Società

di Mirko De Carli

Il confine da non valicare

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Ero mamma, ora terrorista”: in questa drammatica frase tutte le ragioni del perché non possiamo sentire nostre le piazze di questi giorni. Diciamocelo chiaro: il problema reale non è la violenza degli irriducibili (di qualsiasi fazione ideologica essi siano) ma la disperazione della “gente comune” che arriva ad abbracciare la violenza per trovare una risposta all’altezza dello sconforto e abbandono che vive.

Questo dovrebbe preoccuparci e portarci ad agire con forza per evitare di unire ai delinquenti persone per bene che non c’entrano nulla con gli assalti premeditati alla Cgil di sabato a Roma. Se una madre arriva a dirsi disposta ad agire da terrorista vuol dire che la società attuale è talmente “marcia” da non offrirle nulla di positivo per cui credere che il domani, per i suoi figli, possa essere migliore di un presente governato dalla disperazione.

La stessa domanda me lo posi davanti agli attentati terroristici perpetuati da ragazzi figli di immigrati ma nati e cresciuti in Europa e che si facevano saltare per aria dicendo che di “amare di più la morte di quando noi amiamo la vita”: anche allora dissi che il vero nodo della questione era l’incapacità occidentale di offrire dei valori nobili capaci di riportare come centrale il “dare la vita per gli altri” (di cristiana memoria) anziché lasciar dilagare un consumismo individualista dove l’altro viene visto come ostacolo alla piena realizzazione personale (per cui sono disposto pure ad ucciderlo per raggiungere la “vita eterna”).

La frase sconcertante di questa mamma deve necessariamente farci comprendere che la risposta ad una politica che non è in ascolto del disagio reale e crescente delle famiglie non può essere nelle piazze guidate e organizzate da personaggi sotto daspo o condannati: possiamo costruirla e organizzarla solo dentro comunitá autenticamente democratiche capaci di ribaltare l’ordine delle priorità dentro le istituzioni repubblicane.

Ci troviamo oggi come si trovarono i popolari di Sturzo e De Gasperi negli anni venti del Novecento: o con le squadracce che portarono buona parte del ceto medio a devastare l’Italia liberale da loro ritenuta inadeguata a governare la crisi economica e sociale o con le forze democratiche (diverse per sensibilità ma unite per affezione ai luoghi della partecipazione popolare). Io, noi scegliamo ancora oggi l’opzione popolare con la speranza che questa mamma abbandoni la strada del terrorismo e torni a fare la mamma con uno Stato che finalmente le riconosca il valore pubblico del suo impegno con il reddito di maternità. Il Popolo della Famiglia è nato ed è in campo per questo, ora più che mai.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

12/10/2021
2605/2022
San Filippo Neri

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

A Milano per parlare di famiglia

Miriano, Adinolfi, padre Botta e Scicchitano rispondono alle polemiche sul convegno in Regione Lombardia

Leggi tutto

Società

Hadjadj: non scegliete il male minore

L’Italia è chiamata al referendum su una riforma costituzionale molto pervasiva; la Francia
vede prepararsi le elezioni con i cattolici che propendono (come avviene anche nel Belpaese) per il
centrodestra, diviso oggi tra liberalconservatori e nazionalisti duri e puri. Il filosofo Fabrice Hadjadj,
intervistato da Famille Chrétienne, invita a «tracciare un sentiero nel mezzo di Mordor»

Leggi tutto

Media

LA CROCE FESTEGGIA I 500 NUMERI

Il Popolo della Famiglia e La Croce sono strettamente uniti, pur in una reciproca sostanziale autonomia, perché fin dal primo numero noi abbiamo indicato una soluzione politica a questa terribile condizione di una pallina che rotola sul piano inclinato della nichilista cultura della morte che anima i nostri legislatori: farsi legislatori. Impegnarsi a dare un pugno al piano inclinato ribaltandolo, cercando consenso dopo aver svolto una capillare opera di informazione sui rischi che normative come quelle approvate contro la vita e contro la famiglia in questa legislatura comportano. Il cristiano non può disinteressarsi a quel che sta accadendo, non può rinunciare a battersi pensando che il male che si sta facendo non è affar suo o non può fermarlo. Non è davvero il tempo di cristiani tiepidi e mosci che alzano le mani e si arrendono senza aver neanche reso testimonianza alla grazia fondamentale derivante dall’incontro con Cristo e cioè la scoperta che non può esserci alcuna libertà fuori dalla verità. La Croce è nata per ribadire questa testimonianza cristiana, per analizzare con spirito di verità quel che “il mondo” ci propone nel tempo in cui ci è dato di vivere, senza ficcare la testa sotto la sabbia e comprendendo che alcuni atti che sono violentissimi perché legislativi necessitano una risposta competente, mediaticamente efficace e anche politicamente organizzata.

Leggi tutto

Società

Se un single adotta una down

La notizia impazza sulle pagine dei giornali come prodromica dell’annunciata e formidabile riforma Boschi sulle adozioni (nella quale, comunque, potranno continuare ad adottare «anche le
famiglie tradizionali» – sic!). La sola crudele certezza, invece, è che abbiamo costruito un sostrato sociale in cui otto coppie possono abbandonare una neonata solo perché affetta da trisomia 21

Leggi tutto

Società

Miseria dell’identitarismo di destra e di sinistra

Anche in Chiesa si trovano quanti spezzano il legame vitale tra dovere e interesse. Ed implodono.

Leggi tutto

Media

Frate Emiliano Antenucci Non sparlare degli altri

Il silenzio è importante perché siamo “malati” dal rumore dei media, delle parole, del chiasso e della confusione. Il silenzio è ordine, bellezza, armonia, pace. Dal silenzio nasce tutto: la scrittura, la musica, il cinema, il teatro etc. Dal Silenzio nasce la Parola e le parole. 2)Nella società del “frastuono” anche delle opinioni è fondamentale la “sospensione del giudizio”. Il saggio è colui che sà quello che dice, non dice quello che sa. Ogni parola deve essere ponderata dal silenzio, dall’ascolto e dalla prudenza. Sparlare degli altri è lo sport più praticato al mondo, ma è un peccato di lingua che ferisce più della spada.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano