Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Mali: liberata suor Narvaez, rapita 4 anni fa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Un abbraccio con Papa Francesco, incontrato subito dopo la messa di apertura del Sinodo, ha accolto l’arrivo di suor Gloria Cecilia Narvaez a Roma, dopo la liberazione avvenuta ieri in Mali. Gioia e solo gioia: è quella che è stata espressa da padre Gigi Maccalli alla conferma, ieri sera dalla Farnesina, del rilascio della 59enne missionaria colombiana della Congregazione delle Suore Francescane di Maria Immacolata.. Con lui, sacerdote della Società delle Missione Africane, sequestrato nel 2018 in Niger, e con altri ostaggi occidentali, tra loro l’italiano Nicola Chiacchio, la religiosa aveva condiviso parte della prigionia in Mali, dove era stata rapita il 7 febbraio del 2017 da al-Qaeda nel Maghreb. Suor Gloria, provata ma in buone condizioni fisiche, è stata liberata ad un anno esatto dal rilascio di padre Gigi, grazie al lavoro dell’unità di crisi del Ministero degli Esteri e dell’intelligence italiani in collaborazione con le autorità maliane. Dopo quattro anni e otto mesi, dunque la prigionia di suor Narvaez è finita e la religiosa è arrivata la notte scorsa a Roma. La suora era stata rapita da quattro uomini armati nella parrocchia di Karangasso, al confine tra il Mali ed il Burkina Faso, a 400 chilometri ad est di Bamako, dove si trovava da sei anni come missionaria assieme ad altre tre religiose. Pochi mesi dopo il rapimento, nel luglio del 2017, era comparsa in un video rivendicato da al-Qaeda, mentre in un messaggio inviato al fratello attraverso la Croce Rossa, aveva fatto sapere di essere prigioniera di un nuovo gruppo. Per lei la comunità cristiana di Bamako aveva organizzato diverse messe e pregato sempre, e nel 2020 la Chiesa cattolica del Paese, a tre anni di distanza, aveva organizzato una giornata di preghiera per il suo rilascio.

Suor Gloria, originaria di Pasto, nella Colombia sud-occidentale fa parte delle Francescane di Maria Immacolata, Congregazione di origine svizzera fondata nel 1893 e presente in 17 Paesi. Immensa gioia per la sua liberazione è stata espressa anche dal presidente della Conferenza episcopale della Colombia, monsignor Mario de Jesùs Alvarez Gomez, così come dalla presidenza del Mali, che ha reso omaggio omaggio al ‘coraggio’ di suor Narvaez.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/10/2021
2609/2022
Ss. Cosma e Damiano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Lo scorrere della vita

Una riflessione su come gli eventi della nostra vita, anche quelli più dolorosi, siano buoni per noi. Ci lasciano cicatrici e segni, ma proprio attraverso di loro affrontiamo il presente e il futuro. Sono le mappe per farci arrivare a destinazione; sono il ricordo, indelebile, che in quei momenti bui non eravamo soli. Qualcuno ha disinfettato e suturato quegli squarci dell’Anima. Dal profondo di tenebra siamo usciti spinti, verso una nuova realtà di Luce, da una forza irresistibile.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e l’ncontro con le Clarisse al Protomonastero di Assisi

Il Papa incontrando le Clarisse ha sottolineato l’importanza di avere una mente in pace ed un cuore sereno.

Leggi tutto

Chiesa

Myanmar: un’altra chiesa cattolica bruciata e rasa al suolo

Ancora attacchi alla chiesa da parte dei militari. Nelle scorse ore infatti la chiesa cattolica di San Nicola nella città di Thantlang, nello Stato Chin del Myanmar, è stata bruciata dai militari. L’attacco alla chiesa di San Nicola è solo l’ultimo di una lunga serie.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e le celebrazioni natalizie

L’ufficio delle celebrazioni liturgiche vaticano ha reso note le celebrazioni del Papa nel periodo natalizio

Leggi tutto

Storie

SUDAN - “Il Paese è al sicuro solo se ogni singolo cittadino lo è”

“Libertà, pace, giustizia e un Paese che accolga tutti e che guardi al cambiamento e alla costruzione di un nuovo Sudan in cui tutti siano uguali, come un popolo e una nazione” è lo slogan della rivoluzione popolare conclusa con il rovesciamento del settimo Capo di Stato, Omar al-Bashir, dopo tre decenni al potere, che il Vescovo della diocesi di El Obeid, Mons. Yunan Tombe Trille Kuku, ha evidenziato in occasione del suo messaggio di Natale e Capodanno 2022.

Leggi tutto

Chiesa

Vaticano: Parolin e Peña Parra positivi al Covid

Il Segretario di Stato ha sintomi lievi, assenti invece per quanto riguarda il Sostituto.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano