Chiesa

di Giuseppe Udinov

Cile, i vescovi per la difesa della vita

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Brutte notizie dal Cile. Sono stati 75 i voti a favore, 68 quelli contrari e 2 le astensioni con cui il 28 settembre la Camera dei Deputati del Cile ha approvato il progetto di depenalizzazione dell’aborto entro la 14.ma settimana. Ora la proposta normativa dovrà essere vagliata della Commissione per le donne e l’equità di genere e poi passare all’approvazione del Senato. Intanto, il Comitato permanente della Conferenza episcopale nazionale (Cech) ha diffuso una lunga nota in cui riafferma nettamente che “il valore della vita e la dignità della persona umana sono un fondamento essenziale e inalienabile della vita nella società”, aggiungendo che “la difesa della vita non nata è intimamente legata alla difesa di ogni diritto umano”.

Ricordando, inoltre, che “il primo dei diritti umani è il diritto alla vita, il quale deve essere rispettato dal concepimento alla morte naturale”, i presuli sottolineano che “non uccidere deliberatamente e direttamente un innocente è un assoluto morale il cui riconoscimento e la cui protezione è indispensabile per la vita di una comunità”. Al contempo, la Cech riporta dati scientifici, evidenziando come la biologia confermi che la vita umana “inizia dal momento del concepimento”: il nascituro è sì “dipendente dalla madre, ma non è parte del suo corpo – spiegano i vescovi – bensì è un altro essere vivente e pertanto la sua individualità deve essere rispettata”. Di qui, il richiamo al “rispetto incondizionato della vita umana”, il quale “deve guidare qualsiasi considerazione etica, legislativa, umana e sanitaria di fronte alla realtà di una gravidanza indesiderata”.

Dunque la Chiesa cattolica cilena riconosce l’esistenza di “situazioni umane complesse e talvolta drammatiche che possono derivare da una gravidanza”. Tuttavia, si ribadisce che “niente di tutto questo si risolve con l’eliminazione deliberata di un essere umano indifeso e innocente”, perché “una società si misura dalla sua capacità di prendersi cura dei più deboli e della loro dignità, e non cercando di risolvere i problemi con la violenza”. La preoccupazione dei presuli è anche per le possibili derive della proposta normativa in esame: spesso, infatti, “la legislazione pro-aborto inizia come un’eccezione”, ma poi “l’esperienza insegna che si finisce per affermare una sorta di ‘diritto all’aborto’ della donna che ignora l’esistenza e il diritto di un altro essere umano, ovvero del nascituro”. In tal modo, scrive la Cech, “si crea una mentalità contro la vita del bambino, come se fosse un oggetto o un nemico e non un essere umano, un meraviglioso dono di Dio”. Alla luce di tutto questo, i vescovi affermano, citando Papa Francesco, che “se non si tutela la dignità delle persone e se alcune di esse vengono considerate come meno preziose e sacrificabili, allora non c’è futuro né per la fraternità, né per la sopravvivenza dell’umanità”.

Quindi i presuli esortano i cattolici ad “agire nella vita pubblica” partendo dalle convinzioni della fede, ovvero dal costante insegnamento della Chiesa sulla “immoralità dell’aborto”, in quanto esso rappresenta “l’eliminazione deliberata di un essere umano innocente”. Il messaggio episcopale si conclude con una preghiera al Signore affinché “illumini le coscienze e i cuori di coloro che devono prendere decisioni a favore del bene comune, in modo da poter difendere i più vulnerabili”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/10/2021
0712/2021
Sant'Ambrogio vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

L’Anno Santo della Misericordia

Siamo chiamati a dare consolazione a ogni uomo e ogni donna del nostro tempo. Mi pare un compito da far tremare le vene dei polsi, ma questo è l’invito del Papa

Leggi tutto

Chiesa

51 anni di Dei Verbum

Sono passati 51 anni ma questo documento ha ancora molto da dirci. Curiosamente non è nemmeno tra i più commentati: eppure, anche per la difficoltà che costò ai Padri Conciliari, sarebbe importante riprenderlo in mano e poterlo meditare. Convincendosi, una volta per tutte, che il Concilio, quello vero, non ha responsabilità alcuna nelle crisi ecclesiali odierne, vere e presunte.

Leggi tutto

Politica

Residenza permanente USA per Charlie Gard

L’azione politica degli USA, cioè la concessione della residenza permanente, potrebbe rappresentare l’ultima spinta per convincere i soggetti coinvolti dell’opportunità di una soluzione del contenzioso a favore della famiglia Gard, ma potrebbe anche essere accolta dagli inglesi come un’indebita ingerenza nei propri affari interni, esacerbando ancora di più gli avvocati e il giudice Francis, inducendoli a non cedere alle nuove evidenze per il solo motivo di mostrare al mondo la superiorità del loro sistema legislativo. Francis ha già dichiarato alla seduta della settimana scorsa che è suo preciso dovere perseguire il bene del bambino e applicare la legge indipendentemente dalle ingerenze politiche e mediatiche.

Leggi tutto

Politica

Come può uno scoglio arginare il mare?

Diciamo banalità e davvero non capisco perché facciano tanta paura a prelati politicizzati e giovani liberticidi, o meglio lo capisco e bene ma non mi ci rassegno. Continueremo a parlare…...

Leggi tutto

Politica

La Francia dopo gli Stati Generali della bioetica

Si è conclusa col mese di aprile una lunga fase di aggiornamento sui progressi delle tecniche mediche e di dibattito (oltre 280 eventi in tutto) sui possibili ritocchi all’ordinamento giuridico.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e l’Angelus dell’Immacolata

8 Dicembre - da Piazza San Pietro l’Angelus di Papa Francesco in occasione di questa festività così importante. Eccomi è la parola-chiave della vita. Segna il passaggio da una vita orizzontale, centrata su di sé e sui propri bisogni, a una vita verticale, slanciata verso Dio. Eccomi è essere disponibili al Signore, è la cura per l’egoismo, è l’antidoto a una vita insoddisfatta, a cui manca sempre qualcosa. Eccomi è il rimedio contro l’invecchiamento del peccato, è la terapia per restare giovani dentro. Eccomi è credere che Dio conta più del mio io. È scegliere di scommettere sul Signore, docili alle sue sorprese. Perciò dirgli eccomi è la lode più grande che possiamo offrirgli. Perché non iniziare così le giornate, con un “eccomi, Signore”? Sarebbe bello dire ogni mattina: “Eccomi, Signore, oggi si compia in me la tua volontà”. Lo diremo nella preghiera dell’Angelus, ma possiamo ripeterlo già ora, insieme: Eccomi, Signore, oggi si compia in me la tua volontà!

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano