Politica

di

Perché bisogna votare Il Popolo della Famiglia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Questo appello non è evidentemente rivolto a chi ha già deciso il suo voto: se ha scelto di non sostenere il Popolo della Famiglia, auguri a lui e al partito prescelto.

Oggi voglio rivolgetemi a te che non sai ancora per chi votare, che stai cercando di farti un’idea chiara ma in mezzo a questa improvvisa valanga propagandistica non sai se pencolare dalla parte del solito voto a naso turato o liberarti finalmente con un voto sorridente e di coscienza, qual è quello che viene dato al Popolo della Famiglia.

Se non sai ancora per chi votare, insomma, voglio presentarti il PdF e far sì che tu lo prenda in considerazione per la scelta che compirai domenica prossima. Ovviamente chi è interessato al PdF ha delle caratteristiche: crede alla centralità della famiglia naturale nella società, difende l’istituto del matrimonio, è per la libertà scolastica, è per il diritto alla vita dal concepimento alla morte naturale, teme per la denatalità e per la reificazione della persona umana che è sottesa a pratiche come l’aborto, l’eutanasia, l’utero in affitto che hanno come comune caratteristica quella di colpire i più deboli, i più indifesi.

Se questi non sono i tuoi presupposti, grazie per l’attenzione, ma non puoi votare Popolo della Famiglia.

Se invece questi sono i principi che credi debbano essere difesi nella sfera pubblica, sappi che noi li chiamiamo principi essenziali e quindi non negoziabili.

Il Popolo della Famiglia si definisce come soggetto politico laico cristianamente ispirato, posto a presidio dei principi essenziali e quindi non negoziabili, che trae fondamento programmatico dalla Dottrina sociale della Chiesa cattolica.

Il PdF è prevalentemente composto da credenti, ma non mancano agnostici e atei che lo hanno sostenuto nelle varie competizioni elettorali già affrontate per la bontà oggettiva del suo programma.

Se sei arrivato con la lettura fin qui, significa davvero che ora si può entrare nella questione cruciale: il voto al Popolo della Famiglia non è forse un voto sprecato?

La risposta è secca: no, il voto al PdF non è per niente un voto sprecato, ma è l’unico voto davvero utile; non ci sono partiti simili al PdF votando i quali si può sostenere una piattaforma programmatica simile.

Ne hanno parlato, sì, tanto. Sempre a ridosso delle campagna elettorali. Poi all’atto pratico per la famiglia si è alzato solo il conto da pagare, per la denatalità non è stata immaginata alcuna soluzione, per il diritto alla vita non si provveduto ad alcuna difesa, anzi, si è legiferato in senso contrario.

Sai perché devi votare Popolo della Famiglia se ancora non hai deciso per chi votare?

Perché si vede che noi crediamo in quel che proclamiamo. Perché per noi vita e famiglia sono ragione stessa della nostra battaglia politica, non accessorio acchiappavoti da campagna elettorale.

Perché quando ci incontri o ci vedi in tv si capisce subito che abbiamo studiato i problemi e proponiamo soluzioni credibili, immediatamente realizzabili, non favole demagogiche.

Perché il Fattore Famigliare nostra caratterizzante proposta, offre l’abbassamento delle tasse in base al numero di figli e la famiglia viene considerata come un’impresa perché i figli sono responsabilità e ricchezza.

Votare Popolo della Famiglia significa gridare il diritto dei cristiani italiani ad un proprio ruolo pubblico, ispirato anche dalla propria fede.

Insieme, con il sorriso sulle labbra, facciamo compiere al Popolo della Famiglia con il tuo voto un passo di crescita verso i prossimi decisivi obiettivi: il PdF entrerà nell’Amministrazione Comunale Torinese, sostenendo il candidato sindaco Paolo Damilano alle elezioni del 3-4- ottobre 2021 e la sua forza deriverà dalla forza che gli vorrai dare adesso.

Unisciti a noi in questo cammino, ogni altro voto ti sembrerà d’averlo davvero sprecato, con noi lo avrai investito in quel che ti sta più a cuore: la tua vita, la tua famiglia.

Qualsiasi sia poi la tua scelta, comunque, buon voto. Che sia una gioia per la tua coscienza.

Il Popolo della Famiglia-Torino

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

29/09/2021
2701/2023
Sant'Angela Merici

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Francesco lo chiede, noi non diserteremo

Eccoci, noi della Croce di certo non disertiamo. Di questo non possiamo essere accusati.

Leggi tutto

Politica

Fillon nuovo idolo del centro-destra

È andata proprio come vi avevamo preannunciato nei giorni scorsi. Francois Fillon è il candidato dei repubblicani nella corsa all’Eliseo della primavera del 2017.
Dopo aver eliminato Nicolas Sarkozy al primo turno (anche se in realtà l’ex presidente si era già giocato la fiducia dei francesi dalla guerra in Libia), è stata una vittoria schiacciante quella riportata contro Juppè. Fillon ha infatti stravinto il ballottaggio con il 67% contro il 33% di Juppè, e tutta la destra appare compattarsi dietro François Fillon, l’uomo che i Républicains hanno deciso di lanciare nella corsa all’Eliseo dopo primarie vinte a valanga.

Leggi tutto

Politica

Il Popolo della Famiglia è quarto polo

Genova, Crema e gli altri comuni: sondaggi indipendenti attestano le liste del PdF a livelli impensabili fino a pochi mesi or sono

Leggi tutto

Media

Cinque cose che non bisogna fare

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Siamo in una contesa dove la critica fa parte del gioco e che ci sparino addosso è nelle cose. Il fuoco amico fa più male, ma è messo nel conto pure quello. Un solo ultimo avvertimento agli amici come Marco Invernizzi: non strumentalizzate mai l’ora che padre Livio vi concede su Radio Maria per attaccare il Popolo della Famiglia. Quando ho fondato il Pdf, in completo accordo con lui, ho voluto sospendere la trasmissione a cui tenevo molto su questa che è l’emittente che più mi è cara: Radio Maria non fa politica e non può con la politica confondersi. ne trarrebbe solo danno. Tutto il resto, poi, sia oggetto di una confronto franco e onesto. Fatevi dire infine da un giocatore di poker che l’idea secondo cui “le minoranze non si devono far contare” somiglia troppo all’atteggiamento del pokerista scarso che vuole vincere giocando sempre in bluff: pensa di essere tanto furbo e tutti gli altri al tavolo glielo fanno credere, perché prima che lui cominciasse a pensare l’hanno già individuato come il pollo da spennare.

Leggi tutto

Storie

Se questo è un uomo ed il diritto alla vita

Ci troviamo ancora una volta davanti ad un sopruso mascherato da legge. Lo Stato vuole uccidere un bambino che i genitori vogliono provare a salvare. A Liverpool si vuole togliere la vita ad un bimbo usando un vero e proprio abuso di potere. Ricordiamoci che ‘sbagliato è sbagliato’ anche se l’errore è mascherato da una legge!

Leggi tutto

Storie

Giocare ad uccidersi ma per davvero

Sembrano lontani anni luce i tempi di Kurt Cobain, in cui un giovane doveva perlomeno avere un vuoto divorante dentro – evidente a tutti benché nessuno potesse (forse) farci nulla – per giungere a suicidarsi. Il nichilismo è tanto assimilato dentro le nostre vene, ormai, che i suicidi della GenerazioneY non cercano neppure pretesti, ma si autodistruggono per troppa noia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano