Chiesa

di Tommaso Ciccotti

I vescovi francesi: la tutela dei minori deve essere la priorità

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Fare della protezione dei bambini una priorità assoluta di tutti i vescovi e di tutti i cattolici, in stretta collaborazione con le autorità francesi”: lo afferma monsignor Éric de Moulins-Beaufort, arcivescovo di Reims e presidente della Conferenza episcopale di Francia (Cef). Le sue parole arrivano a pochi giorni dalla pubblicazione del Rapporto della Ciase (Commissione indipendente sugli abusi sessuali nella Chiesa): voluta dalla stessa Cef e guidata da Jean-Marc Sauvé, la Commissione ha indicato in almeno 216 mila persone il numero di vittime di abusi in Francia, dal 1950 al 2020, compiuti da sacerdoti e religiosi. “Chiedo perdono a tutte le vittime”, ribadisce monsignor de Moulins-Beaufort.

La portata della violenza sessuale e delle aggressioni contro i minori rivelata dal Rapporto Ciase – continua la nota - richiede che la Chiesa rilegga le sue pratiche alla luce di questa realtà”. Di qui, il richiamo alla collaborazione con le autorità, tanto che sono già stati avviati “protocolli che collegano 17 diocesi in Francia con le Procure, per facilitare e accelerare il trattamento delle segnalazioni di qualsiasi atto denunciato”. Un sistema del quale “il Ministero della Giustizia ha appena incoraggiato la diffusione”. Il presidente della Cef sottolinea, inoltre, che alla prossima Plenaria dell’organismo, in programma dal 3 all’8 novembre, i vescovi francesi “lavoreranno insieme, sulla base del Rapporto Ciase e delle sue 45 raccomandazioni, sulle misure e le riforme da perseguire e intraprendere, in stretta comunione con la Chiesa universale”. Le parrocchie, i movimenti e le comunità sono quindi invitate a “leggere questo Rapporto, a condividerlo e a lavorarci, poiché sembra essenziale che tutti accolgano le numerose testimonianze di vittime che contiene e ne traggano le conseguenze necessarie”.

La realtà della violenza sessuale e delle aggressioni ai minori nella Chiesa e nella società invita, infatti, tutte le persone di buona volontà, “credenti o no”, a “lavorare insieme al servizio della protezione dei più giovani, dell’accoglienza e dell’accompagnamento delle vittime”. “Di fronte a questi fatti – conclude la nota – monsignor de Moulins-Beaufort ribadisce la sua vergogna e il suo sgomento, ma anche la sua determinazione a realizzare le riforme necessarie affinché la Chiesa in Francia meriti la fiducia di tutti”. Un ulteriore punto affrontato dal comunicato riguarda la confessione: il presule ribadisce che “è necessario lavorare per conciliare la natura” di questo sacramento “con la necessità di proteggere i bambini”. La sottolineatura è dovuta ad un caso specifico: il 6 ottobre, parlando a France Info, il presidente della Cef ha affermato che “il segreto della confessione è un requisito e rimarrà un requisito: in un certo senso, è al di sopra delle leggi della Repubblica. Crea uno spazio libero per parlare davanti a Dio, ci è imposto”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/10/2021
2810/2021
San Simone Apostolo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Wojtyla, il Papa della famiglia

Antologia del magistero di San Giovanni Paolo II sui temi della famiglia, a dieci anni dalla morte

Leggi tutto

Politica

Per non finire dalla padella piddina nella brace grillina

Renzi perde contro tutti, ma ha comunque accumulato un credito personale enormemente più grande di quello di qualunque oppositore singolo. Resta la fluttuante variabile dei cattolici italiani

Leggi tutto

Chiesa

Il caso Ladaria e gli errori di certa stampa

Per chi sappia come funzionano le trafile nella Curia Romana, la nomina di Luís Ladaria a prefetto dell’ex Sant’Uffizio è tutto fuorché una sorpresa: anche i giornalisti che avevano per tempo confezionato il pezzo con cui “impallinarlo” lo sapevano bene. In ogni critica però è presente un’autobiografia, e il tempismo con cui si stracciano certe vesti dice bene lo stile dell’“informazione”.

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa: l’eutanasia mai ammissibile

Papa Francesco manda il proprio saluto al Meeting della World Medical Association sulle questioni del fine-vita, che termina oggi in Vaticano. Il testo è stato divorato e divulgato, dai media, come “il Papa contro l’accanimento terapeutico” (intendendo con ciò “il Papa per l’eutanasia”). In realtà il Santo Padre ha usato parole adamantine per riaffermare la dottrina cattolica tradizionale e negare ogni liceità alla pratica dell’uccisione del malato.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ed il sesso

Papa Francesco ha detto la sua su un tema molto delicato: il sesso. Le nostre cadute spirituali, le nostre debolezze, ci portano a usare la sessualità al di fuori di questa strada tanto bella, dell’amore tra l’uomo e la donna. Ma sono cadute come tutti i peccati. La bugia, l’ira, la gola… sono peccati: peccati capitali

Leggi tutto

Media

LO SMARRIMENTO E IL POSSIBILE RIMEDIO

Giovedì esce per Cantagalli l’ultimo libro di Benedetto XVI, con prefazione di Papa Francesco. Il titolo: “La vera Europa, identità e missione”. Francesco tratteggia il senso profondo del libro: “Oggi in Europa va sempre più smarrendosi proprio l’idea del rispetto di ogni vita umana”. Ratzinger rintraccia l’origine di questo smarrimento: politiche anticoncezionali, “matrimonio” omosessuale diventato legge in 16 Stati europei, sganciamento della genitorialità dalla sessualità e della sessualità dal fine procreativo, politiche abortiste ed eutanasiche

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano