Politica

di Roberto Signori

Il Popolo della Famiglia a piazza Cavour contesta il referendum - imbroglio

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Contestazione da parte di Mario Adinolfi, fondatore del Popolo della Famiglia, contro il deposito delle firme in Cassazione per chiedere l’eutanasia legale. Adinolfi mentre era in corso l’iniziativa dell’associazione Luca Coscioni e’ arrivato a piazza Cavour e avvicinandosi a Marco Cappato e agli altri promotori del referendum ha urlato: “State imbrogliando, è un imbroglio – ha detto – state imponendo un diktat per cui dovremmo essere tutti contenti di essere liberi di suicidarsi. La Corte Costituzionale non potrà mai dare il via libera a questo referendum. L’eutanasia non potrà mai essere fatta per referendum ma per legge”.

“Queste le mie dichiarazioni integrali (niente di che, tre minuti) nel corso dell’azione di protesta svolta oggi davanti alla Corte di Cassazione contro il referendum-imbroglio di Marco Cappato. Video filmato da Andrea Brenna che ringrazio insieme a tutti i militanti del PdF di Roma che con coraggio si sono opposti agli invasati”, ha scritto poi Adinolfi su Fb, linkando la clip qui in basso.

Poi su facebook ha aggiunto: “Cappato e i radicali hanno avuto una trasformazione genetica. In peggio e mi sembrava impossibile. Sono diventati violenti, arroganti, con il riso ienesco di chi si sente potente. Una volta si presentavano imbavagliati. Ora cercano di imbavagliare. Per coprire la magagna del loro referendum-imbroglio a cui nessuno osa opporsi. Nessuno tranne noi”.

https://www.facebook.com/598810427/videos/2871743886470754/

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

08/10/2021
2806/2022
Sant'Ireneo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Peter Singer, il bioeticista che vuole uccidere i neonati

Cosa dice il docente di Princeton che teorizza l’eutanasia “non volontaria” sui disabili, soprattutto se appena nati, con l’obiettivo di “ridurre i costi sanitari”

Leggi tutto

Società

La Francia in piazza per la vita

La mancanza di un progetto genitoriale espone il feto alla concreta possibilità dello scarto. Essendo stata negata la sua esistenza, l’essere soltanto «nella carne» è destinato ad essere patologizzato e assimilato a un tumore. Si scava così un abisso incolmabile tra il feto come accidente, considerato come qualcosa di contingente nel corpo della donna, e il feto «umanizzato» dalla parola della madre. Il problema è che, scrive Boltanski, «gli esseri nella carne non possono essere distinti dagli esseri per la parola». Se «ciò che costituisce un essere umano non è il feto, iscritto nel corpo, ma la sua adozione simbolica», «questa adozione suppone la possibilità di una discriminazione tra embrioni per nulla distinguibili».

Leggi tutto

Società

La morte di Charlie punto di non ritorno

Ci siamo mancano poche ore Quondo accadrà cio’ che sembrava impossibile. Un bimbo indifeso verrà ucciso senza pietà in un ospedale inglese. I suoi genitori si oppongono fortemente ma e’ lo stato padrone che decide. Poche le voci di protesta innanzi ad un atto vile ed ingiustificabile. Stiamo toccando il fondo ma la gente continua a guardare!

Leggi tutto

Politica

Volete o non volete cambiare il Paese?

Il Popolo della Famiglia lancia la proposta a tutti gli uomini e le donne “liberi e forti” d’Italia: ora impegnarsi in prima persona

Leggi tutto

Storie

Lettera ai professori e ad alcuni genitori

Ricorda qualcosa dell’acerba forza della “Lettera a una professoressa”, dei ragazzi di Barbiana, questo testo ricevuto in Redazione: una giovane intercettata poco e male dalla scuola italiana, nei suoi anni più fragili, si è ritrovata nel lavoro e nel r-accogliere il patrimonio di cultura e di fede trasmessole dai genitori. Oggi ha imparato alcune lezioni e ce le impartisce.

Leggi tutto

Storie

101 VERBI - COSE FATTE E SUGGERIMENTI

Ringraziare è anche condividere e allora vai con i 101 diversi verbi che pensavo di far diventare un nuovo libro e che invece voglio regalare a voi che mi seguite sui social, alla fine per farvi i fatti miei e allora che siano raccontate le cose fatte, in una vita che è stata anche devastata e devastante, ma ha corso al ritmo serrato di una opera rock. Nessuno si è annoiato.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano