Società

di Paolo Nardon

Lo scorrere della vita

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il passato, il futuro… la luce, l’oscurità… le speranze, le delusioni si mischiano, e si mescolano, come una goccia di nero fa in un secchio di vernice bianca; da quella inestricabile fusione nasce il nostro presente, nasce la nostra vita. Seppur quasi invisibile il tono cambia e non è più quello di prima. Ad una prima, superficiale, occhiata può sembrare tutto uguale a prima, ma così non è. Le sfumature della nostra opera cambiano, mutano e diventano più nette e profonde. Ogni incontro/scontro lascia dei segni; i graffi a volte spariscono immediatamente altre ti accompagnano per sempre. Diventano il codice con cui interpretare il tuo presente. Quando li guardi e li sfiori rivivi in pieno i momenti che ti sei lasciato alle spalle. Non li puoi mai cancellare totalmente, ritornano in superfici e riaffiorano, in controluce li puoi vedere chiaramente. Sono lì perché, inconsciamente, non li vuoi, o puoi, lasciare andare. Sono quei segni che ti hanno costruito ed in certi momenti demolito. Ti hanno fatto diventare quello che sei oggi… un po’ figlio di puttana, un po’ la persona a cui ci si rivolge quando si è incasinati. Le cadute ti hanno fatto sbattere la faccia per terra, hai quasi perso conoscenza; il sapore metallico del sangue in bocca ti ha confermato che non sei morto… almeno non ancora. Ogni muscolo sembrava strappato, ogni osso incrinato, però, ora, sei ancora in pista; stremato, piegato e dolente ma non sconfitto… quello no. Hai riaperto gli occhi, il buio era accecante quasi in maniera insopportabile. Pensavi che non ce l’avresti fatta a rialzarti, non ne avevi le forze e probabilmente neanche la voglia; il margine di manovra era, ormai, veramente poco. Nel profondo sapevi, però, che l’ora più buia della notte è quella che precede l’alba, quella certezza ti ha dato l’energia per non mollare la presa e farti andare alla deriva in balia delle correnti. Hai chiesto, e ricevuto, l’Aiuto proprio nell’attimo in cui stavi per scivolare via, non un attimo prima… non un attimo dopo… nel momento più duro, ma anche quello più propizio. Hai sperimentato, concretamente, che solo non avevi vie d’uscita da quel labirinto infinito in cui ti trovavi. Dovunque ti girassi trovavi muri invalicabili, avevi perso completamente l’orientamento e non capivi nulla di quello che ti circondava.

Improvvisamente, però, tutto è cambiato, tutto si è ribaltato; come in uno spericolato giro della morte; ti sembrava di essere nell’abitacolo di un aereo della Pattuglia Acrobatica Militare (Frecce Tricolori); il cielo è diventato terra e la terra è diventata cielo. Sei entrato in una centrifuga impazzita, il cuore ha cominciato a pompare come mai prima, eri certo che ti avrebbe sfondato il torace. Fortunatamente, però, tutti gli organi sono rimasti dove devono stare e tu hai ricominciato a respirare normalmente; l’adrenalina piano piano è diminuita e hai potuto riprendere a pensare. Improvvisamente il passato in cui eri rinchiuso è lontano anni luce; quasi non te lo ricordi più. Si è sciolto come la nebbia si scioglie al primo caldo del sole del mattino. Un Medico ha suturato le tue ferite senza recapitarti il conto; la tempesta che hai attraversato ha squassato la nave su cui viaggiavi, ma non ha avuto la forza di farla affondare. È stato duro, è stato difficile ma non è stato inutile. Hai fatto esperienza che non basti a te stesso. Hai potuto provare un dolore più potente di quello della carne, il dolore dell’Anima; profondo, lancinante ed infinito. La risalita dal buio è stata una supernova di Luce; la Gioia che hai provato non era descrivibile, è stato come rinascere. I polmoni erano in fiamme e gli occhi bruciavano. Come un elastico tirato in basso fino a quasi spezzarsi per poi essere lasciato, sei stato sparato lontano dalle paure che ti hanno incarcerato per un tempo. Guardi sotto di te e ora vedi un panorama meraviglioso fatto di montagne lussureggianti e sorgenti impetuose.

Lo scorrere della vita è un’avventura imprevedibile ed emozionante, la nostra storia è stata scritta dal Migliore Romanziere dell’universo; non è frutto del caso. Noi non siamo qui per sbaglio, siamo stati pensati, e voluti, da sempre e per sempre. Nei momenti felici Egli gioisce con, e per, noi; in quelli dolorosi è al nostro fianco e si fa carico della nostra sofferenza.

Tutti abbiamo vissuto tempi in cui il sole sembrava essersi spento per sempre. Il gelo entrava sempre più in profondità nelle nostre ossa; ad un certo punto, però, qualcosa è accaduto e la vita ha cominciato a fiorire come la natura in primavera. Ci sentivamo persi ed invece ci siamo ritrovati.

La Pace

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/10/2021
0712/2021
Sant'Ambrogio vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Una risposta a Melloni, inquisitore dei laicisti

In un disinvolto corsivo comparso ieri sulle colonne di Repubblica, lo storico bolognese del cristianesimo ha raccolto sotto i suoi consueti strali l’ormai crivellato padre Cavalcoli, Antonio Socci, Radio Maria e noi del Family Day. A questo punto è opportuno mettere in chiaro alcuni concetti

Leggi tutto

Società

Ospedali, quale destino nell’era postcristiana

La mutazione degli ospedali da luoghi di cura e di sostegno al malato in spazi fisici in cui si uccide la speranza è solo l’ultimo atto di una cultura che ha totalmente dimenticato le proprie radici cristiane. L’impressione è che l’operato dei medici britannici sia, in fondo, considerato legittimo da molti altri loro colleghi nel mondo. Al loro posto, in tanti avrebbero fatto lo stesso. Ci fa piacere che si siano mossi il Bambin Gesù di Roma e il Presbyterian Hospital di New York, ma è davvero triste costatare che non c’è stata una gara tra gli altri ospedali ad accogliere Charlie. Il caso è certo difficile, ma una risposta compatta delle strutture ospedaliere mondiali avrebbe forse fatto traballare ulteriormente i convincimenti dei medici del Gosh. Eppure, gli ospedali sono nati per alleviare le sofferenze. San Camillo de Lellis, di cui oggi facciamo memoria liturgica, fondò un Ordine religioso appositamente per aiutare gli ammalati. Volle che i suoi confratelli – come fece egli stesso – servissero i sofferenti «con quella carità e amorevolezza che sono solite avere le madri verso i propri figli infermi». Il fondatore dei Camilliani ha indicato dunque una precisa figura, la madre, come esempio per aiutare chi soffre: Connie che, senza alzare la voce, “grida” il suo amore e la sua speranza per il figlio, che gli resta accanto osservando ogni piccolo mutamento, è quel modello che chiunque sia avvicina ad un ammalato per curarlo dovrebbe coltivare dentro di sé, sperando di esserne sempre più degno. Ancora, Camillo de Lellis sentiva il cuore spezzarsi ogni volta che non poteva portare il soccorso che avrebbe voluto. È questo il sentire che ci rimandano oggi molte figure di medici? Camillo de Lellis – come l’altro grande sostegno degli ammalati, Giovanni di Dio, che voleva per gli infermi che assisteva condizioni igieniche migliori e cure specifiche – ci ha testimoniato che curare chi è sofferente è un compito altissimo da assolvere senza cercare la via più semplice. Grazie a lui, a Giovanni di Dio e ad altri cristiani, gli ospedali sono diventati nei secoli quei luoghi di speranza e di cura a cui fino all’altro ieri guardavano con fiducia.

Leggi tutto

Storie

L’Ungheria del dopo voto raccontata da chi la conosce vermente

Un lettore marito di una donna ungherese racconta dal suo privilegiato punto di vista sui magiari l’elezione di domenica

Leggi tutto

Società

La storia di Flora Gualdani una vita per il prossimo

La vita di Flora Gualdani è stata una continua silenziosissima tessitura di una tela che protegge donne e bambini. Donne che la società e la cultura avrebbero voluto veder interrompere la gravidanza, ma che sono state aiutate a guardare la disperazione negli occhi e, coraggiosamente, sostenute a non compiere l’errore più grande della loro vita. Verrebbe da chiedersi, automaticamente, che n’è delle donne che, invece, quell’errore l’hanno compiuto, e poi hanno incontrato Flora: «Con quelle che hanno abortito – dice Flora – ho cercato di amarle un pochino di più, perché erano donne che erano segnate da un dolore. Ho cercato di dire loro che certo, distruggere una vita non è una cosa da nulla, ma tu –dice rivolgendosi direttamente a ognuna di loro – hai ucciso un corpo, il ginecologo ha operato sul corpo del tuo bambino, ma non ha distrutto la persona, che è molto di più. Quell’anima eterna che gli è stata infusa (al bambino) nel momento del concepimento, dov’è intervenuto lo Spirito Santo, è un’anima che nessuno può distruggere. Il tuo bambino vive, riconciliati con lui: ricongiungi questo cordone. (Glielo dico) perché altrimenti non trovano pace». Non basterebbero mille parole per esprimere gratitudine nei confronti di chi avvolge le braccia intorno a ogni donna distrutta da quel dolore: giustificarle e dire che non debbono sentirsi in colpa sarebbe solo un modo per sminuire la loro sofferenza, ma accoglierle e dire loro che non sono sole nel dolore, è un modo molto dolce per responsabilizzarle e risollevare il loro animo.

Leggi tutto

Politica

Una crescita figlia della lotta

Il Popolo della Famiglia è oggi quella casa che è rimasta in piedi dopo la tempesta, con porte e finestre spalancate perché mira a lavorare insieme ad altri, mai arroccato nelle proprie certezze ma aperto a nuovi incontri. In particolare mi ha colpito la disponibilità al dialogo con noi di molti cardinali e vescovi con cui ho potuto dialogare anche di persona, da Agrigento a Bologna, da Imperia a Lecce, da Teramo a Cuneo. Confido davvero in un risveglio della Chiesa nel sostegno ai politici impegnati in politica, ma a quei laici che appunto hanno dimostrato di non essere interessati alla poltrona, ma a costruire un orizzonte nuovo per il bene comune.

Leggi tutto

Chiesa

Il miracolo di ogni vocazione

A volte si sente dire che il matrimonio ha una base naturale sulla quale si innesta la fede cristiana. Si può trattare talora di visioni variamente distorte e anche poco specificate. L’unione di coppia terrena può essere più facilmente soggetta alla precarietà dei rapporti umani. Certo si spera che nessuna legge sia mai a danno, per esempio, dei bambini.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano