Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Papa Francesco alle suore: siete presenza viva nella Chiesa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“In quanto donne e battezzate”, siete una presenza “viva” e “insostituibile” nella Chiesa. Francesco accoglie e incoraggia la missione delle Suore della Carità, congregazione intitolata alla santa francese Giovanna Antida Thouret, che da anni si dedica all’istruzione e all’educazione dei giovani ma anche all’assistenza di ammalati e carcerati. Proprio questa “sollecitudine” per i poveri è la missione che il Papa invita a proseguire, specialmente nell’ambito del percorso sinodale, il cui avvio ha coinciso con l’apertura del 21.mo Capitolo generale delle Suore della Carità, rimandato dallo scorso anno. Una felice coincidenza, secondo il Pontefice, che evidenzia “che l’impegno che ci assumiamo come Chiesa di crescere nella sinodalità è uno stimolo forte anche per gli Istituti di vita consacrata”. Il Papa richiama l’immagine di Gesù che percorre le strade della Galilea, della Samaria e della Giudea: “Con lui ci sono i discepoli, e tra loro molte donne; di alcune conosciamo anche i nomi”. Mi piace pensare che voi consacrate siete un prolungamento di quella presenza femminile che camminava con Gesù e con i Dodici, condividendo la missione e dando il proprio peculiare apporto.

E qual è, esattamente, l’apporto che possono offrire le Suore della Carità: “In che modo più specificamente partecipate a questo cammino? Qual è il vostro contributo originale?”, domanda Papa Francesco, lasciando il duplice quesito aperto, senza “risposte già pronte, preconfezionate”, perché “le risposte che non sono preconfezionate sono le migliori”.
Una risposta è contenuta, tuttavia, nel tema scelto per il Capitolo: Ripartire da Betania, con la sollecitudine di Marta e l’ascolto di Maria. Esso mette infatti in risalto la presenza di due donne, Marta e Maria, coi loro nomi e i loro volti. “Due discepole che hanno avuto un posto molto importante nella vita di Gesù e dei Dodici, lo si vede bene nei Vangeli”, sottolinea il Pontefice.
Proprio il Battesimo è la “base” e la “radice di tutto”, evidenzia il vescovo di Roma rimarca il Pontefice. A partire da questa radice “Dio ha fatto crescere in voi la pianta della vita consacrata, secondo il carisma di Santa Giovanna Antida”. Sempre il tema del Capitolo contiene poi due parole fondamentali nel contesto del cammino sinodale: “Sollecitudine” e “ascolto”. “In particolare, sollecitudine verso i poveri e ascolto dei poveri”, afferma Papa Francesco, “qui voi siete maestre”: Quindi Francesco aggiunge: “Questo conferma che anzitutto in quanto donne e in quanto battezzate, cioè discepole di Gesù, voi siete presenza viva nella Chiesa, partecipando alla comunione e alla missione.” Siete maestre non con le parole, ma con i fatti, con la storia di tante vostre sorelle che hanno dato la vita per questo, nella sollecitudine e nell’ascolto vicino alle persone anziane, malate, emarginate; vicino ai piccoli, agli ultimi con la tenerezza e la compassione di Dio. Questo edifica la Chiesa, la fa camminare nella via di Cristo che è la via della carità.

Distaccandosi poi dal discorso scritto, Francesco si sofferma sulla testimonianza che le Suore della Carità con il loro servizio offrono quotidianamente: “È una testimonianza all’essere vicini agli ultimi, con tenerezza e compassione”, dice. “Lo stile di Dio è questo: vicinanza, tenerezza e compassione”: Sempre Dio fa così. Nella misura che noi facciamo lo stesso, saremo più simili a essere pastori come Dio. Non dimenticatevi questo: sempre vicinanza, sempre compassione e sempre tenerezza”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

12/10/2021
2810/2021
San Simone Apostolo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Prete coraggio

Mercoledì notte a Reggio Calabria: un gruppo di 7 giovani ha aggredito un anziano sacerdote cardiopatico, Don Giorgio Costantino, che ora è in coma all’ospedale e rischia la vita. L’autodemolizione
dell’Occidente continua nel tradimento delle nuove generazioni, cui si nega Dio, patria e famiglia. E questi sono i risultati, coerenti con il disprezzo della vita umana e con l’immoralità

Leggi tutto

Politica

Quanto ai lobbisti della borsa valori

Mentre Giorgia Meloni giustamente s’intesta le vittorie di Sicilia e
di Ostia, da alcuni improbabili pulpiti si alzano fumose rivendicazioni

Leggi tutto

Chiesa

Suor Serena: “nulla di quello che avevo chiesto è accaduto, eppure sono pienamente felice”

Ho deciso d’intervistare Suor Serena perché il suo sorriso è contagioso. No, non è uno scherzo. Lei ride. Ride alla vita. I suoi occhi scintillanti guardano il viso dei suoi giovani e raggiungono il loro cuore. Fu la mia bambina che, quando la vide, disse proprio: “Quella suora mi fa ridere il cuore!”, era fuor di dubbio che io avrei voluto sapere tutto, di lei. Questo è il racconto della sua vita, “impastata e stesa” da Dio.

Leggi tutto

Politica

MUSICA DEI “BOSS” E VAGINE FELICI, ADINOLFI (PDF): “A OSTIA LA CULTURA AVALORIALE DEL M5S E DEI LORO

Popolo della Famiglia a difesa delle chiese cristiane ortodosse, cattoliche e riformate spaventate dal silenzio generale dei partiti sui temi fondamentali: “di fronte alle famiglie e ai giovani non si tace, si grida dai tetti”.

Leggi tutto

Chiesa

Preoccupazioni prive di azioni

Le conclusioni dell’assemblea generale della Cei indicano una serie di problemi, osservano l’avanzata di un’offensiva legislativa contro la famiglia, ma non offrono risposte operative

Leggi tutto

Politica

L’Argentina e l’aborto

Sembra provvidenziale questa retiterata volontà del Presidente argentino Macri di impedire la legalizzazione dell’aborto nel Paese sudamericano. Infatti, negli stessi giorni in cui il Capo di Gabinetto del Presidente della Repubblica Marcos Peña dichiara ufficialmente che, la depenalizzazione dell’omicidio del concepito nel grembo materno, «non è nei programmi» del Governo (cfr. Marcos Peña: “No está en agenda avanzar” con la legalización del aborto, “La Nación”, 22 de noviembre de 2016), il Nobel per la Letteratura Daniel Mantovani (“El ciudadano ilustre”), descrive un Paese alla ricerca delle proprie «radici europee» e «di una forte e coesiva identità nazionale» (cit. in L’Argentina, un Nobel in ritardo e la ricerca dell’identità nazionale, “Il Corriere della Sera”, 23 novembre 2016, p. 41). E quali possono essere queste “radici europee” se non quelle dell’umanesimo cristiano? Nella vigente Costituzione argentina del resto il Parlamento è chiamato fra l’altro a «dettare un regime di sicurezza sociale speciale» per il bambino anche «durante la gravidanza» (art. 75, co. 23). Per l’ordinamento nazionale appunto l’aborto è ammesso solo in caso di pericolo di vita, stupro o grave pregiudizio per la salute fisica della donna.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano