Politica

di Mario Adinolfi

Amministrative, cinque fatti indubbiamente accaduti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La tornata amministrativa del 3 e 4 ottobre 2021 verrà ricordata a lungo per cinque fatti indubbiamente accaduti che andremo rapidamente ad elencare.

1. La forte astensione

Per la prima volta nelle amministrative delle grandi città si registra un blocco astensionista che ottiene la maggioranza assoluta. I sindaci delle quattro maggiori città italiane vengono eletti dalla minoranza degli elettori, con la maggioranza che ha scelto di non recarsi alle urne. Perché accade questo? Lo chiameremo “effetto Draghi”. La gente ha la percezione che il suo voto non conti più nulla e che la politica in Italia sia da anni commissariata dalla tecnocrazia. In effetti l’ultimo presidente del Consiglio emerso direttamente dalla tenzone elettorale fu Silvio Berlusconi nel 2008. Da oltre un decennio ormai il premier non è colui che si è sottoposto al giudizio degli elettori, spesso addirittura non è neanche un parlamentare. Se votare non determina chi governa, che vado a votare a fare? Il paradosso è che questa valutazione si scarica su un tipo di elezione che essendo diretta determina effettivamente chi va a governare. Ma agli elettori non devi spiegare troppe cose, hanno voglia di delegittimare la politica con il non voto e così hanno fatto, rendendo opinabile il grado di legittimazione dei sindaci eletti.

2. La vittoria delle sinistre

Non è giusto parlare di centrosinistra, la vittoria a queste elezioni è delle sinistre guidate da quel campione del progressismo chic che è Giuseppe Sala, dominatore della contesa di Milano. A ruota vengono il segretario nazionale del Pd, Enrico Letta, così come quello romano, Andrea Casu, che vincono “da sinistra” le suppletive nei collegi di Siena e di Primavalle. Poi ci sono Lepore e Manfredi, sindaci di Bologna e di Napoli eletti al primo turno, con Roberto Gualtieri che non parte sfavorito nella sfida al ballottaggio con Enrico Michetti per la carica di sindaco di Roma. Quella che tutti hanno cercato di evitare come la peste.

3. La sconfitta delle destre

C’erano una volta Salvini e Meloni che si contendevano la leadership del Paese. Alle amministrative sia la Lega che Fratelli d’Italia fanno flop con Giorgia Meloni che nella sua Roma vede il partito ripiegare addirittura sotto il 18%. L’unica vittoria veramente da sbandierare è quella di Occhiuto nella corsa a governatore della Calabria, dove però è stata la natura centrista del candidato a prevalere nettamente contro la solita candidata caratterizzata a sinistra scelta da Enrico Letta. Per le destre che sembravano dover solo litigare su chi si sarebbe seduto a Palazzo Chigi, la battuta d’arresto è secca. Restano i ballottaggi di Torino e Roma per provare a raddrizzare la baracca, ma non tira aria di vittoria.

4. Il problema delle classi dirigenti

La questione cruciale che ha forato le gomme della destra che stava viaggiando come un bolide alla conquista di Palazzo Chigi è certamente la qualità della sua classe dirigente. Al netto delle strumentalizzazioni da ultima settimana di campagna elettorale, è chiaro che i casi Morisi e Fidanza hanno colpito al cuore la macchina propagandistica di Lega e Fratelli d’Italia. Le strategie di risposta mancano, si grida al complotto ed è poca cosa. Le destre perdono perché scelgono tardi e male i propri candidati, lo ha ammesso esplicitamente lo stesso Salvini: dietro ai leader non c’è nulla se non un apparato grigio e un pò becero, che non vuole fare avvicinare persone di valore per il timore di dover spartire con estranei le rendite di posizione conquistate con anni di servilismo. L’esito è candidature fiacche, prive di empatia, tutte da presentare alla cittadinanza, che inevitabilmente le rifiuta. In Calabria si vince perché c’è una trazione di centro moderato e una coalizione ampia che comprende anche Popolo della Famiglia e Noi con l’Italia, due movimenti che sembrano rappresentare un ancoraggio a valori veri e declinabili, ancoraggio che gli spin doctor da nottatine chem sex non possono assicurare.

5. Il Popolo della Famiglia avanza

Alcuni risultati raggiunti dal simbolo del Popolo della Famiglia in queste amministrative dell’ottobre 2021 sono davvero sorprendenti come il 3% alle regionali calabresi in tandem con Noi con l’Italia e il 2.5% ottenuto a Napoli, anche qui in tandem con Napoli Capitale. Le aggregazioni centriste che hanno portato sulla scheda il simbolo del Popolo della Famiglia come collante fanno il pieno anche a Busto Arsizio con il 6.3%, a Gallarate con il 4% e a Varese addirittura con il 13.3%. Eccellente anche la prima prova a Spoleto per il PdF Umbria con un proprio candidato sindaco, Rosario Murro, che ha ottenuto l’1%. Stesso risultato per il simbolo puro a San Benedetto del Tronto, mentre dopo la battuta d’arresto delle regionali 2020 torna lentamente a crescere il PdF dell’Emilia Romagna sia a Bologna, che a Rimini che a Ravenna dove la coalizione centrista che con il PdF si è contrapposta a destre e sinistre ha ottenuto il 5%. Prima esperienza positiva anche per il PdF toscano a Sesto Fiorentino con lo 0.6% mentre l’intesa con Gianluigi Paragone è stata provvidenziale per fargli superare lo sbarramento del 3% a Milano. Deludenti i risultati per il PdF Roma che non è riuscito ad emergere nel pulviscolo di 22 candidature a sindaco (18 delle quali relegate allo zerovirgola per via del totale silenziamento mediatico) e per il PdF Torino che arretra rispetto alle regionali e anche alle comunali 2016, ma festeggia l’elezione di Lucianella Presta come consigliere comunale a Pianezza, quarta più votata.

Complessivamente si tratta di una tornata elettorale molto importante, da studiare per comprendere come le aggregazioni vadano costruite su presupposti valoriali e non di potere. In questo senso il Popolo della Famiglia con il suo simbolo può fare da collante e da garanzia. Un ruolo che andrà svolto con accortezza nel prossimo futuro per poter consentire a chi è alternativo alle sinistre di andare al governo del Paese.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/10/2021
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Politica

Istruzioni per le liste del PDF

Il prossimo 11 giugno si voterà in oltre 1.000 comuni italiani per la tradizionale tornata amministrativa di primavera. Il Popolo della Famiglia si presenta con il proprio simbolo e chiede a tutte le donne e agli uomini di buona volontà di organizzare una presenza capillare sul territorio che sarà propedeutica alle politiche che si terranno tra pochi mesi. Azione fondamentale per il radicamento sul territorio è la campagna di tesseramento, così come il reperimento di candidati e sottoscrittori delle liste che vorranno misurarsi con il consenso elettorale sulla base della piattaforma politica PdF

Leggi tutto

Politica

IL PDF si riunisce a Viterbo

Viterbo,  Di Matteo (PDF) ieri Domenica 27 Febbraio in vista dell’Elezioni amministrative di maggio 2022, si sono riuniti dirigenti e rappresentanti de “IL POPOLO DELLA FAMIGLIA”

Leggi tutto

Politica

Monza verso le elezioni

Il candidato sindaco del Popolo della Famiglia ha risposto alle nostre domande: sicurezza e microcriminalità giovanile, valorizzazione del Parco e della Villa, trasporti e metropolitana e igiene urbana. Ecco i progetti e le prospettive per Monza

Leggi tutto

Politica

Un voto per la famiglia in Emilia Romagna

Anche Avvenire oggi (pagina 8) dà spazio alla chiusura della nostra campagna elettorale in Emilia e ricorda il posizionamento del Popolo della Famiglia che dice un grande sì al cambiamento e un no all’eugenetica nazista del Nipt gratuito inaugurato a Bologna il 15 gennaio per eliminare tutti i nascituri Down, visto che il Nipt gratuito è lo strumento con cui Danimarca e Islanda hanno praticato lo sterminio dei bambini con trisomia 21. Poiché Bonaccini ha detto che se vincerà estenderà il Nipt gratuito (costo fino a 1.200 euro a test, oltre cento milioni di euro in una legislatura) a tutta l’Emilia Romagna, noi vi chiediamo di votare il simbolo del PdF domenica per dare quei soldi alle famiglie con disabili e alla lotta alla denatalità. Uccidere i “diversi” è il peggiore dei crimini, scegli la vita, vota PdF.

Leggi tutto

Politica

Jesi - Marco Cercaci scende in campo per il Popolo della Famiglia

Un terzo candidato si presenta alla corsa per le amministrative ad affiancare Matteo Marasca e Lorenzo Fiordelmondo. La proposta arriva da Italexit e Il Popolo della famiglia che propongono Marco Cercaci come nuovo candidato sindaco.

Leggi tutto

Politica

Palermo al voto - Ciro Lomonte, candidato del PDF

Interessante intervista rilasciata da Ciro Lamonte candidato PDF a Palermo

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano