo è necessario essere presenti con la propria testimonianza ogni giorno: in ospedale, nelle istituzioni e nella comunità. Spiegando una cosa molto semplice: una società che non fa figli e che li uccide prima che nascano non ha futuro. Non si tratta di un dogma di fede, si tratta di una regola aurea della sociologia contemporanea. Il Popolo della Famiglia è in campo dal 2016 per queste ragioni, per porre all’attenzione dei più queste evidenze “autoevidenti”, e per questo il prossimo 3/4 ottobre chiede il vostro voto per far sentire più forte la voce della vita nelle istituzioni.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

28/09/2021
2611/2022
San Leonardo da Porto Maurizio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Se questo è un uomo ed il diritto alla vita

Ci troviamo ancora una volta davanti ad un sopruso mascherato da legge. Lo Stato vuole uccidere un bambino che i genitori vogliono provare a salvare. A Liverpool si vuole togliere la vita ad un bimbo usando un vero e proprio abuso di potere. Ricordiamoci che ‘sbagliato è sbagliato’ anche se l’errore è mascherato da una legge!

Leggi tutto

Società

GENDER X, FOLLIE DA SUICIDIO

La decisione del consiglio comunale di New York di consentire ai genitori per motivi evidentemente ideologici di inventarsi figli di “gender X” equivale ad aver deciso per quello sfortunato bambino la consegna al tentativo di suicidio entro i vent’anni, con probabilità superiore a uno su due. Frattanto in Italia è morto il primo ragazzo per Fentanyl, per i giochi perversi degli adulti sulla pelle dei figli.

Leggi tutto

Società

Utero in affitto: un’ostetrica scrive in lettera aperta a Roberto Saviano

«Avere un figlio è un piacere [sic!] che nessuno può vedersi negato»? Una professionista dell’accompagnamento alla genitorialità risponde al filosofo.

Leggi tutto

Politica

DOCUMENTO FINALE DELL’ASSEMBLEA NAZIONALE DEL PDF

È stata ribadita l’appartenenza al solco del popolarismo italiano ed europeo, è stata data indicazione di dieci obiettivi precisi come progetto programmatico del PdF, è stato confermato l’orizzonte di forza politica autonoma di governo alternativa a Pd e M5S, con la priorità di crescere per numero di eletti nelle amministrazioni locali anche stringendo intese con altre forze sempre salvaguardando identità e visibilità del simbolo

Leggi tutto

Politica

Mario Adinolfi, il cavaliere nero

Su Reteluna è uscita una lunga intervista, per chi è proprio molto curioso di alcuni dettagli sulla vita vita presente e passata di Mario Adinolfi: “Ho imparato che conta solo ciò che dura. Quanto alla visibilità, non l’ho mai cercata: mica ci guadagni nulla se finisci cento volte su Dagospia”.

Leggi tutto

Società

Quando il cioccolato aiuta la disabilità

Eurochocolate è ormai un evento e un appuntamento imperdibile per tutti i golosi e gli appassionati di cioccolato con oltre 6.000 prodotti italiani e internazionali presentati da più di 100 firme del dolciario artigianale e industriale, Il claim di questa 27esima edizione è la frase, volutamente ironica “Ne abbiamo piene le scatole” Ed Eurochocolate si è dichiarata pronta ad esprimersi nel migliore dei modi usando il cacao e il cioccolato presentato in modi nuovi e insoliti.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano