Politica

di Laura Terrana

Laura Terrana: candidarsi per essere cambiamento

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Mi viene chiesto spesso: “perché ti candidi?”, “ma sei sicura?”. Io rispondo semplicemente dicendo che è una mia responsabilità. Essere responsabili significa essere dalla parte dei cittadini, dei più deboli, di chi non ha voce. Ci stiamo allontanando dal “fare politica” perché viene vista in negativo, come qualcosa di estraneo a noi e alle nostre vite. Se vogliamo esserci, se vogliamo essere responsabili, se vogliamo essere cambiamento dobbiamo “fare politica” in modo da sentirci parte integrante dello Stato.

Perché candidarsi con il Popolo della Famiglia? Perché nonostante i nostri problemi, le nostre difficoltà, la nostra vita, il nostro lavoro, siamo un popolo che continua a fare esperienza di chiarezza in quanto in questa nostra realtà, dove non c’è più nulla, non c’è lealtà, non c’è passione, non c’è amore, non c’è addirittura: un padre e una madre. Ecco che bisogna essere forti e continuare la “buona battaglia”. Il Popolo della Famiglia porta avanti la buona politica, intesa come ricerca del bene comune, come capacità di interpretare e rappresentare i bisogni delle persone, di orientare il nostro Paese alla cultura della vita; l’importanza di sperare nel futuro; dare spazio alla “questione antropologica” perché la denatalità condanna gli italiani all’estinzione.

Ho deciso di mettermi in gioco per dare voce a chi non ne ha e questo perché le donne in politica hanno un cuore di mamma. Noi donne, noi mamme abbiamo un cuore generoso pronto al fare.

Essere madri significa essere esempio di impegno sociale e civile. Il 3 e il 4 Ottobre vota il Popolo della Famiglia, esprimi la tua preferenza, per continuare a dare una lettura politica e culturale all’altezza del tempo che stiamo vivendo perché per cambiare questo paese, bisogna tornare a sognare, bisogna tornare ad essere politici, tutti. Tutti possono fare i politici, tutti possiamo fare la vera differenza. Esserci, candidarsi, significa testimoniare che la politica è un bene, operando con realismo e prudenza, senza fare promesse che non si possono mantenere.

Occorre un cambio di passo molto più radicale rimettendo a tema il significato dell’azione pubblica e il 3 e il 4 Ottobre puoi scegliere. Si puoi scegliere il Popolo della Famiglia senza se e senza ma.

Siamo fatti per essere il vero cambiamento. Siamo fatti per esserci. Siamo fatti per portare avanti i nostri ideali. I nostri valori. Siamo fatti per essere REALTA’.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

30/09/2021
2305/2022
San Giovanni Battista de' Rossi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Norme anti-covid, le famiglie rinunciano al cinema

A confermarcelo è stato Maurizio Paganelli, gestore di cinque sale cinematografiche: l’Aladdin di Cesena, il Cineflash di Forlimpopoli, l’Astoria, il Saffi di Forlì e una sala a Ferrara.

Leggi tutto

Politica

Buoni e cattivi

Difficile situazione per il governo che come un insegnante che ha perso il controllo della classe, almeno per il momento, sembra promettere premi e comminare punizioni senza più neanche sapere bene perché.

Leggi tutto

Società

L’energia non è una merce, ma una infrastruttura pubblica

Tutti i danni che subiamo dalle privatizzazioni nel mercato dell’energia

Leggi tutto

Politica

Adinolfi: «Omotransfobia? io ricordo Calabresi»

l leader nazionale del Popolo della Famiglia, alleati con il centrodestra alle prossime elezioni comunali di Padova, attacca il sindaco Giordani in vista della giornata dedicata alle vittime di omofobia: «Oggi lisciano il pelo alla lobby e ieri stavano con chi firmava gli appelli affinché il commissario fosse isolato e poi ucciso»

Leggi tutto

Chiesa

Preoccupazioni prive di azioni

Le conclusioni dell’assemblea generale della Cei indicano una serie di problemi, osservano l’avanzata di un’offensiva legislativa contro la famiglia, ma non offrono risposte operative

Leggi tutto

Politica

PDF alle elezioni, le date fondamentali

In appena 90 giorni potremmo trovarci davanti ad un’Italia trasformata dalla grande sorpresa di un’affermazione del Popolo della Famiglia al voto, che si tiene a 65 giorni esatti da adesso. Vale la pena di essere protagonisti di questa lotta per il cambiamento, per la famiglia, per la vita.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano