Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Papa Francesco; percorso di alta formazione per continuare ad annunciare la Buona Novella

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

In una lettera indirizzata al cardinale Angelo De Donatis, Gran Cancelliere della Pontificia Università Lateranense sull’istituzione del Ciclo di studi in “Ecologia e Ambiente. Cura della nostra Casa Comune e Tutela del Creato”, Papa Francesco spiega le ragioni dell’attenzione della Chiesa cattolica al tema dell’ecologia integrale.

“La Chiesa realizza il suo impegno anche nel formare al vero significato di ogni azione volta a custodire, proteggere e garantire la vita sulla terra e della terra”: è da questa consapevolezza, con cui si apre la lettera di Papa Francesco al cardinale De Donatis, che deriva anche la costituzione del nuovo Corso di studi in Ecologia alla Lateranense che l’Atto accademico di questa mattina istituisce ufficialmente. E’ un impegno, sottolinea il Papa, che coinvolge tutti, credenti e non credenti, quello di garantire un futuro sostenibile ai giovani, ma anche “di predisporre gli strumenti per salvaguardare i diversi ecosistemi e le loro componenti, sapendo che non ci è dato di disporne senza misura”. Ed è un impegno urgente:

Papa Francesco sottolinea il legame della cura del creato con i progressi delle scienze, con il rapporto tra le culture, la costruzione della pace e della cooperazione, come con l’insieme dei principi del vivere sociale. E osserva che “di fronte al degrado che minaccia il pianeta, espressioni come libertà, giustizia, rispetto reciproco, solidarietà, equità, bene comune, sono privati di ogni significato e usati per “giustificare qualsiasi azione” (Fratelli tutti, 14).
Francesco scrive che l’attenzione ecologica della Chiesa cattolica si radica nella sua stessa dottrina sociale in cui trovano posto principi come “la destinazione universale dei beni, l’utilizzo razionale delle risorse”, insieme a indicazioni operative quali “la prevenzione del danno all’ambiente, la stabilizzazione del clima, la conservazione delle biodiversità, delle acque e dei terreni”. Poi sottolinea: Non possiamo però dimenticare che è grazie al Patriarcato Ecumenico di Costantinopoli se tra i cristiani è maturata la preoccupazione per la questione ecologica, per preservare i doni della creazione, del patrimonio naturale, anche con numerose iniziative per sensibilizzare ed esortare i credenti e le altre comunità religiose al rispetto dell’ambiente. Una riflessione che di fronte all’estinzione delle specie, alla distruzione della diversità biologica, ai cambiamenti climatici causati dalla distruzione delle foreste, alla contaminazione delle acque, dell’aria e della vita, non ha esitato a dire: “questi sono peccati” (Bartolomeo I, Discorso al Simposio sull’ambiente, Santa Barbara, USA, 8 novembre 1997).

Il comune obiettivo dei cristiani a tutela del creato ha contribuito ad approfondire il dialogo tra le Chiese, osserva il Papa, portandolo anche a comprendere la centralità del ruolo educativo rappresentato dalle Università, “luogo simbolo di quell’umanesimo integrale che necessita continuamente di essere rinnovato e arricchito attraverso l’intrecciarsi dei saperi, delle arti e delle scienze”. Alle Università spetta proporre nella loro offerta formativa, si legge nella lettera, “un coraggioso slancio culturale coerente e un progetto scientificamente valido”, per rispondere alle sfide attuali. Il Papa scrive:

Per questo, ho pensato di inserire gli Studi in Ecologia e Ambiente nel sistema degli studi ecclesiastici tra le “altre scienze, in primo luogo delle scienze umane, che siano più strettamente connesse con le discipline teologiche o con l’opera di evangelizzazione” (Cost. ap. Veritatis gaudium, Art. 85, a) e, in unità con il Venerato Fratello, Bartolomeo I, di istituire nell’Università del Vescovo di Roma un Ciclo di studi in Ecologia e Ambiente. Cura della nostra Casa Comune e Tutela del Creato. Un percorso di alta formazione nel quale le Sedi degli Apostoli Pietro e Andrea potranno operare in sinergia per proseguire, anche in questo ambito, la loro missione di annunciare la Buona Novella a tutte le genti.

Nel testo i dettagli del nuovo Ciclo di studi affidato alla Lateranense, con la collaborazione di altre realtà accademiche collegate a vario titolo alle due Chiese, e che si articolerà nei settori disciplinari della teologia, della filosofia, del diritto e di tutte le scienze dell’ambito economico, sociale, ecologico e ambientale. L’Università conferirà i gradi accademici previsti per i tre cicli della formazione universitaria. Il Papa specifica anche che l’iniziativa è aperta “ad altre Chiese cristiane e comunità di credenti che vorranno congiungersi al nuovo percorso accademico”. Inoltre nel Ciclo di studi “potrà operare una Cattedra UNESCO sul futuro dell’educazione alla sostenibilità” per favorire a livello mondiale, l’educazione alla responsabilità ecologica. La lettera si conclude con un auspicio che Papa Francesco rivolge a quanti sono e saranno impegnati nella realizzazione della nuova iniziativa accademica:

Che Dio misericordioso inondi della Sua luce i nostri passi, perché il servizio e la preoccupazione per il pianeta siano sempre ispirati dalla gioia di sentirci custodi responsabili dell’opera di Dio Creatore.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/10/2021
0602/2023
Ss. Paolo Miki e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Sacerdoti oggi

Vi sembrerà impossibile, lo so. Anche a me oggi, a 45 anni, fa ancora lo stesso effetto. A volte mi sveglio di notte da incubi spaventosi e mi domando: ma è stato tutto vero o me lo sono inventato io? Durante l’esperienza del liceo e poi dell’università ci ho provato a staccarmi. Per fortuna allora non esistevano i cellulari. Ma vi posso assicurare che la sua presenza era totalizzante anche a distanza. Non esagero se vi dico che ci sono state settimane e mesi nelle quali mi arrivano non meno di trenta telefonate al giorno tutte sue. Ero suo e non era immaginabile che io prendessi il volo per sempre. Mi controllava. Durante la fase della tesi di laurea ho iniziato a soffrire di attacchi di panico. Quest’anno festeggio i 22 anni di convivenza con questa brutta bestia che ti schianta il cuore e il fisico. La vita è sempre stata una vista passata a scappare. A fare non-scelte. Compresa quella di entrare in seminario dopo la laurea in filosofia. E ne ero convinto in un certo senso, ero convinto di avere la vocazione. In realtà non era così: scappavo ancora una volta dal mostro. A venticinque anni che cosa potevo fare nella vita? Non ero capace di fare niente. E allora perché non entrare in seminario? Il prete sapevo farlo, figuriamoci, con tutta l’esperienza di anni e anni passata a fare ogni cosa in parrocchia ed in oratorio! E poi, forse, se fossi diventato prete avrei finalmente avuto la scusa giusta per allontanarmi dal mostro. Il Vescovo mi avrebbe spedito a chilometri di distanza dal prete-mostro e allora la mia prigione sarebbe finita. In seminario ci sono restato 9 mesi. Il periodo più importante e decisivo per la mia vita. Decisivo per affrontare di petto per la prima volta chi ero davvero e che cosa volevo davvero diventare.

Leggi tutto

Società

10 figli e molte famiglie guardano a Raffaella

È un’appassionata sostenitrice del ruolo del Consulente Familiare, è stata per sei anni presidente dell’Associazione Nazionale Famiglie Numerose e sa di cosa parla, avendo messo al mondo dieci figli. «Tutte le famiglie numerose vivono una sorta di riprovazione sociale – dice – e mancano sia riforme fiscali che incentivino la prolificità sia un giusto riconoscimento della maternità»

Leggi tutto

Chiesa

Quella di Krajewski non è stata una bravata, ecco qui perché

Il sottotesto della controversa scelta era una ridda di complicazioni burocratiche dal nodo gordiano

Leggi tutto

Chiesa

Cile, i vescovi per la difesa della vita

In Cile è stato approvato in via generale il disegno di legge per depenalizzare l’aborto fino alla 14esima settimana di gestazione, nel suo primo passaggio legislativo. I presuli ribadiscono che la vita inizia dal concepimento e va tutelata.

Leggi tutto

Chiesa

Papa: le culture autoreferenziali si ammalano

Papa - Inaugurando una nuova sala espositiva della Biblioteca Apostolica Vaticana, Francesco sottolinea il valore della bellezza che non è l’illusione fugace di un’apparenza o di un ornamento.

Leggi tutto

Chiesa

Domani l’incontro tra il Papa ed i giovani di Scholas

Nel pomeriggio del 25 novembre Francesco sarà a colloquio con 71 ragazzi della Fondazione Pontificia impegnata sui temi dell’educazione.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano