Società

di Mirko De Carli e Gianni Rubagotti

Il giustizialismo degli antigiustizialisti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nel secolo scorso Pier Paolo Pasolini parlava di “Fascismo degli antifascisti” per sottolineare una realtà che già conosce chi ha letto il Vangelo di Matteo (7,21-2). Non basta avere la maglietta di antifascista o proclamarsi tale per comportarsi di conseguenza, anzi a volte l’apparenza maschera la sostanza. Ecco allora che sui social (1) troviamo un attacco di un martire della giustizia, ovvero di Raffaele Sollecito, “Cosa direbbe Enzo Tortora se avesse letto nella stessa frase “garantismo” e “spero possa dimostrarsi innocente”? Meno male che nel nostro Diritto c’è scritto che l’onere della prova spetta all’accusa. Purtroppo i forcaioli se ne dimenticano, ma un Radicale mi rabbrividisce”.

A chi si rivolge Sollecito?

C’è un radicale che parlando del caso Morisi ha pubblicato un post su twitter dove dice testualmente “Sono garantista: #Morisi non è condannato e spero possa dimostrarsi innocente”.

Il problema in questa frase è che non è nemmeno questione di garantismo o giustizialismo: per la nostra costituzione è il pubblico ministero che ha il compito di accertare la verità e quindi provare la colpevolezza dell’imputato o rilasciarlo.

E l’imputato si presume innocente fino al terzo grado di giudizio.

L’idea che sia l’imputato a dover trovare e fornire le prove della sua innocenza tra l’altro in concorrenza con un apparato dello stato a lui avverso sa tanto di stato sovietico o nazista.

Ma in realtà esisteva, perlomeno formalmente, una forma di presunta innocenza perfino del diritto dell’Unione Sovietica (2) .

Ma chi è questo garantista così feroce nel suo giustizialismo da superare le purghe staliniane?

Si tratta di Lorenzo Lipparini, assessore del sindaco progressista Beppe Sala, membro della Associazione radicale milanese dedicata al martire della giustizia Enzo Tortora. Sì, avete letto bene. Enzo Tortora.

“Non chiunque mi dice: Signore, Signore, entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli.” (3)

————————————————————————-

1 https://twitter.com/llipparini/status/1443522513846390788?s=21

2 “L’accusato era un presunto innocente, sebbene non come nel common law. ”

https://it.wikipedia.org/wiki/Diritto_in_Unione_Sovietica

3 https://www.vatican.va/archive/ITA0001/_PTV.HTM

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/10/2021
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Ringraziamenti, risposte, preghiere

In molti hanno commentato la nascita del Popolo della Famiglia, soggetto politico in vista delle amministrative: qui alcune osservazioni in replica

Leggi tutto

Chiesa

GRILLO E AVVENIRE, ADINOLFI (PDF): M5S È OPPOSTO ALLA CHIESA

Ma cosa hanno in comune la Chiesa ed il Movimento Cinque Stelle. Divergenze di opinioni in corso.

Leggi tutto

Società

L’infamia della giornata mondiale sull’aborto

Cos’è il “partial birth abortion”, la nuova frontiera dell’aborto “libero” che viene richiesta dalla giornata mondiale dell’aborto del 28 settembre? Semplice, è la possibilità per la donna di prendere la decisione di abortire sino alle ultime settimane di gravidanza. Ad oggi le varie legislazioni nazionali permettono l’interruzione volontaria di gravidanza fino al quinto mese in genere, l’Italia è più restrittiva e si ferma al terzo mese, anche se con il trucco dell’aborto “terapeutico” si finisce molto più in là. L’interpretazione della sentenza della Corte Suprema americana consegna però uno scenario infame secondo cui il nascituro non avrebbe diritti e sarebbe parte del corpo della donna che potrebbe farne quello che vuole fino al momento della nascita. In base a questa interpretazione la pratica dell’aborto a nascita parziale prevede l’induzione del parto anche al nono mese di gravidanza, un parto che viene indotto in posizione podalica stando attenti a mantenere la testa del nascituro all’interno del grembo della donna che non riesco a definire materno, per poi introdurre uno speciale forcipe e schiacciare la testa del bimbo per provocarne la morte completando poi il parto con l’espulsione del corpicino ormai senza vita.

Leggi tutto

Politica

Lo scontro pre-elettorale nell’era del web 2.0

Come era ampiamente preventivato, l’enorme sforzo organizzativo messo in opera dal Popolo della Famiglia lede gli interessi di quanti contavano di millantare (inesistenti) diritti sulla “quota cattolica” dell’elettorato italiano. I sistemi sono sempre i soliti, collaudati a più non posso nei regimi totalitari del XX secolo. Mano a mano che gli anni passano, però, osserviamo l’incidenza delle nuove tecniche di comunicazione – le politiche 2018 non fanno eccezione..

Leggi tutto

Società

La vita gaja e quel nesso col neoliberismo e col transumanismo

Ad interessare le élites è un certo stile relazionale, non le persone coi loro drammi: la vicenda della Legge Cirinnà lo ha dimostrato limpidamente

Leggi tutto

Società

L’antisemitismo vive in Europa?

La scomparsa del senso religioso nella maggioranza della popolazione, poi, ha fatto eclissare anche il rispetto per il sacro: resta solo il disprezzo per realtà che non si comprendono e che si interpretano con categorie secolari e logiche di profitto e potere, che le sono fondamentalmente estranee, ma che sono le uniche conosciute dal mondo.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano