Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Papa Francesco; percorso di alta formazione per continuare ad annunciare la Buona Novella

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

In una lettera indirizzata al cardinale Angelo De Donatis, Gran Cancelliere della Pontificia Università Lateranense sull’istituzione del Ciclo di studi in “Ecologia e Ambiente. Cura della nostra Casa Comune e Tutela del Creato”, Papa Francesco spiega le ragioni dell’attenzione della Chiesa cattolica al tema dell’ecologia integrale.

“La Chiesa realizza il suo impegno anche nel formare al vero significato di ogni azione volta a custodire, proteggere e garantire la vita sulla terra e della terra”: è da questa consapevolezza, con cui si apre la lettera di Papa Francesco al cardinale De Donatis, che deriva anche la costituzione del nuovo Corso di studi in Ecologia alla Lateranense che l’Atto accademico di questa mattina istituisce ufficialmente. E’ un impegno, sottolinea il Papa, che coinvolge tutti, credenti e non credenti, quello di garantire un futuro sostenibile ai giovani, ma anche “di predisporre gli strumenti per salvaguardare i diversi ecosistemi e le loro componenti, sapendo che non ci è dato di disporne senza misura”. Ed è un impegno urgente:

Papa Francesco sottolinea il legame della cura del creato con i progressi delle scienze, con il rapporto tra le culture, la costruzione della pace e della cooperazione, come con l’insieme dei principi del vivere sociale. E osserva che “di fronte al degrado che minaccia il pianeta, espressioni come libertà, giustizia, rispetto reciproco, solidarietà, equità, bene comune, sono privati di ogni significato e usati per “giustificare qualsiasi azione” (Fratelli tutti, 14).
Francesco scrive che l’attenzione ecologica della Chiesa cattolica si radica nella sua stessa dottrina sociale in cui trovano posto principi come “la destinazione universale dei beni, l’utilizzo razionale delle risorse”, insieme a indicazioni operative quali “la prevenzione del danno all’ambiente, la stabilizzazione del clima, la conservazione delle biodiversità, delle acque e dei terreni”. Poi sottolinea: Non possiamo però dimenticare che è grazie al Patriarcato Ecumenico di Costantinopoli se tra i cristiani è maturata la preoccupazione per la questione ecologica, per preservare i doni della creazione, del patrimonio naturale, anche con numerose iniziative per sensibilizzare ed esortare i credenti e le altre comunità religiose al rispetto dell’ambiente. Una riflessione che di fronte all’estinzione delle specie, alla distruzione della diversità biologica, ai cambiamenti climatici causati dalla distruzione delle foreste, alla contaminazione delle acque, dell’aria e della vita, non ha esitato a dire: “questi sono peccati” (Bartolomeo I, Discorso al Simposio sull’ambiente, Santa Barbara, USA, 8 novembre 1997).

Il comune obiettivo dei cristiani a tutela del creato ha contribuito ad approfondire il dialogo tra le Chiese, osserva il Papa, portandolo anche a comprendere la centralità del ruolo educativo rappresentato dalle Università, “luogo simbolo di quell’umanesimo integrale che necessita continuamente di essere rinnovato e arricchito attraverso l’intrecciarsi dei saperi, delle arti e delle scienze”. Alle Università spetta proporre nella loro offerta formativa, si legge nella lettera, “un coraggioso slancio culturale coerente e un progetto scientificamente valido”, per rispondere alle sfide attuali. Il Papa scrive:

Per questo, ho pensato di inserire gli Studi in Ecologia e Ambiente nel sistema degli studi ecclesiastici tra le “altre scienze, in primo luogo delle scienze umane, che siano più strettamente connesse con le discipline teologiche o con l’opera di evangelizzazione” (Cost. ap. Veritatis gaudium, Art. 85, a) e, in unità con il Venerato Fratello, Bartolomeo I, di istituire nell’Università del Vescovo di Roma un Ciclo di studi in Ecologia e Ambiente. Cura della nostra Casa Comune e Tutela del Creato. Un percorso di alta formazione nel quale le Sedi degli Apostoli Pietro e Andrea potranno operare in sinergia per proseguire, anche in questo ambito, la loro missione di annunciare la Buona Novella a tutte le genti.

Nel testo i dettagli del nuovo Ciclo di studi affidato alla Lateranense, con la collaborazione di altre realtà accademiche collegate a vario titolo alle due Chiese, e che si articolerà nei settori disciplinari della teologia, della filosofia, del diritto e di tutte le scienze dell’ambito economico, sociale, ecologico e ambientale. L’Università conferirà i gradi accademici previsti per i tre cicli della formazione universitaria. Il Papa specifica anche che l’iniziativa è aperta “ad altre Chiese cristiane e comunità di credenti che vorranno congiungersi al nuovo percorso accademico”. Inoltre nel Ciclo di studi “potrà operare una Cattedra UNESCO sul futuro dell’educazione alla sostenibilità” per favorire a livello mondiale, l’educazione alla responsabilità ecologica. La lettera si conclude con un auspicio che Papa Francesco rivolge a quanti sono e saranno impegnati nella realizzazione della nuova iniziativa accademica:

Che Dio misericordioso inondi della Sua luce i nostri passi, perché il servizio e la preoccupazione per il pianeta siano sempre ispirati dalla gioia di sentirci custodi responsabili dell’opera di Dio Creatore.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/10/2021
2609/2022
Ss. Cosma e Damiano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Cei: meno seminaristi

I dati di un rapporto della Conferenza episcopale italiana svelano che in soli dieci anni la flessione vocazionale ha toccato quota 28%: in cinquant’anni i seminaristi sono più che dimezzati.

Leggi tutto

Società

Alla commissione etica delle Marche

La piaga della denatalità rende infatti insostenibili i costi del welfare: sanità, cura degli inguaribili, assistenza ai disabili gravi diventano attività troppo costose e dunque si procede a inoculare nel Paese una cultura di morte, l’idea che sia utile per tutti che il sofferente decida di eliminarsi in una logica hitleriana per nulla coperta da una falsa autodeterminazione. Il tutto senza una legge che consenta tutto ciò, imponendo dunque questa cultura saltando a piè pari il passaggio parlamentare.

Leggi tutto

Politica

Pechino: attività religiose online vietate

Pubblicate le nuove misure che entreranno in vigore il primo marzo 2022. Le regole valgono per messe, sermoni, formazione e tutti i servizi d’informazione religiosa. È il controllo “democratico” sulle religioni voluto da Xi.

Leggi tutto

Chiesa

Israele - Cresce di numero, ma cala in percentuale la popolazione cristiana

Secondo i numeri forniti dall’istituzione israeliana, vivono attualmente in Israele 182mila cristiani, pari all’1,9 per cento della popolazione nazionale, mentre nel 2020 il tasso di crescita registrato presso la popolazione cristiana nello Stato ebraico è stato dell’1,4 per cento.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ed i processi della Sacra Rota

Nell’udienza per l’inaugurazione dell’anno giudiziario della Rota Romana, Francesco sottolinea che nel lavoro di verifica e giudizio è necessario un approccio sinodale: non venga mai meno la comprensione verso le persone che soffrono per il fallimento dalla loro vita coniugale

Leggi tutto

Politica

Incontro Santa Sede-Italia: timori per la guerra

Celebrata all’Ambasciata di Italia presso la Santa Sede, la ricorrenza della firma dei Patti Lateranensi tra Italia e Santa Sede. Tra i temi trattati in questa occasione, il Giubileo del 2025, il sostegno a favore delle famiglie, l’attenzione ai migranti. Grande attenzione è stata dedicata inoltre alla guerra in Ucraina e alla situazione in Libano

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano