Politica

di Laura Terrana

Laura Terrana: candidarsi per essere cambiamento

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Mi viene chiesto spesso: “perché ti candidi?”, “ma sei sicura?”. Io rispondo semplicemente dicendo che è una mia responsabilità. Essere responsabili significa essere dalla parte dei cittadini, dei più deboli, di chi non ha voce. Ci stiamo allontanando dal “fare politica” perché viene vista in negativo, come qualcosa di estraneo a noi e alle nostre vite. Se vogliamo esserci, se vogliamo essere responsabili, se vogliamo essere cambiamento dobbiamo “fare politica” in modo da sentirci parte integrante dello Stato.

Perché candidarsi con il Popolo della Famiglia? Perché nonostante i nostri problemi, le nostre difficoltà, la nostra vita, il nostro lavoro, siamo un popolo che continua a fare esperienza di chiarezza in quanto in questa nostra realtà, dove non c’è più nulla, non c’è lealtà, non c’è passione, non c’è amore, non c’è addirittura: un padre e una madre. Ecco che bisogna essere forti e continuare la “buona battaglia”. Il Popolo della Famiglia porta avanti la buona politica, intesa come ricerca del bene comune, come capacità di interpretare e rappresentare i bisogni delle persone, di orientare il nostro Paese alla cultura della vita; l’importanza di sperare nel futuro; dare spazio alla “questione antropologica” perché la denatalità condanna gli italiani all’estinzione.

Ho deciso di mettermi in gioco per dare voce a chi non ne ha e questo perché le donne in politica hanno un cuore di mamma. Noi donne, noi mamme abbiamo un cuore generoso pronto al fare.

Essere madri significa essere esempio di impegno sociale e civile. Il 3 e il 4 Ottobre vota il Popolo della Famiglia, esprimi la tua preferenza, per continuare a dare una lettura politica e culturale all’altezza del tempo che stiamo vivendo perché per cambiare questo paese, bisogna tornare a sognare, bisogna tornare ad essere politici, tutti. Tutti possono fare i politici, tutti possiamo fare la vera differenza. Esserci, candidarsi, significa testimoniare che la politica è un bene, operando con realismo e prudenza, senza fare promesse che non si possono mantenere.

Occorre un cambio di passo molto più radicale rimettendo a tema il significato dell’azione pubblica e il 3 e il 4 Ottobre puoi scegliere. Si puoi scegliere il Popolo della Famiglia senza se e senza ma.

Siamo fatti per essere il vero cambiamento. Siamo fatti per esserci. Siamo fatti per portare avanti i nostri ideali. I nostri valori. Siamo fatti per essere REALTA’.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

30/09/2021
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Bagnasco e l’impegno dei cattolici

La prolusione del Cardinale Angelo Bagnasco al Consiglio permanente della Cei è stata di impressionante nettezza. Il richiamo alla «famiglia come baricentro esistenziale da preservare» è stato condito da una serie di affermazioni che tracciano la strada all’impegno dei cattolici italiani

Leggi tutto

Chiesa

GRILLO E AVVENIRE, ADINOLFI (PDF): M5S È OPPOSTO ALLA CHIESA

Ma cosa hanno in comune la Chiesa ed il Movimento Cinque Stelle. Divergenze di opinioni in corso.

Leggi tutto

Società

Impiccherano Charlie con una corda d’oro

Abbiamo promesso a Charlie ogni giorno che lo avremmo portato a casa. Sembra veramente sconvolgente, dopo tutto quello che abbiamo passato, vederci negato anche questo». Così Connie Yates ha implorato dal mondo il soccorso che possa frapporsi tra loro e l’ultimo sfregio dello spietato nosocomio cui va imputata la morte del bambino. Francis ha stabilito data e ora di morte di Charlie

Leggi tutto

Società

Partito il processo a Cappato: perderà comunque il diritto

L’esponente radicale gioca una carta win-win: o dentro o fuori sarà lui il vincitore morale del gioco

Leggi tutto

Politica

Cattolici: quantità e qualità

I due studi più recenti (Ipsos e Eurispes) concordano su un dato: si definiscono “cattolici” oltre il 70% degli italiani, per Ipsos sono il 74.4%, per Eurispes il 71.1%. Stiamo parlando di circa 45 milioni di persone, una enormità. E infatti se andiamo a cercare i dati sulla pratica religiosa, i cattolici praticanti, quelli che vanno alla messa domenicale sono molti di meno: circa un quarto degli italiani. Ipsos fa una interessante distinzione: l’11.2% lo definisce “cattolico impegnato”, cioè va a messa ed è attivo in parrocchia o nell’associazionismo; poi c’è un 15.8% di “assidui scarsamente impegnati” che dunque vanno a messa una o due volte al mese o anche tutte le settimane ma comunque non avvertono un coinvolgimento né nella dimensione ecclesiale né nell’associazionismo. Il rapporto Ipsos è del novembre 2017, dunque i dati sono recentissimi e sembrano fotografare una condizione di realtà. Volendo fare riferimento ai soli cattolici impegnati, stiamo parlando comunque di un popolo di poco inferiore ai sette milioni di italiani.

Leggi tutto

Società

GENDER X, FOLLIE DA SUICIDIO

La decisione del consiglio comunale di New York di consentire ai genitori per motivi evidentemente ideologici di inventarsi figli di “gender X” equivale ad aver deciso per quello sfortunato bambino la consegna al tentativo di suicidio entro i vent’anni, con probabilità superiore a uno su due. Frattanto in Italia è morto il primo ragazzo per Fentanyl, per i giochi perversi degli adulti sulla pelle dei figli.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano