Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Papa Francesco all’Angelus: “Dio, che ci dà la vita, ci domanda slanci di vita”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nell’uomo che “possedeva molti beni” e che incontra Gesù nel Vangelo di Marco di questa domenica, “possiamo vederci tutti” e fare così “Un test sulla fede”. Prima dell’Angelus, dal brano evangelico odierno il pontefice ricava tre indicazioni per noi. Innanzitutto, se la fede “è principalmente un dovere o una moneta di scambio, siamo fuori strada”, perché Dio non è un “contabile e controllore”, ma “padre”. Se la nostra è una fede stanca, possiamo rinvigorirla cercando “lo sguardo di Dio” nell’adorazione, lasciandoci “amare da Lui”. Infine non accontentiamoci dei doveri, “i precetti e qualche preghiera”, mentre Dio, “che ci dà la vita, ci domanda slanci di vita!”

Cari fratelli e sorelle, buongiorno!

La Liturgia di oggi ci propone l’incontro tra Gesù e un uomo che «possedeva molti beni» (Mc 10,22) e che è passato alla storia come “il giovane ricco” (cfr Mt 19,20-22). Non sappiamo il nome. Il Vangelo di Marco, in realtà, parla di lui come di «un tale», senza dirne l’età e il nome, a suggerirci che in quell’uomo possiamo vederci tutti, come in uno specchio. Il suo incontro con Gesù, infatti, ci permette di fare un test sulla fede. Io mi faccio, leggendo questo, un test sulla mia fede.

Quel tale esordisce con una domanda: «Che cosa devo fare per avere la vita eterna?» (v. 17). Notiamo i verbi che utilizza: dover fare – per avere. Ecco la sua religiosità: un dovere, un fare per avere; “faccio qualcosa per ottenere quel che mi serve”. Ma questo è un rapporto commerciale con Dio, un do ut des. La fede, invece, non è un rito freddo e meccanico, un “devo-faccio-ottengo”. È questione di libertà e di amore. La fede è questione di libertà, è questione di amore. Ecco un primo test: che cos’è per me la fede? Se è principalmente un dovere o una moneta di scambio, siamo fuori strada, perché la salvezza è un dono e non un dovere, è gratuita e non si può comprare. La prima cosa da fare è liberarci di una fede commerciale e meccanica, che insinua l’immagine falsa di un Dio contabile, un Dio controllore, non padre. E tante volte nella vita possiamo vivere questo rapporto di fede “commerciale”: io faccio questo perché Dio mi dia questo.

Gesù – secondo passaggio – aiuta quel tale offrendogli il volto vero di Dio. Infatti – dice il testo – «fissò lo sguardo su di lui» e «lo amò» (v. 21): questo è Dio! Ecco da dove nasce e rinasce la fede: non da un dovere, non da qualcosa da fare o pagare, ma da uno sguardo di amore da accogliere. Così la vita cristiana diventa bella, se non si basa sulle nostre capacità e sui nostri progetti, ma si basa sullo sguardo di Dio. La tua fede, la mia fede è stanca? Vuoi rinvigorirla? Cerca lo sguardo di Dio: mettiti in adorazione, lasciati perdonare nella Confessione, stai davanti al Crocifisso. Insomma, lasciati amare da Lui. Questo è l’inizio della fede: lasciarsi amare da Lui, che è padre.

Dopo la domanda e lo sguardo c’è – terzo e ultimo passaggio – un invito di Gesù, che dice: «Una cosa sola ti manca». Che cosa mancava a quell’uomo ricco? Il dono, la gratuità: «Va’, vendi quello che hai, dallo ai poveri» (v. 21). È quello che forse manca anche a noi. Spesso facciamo il minimo indispensabile, mentre Gesù ci invita al massimo possibile. Quante volte ci accontentiamo dei doveri – i precetti, qualche preghiera e tante cose così – mentre Dio, che ci dà la vita, ci domanda slanci di vita! Nel Vangelo di oggi si vede bene questo passaggio dal dovere al dono; Gesù inizia ricordando i comandamenti: «Non uccidere, non commettere adulterio, non rubare…» e così via (v. 19), e arriva alla proposta positiva: “Va’, vendi, dona, seguimi!” (cfr v. 21). La fede non può limitarsi ai no, perché la vita cristiana è un sì, un sì d’amore.

Cari fratelli e sorelle, una fede senza dono, una fede senza gratuità è una fede incompleta, è una fede debole, una fede ammalata. Potremmo paragonarla a un cibo ricco e nutriente a cui però manca sapore, o a una partita più o meno ben giocata ma senza gol: no, non va, manca il “sale”. Una fede senza dono, senza gratuità, senza opere di carità alla fine rende tristi: come quel tale che, pur guardato con amore da Gesù in persona, tornò a casa «rattristato» e «scuro in volto» (v. 22). Oggi possiamo domandarci: “A che punto sta la mia fede? La vivo come una cosa meccanica, come un rapporto di dovere o di interesse con Dio? Mi ricordo di alimentarla lasciandomi guardare e amare da Gesù?”. Lasciarsi guardare e amare da Gesù; lasciare che Gesù ci guardi, ci ami. “E, attirato da Lui, corrispondo con la gratuità, con generosità, con tutto il cuore?”.

La Vergine Maria, che ha detto a Dio un sì totale, un sì senza ma – non è facile dire dei sì senza ma: la Vergine ha fatto così, un sì senza ma – ci faccia assaporare la bellezza di fare della vita un dono”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

10/10/2021
0812/2023
Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Il Papa e la Giornata della Cattolica

Il Pontefice, dopo la preghiera del Regina Coeli, ricorda la 99.ma Giornata dell’Università Cattolica del Sacro Cuore

Leggi tutto

Chiesa

Papa: cristiani e musulmani, facciamo crescere un mondo di fraternità

Francesco ha incontrato i partecipanti al Colloquio tra il Dicastero per il Dialogo Interreligioso e il Royal Institute for Inter-Faith Studies, fondato in Giordania, per la ricerca e la valorizzazione degli elementi di convergenza tra fede cristiana e quella islamica, “in tempi segnati da conflitti e violenze”.

Leggi tutto

Storie

Tamil Nadu, l’arcivescovo ai chierichetti: insieme oltre le caste

Oltre 500 ministranti a un incontro tenuto dall’arcidiocesi di Pondicherry-Cuddalore al Santuario di Nostra Signora Periyanayagi. Molte anche le bambine, anche se in alcune parrocchie vi sono ancora resistenze.

Leggi tutto

Storie

India - I cristiani e le donne

Restituire dignità alle donne nella società, specialmente nelle arre rurali; promuoverne le capacità imprenditoriali, svilupparne le abilità: con questo obiettivo l’organizzazione “Seva Kendra Calcutta”, braccio sociale dell’Arcidiocesi di Calcutta, ha organizzato un tempo di formazione e di apprendistato, accompagnando le donne dei villaggi del Bengala occidentale (stato dell’India orientale), a mettersi in proprio, diventando piccole imprenditrici, contribuendo al sostentamento delle loro famiglie.

Leggi tutto

Società

Scuole cattoliche francofone alternativa all’esodo dei giovani

Nel fine settimana ad Amman si è svolto il quarto simposio, presenti oltre 250 rappresentati dai vari Paesi della regione. I fondi raccolti da L’Œuvre d’Orient hanno permesso lo sviluppo di 211 istituti e progetti educativi. Sono 400mila gli studenti sparsi in 550 scuole, che costituiscono un “fattore di stabilità”.

Leggi tutto

Chiesa

Pizzaballa nuovo cardinale

Una notizia inattesa ma anche uno sprone per il dialogo e l’incontro. È il pensiero del Patriarca Latino di Gerusalemme dopo l’annuncio di Papa Francesco, al termine della preghiera mariana, della sua nomina a cardinale

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano