Politica

di Roberto Signori

Lamorgese in Parlamento il 19 Ottobre

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Dopo la manifestazione di sabato scorso dei ‘No Green pass’, il Viminale lavora in vista di alcune date ‘attenzionate’. A cominciare da quella del 15 ottobre, giorno in cui scatterà in tutta Italia l’obbligo della certificazione verde per accedere al luogo di lavoro. Poi gli occhi saranno puntati sul weekend del 30 e 31 ottobre quando, a Roma, si terrà il vertice conclusivo dei capi di Stato e di governo membri del G20. A queste date ‘calde’ va poi sicuramente aggiunta anche quella di sabato 16 ottobre, giorno in cui, alla vigilia dei ballottaggi per le amministrative, Cgil, Cisl e Uil hanno indetto “una grande manifestazione nazionale per il lavoro e la democrazia” come risposta all’assalto in Corso d’Italia che ha destato polemiche perché di matrice politica evidente alla vigilia delle elezioni amministrative.

Per tutti questi appuntamenti “saremo ben attrezzati per difenderci”, assicura il sottosegretario all’Interno Ivan Scalfarotto. E annuncia che “le regole per i prossimi giorni potranno essere riviste”. Oggi, mercoledì 13 ottobre, si svolgerà la riunione del comitato per l’ordine pubblico “e - continua Scalfarotto - valuteremo se sarà il caso di vietare cortei preferendo sit-in e manifestazioni stanziali che sono meno problematiche da monitorare”. L’obiettivo “è evitare situazioni come quella di sabato” dove “alcune frange estreme e di matrice squadrista si sono infiltrate non per manifestare civilmente”, prosegue il sottosegretario che, nel ribadire il fatto che “il governo valuterà tutti gli strumenti a sua disposizione” nei confronti “delle formazioni neofasciste”, plaude al lavoro delle forze dell’ordine: “hanno fatto miracoli, anche filtrando gli arrivi”.

Puntuale e molto chiara la replica di Stefano Paoloni, segretario generale del Sap, il sindacato autonomo di polizia: “Ringraziamo Scalfarotto, ma si ricordi che la polizia è obbligata ai miracoli quando la politica fallisce”. “La piazza è violenta quando non vi è da parte della politica la capacità di intercettare e canalizzare il dissenso”, tuona il sindacalista.

Frattanto il Copasir ha annunciato di aver predisposto un’audizione del generale Mario Parente, direttore dell’Aisi, l’agenzia informazioni e sicurezza interna, “alla luce dei gravi incidenti verificatisi sabato scorso”. Per lo stesso motivo, il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica ha chiesto un’informativa urgente al ministro dell’Interno Luciana Lamorgese che sarà in aula per comunicazioni della titolare del Viminale sulla manifestazione di sabato.

Il 19 ottobre è la data da cerchiare in rosso sul calendario. Perché la Lamorgese riferirà alle Camere sugli scontri di sabato scorso a Milano e Roma. Sarà prima alla Camera, alle ore 14, poi alle 16.30 varcherà le porte dell’emiciclo di Palazzo Madama: in entrambi i rami troverà un’opposizione agguerrita, ma soprattutto un pezzo di maggioranza pronta a chiederle conto di quelle mancanze nell’organizzazione della sicurezza pubblica che la Lega le imputa sin dal primo momento.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/10/2021
2810/2021
San Simone Apostolo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

La presenza politica dei cattolici secondo Torriero

Dopo avere ascoltato, ascoltato e ancora ascoltato Fabio Torriero, sento confermati i pensieri nati in questi mesi di attività politica con il Popolo della Famiglia. Ciascuno di noi, come cattolico e come cittadino, ha il dovere di attivarsi nella polis, a favore della comunità, per il bene comune, secondo le proprie possibilità, i propri talenti, i propri impegni. Ma deve farlo. Non c’è più tempo. Il nostro disimpegno ha creato un vuoto che altri hanno riempito, attraverso l’imposizione di una nuova antropologia. Si può, si deve coniugare preghiera ed azione: la prima sia carburante per le nostre mani, le nostre gambe, la nostra mente. Ma, perché l’impegno dei cattolici in politica si traduca in attività proficue ed efficaci, non si può prescindere da una formazione strutturata, organizzata, che coinvolga tutto il Popolo della Famiglia. È importante comunicare bene agli altri - cattolici e non - perché siamo nati, in che direzione andiamo e quali sono le nostre battaglie.

Leggi tutto

Politica

La questione politica dirimente

Non c’è giustificazione o missione che tenga quando in parlamento si legifera di vita o di morte. Come hanno dimostrato i grillini tutti compatti e precettati (88 su 88), i bersaniani tutti compatti e precettati (40 su 40), i vendoliani tutti compatti e precettati (17 su 17) e i democratici tutti compatti e precettati (283 su 283). Sui principi non negoziabili purtroppo, sinistra e grillini hanno dimostrato di essere molto più seri di quella strana “Arca di Noè” che è il centrodestra.

Leggi tutto

Politica

VALUTAZIONI POLITICHE SU VERONA

Finalmente si può parlare del Congresso di Verona potendo commentare le parole effettivamente pronunciate, lasciando da parte i sentito dire, ed è un bel sollievo: basta dietrologie e spazio alla valutazioni su quanto si è affermato.  Il Popolo della Famiglia come si sa non partecipa al Congresso di Verona proprio per il legame evidente e troppo stretto che si è voluto creare con un governo la cui azione è giudicata molto negativamente

Leggi tutto

Società

Italia che strano Paese

Che strano Paese che siamo. L’Italia meravigliosa e gloriosa di una storia che affonda le sue radici in migliaia di anni fa, che inventato il diritto e le forme più belle dell’arte, che racchiude come in uno scrigno tesori anche naturali senza pari, oggi proprio da un virus scatenatosi in natura viene deturpata. Paghiamo anche l’incompetenza degli uomini che ci governano, i loro ritardi, le loro vanità, i loro pasticci. Non siamo per niente un modello, siamo il Paese con più morti al mondo a causa loro, sarebbe davvero il tempo che Conte la smettesse di rendersi ridicolo autoelogiandosi in ogni conferenza stampa.

Leggi tutto

Storie

I corto circuiti dell’intelligenza oggi. E domani?

Dove ci porteranno i cortocircuiti dell’intelligenza. Che essi esistano e siano sempre più evidenti e invadenti appare indubitabile.

Leggi tutto

Media

LA CROCE FESTEGGIA I 500 NUMERI

Il Popolo della Famiglia e La Croce sono strettamente uniti, pur in una reciproca sostanziale autonomia, perché fin dal primo numero noi abbiamo indicato una soluzione politica a questa terribile condizione di una pallina che rotola sul piano inclinato della nichilista cultura della morte che anima i nostri legislatori: farsi legislatori. Impegnarsi a dare un pugno al piano inclinato ribaltandolo, cercando consenso dopo aver svolto una capillare opera di informazione sui rischi che normative come quelle approvate contro la vita e contro la famiglia in questa legislatura comportano. Il cristiano non può disinteressarsi a quel che sta accadendo, non può rinunciare a battersi pensando che il male che si sta facendo non è affar suo o non può fermarlo. Non è davvero il tempo di cristiani tiepidi e mosci che alzano le mani e si arrendono senza aver neanche reso testimonianza alla grazia fondamentale derivante dall’incontro con Cristo e cioè la scoperta che non può esserci alcuna libertà fuori dalla verità. La Croce è nata per ribadire questa testimonianza cristiana, per analizzare con spirito di verità quel che “il mondo” ci propone nel tempo in cui ci è dato di vivere, senza ficcare la testa sotto la sabbia e comprendendo che alcuni atti che sono violentissimi perché legislativi necessitano una risposta competente, mediaticamente efficace e anche politicamente organizzata.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano