Chiesa

di Giampaolo Centofanti

Il discernere sinodale

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

«Il regno di Dio non viene in modo da attirare l’attenzione, e nessuno dirà: Eccolo qui, o: eccolo là. Perché il regno di Dio è in mezzo a voi!». Il sensus fidei del popolo cristiano non è invenzione di qualche teologo ma ne parla Gesù stesso nei vangeli. Ma come cogliere una sintesi di esso? Forse il punto è proprio lasciare al complesso del popolo, in cammino con Dio, nel mondo, lo sviluppo della fede. Dunque accettandone le tensioni, gli intrecci.

Pensiamo alle parole di Gesù sullo Spirito che ci condurrà alla verità tutta intera riportandoci sempre più profondamente alla vita di Cristo stesso. Un aspetto di tale strada può consistere nell’avvedersi delle tradizioni umane che si possono essere nel tempo sovrapposte alla sua opera. Un rischio che il Figlio dell’uomo evidenzia. Ecco che allora si potrebbe magari imparare non tanto a cancellare le suddette terrene interpretazioni ma a riconoscere la legittimità di certe altre opinioni, sulla base di un nucleo veritativo essenzialissimo che in fondo con evidenza nessun cattolico può porre in discussione.

Questo cammino può nel tempo orientare verso una maturazione tendenzialmente sintetica delle varie polarità nella vita concreta.

Si guardi per esempio al tempo in cui una visione della dottrina per certi aspetti considerata astrattamente si confrontava con accenti meno intellettualistici ma di una spiritualità anch’essa non così attenta all’umanità specifica di ciascuno e si contrapponeva alla pratica di una fede che i dottrinaristi ed anche gli spiritualisti definivano “fai da te”.

Si tratta di istanze che tendenzialmente oggi si incontrano in modo nuovo in una spiritualità maturata gradualmente, a misura della specifica persona, grazie e verso i riferimenti della fede.

Non è allora interessante ascoltare anche oggi le tensioni che emergono nella vita della Chiesa? L’attenzione all’incontro, all’accoglienza ma anche quella allo sviluppo delle identità non rivelano il bisogno del giusto spazio da riconoscere ad ognuna di tali istanze? Anche accettando e lasciando esprimere certi unilateralismi finché non tocchino quell’essenziale della fede cui accennavo sopra. Nella scuola è necessario dare spazio, in momenti distinti, ad identità e ad incontro mentre considerare uno solo dei due o un loro mescolarsi significa di fatto manipolare la crescita dei giovani.

Emerge il bisogno di guide che imparino a camminare avanti, in mezzo e dietro al gregge. Imparando, come il buon pastore, tante cose di questo graduale cammino dalle stesse specifiche pecore. Lo vediamo per esempio quando nella parabola egli veglia e attende l’uscire delle pecore dal recinto anche spingendole dolcemente fuori con l’aiuto del complessivo muoversi del gregge stesso.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

08/10/2021
2810/2021
San Simone Apostolo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Appello ai vescovi italiani

Il nostro quotidiano rivolge un appello al cardinale Bagnasco e alla Cei per una mobilitazione evidente dei cattolici per impedire l’approvazione di norme che devasterebbero la famiglia

Leggi tutto

Società

Il tour di Gianna fa scuola in Italia

Mentre le polemiche sull’obiezione di coscienza dei medici antiabortisti infiammano il Paese (in fondo sono buone per ogni stagione), Gianna Jessen, nota a moltissimi per la sua storia narrata in
“October Baby”, gira lo stivale. Libero dà voce all’“unico medico abortista” del Molise come a un eroe, mentre il Paese reale corre ad ascoltare la testimonianza della Jessen: il futuro passa da lì, lo sa bene

Leggi tutto

Chiesa

C’è un solo modo di riformare davvero la Chiesa

Quando si parla di “disputa felice” bisogna avere il coraggio e la forza di confrontarsi con persone come mons. Agostino Marchetto. Armato “solo” di enorme competenza e di altrettanta umiltà, il famoso storico del “Magno Sinodo” che fu il Vaticano II ha offerto un contributo importante a una miscellanea di grido, sì, ma dalle numerose aporie. L’opera segna la strada per quanto ancora resta da fare in ordine all’assimilazione del Concilio. Ne parliamo con lui.

Leggi tutto

Politica

Ministro Bonetti: 30 milioni per i campi estivi

Non si coglie come sia possibile immaginare l’apertura di centri estivi – e chi dovrebbe educare i bambini ai giusti comportamenti all’interno dei medesimi? – se non si riconoscono le condizioni adeguate per riaprire le scuole. Si tratterebbe comunque di luoghi di “assembramento sociale”, in che spazi? Gestiti da chi? Insomma, le risposte del ministro contengono sempre una parte di giudizio interessante, a tratti anche condivisibile («i nostri figli hanno diritto di giocare», «la priorità è sostenere le famiglie e investire nel valore sociale che continuano a mettere in campo»), purtroppo innestate – quasi innaturalmente – in una concezione talmente ideologica e statalista per cui gli “aiuti” vanno promessi – si spera prima o poi anche erogati – al fine di un «cambio di paradigma» della società, che deve diventare come il ministro desidera.

Leggi tutto

Chiesa

Ecco chi c’era al “sinodo-ombra” di maggio

Esce un libro in cui i “docenti di teologia” del conciliabolo in Gregoriana vengono allo scoperto, con nomi (sconosciuti),
numeri (risibili) e tesi (le solite). E le minacciose ombre proiettate sul cinematografo di Repubblica svaniscono d’incanto

Leggi tutto

Società

Certa CEI contro l’ora di religione

Uno degli aspetti più controversi della “Buona Scuola” è che l’immissione di questi mitologici professori non curriculari nell’organico degli istituti porterebbe per la natura stessa delle cose a emandare loro le materie alternative all’ora di Religione Cattolica. Morale della favola, chi si avvale dell’Irc resta di fatto penalizzato e depotenziato rispetto agli altri. I Vescovi vedono e tacciono

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano