Politica

di Mario Adinolfi

NOI O LORO: LA SCELTA È FACILE

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Guardate, la scelta è facile: da una parte ci sono quelli che hanno sostenuto la raccolta di firme per robe strampalate che chiamano “nuovi diritti civili” (all’omicidio di consenziente, alla coltivazione privata di piante contenenti sostanze psicotrope, a devastare l’istituto matrimoniale nella sua natura, per quel che è stato per millenni) e quelli che proclamano di credere in valori che in realtà declamano solamente, non credono in niente se non nella propria scalata al potere.

Dall’altra c’è il Popolo della Famiglia con il suo pacchetto di proposte per vedere le città ripopolarsi di bimbi, investire non sui falsi “nuovi diritti civili” all’aborto, all’eutanasia, alla droga libera, al “matrimonio” gay e al conseguente orrore dell’utero in affitto, ma sui veri diritti sociali alla casa per le giovani coppie, al lavoro e al salario dignitoso anche per la donna madre, ad un fisco giusto basato su quante bocche sono sfamate da un determinato reddito, all’assistenza piena se si è disabili, anziani, non autosufficienti.

Il 3 e 4 ottobre la scelta è semplice: noi o loro. Loro vanno di moda, hanno partiti grandi e ricchi e potenti e ipercitati dai media, ma sono attraversati da una fragilità valoriale che ormai sfocia nell’insensatezza esistenziale, non sanno neanche più perché stanno insieme se non per la caccia al potere. Loro o noi. Noi siamo piccoli ma sapete perfettamente chi siamo, cosa vogliamo, cosa ci anima, noi abbiamo una faccia sola e di questi tempi è il bene più prezioso. Non ci interessa il potere per il potere, non puntiamo alle poltrone, lo abbiamo dimostrato. Noi puntiamo al governo delle comunità e del Paese solo alle nostre condizioni, solo per realizzare quel che promettiamo, per portare in Italia quella cultura della famiglia e della vita che sola può sconfiggere i cinici nichilisti mortiferi che tanto di moda vanno in questo momento nel nostro Paese. Ma le mode passano. La famiglia resta: è l’ancoraggio vero, per tutti.

In questa campagna elettorale la disapplicazione vergognosa della legge sulla par condicio e del regolamento dell’Agcom del 6 agosto 2021 vi ha consegnato mediaticamente l’idea che la contesa politica sia solo tra i soliti noti. Non è così: in tutte le principali città e anche alle regionali calabresi trovate il simbolo, le liste, i candidati del Popolo della Famiglia. Premiateli con il vostro voto, libero e utile. Date peso all’unica opzione valoriale cristianamente ispirata rimasta sulla scheda elettorale dopo un trentennio in cui l’obiettivo dei rivali è stato far sparire qualsiasi forma di soggetto politico autonomo organizzato dai credenti, affinché lo spazio della politica sia presidiato solo dai cinici senza valori, che al limite l’appartenenza valoriale la declamano senza crederci e senza minimamente viverla.

Il 3 ottobre è domenica, chi nel fine settimana santificherà la festa partecipando a una celebrazione religiosa, in coscienza e in coerenza ha un solo possibile voto: quello al Popolo della Famiglia. Tutte le altre opzioni si scelgono a naso turato. Conviene regalarsi una libertà e votare, come sempre capita a chi vota PdF, uscendo dal seggio col sorriso.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/10/2021
0812/2022
Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Renzi fa campagna per il SÌ ed il centro-destra è allo sbando

Che significa identità? Di quale identità stiamo parlando? Mi sembra che Galli della Loggia colga nel segno quando scrive: “In realtà, se oggi la Destra italiana si ritrova priva di una sua specifica immagine, priva di riconoscibilità, è anche perché essa sconta un vuoto storico della propria identità: vale a dire l’assenza di una vera, effettiva, cultura conservatrice

Leggi tutto

Società

Bloccare per legge i siti porno

Thérèse Hargot nel suo “Una gioventù sessualmente liberata (o quasi)” spiega i danni che l’industria della pornografia produce sui nostri figli. Già nella pre-adolescenza grazie al consumo gratuito via web l’immaginario sessuale dei nostri figli si forma su stereotipi dettati da quell’industria

Leggi tutto

Media

O capiamo o moriamo

Ho scelto una tonalità da romanzo in un saggio, in cui cerco di far comprendere che quanto affermava il cardinale Biffi sull’Europa che se non sarà ricristianizzata sarà definitivamente islamizzata è totalmente vero. L’arma non sarà il terrorismo, ma la demografia che è scienza inesorabile come la matematica: se negli ultimi due anni sono morti seicentomila italiani più di quanti ne siano nati e gli islamici con il 7% della popolazione residente hanno fatto il 25% dei figli, la fine è scritta. Saremo la generazione responsabile della fine di una civiltà (lo scrive Onfray) e la Sharia “addolcita” che sostituirà gli ordinamenti giuridici fondati sulla radice giudaico-cristiana piacerà alle élites, come profetizzato in “Sottomissione” di Houellebecq, con il suo mix di poligamia legalizzata e autoritarismo.

Leggi tutto

Società

Hanno ucciso Charlie Gard

Il caso Charlie Gard è un punto di non ritorno, ma anche un punto di partenza se vogliamo rendere efficace la difesa di un diritto alla vita che altrimenti sarà sempre più circoscritto al campo opinabile dei “sani e produttivi”. Ma ci sarà occasione per parlare e scrivere di questo. Oggi non possiamo che pregare Dio di accogliere questo bambino innocente ucciso da mani che sapevano quel che facevano e che Maria gli canti materna la ninna nanna, facendolo dormire libero, ora che sicuramente libero è.

Leggi tutto

Politica

Un caso per riflettere sulla dignità

Neanche una domanda puntuta all’aspirante paladina dei diritti femminili fuori tempo massimo. Il caso Bianca Berlinguer, Asia Argento

Leggi tutto

Società

Come cambia il volantone di Comunione e Liberazione

Non è ancora stato pubblicato sui siti ufficiali di Comunione e Liberazione, ma poiché pare che il nuovo “volantone” sia stato presentato all’ultima scuola di comunità da don Julián Carrón non ci si aspettano (ulteriori sorprese): l’immagine scelta non poteva che sollevare un polverone, in quanto rappresenta una famiglia di migranti in atteggiamento e contesto che ricordano quelli della Sacra Famiglia. E insorgono ex ciellini. Difficile mantenere l’equilibrio.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano