Politica

di Cristina Zaccanti

Popolo della Famiglia: “Restituire sostegno e fiducia al mondo della scuola e alle famiglie.”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sul tema della scuola il Popolo della Famiglia, che sostiene la candidatura a sindaco di Paolo Damilano, chiede un cambio di rotta rispetto alla amministrazione uscente. “Il quinquennio retto dal sindaco Appendino ha segnato un preciso progetto di svalutazione della scuola e, in particolare, di attacco alla scuola paritaria. Evidente a chiunque che le motivazioni sono di pura ideologia, volte a colpire, in particolare, le scuole cattoliche. Si tenga ben presente che senza le scuole paritarie, che sono scuole pubbliche, la scuola statale, pubblica a sua volta, non sarebbe in grado di fornire il servizio cui è tenuta. Se le scuole paritarie chiudessero, gli allievi dovrebbero essere necessariamente inseriti in strutture statali e comunali, sempre meno adeguate e spesso insufficienti”. “Gli effetti di questa politica scolastica insensata si sono visti fin dall’aprile del 2017. Ne ha denunciati i primi danni la FISM–Torino, in rappresentanza di 57 scuole dell’infanzia paritarie associate, con 5.500 bambini e 560 dipendenti. Responsabile la nuova amministrazione, che stabiliva un’arbitraria riduzione di investimenti, in barba alle convenzioni precedentemente stipulate. Alla generale situazione che, già gravosa, non rende merito, come già sottolineato, al ruolo indispensabile svolto dalle paritarie, non solo a Torino, ma in tutto il territorio nazionale, si sarebbe aggiunta poi la didattica a distanza imposta dalla complessa situazione sanitaria di cui ancora siamo vittime, in un clima sempre più, innegabilmente, pesante.” “Eppure le soluzioni esistono ed il Popolo della Famiglia, con il sindaco Damilano, intende mettere a disposizione tutta la sua carica innovativa tenendo conto di istanze nuove. Oltre a garantire un adeguato supporto economico a tutti gli Istituti paritari comunali che accolgono all’incirca 5.500 bambini (quasi un terzo del totale a livello cittadino) e danno impiego ad oltre 500 persone, per la quasi totalità laici, studierà soluzioni per favorire il sorgere di scuole parentali e paterne”. “Si tratta di iniziative, tutelate dalla legge, che consistono nella possibilità che i genitori si assumano la responsabilità di strutturare un adeguato percorso scolastico, debitamente verificato alla fine dell’anno da commissioni statali. Il personale docente potrà essere costituito dai genitori come da persone da loro stessi individuate, con le necessarie competenze ed un preciso progetto educativo. Un numero di famiglie via via crescente, sempre più consapevoli e informate, intende infatti proteggersi dalle pressioni ideologiche imposte dal sistema e dal pensiero unico, che vorrebbero, ad esempio, inserire nei percorsi didattici della scuola pubblica, sia statale che paritaria, fin dalla fascia d’età 0-3 anni, la mentalità gender, vale a dire l’autodeterminazione sessuale, camuffata da corsi di affettività e di educazione sessuale.” “Inoltre, non si può non tener conto di come sia sempre più diffusa nelle famiglie anche la determinazione a difendersi da una politica vaccinale prevaricante e non accettabilmente motivata. Le iniziative parentali che verrebbero messe in atto sarebbero orientate proprio nell’osservanza di quanto la Costituzione prevede per la cura del bambino, a salvaguardia del primato educativo dei genitori, cui lo Stato deve dare supporto, non imporre coercizioni. Queste nuove soluzioni potranno costituire opportunità lavorative, dando vita a piccole imprese famigliari. È opportuno inoltre contenere il rischio di improvvisazioni messe in atto da quanti vi ravvisassero solo un nuovo “affare” di tipo prevalentemente economico: si tratta in realtà di fornire supporto alle famiglie più disagiate e minacciate”. “La situazione si evolve rapidamente, il PdF resta in ascolto delle reali esigenze e se ne fa carico, conclude la nota.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

29/09/2021
2601/2022
Santi Timoteo e Tito

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Renzi fa campagna per il SÌ ed il centro-destra è allo sbando

Che significa identità? Di quale identità stiamo parlando? Mi sembra che Galli della Loggia colga nel segno quando scrive: “In realtà, se oggi la Destra italiana si ritrova priva di una sua specifica immagine, priva di riconoscibilità, è anche perché essa sconta un vuoto storico della propria identità: vale a dire l’assenza di una vera, effettiva, cultura conservatrice

Leggi tutto

Politica

Elezioni decisive per tutti

Mediante le elezioni siciliane di domenica prossima si misurerà l’intensità dell’avanzata possibile del centrodestra, la tenuta del progetto di governo del Movimento Cinque Stelle, la capacità del Partito democratico di reggere ai venti di tempesta che lo stanno devastando. In gioco ci sono le tre leadership: quella pluridecennale di Silvio Berlusconi, quella appena sancita di Luigi Di Maio e infine quella usurata in pochissimi anni zeppi di errori di Matteo Renzi. Ci sono poi evidentemente altre questioni politiche interessanti che saranno rese analizzabili da questo voto amministrativo: esiste uno spazio reale alla sinistra del Pd? L’estrema destra potrà coagularsi attorno a Casa Pound? Per i cattolici identitari è tempo di un nuovo protagonismo grazie al Popolo della Famiglia? A queste tre domande si risponderà prevalentemente a Roma, mentre il tema sulle tre principali leadership si squaderna prevalentemente in Sicilia. Ma proviamo ad affrontare i punti uno per volta.

Leggi tutto

Società

Carceri e madri, nodo da risolvere

Stavolta nessun bambino ha mangiato per sbaglio il veleno per topi: una spacciatrice in crisi di depressione e verosimilmente di astinenza ha scaravantato per le scale i due figlioletti, uccidendo il minore e tramortendo il maggiore. In linea teorica le soluzioni ci sono, ma la verità è che non possono esistere soluzioni valide per tutte le decine di casi presenti in Italia: occorre valutare singolarmente.

Leggi tutto

Società

Le femministe militanti vere complici dello sfruttamento delle donne

Dall’encomio dei rapporti anali all’apologia dell’aborto che “non praticano solo le donne”, una rassegna di cortocirtuiti del femminismo odierno.

Leggi tutto

Politica

Preparatevi si vota a Giugno

Il voto a Giugno sembra essere sempre più vicino

Leggi tutto

Media

DIALOGO FRANCO TRA IL PDF E AVVENIRE

Ci siamo confrontati con molte difficoltà, ma non con quella di determinare il nostro orizzonte programmatico: siamo ispirati dalla dottrina sociale della Chiesa e ad essa facciamo diretto riferimento. Questo non fa del Popolo della Famiglia un movimento confessionale. Chi legge la nostra quotidiana elaborazione di contenuti, anche attraverso il quotidiano La Croce, sa che ad essa collaborano personalità provenienti non solo dal mondo cattolico, ma anche evangelici, persino islamici, così come agnostici e non mancano gli atei. Certo, l’ossatura del gruppo dirigente del Popolo della Famiglia è composta da cattolici, che danno il segno caratteristico a questo movimento politico nato dopo il tradimento delle ragioni del Family Day operato attraverso il voto favorevole alla legge Cirinnà di moltissimi parlamentari sedicenti cattolici che pure al Family Day erano presenti.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano