Politica

di Mirko De Carli

NON SCHERZIAMO CON LA LEGGE SCELBA, LASCIAMO LA PAROLA AI MAGISTRATI

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Dopo le dichiarazioni in aula parlamentare del Ministro Lamorgese sui fatti di sabato a Roma il clima si è ulteriormente scaldato: Giorgia Meloni, durante il question time odierno, ha subito cavalcato l’evidente debolezza manifestata dal capo del Viminale nel risponderLe per accusare il governo di essere in odore di regime. È evidente che la leader di Fratelli d’Italia stia cercando di buttare la palla in tribuna per evitare di dover rispondere nel merito di una linea politica ambigua su tanti temi e questioni: dai vaccini al rapporto con le frange più radicali della destra italiana passando per i cosiddetti temi eticamente sensibili, sbandieriate come vessillo elettorale ma in Parlamento mai difeso con la veemenza dei numeri.

Una situazione che porta inevitabilmente a fondersi tra loro malesseri sopiti e non ascoltati da troppo tempo: la crisi economica di fasce sociali (per lo più famiglie monoreddito con figli) che già arrancavano ad arrivare alla fine del mese e ora vedono nel rischio di decurtazione dello stipendio per mancata esibizione del green pass una violenza intollerabile, una ripartenza economica che sta dando benessere non in maniera diffusa (bene la classe dirigente, sempre male quella operaia) e quindi genera ulteriore conflittualità sociale e un governo che necessita di un rilancio della propria azione ben oltre i confini dettati dall’incarico del Presidente della Repubblica (per lo più ormai raggiunti, come ad esempio quello della campagna vaccinale e del superamento della fase critica della pandemia).

Scannarsi sulla possibilità di sciogliere Forza Nuova applicando la legge Scelba è una prospettiva folle e pericolosa che porterebbe solamente ad alzare il livello dello scontro sociale e bene ha fatto il Presidente Draghi a non evocarne l’eventualità, volgendo la sua attenzione all’azione della magistratura: ora serve punire i colpevoli con sentenze immediate ed esemplari affinché non si ripeta più quello scempio che abbiamo visto sabato a Roma. La responsabilità penale è personale e come tale va appurata nelle aule di un tribunale.

Chiarito questo occorre evitare di prolungare la guerra del green pass: come Popolo della Famiglia siamo stati i primi ad invocare i tamponi gratuiti per chi non è vaccinato. Il Governo ora dovrebbe investire danari pubblici per offrire questo servizio fino al prossimo 31/12 collaborando con i luoghi di lavoro: le aziende predispongano quindi i tamponi all’ingresso (i costi sostenuti siano detraibili al 100% dalle tasse, evitando di mandare in black out le farmacie) per coloro che non sono vaccinati (parliamo di meno del 15/20% della popolazione). Serve buon senso per gestire questi mesi autunnali e certificare la fine della fase acuta della pandemia: sopportiamo quest’ultima fase di passaggio e il green pass sarà solo un ricordo (come i lock down) e non ne parleremo più.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/10/2021
1901/2022
Ss. Mario, Marta, Audiface e Abaco

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Che spreco terribile è questo popolo che si disperde

Oggi più che mai siamo tutti chiamati ad essere i nuovi intellettuali, ad esercitare cioè la libertà di ragione e di coscienza, contribuendo tutti a ricostruire un pensiero pubblico che sappia e odori di umano. Non siamo chiamati a giocare tra chi pensa di essere il depositario esclusivo della Verità: siamo chiamati a metterci sulle spalle la croce della pazienza, della sapienza e della lungimiranza. Abbandonando le aspirazioni personali, le pretese e tutto ciò che fa parte del fardello dell’uomo fragile.

Leggi tutto

Politica

Omofobia in Umbria: si fa presto a dire “legge”

Lo statuto speciale della regione italiana a più alta concentrazione di santi ha permesso il varo di tante leggi regionali, la cui inefficacia dimostra il marchio ideologico

Leggi tutto

Politica

Ops, l’odiato Trump vince ancora

Trump che fa? Il misogino Trump, il riccastro Trump come risponde? Candida una donna ma stanzia un budget di appena quattro milioni di dollari. Oddio, ho scritto appena, ma per una elezione distrettuale è comunque una montagna di danaro. Certo, paragonata ai cinquanta milioni in dote al candidato dei democrats sembra un topolino. Ma la donna è coriacea, sa di doversi battere, in quel distretto di Atlanta alle presidenziali Trump ha vinto sì, ma per pochissimi voti e ora tutti dicono che l’inquilino della Casa Bianca è odiatissimo, che ha vinto solo per il bizzarro sistema elettorale americano ma in realtà ha preso meno voti di Hillary Clinton e insomma il 29enne democratico è praticamente certo di diventare deputato, ha il sostegno di tutta la stampa e di tutte le star dello spettacolo e delle principali televisioni. Con quei cinquanta milioni di dollari si è potuto comprare undicimila spot televisivi che hanno bombardato i cittadini di Atlanta notte e dì, spiegando come fosse importante dal punto di vista simbolico quella elezioni, che di lì l’America sarebbe ripartita alla riscossa e menate del genere.

Leggi tutto

Chiesa

L’ordinario militare ci parla di Fatima

Monsignor da Silva Rodrigues Linda, prelato personale dell’ordinariato militare lusitano, oltre che presidente della commissione ecumenica della Conferenza episcopale del Portogallo, che è stato domenica in visita a Roma, ha rilasciato una intervista esclusiva per “La Croce”, in occasione delle celebrazioni del centenario della Regina del Santo Rosario

Leggi tutto

Chiesa

L’altra faccia del convegno vaticano sull’eutanasia

E’ balzata alla ribalta dell’attenzione nazionale la notizia del WMA European Region Meeting on End-of-Life Questions che coinvolgerà una trentina di specialisti della materia in una due-giorni ospitata in Vaticano. L’evento non sembra studiato per far discutere, ma semmai per pura accademia

Leggi tutto

Chiesa

A 25 anni dal primo duro anatema alla mafia

Oggi la Chiesa agrigentina fa memoria del giubileo dalla visita di San Giovanni Paolo II. Arrivò e rimase nella Valle dei Templi l’8 e il 9 maggio 1993. Tutti ricordano monsignor Marini che tradisce una tensione stellare, alle spalle del roccioso pontefice slavo: oggi tutti i vescovi siciliani si ritroveranno alle 18:00 per una celebrazione eucaristica al Tempio della Concordia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano