Chiesa

di Giuseppe Udinov

Cile, i vescovi per la difesa della vita

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Brutte notizie dal Cile. Sono stati 75 i voti a favore, 68 quelli contrari e 2 le astensioni con cui il 28 settembre la Camera dei Deputati del Cile ha approvato il progetto di depenalizzazione dell’aborto entro la 14.ma settimana. Ora la proposta normativa dovrà essere vagliata della Commissione per le donne e l’equità di genere e poi passare all’approvazione del Senato. Intanto, il Comitato permanente della Conferenza episcopale nazionale (Cech) ha diffuso una lunga nota in cui riafferma nettamente che “il valore della vita e la dignità della persona umana sono un fondamento essenziale e inalienabile della vita nella società”, aggiungendo che “la difesa della vita non nata è intimamente legata alla difesa di ogni diritto umano”.

Ricordando, inoltre, che “il primo dei diritti umani è il diritto alla vita, il quale deve essere rispettato dal concepimento alla morte naturale”, i presuli sottolineano che “non uccidere deliberatamente e direttamente un innocente è un assoluto morale il cui riconoscimento e la cui protezione è indispensabile per la vita di una comunità”. Al contempo, la Cech riporta dati scientifici, evidenziando come la biologia confermi che la vita umana “inizia dal momento del concepimento”: il nascituro è sì “dipendente dalla madre, ma non è parte del suo corpo – spiegano i vescovi – bensì è un altro essere vivente e pertanto la sua individualità deve essere rispettata”. Di qui, il richiamo al “rispetto incondizionato della vita umana”, il quale “deve guidare qualsiasi considerazione etica, legislativa, umana e sanitaria di fronte alla realtà di una gravidanza indesiderata”.

Dunque la Chiesa cattolica cilena riconosce l’esistenza di “situazioni umane complesse e talvolta drammatiche che possono derivare da una gravidanza”. Tuttavia, si ribadisce che “niente di tutto questo si risolve con l’eliminazione deliberata di un essere umano indifeso e innocente”, perché “una società si misura dalla sua capacità di prendersi cura dei più deboli e della loro dignità, e non cercando di risolvere i problemi con la violenza”. La preoccupazione dei presuli è anche per le possibili derive della proposta normativa in esame: spesso, infatti, “la legislazione pro-aborto inizia come un’eccezione”, ma poi “l’esperienza insegna che si finisce per affermare una sorta di ‘diritto all’aborto’ della donna che ignora l’esistenza e il diritto di un altro essere umano, ovvero del nascituro”. In tal modo, scrive la Cech, “si crea una mentalità contro la vita del bambino, come se fosse un oggetto o un nemico e non un essere umano, un meraviglioso dono di Dio”. Alla luce di tutto questo, i vescovi affermano, citando Papa Francesco, che “se non si tutela la dignità delle persone e se alcune di esse vengono considerate come meno preziose e sacrificabili, allora non c’è futuro né per la fraternità, né per la sopravvivenza dell’umanità”.

Quindi i presuli esortano i cattolici ad “agire nella vita pubblica” partendo dalle convinzioni della fede, ovvero dal costante insegnamento della Chiesa sulla “immoralità dell’aborto”, in quanto esso rappresenta “l’eliminazione deliberata di un essere umano innocente”. Il messaggio episcopale si conclude con una preghiera al Signore affinché “illumini le coscienze e i cuori di coloro che devono prendere decisioni a favore del bene comune, in modo da poter difendere i più vulnerabili”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/10/2021
0712/2022
Sant'Ambrogio vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Wojtyla, il Papa della famiglia

Antologia del magistero di San Giovanni Paolo II sui temi della famiglia, a dieci anni dalla morte

Leggi tutto

Chiesa

Aborto, miseria e misericordia

Si è scatenato un polverone mediatico che riduce la Lettera apostolica di Papa Francesco alla (presunta) abolizione del peccato di aborto. Nella scia di questa declinazione disonesta si sono inseriti gli opportunismi politici e culturali di Monica Cirinnà e Roberto Saviano. La Lettera rischia di essere vanificata dalle consuete dinamiche propagandistiche. Attacco all’obiezione di coscienza

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e gli esercizi spirituali ad Ariccia

“Come possiamo aiutare i cristiani del nostro tempo a non perdere la fede, a riprendere coscienza della propria fede, quella di cui si parla nel Nuovo testamento, la fede gioiosa, totalizzante, l’adesione alla persona di Gesù, come possiamo fare perché non avvengano più questi suicidi?”.

Leggi tutto

Storie

La cosa più saggia al mondo è gridare prima di essere stati feriti

Questa nuova e malvagia eugenetica trova sostegno nell’edonismo compiaciuto e diffuso di molta gente ed è a disposizione per l’accresciuta tecnologia del mercato. L’aborto terapeutico, la diagnosi pre-impianto, l’inseminazione artificiale sono tutti strumenti messi a disposizione del mondo medico e dell’industria. Conditi con parole rassicuranti vengono veicolate attraverso la manipolazione del consenso operata dagli apparati mediatici, culturali e finanziari; in questo modo “soft” non vengono neppure concepiti come orrori né tantomeno come errori e peccati.

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa: l’eutanasia mai ammissibile

Papa Francesco manda il proprio saluto al Meeting della World Medical Association sulle questioni del fine-vita, che termina oggi in Vaticano. Il testo è stato divorato e divulgato, dai media, come “il Papa contro l’accanimento terapeutico” (intendendo con ciò “il Papa per l’eutanasia”). In realtà il Santo Padre ha usato parole adamantine per riaffermare la dottrina cattolica tradizionale e negare ogni liceità alla pratica dell’uccisione del malato.

Leggi tutto

Storie

Una riflessione spirituale sul caso Alfie

Alfie Evans e il desiderio di vivere di un bimbo che voleva “soltanto” Amore. “Al nostro bimbo sono spuntate le ali intorno alle 2.30. I nostri cuori sono spezzati. Grazie a tutti per il sostegno”, scriveva mamma Kate nel dare il triste annuncio della morte del piccolo. “Il mio gladiatore ha posato lo scudo e si è guadagnato le ali. Abbiamo il cuore spezzato. Ti voglio bene ragazzo mio”, sono state le parole commoventi del padre Tom.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano