Chiesa

di Giuseppe Udinov

Cile, i vescovi per la difesa della vita

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Brutte notizie dal Cile. Sono stati 75 i voti a favore, 68 quelli contrari e 2 le astensioni con cui il 28 settembre la Camera dei Deputati del Cile ha approvato il progetto di depenalizzazione dell’aborto entro la 14.ma settimana. Ora la proposta normativa dovrà essere vagliata della Commissione per le donne e l’equità di genere e poi passare all’approvazione del Senato. Intanto, il Comitato permanente della Conferenza episcopale nazionale (Cech) ha diffuso una lunga nota in cui riafferma nettamente che “il valore della vita e la dignità della persona umana sono un fondamento essenziale e inalienabile della vita nella società”, aggiungendo che “la difesa della vita non nata è intimamente legata alla difesa di ogni diritto umano”.

Ricordando, inoltre, che “il primo dei diritti umani è il diritto alla vita, il quale deve essere rispettato dal concepimento alla morte naturale”, i presuli sottolineano che “non uccidere deliberatamente e direttamente un innocente è un assoluto morale il cui riconoscimento e la cui protezione è indispensabile per la vita di una comunità”. Al contempo, la Cech riporta dati scientifici, evidenziando come la biologia confermi che la vita umana “inizia dal momento del concepimento”: il nascituro è sì “dipendente dalla madre, ma non è parte del suo corpo – spiegano i vescovi – bensì è un altro essere vivente e pertanto la sua individualità deve essere rispettata”. Di qui, il richiamo al “rispetto incondizionato della vita umana”, il quale “deve guidare qualsiasi considerazione etica, legislativa, umana e sanitaria di fronte alla realtà di una gravidanza indesiderata”.

Dunque la Chiesa cattolica cilena riconosce l’esistenza di “situazioni umane complesse e talvolta drammatiche che possono derivare da una gravidanza”. Tuttavia, si ribadisce che “niente di tutto questo si risolve con l’eliminazione deliberata di un essere umano indifeso e innocente”, perché “una società si misura dalla sua capacità di prendersi cura dei più deboli e della loro dignità, e non cercando di risolvere i problemi con la violenza”. La preoccupazione dei presuli è anche per le possibili derive della proposta normativa in esame: spesso, infatti, “la legislazione pro-aborto inizia come un’eccezione”, ma poi “l’esperienza insegna che si finisce per affermare una sorta di ‘diritto all’aborto’ della donna che ignora l’esistenza e il diritto di un altro essere umano, ovvero del nascituro”. In tal modo, scrive la Cech, “si crea una mentalità contro la vita del bambino, come se fosse un oggetto o un nemico e non un essere umano, un meraviglioso dono di Dio”. Alla luce di tutto questo, i vescovi affermano, citando Papa Francesco, che “se non si tutela la dignità delle persone e se alcune di esse vengono considerate come meno preziose e sacrificabili, allora non c’è futuro né per la fraternità, né per la sopravvivenza dell’umanità”.

Quindi i presuli esortano i cattolici ad “agire nella vita pubblica” partendo dalle convinzioni della fede, ovvero dal costante insegnamento della Chiesa sulla “immoralità dell’aborto”, in quanto esso rappresenta “l’eliminazione deliberata di un essere umano innocente”. Il messaggio episcopale si conclude con una preghiera al Signore affinché “illumini le coscienze e i cuori di coloro che devono prendere decisioni a favore del bene comune, in modo da poter difendere i più vulnerabili”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/10/2021
2605/2022
San Filippo Neri

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

#Donnetradite: ecco come sono sezionati e venduti i feti

Il “Center for Medical Progress” di David Daleiden ha pubblicato ieri il terzo video dell’inchiesta sui presunti traffici illeciti di Planned Parenthood. Stavolta la telecamera nascosta entra in una delle cliniche (ci sono immagini sconsigliate a stomaci deboli)

Leggi tutto

Chiesa

Francesco secondo Valli, vaticanista inquieto

A sorpresa, Aldo Maria Valli ha dato alle stampe un libro su Papa Bergoglio che ha spiazzato tutti: il numero uno di Rai Vaticano, storico martiniano e già entusiasta sostenitore del papato argentino, cambia idea. I media ostili al Pontefice enfatizzano “266.” come un trofeo. Ciò che sembra di evincere dalla dolorosa confessione raccolta nel libro è che il pontificato si avvia a un declino che potrebbe forse sfociare in una dura restaurazione. Ne parliamo con lui

Leggi tutto

Chiesa

XAVIER NOVELL, il vescovo che gli LGBT detestano

Giovane, colto e carismatico vescovo spagnolo: stava commentando Amoris Lætitia con il suo popolo.
Gli omosessualisti insorgono tacciandolo di “omofobia”

Leggi tutto

Chiesa

Io prete disabile e felice

Un parto prematuro, una paresi spastica alle gambe, un handicap evidente e per certi versi umiliante. Così comincia la vita di quello che oggi è un sacerdote cattolico felice di poter dare la gioiosa testimonianza di una vita redenta. «Sono stato un girovago tra tante amarezze e false consolazioni», dice di sé, e «il Signore ha fatto di me un uomo nuovo». Come? Un po’ come con Mosè, la cui forza veniva da un bastone in cui si ricordavano le promesse

Leggi tutto

Media

La riforma e le riforme nella Chiesa. Una risposta

PRESENTAZIONE LIBRO SE MONS. MARCHETTO: “LA RIFORMA E LE RIFORME NELLA CHIESA. UNA RISPOSTA”
Roma, Campidoglio 25 ottobre 2017. Pensieri conclusivi

Leggi tutto

Chiesa

SILENZIO, PREGHIERA, CANI SELVAGGI

Silenzio. Dire la sua e poi tacere. Perché la verità è mite, la verità è silenziosa, la verità non è rumorosa. Non è facile, quello che ha fatto Gesù; ma c’è la dignità del cristiano che è ancorata nella forza di Dio. Con le persone che non hanno buona volontà, con le persone che cercano soltanto lo scandalo, che cercano soltanto la divisione, che cercano soltanto la distruzione, anche nelle famiglie: silenzio. E preghiera». Francesco ha detto la sua: a chi vuole buttarlo giù oppone il silenzio di Gesù, che è lo stesso davanti alle accuse ripetute da Pilato. Non si difende, perché “la verità è mite e silenziosa”. Bisogna chiedersi perché il Papa non abbia pronunciato un semplice “non è vero”, davanti alla non provabile denuncia di Viganò di averlo avvertito del dossier su McCarrick. Un furbo l’avrebbe fatto, chi potrebbe smentire un’asserzione del Papa? La scelta del silenzio, ora, è ancora più convincente.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano