Società

di Tommaso Ciccotti

SCUOLA – NO INQUISIZIONE SULLO STATO VACCINALE DEGLI STUDENTI

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Soddisfazione per l’emanazione della nota Miur sulla tutela dei dati personali riguardo lo stato vaccinale di bambini e ragazzi a scuola . *Siamo soddisfatti di quanto ottenuto* in termini di pronunciamento pubblico, prima da parte del Garante della Privacy, e subito dopo dal Miur, sulla protesta sollevata dalla nostra associazione *Non si Tocca la Famiglia.*

Lo afferma il presidente Giusy D’amico, che sottolinea come sia stato tempestivo l’intervento di risposta, del Garante per la privacy, all’indomani dell’allarme lanciato da moltissimi genitori, e raccolto dall’associazione, su indagini illecite, da parte dei docenti, per conoscere lo stato vaccinale dei propri figli in classe .
Abbiamo inviato le testimonianze di tanti studenti, che trovatisi a disagio per le domande poste davanti a tutti i compagni, su chi era vaccinato o meno, hanno chiesto che fosse impedito questo processo di discriminazione, dovendo comunicare anche informazioni sui propri familiari.

Dopo l’intervento del Garante è giunta la lettera ai Direttori Generali e ai Dirigenti preposti degli Uffici Scolastici Regionali da parte del Miur e a firma del capo dipartimento Jacopo Greco.
Il testo recita in apertura :
“Dopo la nota del 23 settembre u. s. il Garante della protezione dei dati personali, alla luce di numerose e specifiche segnalazioni e oltre articoli di stampa, con richieste di chiarimenti su iniziative assunte da parte del personale scolastico finalizzate a conoscere, anche indirettamente,
lo stato vaccinale degli studenti e delle rispettive famiglie, ha invitato lo scrivente Ministero, anche attraverso le proprie articolazioni territoriale, a chiarire alle Istituzioni scolastiche il quadro normativo vigente, sensibilizzando il personale scolastico in merito ai rischi per i diritti e le libertà degli interessati, alle conseguenze sul piano educativo ed alle relative responsabilità.
A tal proposito, si chiede a ciascun Ufficio scolastico regionale di sensibilizzare il personale delle Istituzioni scolastiche presenti nel territorio di propria competenza circa la necessità di attenersi scrupolosamente alle disposizioni normative attualmente in vigore in materia.” Queste, infatti, non consentono di conoscere lo stato di vaccinazione da Covid 19 degli studenti. ”
Ecco ha vinto il rispetto delle regole, hanno vinto le famiglie tutelate nel loro diritto a vedere rispettati i dati personali dei propri figli, ha vinto la fiducia nelle Istituzioni, che stavolta unite e unanimi, hanno risposto in modo tempestivo, in punta di diritto, ai genitori e alla nostra Associazione.
Noi portiamo quotidianamente la voce delle famiglie, dentro i palazzi, nelle piazze, sui giornali, nei Ministeri. In questo momento tanto critico per la ripartenza della scuola pubblica, è stato un errore appesantire il clima già critico che si respirava nei corridoi degli istituti scolastici, a causa delle restrizioni covid; aver ristabilito l’ordine, ha dato al sistema pubblico di istruzione la prima vera lezione di educazione civica dell’anno in corso, e che i nostri ragazzi ricorderanno senza sforzo, avendo sperimentato direttamente quale contributo apporti alla società, l’alto senso civico del rispetto delle regole, tra i cittadini.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/10/2021
2601/2022
Santi Timoteo e Tito

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Con la Fedeli la notte è dopo gli esami

La scuola di Valeria Fedeli, la maturità di questo ministro che non l’ha mai dovuta affrontare, non possono essere celebrate, neanche con la consueta retorica del rito abituale di inizio estate. Tutti promossi equivale a nessun promosso, siamo dentro al blob che uniforma tutti per consegnarli alla mediocrità e all’impossibilità di competere, in un orizzonte avaloriale che purtroppo è quello dei sessantottardi tristi e delusi per il mancato compimento della loro sciatta rivoluzione. Non devono essere i nostri figli, però, a patire il cinismo derivato dalla loro disillusione. Mai come oggi diventa fondamentale la battaglia per la scuola libera, per il diritto della famiglia di scegliere in quale istituto formare i propri figli, perché il patto tra la famiglia e questa formula di scuola statale è saltato anche per il lassismo che ha caratterizzato l’attività dell’ultimo ministro della Istruzione, Università e Ricerca Scientifica.

Leggi tutto

Società

Pennetta: «La scuola (come la conoscevamo noi) è in via di estinzione»

Il noto docente descrive un declino trentennale virtualmente inarrestabile. Tentare di resistere si deve.

Leggi tutto

Storie

Quarta dose di vaccino, il Cdc: raccomandata per le persone fragili

A fatica si è arrivati a convincere buona parte delle persone alla seconda dose, ci sono malumori sulla terza e già arrivano raccomandazioni sulla quarta. Se non fosse vero parrebbe di stare su “Scherzi a parte”.

Leggi tutto

Storie

Novara: prime somministrazioni pillola Molnupiravir

Il Molnupiravir va prescritto in determinate condizioni, in particolare nei pazienti con fragilità (oncologici, trapiantati, immunodepressi, grandi obesi). Il vantaggio principale di questa pillola è che il malato non ha necessità di recarsi in ospedale ma, la assume al proprio domicilio.

Leggi tutto

Politica

Cara senatrice Cirinnà, sabato lei mi ha offeso

“Eterosessuali attaccati ai loro privilegi”? La promotrice della legge-vergogna legga quello che le scrive un omosessuale che sabato ha fatto a sue spese mille chilometri, tra andata e ritorno, per essere in piazza. Legga e rifletta

Leggi tutto

Politica

Anche solo il nostro esistere

Il Popolo della Famiglia va avanti: 355 cittadini hanno sottoscritto la mia candidatura a deputato del collegio Roma 1, abbiamo avuto la forza organizzativa per fare la raccolta in una settimana, siamo l’unica organizzazione cristianamente ispirata in grado di fare questo nel campo politico. Non ci è piaciuto il governo gialloverde, ancora meno ci è piaciuto il governo giallorosso che candida nel collegio addirittura il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, quello che ha irriso la famiglia con uno stanziamento di venti volte inferiore a quello necessario e promesso. Se i cattolici hanno un minimo di spina dorsale e coerenza, non possono votare per lui. A chi, come noi, non ha gradito neanche le inesistenti politiche di bilancio a favore della famiglia del governo precedente, noi offriamo un’alternativa.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano