Storie

di Tommaso Ciccotti

India: record di violenze contro comunità cristiane

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

India - In un solo giorno, almeno 13 episodi di violenza e minacce sono stati compiuti da membri di gruppi radicali induisti a danno di comunità cristiane negli stati di Uttarakhand, Haryana, Uttar Pradesh, Chhattisgarh e Madhya Pradesh e a Nuova Delhi, capitale del paese.

E’ quanto si apprende dalla Commissione per la Libertà religiosa della “Evangelical Fellowship of India” (EFI), organizzazione che riunisce comunità e denominazioni di gruppi cristiani evangelisti. Nei vari incidenti, gridando slogan inneggianti al dio indù Ram, folle inferocite hanno malmenato i fedeli riuniti in preghiera, hanno distrutto arredi, fotografie e strumenti musicali, devastando diverse sale di culto, affermano i leader cristiani.

“Condanniamo inequivocabilmente le deprecabili aggressioni alle Chiese e ai cristiani. I membri del Sangh Parivar (gruppo estremista indù) responsabili di queste azioni criminose, devono essere portati immediatamente davanti alla giustizia e ricevere una punizione adeguata, in modo che smettano di indulgere in attività violente e anticostituzionali”, ha dichiarato il Gesuita padre Cedric Prakash, promotore dei diritti umani e della libertà religiosa. “Nessuno ha il diritto di usare la legge a suo piacimento. Inoltre, secondo la Costituzione, ogni cittadino ha il diritto fondamentale di predicare liberamente la religione di propria scelta” ha spiegato. Il Gesuita nota che nelle zone settentrionali dell’India “la violenza cresce: le vittime sono sempre minoranze religiose e comunità emarginate, come agricoltori e o dalit”.

Secondo l’elenco EFI, le violenze fisiche e psicologiche (con accuse di conversioni) perpetrate il 3 ottobre sono le seguenti: a Maharajganj, nell’Uttar Pradesh, il Pastore Durgesh Bharti stava guidando un incontro di preghiera nella casa di altri cristiani nel villaggio di Nasirabad. Sono arrivati ​​alcuni fanatici, hanno iniziato a maltrattarli e minacciarli. Dopo un po’ hanno chiamato la polizia. La polizia è arrivata e ha preso in custodia il Pastore Durgesh alla stazione di polizia di Paniyara.
A Jaunpur, nell’Uttar Pradesh, il Pastore Prem Singh Chauhan è stato arrestato: contro di lui c’era una falsa denuncia di conversione forzata.
Nel villaggio di Hasanpur Baru, nel distretto di Hathras, in Uttar Pradesh, il Pastore Suraj Pal è stato informato dalla stazione di polizia di Sadabad che era stata depositata una denuncia di conversione forzata contro di lui. Dopo un interrogatorio, il Pastore è stato rilasciato poiché le accuse sono state ritenute infondate.

Nel villaggio di Chak Gordhan, Bijanaur, sempre in Uttar Pradesh, il Pastore Dinesh dopo aver concluso una preghiera domenicale, stava tornando a casa. Durante il tragitto è stato fermato da due poliziotti che gli hanno intimato di presentarsi alla stazione di polizia locale il giorno successivo.

A Maharajganj, ancora in Uttar Pradesh, l’incontro di preghiera del Pastore Shrinivas Prasad è stato interrotto da elementi violenti. Mentre protestava per l’interruzione, anche una ragazza cristiana è stata aggredita e malmenata. Ad Azamgarh, nel medesimo stato di Uttar Pradesh, il Pastore Nandu Nathaniel e sua moglie sono stati arrestati ai sensi della “Legge anti-conversione” dell’Uttar Pradesh, in base a una denuncia sporta da persone che vivono nei pressi della loro sala di culto.

Nello stato di Chhattisgarh, nel villaggio di Kusumi, alcuni cristiani sono stati aggrediti due volte dagli abitanti del villaggio: una volta al mattino e un’altra nel pomeriggio, secondo le informazioni del “Chhattisgarh Christian Forum”.

Gli abitanti del villaggio sono entrati nella piccola sala adibita a cappella, l’hanno devastata e hanno percosso un ragazzo di 12 anni che era all’interno. A Bhilai, sempre nel Chhattisgarh, il Pastore Santosh Rao è stato convocato alla stazione di polizia, dove è stato accusato di aver compiuto una conversione religiosa illegale.
A Karnal, nello stato di Haryana, una donna cristiana, e circa 25-30 altri fedeli, sono stati attaccati da membri di un gruppo estremista durante una liturgia domenicale. Sono stati minacciati, percossi, messi in fuga e la casa dove i cristiani stavano pregando è stata saccheggiata.

A Roorkee, nell’Uttarakhand, circa 500 estremisti hanno fatto irruzione in una sala dove erano radunati 15 fedeli per la preghiera domenicale. Sia le donne che gli uomini sono stati aggrediti e malmenati dagli estremisti. Cinque cristiani hanno riportato ferite e uno di loro, Rajat Kumar, è in condizioni critiche. A Jwalapur, in Uttarakhand, gruppi radicali indù, accompagnati anche da alcuni agenti di polizia, hanno interrotto una funzione religiosa, minacciando i cristiani presenti. Vipin Kumar, Pastore della comunità, ha riferito che i fedeli sono spaventati e non hanno sporto denuncia.

A Hoshangabad, in Madhya Pradesh, alcuni estremisti hanno interrotto il culto di un gruppo di fedeli accusando i cristiani di convertire le persone al cristianesimo. Infine ad Asola Fatehpur Beri, nell’area della capitale New Delhi,12 uomini sono andati a casa del Pastore Santosh Dan e lo hanno minacciato per aver annunciato il Vangelo, accusandolo di tentare di convertire le persone attraverso l’inganno o mezzi illeciti. Gli hanno intimato di non far entrare nessun indù nella sua casa per nessun motivo.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

06/10/2021
2810/2021
San Simone Apostolo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

LA GRANDE IDEA STURZIANA DELLA LIBERTA’

Voglio riavvolgere il nastro e portarvi a quando tutto doveva ancora accadere, a quel congresso del febbraio 1989, a trent’anni fa. Ero al Palaeur, zeppo all’inverosimile, avevo 17 anni e aspettavo come tanti l’intervento di Mino Martinazzoli, il mio maestro politico che mi chiamò poi a essere il più giovane membro dell’assemblea costituente del nuovo Partito popolare italiano, di cui avrei guidato da presidente nazionale il movimento giovanile (e mi emoziona pensare che il 2 marzo nascerà a Roma prossimo il movimento giovanile del Popolo della Famiglia, grazie a Nicola Di Matteo). Su YouTube è comparso il video di quell’intervento di Martinazzoli e so di chiedere un lavoro impensabile ai tempi di internet, ma ascoltatevi i trenta minuti scarsi di discorso e guardate anche cosa succede nei quindici minuti successivi. Si tratta di un documento storico di impressionante rilevanza.

Leggi tutto

Storie

A Lucca il restaurato Angelo Annunciante di San Gennaro in Lucchesia

Dal 18 settembre scorso e sino al 19 dicembre nella chiesa di San Franceschetto a Lucca è esposto, ad ingresso gratuito, l’Angelo Annunciante proveniente dalla Pieve di San Gennaro in Lucchesia, uno dei manufatti artistici più raffinati ed enigmatici del territorio lucchese. L’occasione è offerta dalla mostra “Se fosse un angelo di Leonardo… L’arcangelo Gabriele di San Gennaro in Lucchesia e il suo restauro.

Leggi tutto

Società

Certa CEI contro l’ora di religione

Uno degli aspetti più controversi della “Buona Scuola” è che l’immissione di questi mitologici professori non curriculari nell’organico degli istituti porterebbe per la natura stessa delle cose a emandare loro le materie alternative all’ora di Religione Cattolica. Morale della favola, chi si avvale dell’Irc resta di fatto penalizzato e depotenziato rispetto agli altri. I Vescovi vedono e tacciono

Leggi tutto

Politica

I fatti, solo i fatti

I fatti ci dicono che l’80% della popolazione italiana adulta è vaccinata. I fatti ci dicono che le piazze che hanno provato a “fascistizzare” sono in realtà piazze di popolo. I fatti ci dicono che portuali e autotrasportatori sono pronti a bloccare il rifornimento di merci, con l’effetto di un immediato tracollo economico. I fatti ci dicono che bloccare un porto come Trieste significa far saltare immediatamente gli investimenti di British American Tobacco, dei turchi, degli ungheresi, dei tedeschi di Amburgo, del Pnrr: valgono più di un miliardo di euro e migliaia di posti di lavoro. Draghi lo sa, è uomo che sa far di conto: subito ha proposto ai portuali di Trieste (settimo porto d’Europa) quel che noi da mesi proponiamo per tutti i lavoratori, cioè i tamponi gratuiti. Allora si sa come si fa a disinnescare la tensione sociale, ad abbattere il green pass come totem ideologico. I portuali di Trieste, che guadagnano 3.500 euro al mese e sono una categoria forte non ricattabile, hanno con grande dignità detto che non vogliono un provvedimento ragionevole solo per loro, ma lo vogliono per tutti. E poiché a fine mese salta pure il blocco dei licenziamenti, poiché in Italia stanno abbattendosi milioni di cartelle esattoriali, poiché è già decaduto il blocco degli sfratti, poiché gli aumenti del pieno di benzina e delle bollette sono colossali, il mio consiglio a Draghi è di non far soffiare sul fuoco gli apprendisti stregoni che ha nel governo. Draghi sa far di conto.
Con 4 italiani vaccinati su 5 il green pass, come in Danimarca, non serve più.

Leggi tutto

Politica

La Chiesa che si immischia

Nel 1982 il papa diceva ai confratelli convenuti da tutti i paesi europei, parlando del rapporto tra le Chiese locali e l’Europa: Il cristianesimo può scoprire nell’avventura dello spirito europeo le tentazioni, le infedeltà ed i rischi che sono propri dell’uomo nel suo rapporto essenziale con Dio in Cristo. Ancor più profondamente, possiamo affermare che queste prove, queste tentazioni e questo esito del dramma europeo non solo interpellano il Cristianesimo e la Chiesa dal di fuori come una difficoltà o un ostacolo esterno da superare nell’opera di evangelizzazione, ma in un senso vero sono interiori al Cristianesimo e alla Chiesa.

Leggi tutto

Storie

Quella integralista religiosa di Flannery O’ Connor

Flannery O’Connor è stata una cocciuta paladina della realtà contro ogni intellettualismo, colei che più di ogni altra ha saputo portare alla luce le teofanie imprevedibili che la realtà racchiude nei suoi aspetti più banali. Molta polvere si deposita sulle cose ordinarie, facendole apparire insane. Quella polvere va tolta, preservando le cose. Molte iniquità vanno combattute in questa realtà imperfetta per non essere annoverati tra gli iniqui, ma non il reale stesso. Poiché nessun progressismo libresco, la O’Connor asserisce da ogni pagina, ha mai potuto cambiare un atomo del reale o uno iota della legge. Solo ciò che è accidentale cambia, ma l’essenza delle cose non muta. Chi non comprende o non ama questo non comprende la realtà perché, evidentemente, ha molto elucubrato e poco vissuto: “ci vuole vita per amare la Vita”, avrebbe detto un altro grande americano, l’Edgar Lee Masters dell’Antologia di Spoon River.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano