Politica

di Giuseppe Bruno

Ragionando ancora un po’sull’astensionismo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Ancora una volta il vero vincitore di queste elezioni è il partito astensionista. I motivi per cui metà o più degli italiani non vada a votare possono essere i più vari. Ma uno credo sia comune a tutti loro: la convinzione che comunque non cambierà nulla. Ed è vero, infatti, a parte le cervellotiche analisi dei giornalisti schierati - quasi tutti - anche questa volta non cambia nulla. Certo può far piacere che il PDF in qualche parte, aggregandosi con un movimento similare abbia conseguito un certo numero di consensi o addirittura qualche consigliere, o che sia stato ormai drasticamente ridimensionato, anzi “fagocitato”, cambiando di fatto la sua natura, il movimento Cinque stelle; ma, appunto, ciò, assieme a qualche altro ininfluente elemento, cosa ha cambiato? Il movimento Cinque stelle, per retare sul pezzo, nonostante tutto continua a far sentire la sua “stridula” voce nel governo e il PDF a fare il suo umile lavoro certosino di tener accesa la lampada di certi irrinunciabili valori. Nobile intento certo, quest’ultimo e votato per scelte a lunghe scadenze. Ma nell’immediato il partito degli astensionisti ha, ancora una volta, avuto ragione. Si dirà, ma se non vanno a votare è il gatto che si morde la coda. Il problema però rimane perché se gli astensionisti si sono astenuti ancora, e in qualche parte di più, vuol dire che anche questa volta nessun politico, civico e non civico che fosse, è riuscito a convincerli. Perché succede questo? Il problema è serio e mette in discussione alla radice tutto il nostro sistema democratico. E solo Letta, dopo queste elezioni, può avere il coraggio di dire che il Pd “rappresenta il Popolo italiano”. Al massimo rappresenterebbe la maggioranza relativa di meno della metà del Popolo Italiano, se davvero avessero contato con attenzione i risultati, che nella realtà parlano di un sostanziale pareggio con gli storici avversari. Quindi il problema resta, anzi diventa sempre più serio. È un problema di mancata adeguata comunicazione. Questo è senz’altro vero. A volte, infatti si preferisce intrupparsi col potente di turno più vicino o meno lontano da certe idee, piuttosto che far conoscere davvero e fino in fondo idee che forse o quasi certamente avrebbero un impatto molto più innovativo di quello che si potrebbe pensare. In questo non certo ci vengono incontro i media che a livello di Tv sempre più spesso (è la moda) mandano in onda per le elezioni squallidi e caotici spettacoli sul modello dei reality e a livello di giornali si esibiscono in analisi e commenti preconfezionati che rispecchiano al massimo l’auspicio, neanche tanto nascosto, dell’autore. Ci vuole coraggio, molto coraggio per raddrizzare questa situazione. Innanzitutto, il coraggio di non sottostare a tutto quello che ci dice l’Europa. Ma è possibile fare ciò e uscirne senza grosse ammaccature se non con tutte le ossa rotte (dipende dal grado di disobbedienza)? A giudicare dai risultati elettorali no. Quale politico e relativo movimento ha semplicemente provato in questa tornata elettorale a fare ciò? Nessuno. Infatti, l’etichetta di sovranista come una mannaia è già pronta a scattare prima ancora che possa profilarsi una possibile realizzazione di questo legittimo desiderio e, nel malaugurato caso dovesse realizzarsi, l’esercito dei globalisti (leggi, ovviamente, anche UE) è pronto a scendere in guerra su tutti i fronti: dall’informazione manipolante, agli scandali confezionati, alla giustizia ad orologeria e, dulcis in fundo, nel caso di resistenze estreme, al vero e proprio ricatto istituzionale. E allora non hanno ragione gli astensionisti: chi votare? Chi sa meglio servire dietro i funambolici travestimenti il globalismo imperante?

Magari molti non fanno questa raffinata analisi, ma il cittadino sveglio, e i cittadini italiani lo sono, anche se non ha piena contezza di queste cose le intuisce e ciò provoca in alcuni fastidio, in altri indifferenza e in altri ancora addirittura disgusto. Eppure, le amministrative avrebbero potuto essere un ottimo terreno per recuperare l’esercizio della vera democrazia. Persone realmente esperte nei vari ambiti, lontane dai ricatti o dai favori politici, innamorate del loro territorio. Si forse inizialmente qualcuno c’era, ma quando entri nel gioco politico vi entri, per definizione, per vincere e la paura di perdere paralizza anche le più nobili intenzioni o, nella migliore delle ipotesi, le annacqua. Così bene o male le amministrative che dovrebbero essere le più concrete e lontane dalle solite beghe nazionali finiscono inevitabilmente per perdere la loro identità e trasformarsi nel gioco di sempre. Quale la causa? Vincere o almeno portare a casa un risultato apprezzabile. E qui scatta l’arma della propaganda che si fa con i mezzi che si hanno. Se hai dietro apparati politici o organizzativi forti e ricchi che non lesinano gli aiuti sei su tutti i muri, sulle bocche di tutti e, a parte gli imprescindibili, ma sempre più rari momenti di “par condicio”, occupi gli spazi maggiori nei media. Viceversa, vivacchi, speri di coinvolgere chi ti stima, ma poi alla fine anche chi ti stima, a meno che non abbia preso un impegno preciso, comincia a pensare che votarti possa essere un voto sprecato, perché sei Davide contro Golia e potrebbe farti vincere solo l’aiuto di Dio. Meglio andare su qualcosa di più sicuro, già collaudato che non faccia danni o sia capace di limitarli. Ma si dirà, così non se ne esce mai. No, se ne esce col coraggio di rischiare e di parlare chiaro e soprattutto di cominciare a lavorare per tempo molto per tempo nel proprio territorio di azione, su tutto e a trecento sessanta gradi, affrontando o, meglio, provocando “gli altri”, in un dialogo, se ne sono ancora capaci, su tutti i temi più scottanti. Dopo un lavoro coraggioso fatto così per vari anni resistendo a tutte le invidie, le trappole i ricatti, gli abbandoni, i tradimenti, le minacce o peggio, sei pronto per tentare di contribuire a far rinascere la democrazia, almeno nel tuo territorio. Ma se i territori in cui si lavora così sono tanti e coprono l’intero Paese siamo pronti a far rinascere la democrazia anche in tutto il Paese.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

12/10/2021
2702/2024
San Gabriele dell'Addolorata

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Lo scrittore, la politica ed i quattrini

Questo progetto si chiama “Rapsodia – scrittori nelle scuole” e per il 2016/2017 prevede l’incontro con Giacomo Mazzariol, giovanissimo autore di Castelfranco Veneto, che ha scritto un libro commovente sul fratello down. Il progetto, come accordo tra la scuola e le case editrici, prevede che gli autori vengano a titolo gratuito, ma in cambio almeno l’80% degli studenti presenti deve aver acquistato il libro.

Leggi tutto

Società

Il fallimento delle unioni civili

Credo che i Family Day abbiano ottenuto concretamente lo stralcio della stepchild adoption, lo stop alla legalizzazione di fatto dell’utero in affitto e abbiano anche reso evidente la presenza di un popolo pronto a dare battaglia politicamente, cosa che si è verificata poi con la nascita del Popolo della Famiglia. Le manifestazioni Lgbt hanno portato a casa una brutta legge che non piace neanche a chi si è battuto per averla, peraltro con una mancanza di soggettività politica reale. Sbaglierò ma vedo il mondo Lgbt frastagliato in mille sigle e siglette tra loro anche in conflitto aspro. Esiste poi una dimensione lobbistica in cui invece credo che siete un passo avanti a noi.

Leggi tutto

Politica

Caso Riso, Cirinnà in modalità Goebbels

Un regista omosessuale picchiato, dicono “da omofobi”. La manganellata gli è arrivata però dall’autrice delle unioni civili.

Leggi tutto

Politica

Conte e la transizione infinita

Governare è compito pesante, più che mai governare l’Italia. Nell’ultimo quarto di secolo abbiamo avuto leadership tutte selezionate attraverso il contesto della comunicazione e alla fine tutte fallimentari. Il Berlusconi del 38% è un pallido ricordo eppure lo prese appena dieci anni fa, oggi è al 12%. Ci hanno costretto a subire anche la stagione dei tecnici, tenuti in piedi da una stampa osannante, anche lì fu tutta comunicazione e Mario Monti poté permettersi di formare persino un proprio partito che prese un decisivo 10% alle elezioni politiche del 2013. Oggi quel partito vale zero voti e il senatore a vita Monti nel dibattito per la fiducia a Conte al Senato è stato costretto a subire l’onta del presidente Casellati che gli ha staccato il microfono perché era stato prolisso. Un altro capace dominatore dei sistemi di comunicazione, Matteo Renzi, regalando 80 euro ai dipendenti italiani è arrivato a toccare il 41% dei voti alle elezioni del 2014, oggi si arrabatta al 18% e fa il membro di quel Senato che voleva abolire

Leggi tutto

Società

Avanza la pratica dell’utero in affitto

La Corte di Appello di Parigi, per la prima volta, ha accettato che una coppia di omosessuali possa adottare “di pieno diritto” (quindi senza il consenso della madre biologica) una coppia di gemelli acquistati tramite la brutale pratica dell’utero in affitto. In pratica con l’istituto della «adoption plénière», vengono tagliati in radice, anche giuridicamente, i legami dei due piccoli sventurati con la loro mamma

Leggi tutto

Politica

UN PROGRAMMA PER RIDARE UN CUORE ALL’EUROPA

Natalità, democrazia, lavoro e famiglia, guerra alle dipendenze: così il Popolo della Famiglia si presenta alle urne a chiedere il consenso popolare per rinverdire l’anima europea del continente.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano