Chiesa

di Giampaolo Centofanti

Vere o fasulle sinodalità

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La crescita autentica orienta a cercare di sbloccare tutto ciò che ingabbia la libera maturazione delle persone e a partire da qui la loro libera partecipazione. Non si può dunque trattare, a proposito di sinodalità, di un sistema per imporre a tutti la visuale di qualcuno facendola passare pure, come ulteriore beffa, per condivisa dai più.

Lui deve crescere ed io diminuire dice Giovanni Battista. Forse la via è quella di riconoscere le poche verità di fede pienamente di Gesù, sicure e lasciare libertà di opinione, di sfumature varie, sul resto.

Crescita e libertà certo nei criteri della fede ma proprio cercando di porre attenzione ad evitare il ricrearsi ad ogni livello delle tendenze dirigiste. Si può osservare che la reale sinodalità orienta al superamento del razionalismo verso lo sviluppo di tutta la persona. Il cuore è in contatto naturale con lo Spirito e i suoi doni mentre il razionalismo chiude in schemi, nella sordità dei propri ragionamenti autoreferenziali e dunque inclina ad imporre le proprie vedute.

La sinodalità razionalista potrebbe venire usata per teleguidare le persone quando si governa e per scardinare il potere altrui quando non si governa. La vera sinodalità è un seme potente anche per la democrazia nella società e a sua volta la vera democrazia nella società, a partire dalla libera formazione e partecipazione, è di aiuto alla sinodalità.

Laici e suore guide spirituali, interventi liberi sui media alla ricerca autentica della vita con tutte le sue sfumature, incontri dal vivo, stimoli fin dalle famiglie a sviluppare un dialogo sugli studi dei figli alla luce di libere ricerche identitarie e del solo allora autentico scambio… Oggi tante piste, tante esperienze, tante scoperte, tante sfumature, non hanno voce nel dibattito pubblico. Una comunicazione che al di là delle parole resta ingabbiata nei codici, nei formalismi, degli apparati e finisce per vivere di essi disinteressandosi di una reale, vissuta, ricerca del vero.
Da una tale situazione facilmente può uscire solo una sinodalità che teleguida.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

05/10/2021
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

La premessa di Kasper porta a Charamsa

L’evidente regia Lgbt che ha provato a dilaniare la Chiesa all’avvio del Sinodo, offre in realtà una grande occasione per fare chiarezza e si rivelerà un boomerang per i prepotenti

Leggi tutto

Società

Il primo diritto è quello a NON emigrare

La Commissione Episcopale per le Migrazioni (organo della Cei) ha emanato un documento che prende posizione sui migranti.

Leggi tutto

Politica

Anche solo il nostro esistere

Il Popolo della Famiglia va avanti: 355 cittadini hanno sottoscritto la mia candidatura a deputato del collegio Roma 1, abbiamo avuto la forza organizzativa per fare la raccolta in una settimana, siamo l’unica organizzazione cristianamente ispirata in grado di fare questo nel campo politico. Non ci è piaciuto il governo gialloverde, ancora meno ci è piaciuto il governo giallorosso che candida nel collegio addirittura il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, quello che ha irriso la famiglia con uno stanziamento di venti volte inferiore a quello necessario e promesso. Se i cattolici hanno un minimo di spina dorsale e coerenza, non possono votare per lui. A chi, come noi, non ha gradito neanche le inesistenti politiche di bilancio a favore della famiglia del governo precedente, noi offriamo un’alternativa.

Leggi tutto

Chiesa

Santa Giacinta veggente di Fatima

La breve vita di Giacinta trascorse legata da un’identica serenità spirituale grazie al clima di profonda Fede che si respirava in casa. Il suo temperamento era però forte e volitivo e aveva una predisposizione per il ballo e la poesia. Era il numero uno dell’entusiasmo e della spensieratezza. Saranno gli accadimenti del 1917 a mutare i suoi interessi e più non ballerà, assumendo un aspetto serio, modesto, amabile. Il profilo che Lucia tratteggia della cuginetta è straordinario: è il ritratto dei puri di cuore, i cui occhi parlano di Dio.
Giacinta era insaziabile nella pratica del sacrificio e delle mortificazioni. Le penitenze più aspre per Lucia erano invece dettate dalle ostilità familiari e in particolare di sua madre, che la considerava una bugiarda e un’impostora. Lucia, essendo la più grande, fu la veggente più vessata e più interrogata (fino allo sfinimento) sia dalle autorità religiose che civili. A coronare questo clima intriso di tensioni e diffide c’era pure la situazione economica precaria dei dos Santos, provocata anche dal fatto che nel luogo delle apparizioni mariane, di proprietà della famiglia, non era più possibile coltivare nulla: la gente andava con asini e cavalli, calpestando tutto.

Leggi tutto

Media

Padre Andrea Mandonico e il Premio Letterario su Charles de Foucauld

L’onorificenza al vice postulatore della causa di canonizzazione del religioso francese è per il volume edito dalla LEV “Mio Dio, come sei buono. La vita e il messaggio di Charles de Foucauld”. Mandonico sottolinea che “visse l’amicizia con i popoli del Sahara non a parole ma con la prossimità, stando anche in silenzio quando necessario, offrendo la propria vita nella piena carità evangelica”

Leggi tutto

Politica

Papa accetta la rinuncia dell’arcivescovo di Parigi

Monsignor Aupetit aveva rimesso il proprio mandato nelle mani di Francesco dopo le vicende che lo avevano coinvolto nei giorni scorsi

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano