Chiesa

di Giampaolo Centofanti

Un drammatico bisogno del salto di qualità

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La mera tecnica insegnata fin dalla scuola sta spogliando tutti, persino i potenti della tecnica, di tutto. Il parlamento uniformato ne è una dimostrazione. L’uomo diventa schiavo del robot da lui stesso creato.

Il pensiero unico sta manipolando, svuotando di tutto, tante persone. È necessario individuare i media liberi, farli conoscere, è necessaria l’accoglienza reciproca al di là delle diversità.

Uscire dai formalismi che si sostituiscono alla ricerca del vero. Come dare la parola a qualcuno perché è titolare della tal cattedra o perché persona famosa. Tra l’altro vediamo che si tratta di specchietti per le allodole perché se rifiutano il sistema anche tali persone vengono emarginate.

Immaginiamo un profeta in antropologia teologica? Vi sono tante ricchezze spirituali, umane, esperienze, anche perplessità e difficoltà, che già da sole stimolano molte riflessioni.

Uscire dalle sordità e dagli interessi di bottega che spingono a non imparare dagli altri e a difendere il proprio orticello senza reciproca accoglienza, senza diffondere la conoscenza anche di altri media liberi. Sono miopie che spengono la maturazione delle persone e le lasciano ingabbiate da quel pensiero unico che emargina ogni altra voce. Si ritorcono dunque subito contro la testata sedicente libera ma di tali corte vedute perché, per esempio, la gente non legge più.

Dare spazio alla collaborazione del volontariato nelle redazioni anche perché le grandi realtà mediatiche di professionisti richiedono ingenti spese e conducono dritti nelle mani dei soliti finanziatori. Vi sono tante persone preparatissime, anche se non insegnano all’università. Pensiamo a tanti sacerdoti che provengono dal mondo della cultura ma hanno preferito crescere in mezzo alla gente, certo continuando a studiare ma vivificando la propria cultura nella maturazione condivisa.

Uscire dalla logica del bianco o nero tipica del pensiero in realtà unico. Sono voci teleguidate da pochi potenti che, anche dove in una qualche opposizione reciproca, sono però parte dello stesso sistema di fondo. Gli aut aut (= o solo questo o solo quello) cercano di rendere le persone fanatiche invece che aperte ad avvedersi di tante sfumature, dunque ad una viva ricerca del vero. Il sistema teleguida onnipervasivamente i pensieri della gente invece di stimolare ricerche vive che scavano nel mistero della vita evitando di venire plasmati dalle apparenze.

Il sistema propone in ogni cosa solo soluzioni tecniche, mero fare, si guarda bene dal salto di qualità, fin dalla scuola, delle libere ricerche identitarie e del solo allora autentico scambio. Favorire invece in ogni modo orientamenti in questa luce. Per esempio stimolare i genitori a dialogare in tal senso con i propri figli sui loro studi scolastici; porre attenzione alla formazione di guide spirituali anche laiche e, per esempio, di suore; creare luoghi d’incontro nella città per la crescita spirituale, per lo scambio e anche per l’incontro umano mentre il sistema cerca di isolare.

Autentica ricerca identitaria e solo allora autentico scambio risvegliano l’uscita dalla cultura astratta, della ragione a tavolino e orientano a rientrare in contatto col proprio cuore semplice nella luce serena, imparando a non lasciarsi confondere da schemi, rigidità, forzature, sensi di colpa, cervellotismi e conseguenti ansie. Ci si riapre alla vita superando le sordità dello svuotante ragionare a tavolino. Tutti i limiti cui sto accennando hanno spesso qui la loro matrice profonda.

Essere consapevoli della distorsione dei valori a vantaggio del sistema. Prendiamo la solidarietà, come può essere tale se impedisce nella scuola la formazione alla luce della libera ricerca identitaria e del solo allora autentico scambio? Si parla dunque di una solidarietà fittizia, omologante, che in nome e con l’aura di un bene in realtà falso spegne un’autentica ricerca umana e tende a rendere meri individui consumatori persi in una massa anonima.

Ecco sopra solo alcuni spunti per una rinascita dal basso. Per un credente poi resta la fiducia più profonda: la storia la porta avanti Dio con l’aiuto di ogni persona di buona volontà. In mezzo a noi vive l’Emmanuele, ci sostiene sulla via vera e non lascerà che siamo davvero perduti a causa di qualcuno. Lui per primo nella sua vita terrena è cresciuto nella ricerca identitaria e nell’autentico scambio: chi ascolta e dialoga con me sulla Parola è per me fratello, sorella e madre. E così la fonte della rinascita sta, almeno in un percorso: nell’affidarsi all’ascolto della Parola ed in specie del vangelo, piuttosto che solo ad una mera catechesi; nel privilegiare l’ascolto comunitario della Parola, con la conduzione della guida ma non limitandosi al suo monologo; nel proporre, almeno gradualmente, cammini personali e comunitari di fede, invece che, in eterno, corsi, riunioni; nella discreta disponibilità, per esempio della guida spirituale, ad accompagnare il cammino dell’altro rispettando il mistero del suo rapporto con Dio invece che imponendogli schematiche scelte.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

06/10/2021
0808/2022
San Domenico

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

TUTTI I GRADI DELLA SCALA #FAHRENHEIT – PRIMA DEL 451

Vi sono libri che, pur segnando un’epoca, superano le barriere del tempo e, pur appartenendo a un genere, ne travalicano i limiti per diventare un classico. Fahrenheit 451 è uno di essi: forse la massima espressione del genere distopico eppure ben più di questo, al punto che lettori freddi se non ostili nei riguardi della fantascienza non saprebbero non considerarlo un capolavoro. Del resto, solo di un capolavoro possono interessare le varianti o le versioni scartate: i prodromi di un libro mediocre sono mediocri scartafacci. Ecco perché, tra l’altro, dovrebbe avere valore intrinseco leggere i racconti preparatori di Fahrenheit 451 racchiusi nel volume Era una gioia appiccare il fuoco, usciti in Italia per gli Oscar Mondadori nel 2011 a seguito della raccolta americana A pleasure to burn: Fahrenheit 451 stories, edita appena l’anno precedente. Ma se l’interesse di questo libro fosse meramente filologico si potrebbe senza indugio soprassedere. Si tratta invece di schegge narrativa potentissime, capaci di condensare in poche pagine la visionarietà e la bruciante carica umanistica del messaggio di Bradbury.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: la Chiesa slovacca testimoni libertà, creatività e dialogo

Nell’incontro con vescovi, sacerdoti, religiosi, seminaristi e catechisti nella Cattedrale di Bratislava, il Papa indica il cammino di una Chiesa umile, “che non si separa dal mondo e dalla vita, “ma la abita dentro” e condivide le attese della gente.

Leggi tutto

Media

Libri - Lieve flessione della produzione

Il 41,4% della popolazione di 6 anni e più ha letto almeno un libro nell’ultimo anno, dato in lieve aumento rispetto al 2019 (+3%). Il 73,6% dei lettori legge solo libri cartacei, il 9,4% solo e-book o libri on line mentre lo 0,3% ascolta solo audiolibri. Il 16,6% utilizza più di un supporto per la lettura (libro cartaceo, digitale, audiolibro). Questi, in sintesi, i dati che emergono dall’ultimo rapporto Istat dedicato al comparto dell’editoria, un settore fortemente eterogeneo che, messo alla prova dall’emergenza pandemica, al contrario di altri ha mostrato una sostanziale tenuta

Leggi tutto

Società

Adinolfi “Truffati sono infinità”

A Morning News il caso della truffatrice col sonnifero che ha agito indisturbata in provincia di Monza: ecco il commento di Mario Adinolfi

Leggi tutto

Politica

Chi lavora non sia più una riga del bilancio

Questo il tenore del messaggio di Papa Francesco, che apre la 48esima giornata sociale dei Cattolici italiani a Cagliari. “Il lavoro che vogliamo. Libero, creativo, partecipativo e solidale” è il tema della giornata sociale, ispirata alla proposta della Evangelii Gaudium. La Cei prende il La dal Papa e si cala nel vissuto quotidiano del Paese. Resta da vedere se la politica ascolterà.

Leggi tutto

Società

Caso Signorini, Adinolfi dalla parte del conduttore

Continua a tenere banco il caso sulle parole di Alfonso Signorini riguardanti l’aborto al GF Vip: Mario Adinolfi si schiera dalla parte del conduttore

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano