Chiesa

di Giampaolo Centofanti

Le vere parole di Gesù.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il cammino sinodale ci orienta a tornare sempre più profondamente a Cristo.

Nel cammino della storia, nella Chiesa, lo Spirito ci conduce tendenzialmente sempre più all’essenziale del discernere concreto, divino e umano, del Gesù dei vangeli. Un percorso dunque dove ciò che non è strettamente essenziale può venire lasciato ad una libera interpretazione che dunque non impegna la fede comune.

Cosa ha detto e vissuto davvero Gesù? Possiamo osservare che il complesso dei vangeli mostrano a sufficienza il senso della sua rivelazione. Ma comunque anche le parole che gli vengono attribuite paiono proprio in questa direzione di fondo affidabili quanto ai loro significati. Non sembra emergere il bisogno di cambiarle ma di comprenderne, per grazia, il senso nel contesto globale.

Cristo da un lato vive e manifesta i riferimenti della fede dall’altro accompagna con amore ogni persona sul suo specifico, ben al di là degli schemi, graduale, cammino verso il compiersi della vita in lui. Riferimenti essenziali sostanzialmente immutabili e cammino graduale verso di essi e in essi, in una misericordia senza confini.

In questo quadro di fondo si può notare persino nei vangeli la tendenza anche degli apostoli a comprendere la parola secondo la propria mentalità. È il vissuto dialogo con Gesù che li libera dalle interpretazioni che essi possono quasi inconsapevolmente sovrapporre al messaggio di Cristo. Dunque un tornare continuamente ai vangeli per vedere cosa il Figlio dell’uomo ha veramente detto e operato. Perlomeno cercando di non imporre ai cristiani ciò che nei vangeli non si trova.

È quello che per esempio osserviamo negli Atti degli Apostoli dove la Chiesa cerca in un cammino saggiamente graduale di ridurre le norme non derivabili da Gesù. E ciò proprio nell’ascolto delle varie, talora opposte, tendenze che orientavano, per la fede comune, alla riduzione all’essenziale sicuro certamente attribuibile a Gesù.

Il cammino personale e comunitario della fede appare come un graduale diminuire delle visuali personali lasciando spazio all’opera di Gesù. “Gli dissero allora: «Che cosa dobbiamo fare per compiere le opere di Dio?». Gesù rispose: «Questa è l’opera di Dio: credere in colui che egli ha mandato» (Gv 6, 28-29).

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/10/2021
2710/2021
S. Frumenzio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Ora tutti in piazza

Ora il disegno è chiaro. Ora si capisce perché ieri tutte quelle paginate sulla “svolta pro gay” al Sinodo. Ve l’avevamo detto subito da queste colonne: occhio alla trappola, occhio che vogliono dividerci.

Leggi tutto

Media

Le solite mistificazioni sul Sinodo

Leggi tutto

Politica

Al male bisogna opporsi

Ancora una volta sul web c’è chi dà patenti di misericordiosità. Io, ovviamente, non sono misericordiosa, perché ho attaccato il neo ministro Fedeli. Invece bisogna offrire appoggio, e collaborazione, e testimoniare senza opporsi. Ma al male, non alle persone, bisogna opporsi. È vero, abbiamo scherzato tutti sulla sua non laurea, ma molti senza parole offensive (io per esempio ho diffuso un invito alla sua fantomatica festa di laurea in un autogrill: saremo in più di dodicimila, io porto le patatine), e personalmente trovo molto deprimente che qualcuno pensi di sembrare più importante con una laurea (alcune tra le persone che stimo più al mondo non ce l’hanno).

Leggi tutto

Chiesa

Il caso Ladaria e gli errori di certa stampa

Per chi sappia come funzionano le trafile nella Curia Romana, la nomina di Luís Ladaria a prefetto dell’ex Sant’Uffizio è tutto fuorché una sorpresa: anche i giornalisti che avevano per tempo confezionato il pezzo con cui “impallinarlo” lo sapevano bene. In ogni critica però è presente un’autobiografia, e il tempismo con cui si stracciano certe vesti dice bene lo stile dell’“informazione”.

Leggi tutto

Politica

Perché non siamo soli ma siamo solo noi

Mirko De Carli risponde ad un lettore su presente e futuro del Popolo della Famiglia dopo il voto emerso dalle urne europee

Leggi tutto

Società

Sposarsi in chiesa fa durare il matrimonio

I dati Istat dimostrano che le nozze celebrate con rito religioso hanno una tendenza a resistere maggiore rispetto alle unioni celebrate con rito civile

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano