Politica

di Mirko De Carli

NON SCHERZIAMO CON LA LEGGE SCELBA, LASCIAMO LA PAROLA AI MAGISTRATI

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Dopo le dichiarazioni in aula parlamentare del Ministro Lamorgese sui fatti di sabato a Roma il clima si è ulteriormente scaldato: Giorgia Meloni, durante il question time odierno, ha subito cavalcato l’evidente debolezza manifestata dal capo del Viminale nel risponderLe per accusare il governo di essere in odore di regime. È evidente che la leader di Fratelli d’Italia stia cercando di buttare la palla in tribuna per evitare di dover rispondere nel merito di una linea politica ambigua su tanti temi e questioni: dai vaccini al rapporto con le frange più radicali della destra italiana passando per i cosiddetti temi eticamente sensibili, sbandieriate come vessillo elettorale ma in Parlamento mai difeso con la veemenza dei numeri.

Una situazione che porta inevitabilmente a fondersi tra loro malesseri sopiti e non ascoltati da troppo tempo: la crisi economica di fasce sociali (per lo più famiglie monoreddito con figli) che già arrancavano ad arrivare alla fine del mese e ora vedono nel rischio di decurtazione dello stipendio per mancata esibizione del green pass una violenza intollerabile, una ripartenza economica che sta dando benessere non in maniera diffusa (bene la classe dirigente, sempre male quella operaia) e quindi genera ulteriore conflittualità sociale e un governo che necessita di un rilancio della propria azione ben oltre i confini dettati dall’incarico del Presidente della Repubblica (per lo più ormai raggiunti, come ad esempio quello della campagna vaccinale e del superamento della fase critica della pandemia).

Scannarsi sulla possibilità di sciogliere Forza Nuova applicando la legge Scelba è una prospettiva folle e pericolosa che porterebbe solamente ad alzare il livello dello scontro sociale e bene ha fatto il Presidente Draghi a non evocarne l’eventualità, volgendo la sua attenzione all’azione della magistratura: ora serve punire i colpevoli con sentenze immediate ed esemplari affinché non si ripeta più quello scempio che abbiamo visto sabato a Roma. La responsabilità penale è personale e come tale va appurata nelle aule di un tribunale.

Chiarito questo occorre evitare di prolungare la guerra del green pass: come Popolo della Famiglia siamo stati i primi ad invocare i tamponi gratuiti per chi non è vaccinato. Il Governo ora dovrebbe investire danari pubblici per offrire questo servizio fino al prossimo 31/12 collaborando con i luoghi di lavoro: le aziende predispongano quindi i tamponi all’ingresso (i costi sostenuti siano detraibili al 100% dalle tasse, evitando di mandare in black out le farmacie) per coloro che non sono vaccinati (parliamo di meno del 15/20% della popolazione). Serve buon senso per gestire questi mesi autunnali e certificare la fine della fase acuta della pandemia: sopportiamo quest’ultima fase di passaggio e il green pass sarà solo un ricordo (come i lock down) e non ne parleremo più.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/10/2021
0210/2022
Ss. Angeli Custodi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

VEGETALI TERMINABILI, ADESSO NEL REGNO UNITO I MEDICI SARANNO ANCHE GIUDICI

Lady Black, della Corte Suprema dell’UK, ha decretato che non sarà più necessario rivolgersi alla Corte di Protezione per togliere cibo e acqua ai malati

Leggi tutto

Chiesa

Sette volti di una santità nuova e antica

L’invito alla speranza che Gesù offre ai discepoli, «perché tutto è possibile a Dio», corrisponde a tutte le storie dei sette santi canonizzati domenica in Piazza San Pietro. Che un gracile prete bresciano venga chiamato a compiti sempre più gravosi fino al ministero delle Somme Chiavi, che un vescovo reazionario si converta inciampando nella miseria di un popolo. E molto altro….

Leggi tutto

Politica

Una manovra che insulta la famiglia

I provvedimenti sugli asili saranno limitati e di impatto nullo, perché non affrontano il dramma della denatalità nelle sue cause. Destinare a 17 milioni di famiglie italiane meno di un miliardo di euro l’anno significa destinare meno di cinque euro al mese a ciascuna di esse. Poiché l’impegno è stato tutto concentrato sugli asili nido, in realtà per la stragrande maggioranza delle famiglie il sostegno assicurato da questa manovra economica varata da Pd, M5S, Italia Viva e LeU è: niente. Questa manovra è un insulto alla famiglia.

Leggi tutto

Società

UN “RISCHIO” CHIAMATO FAMIGLIA CHE SI RIBELLA ALLA CULTURA DEL PROVVISORIO.

Il trionfo del precariato è riuscito ad invadere ogni campo, arrivando persino, con arguzia encomiabile, a minare la colonna portante della società e cioè la famiglia. Tutto in un silenzio tombale, senza che nemmeno ce ne accorgessimo. Il vertiginoso calo dei matrimoni, sia civili che religiosi, è l’esempio lampante di una mentalità che ha paura delle scelte definitive e vive alla giornata, sballottata qua e là dalle armi di distrazioni di massa dei social media.  Il timore di eventuali fallimenti sta facendo gonfiare a dismisura il numero delle convivenze, anche dove in apparenza le unioni sembrerebbero molto solide e a prova di qualunque crisi.

Leggi tutto

Politica

DAMNATIO

Più di un quarto di secolo di sotterfugi e di voltafaccia pur di stare al volante, l’avversario è sempre “fascista” e negli ultimi anni va di moda anche l’aggettivo aggiuntivo “omofobo”. L’Italia ha bisogno di una storia nuova. Sta per aprirsi e dovrà certamente fare a meno di una sinistra così.

Leggi tutto

Politica

Il Governo e la terza dose

Entro fine 2021 sarà possibile somministrare la terza dose del vaccino Covid a tutti gli over 50. Con la terza dose ci sarà anche l’estensione del Green Pass, che durerà 12 mesi. Sarà vero oppure è tattica?

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano