Società

di Fabio Annovazzi

ROGHI E ASSALTI: DISPERAZIONE O STRATEGIA ANARCHICO INSURREZIONALE?

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La verità? La gente è spaventata, arrabbiata, disperata perché non sappiamo toccare, accarezzare i loro ‘cuori’. Abbiamo imparato a rivolgerci a masse virtuali a cercare di far tornare i conti parlando di economie reali e proiezioni e abbiamo dimenticato come guardare negli occhi il dolore delle persone. Abbiamo cercato di cancellare le religioni – e i principi laici derivanti da esse - perché ci ricordano che nel cuore della gente abita quella insopprimibile scintilla divina che è il nord della bussola della verità.

Questo vale per il referendum farsa sul tema dell’eutanasia, sia nelle ultime letture dei fatti distruttivi di Roma e di Ostia sua ‘degna’ periferia. Non crediamo sia un caso che il bar chiosco ‘dei servizi sociali e dell’ospedale’ sia andato a fuoco casualmente nello stesso modo di secchioni, autobus, boschi.

E oggi che dire?

Oggi, dopo la deriva delle manifestazioni romane anti green pass, constatiamo che “fascistizzare” questi assalti e roghi di questi tempi, da ambo gli schieramenti politici - da un lato chi eversivamente tenta di cavalcare il malcontento e dall’altro chi massifica consensi politici elettorali nel nome dell’antifascismo - forse sia un grave errore perché non si vuole capire che bisogna riprendere un rapporto con la gente a fronte di un distacco che si fa via via sempre più allarmante e non rifugiarsi nei fantasmi del passato. Saremmo nella schizofrenia politica istituzionale più completa.

Per di più utilizzare il termine ‘fascismo’ per orientare, polarizzando il consenso, questi episodi insurrezionali e distruttivi quando in Val di Susa ormai da un decennio gruppi di certo non fascisti adottano mezzi e strumenti pressoché identici (da un decennio!) è chiaramente una cartina tornasole del modus operandi di certi politici e ahinoi anche certe istituzioni.

L’idea che da oggi alcuni politici e sindacati abbiano dichiarato di andare per le scuole, tra i nostri figli, a promuovere queste teorie ‘fasciste/anti fasciste’ dell’ultim’ora spingendo nella confusione di questa errata lettura della realtà - che presumibilmente produrrà nei giovani nuove ondate di disordini scolastici, interruzioni didattiche e in un periodo nel quale il tempo d’insegnamento è quanto più prezioso per via delle interruzioni pandemiche – fa tremare le vene e i polsi.

Cosa va detto allora, soprattutto ai giovanissimi?

Va detto con forza che: la disperazione non ha ideologia, non ha colore politico, non ha nemmeno ceto sociale se si considera, per fare un esempio, quell’aberrazione delle droghe costosissime droghe dello stupro capriccio nichilista e distruttivo dei quartieri alti.

C’è chi brucia, autobus, cassonetti, boschi, chi assalta istituzioni, luoghi di pubblico presidio e c’è chi “brucia-consuma” persone e si brucia.

Politici, istituzioni, sindacati, che evidentemente si trovano in difficoltà (legittimo) non si nascondino dietro agli spauracchi, agli spettri del passato, non abusino del dolore della gente.

Invece si prenda l’opportunità della storia per riallacciare un rapporto con i genitori e la loro prole, un proletariato non materialista ma spirituale, un popolo reale aldilà di virtuale e proiezioni. Famiglie.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

12/10/2021
2710/2021
S. Frumenzio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Un anno di PDF: fortificati dal fuoco

Abbiamo proposto un modello organizzativo di cui andiamo orgogliosi, abbiamo steso una rete senza capi e capetti, ma dove i ruoli dirigenziali del movimento si ottengono lavorando sul territorio in armonia con gli altri (fattore decisivo, chi non è in comunione con gli altri e ha atteggiamenti divisivi viene accompagnato alla porta) e costruendo consenso. Così si sono messi in luce già decine di dirigenti del Popolo della Famiglia che saranno in grado di rappresentarne le istanze nelle assemblee elettive ad ogni livello, altri possono aggiungersi perché la caratteristica del Pdf è di essere un movimento totalmente aperto, aperto davvero con porte e finestre spalancate senza inutili burocrazie interne che ne bloccherebbero la crescita. Ognuno può essere protagonista e essere misurato sul livello di consenso che riesce a generare, proprio per questo dall’1% nazionale della nostra prima uscita alle amministrative probabilmente misureremo una percentuale più che raddoppiata a questa tornata, per poi puntare dritti allo sbarramento del 3% che è la porta che consentirebbe per la prima volta nella storia italiana ad un soggetto politico esplicitamente nato a difesa della famiglia e dei principi non negoziabili di sedere nella stanza dei bottoni.

Leggi tutto

Politica

Eppure Péguy aveva seppellito per sempre il moderatismo….

Il “moderatista” avversa quella grandezza d’animo che è il solo distintivo della vera nobiltà.

Leggi tutto

Società

Punti di forza e di debolezza della scuola italiana oggi

Riflessione sulla scuola italiana.Il testo di un ricco e stimolante intervento dalla terza festa nazionale del nostro quotidiano.

Leggi tutto

Politica

Senza manco capir perchè

Ecco perchè la sinistra continua a perdere consensi in Italia e nel mondo…...

Leggi tutto

Società

LA LOBBY PIÙ VIOLENTA DEL MONDO

Solo chi ha figli sa il trauma che l’allontanamento neonatale dalla mamma comporta. Ma che problema c’è, basta chiamarla “partoriente” e farla sparire dalla foto, poi costruire la narrazione dei “due papà” e del tabù rotto. Noi continueremo in maniera estenuante a batterci affinché questo orrore violento nei confronti dei bambini e delle madri in Italia non possa essere mai perpetrato.

Leggi tutto

Media

La tecnica del silenziatore

La strada scelta dai media sembra essere quella di silenziare la grande manifestazione del 20 giugno, non parlandone. Ci aspettiamo la risposta dei media cattolici, a partire dalla diretta di Tv2000

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano