Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Schönborn: nella Chiesa più senso di comunità

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il cardinale e arcivescovo di Vienna Christoph Schönborn ha partecipato a numerosi Sinodi lodando, nelle ultime indizioni, il metodo sempre più favorevole ad una dimensione profonda e prolungata di ascolto delle voci nella Chiesa.

In Vaticano ha risposto ad alcune domande.

In che cosa, eminenza, la Chiesa deve essere diversa?

Più ascolto, non per tacere ma per sentire di più ciò che il popolo di Dio, anzitutto le persone che sono nella sofferenza, vivono. Ascoltare ciò che Dio ci dice attraverso la situazione di tante persone. Un appello a ciò che è al cuore della Chiesa: la compassione. Avete qui a Roma bellissime testimonianze di questo spirito di compassione, di presenza, di vicinanza. Sono queste le cose che, penso, il Papa intende dicendo “non un’altra Chiesa ma una Chiesa diversa”.

La fase di consultazione del popolo di Dio che valore aggiunto dà a questo Sinodo?

In tutti i Sinodi c’è stata una consultazione. Il Santo Padre vuole che questo ascolto, chiamiamolo meglio così, sia allargato al di là delle nostre comunità, a volte abbastanza chiuse. O, diciamo, fosse vissuto l’ascolto di coloro che non condividono la nostra fede ma che vivono spesso le virtù del Vangelo, i valori del Vangelo. Molti si chiedono: cosa fare poi di questo ascolto? Penso che il Papa non voglia programmi di azione. Ne abbiamo tanti, sono una cosa buona… la Caritas che opera in tutto il mondo. Ottimo. Ma c’è una dimensione ulteriore che fa comunità, che fa comunione, partecipazione, ascolto. Comunione è condividere: da questo nasce un concetto di missione che non è proselitismo ma attrazione, come diceva Papa Benedetto. La Chiesa non cresce con il proselitismo ma con l’attrazione. Quella attrazione della quale, come dice il profeta: quando i pagani verranno, diranno: Dio è tra di voi.

Secondo lei possiamo considerare questo Sinodo l’occasione per compiere fino in fondo ciò che ancora manca alla piena attuazione del Concilio Vaticano II

Assolutamente. L’accoglienza di un Concilio ecumenico è sempre una cosa lunga. Si consideri il primo grande Concilio ecumenico di Nicea. Celebreremo il Gubileo nel 2025: per tre, quattro secoli la Chiesa ha dovuto digerire, assimilare questa grande apertura di finestra sull’infinito, sul mistero di Dio. Il Concilio di Trento: ci sono voluti trecento anni in certe diocesi, a Vienna 250 anni per la messa in pratica. E ogni grande concilio è un ‘uragano’ dello Spirito Santo ma ha bisogno di tempo e Papa Francesco, come già Benedetto XVI e Giovanni Paolo II, hanno avuto sempre questa intuizione del ‘popolo di Dio’. Tutti siamo popolo di Dio e presenza di Dio nel mondo. E per questo l’importanza della preghiera – Papa Francesco lo ha ribadito al Consiglio del Sinodo – l’ascolto interiore di ciò che lo Spirito Santo ci dice.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/10/2021
2810/2021
San Simone Apostolo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Cardinale Comastri: non cancellate mamma e papà

Dieci comandamenti per dieci cardinali è il titolo del libro del vaticanista Fabio Marchese Ragona. Anticipiamo un breve stralcio tratto dalla riflessione dell’ arciprete emerito della Basilica di San Pietro, su “Onora il padre e la madre”

Leggi tutto

Chiesa

Pedofilia “nemico carissimo” del nostro mondo. Intervista a Don Di Noto

Il noto sacerdote siciliano, fondatore e direttore dell’Associazione Meter, fa il punto sul rapporto ambiguo della nostra società con l’abuso infantile.Abbiamo paura dei bambini. E’ una società pedofobica, ha paura dei bambini. Li erotizza, li diseduca nel campo della sessualità. Fa di tutto per dimenticarsi dei bambini. Papa Francesco più volte ha ribadito che una società senza bambini è impossibile. Loro non hanno la doppiezza di noi adulti. Una società senza bambini, diceva ancora Francesco, è triste e grigia Il bambino ha il diritto di crescere secondo i tempi dettati dallo sviluppo naturale del suo copro legato a quello psichico, senza forzature esterne che lo portino a pensare e ad agire in un modo contrario a questo sviluppo. Altrimenti nel nome di un diritto del bambino da rispettare, gli si fa violenza.
Non è solo una convinzione, ma un dato di fatto: usare l’educazione sessuale per dominare un bambino è facilissimo ed è la massima violenza.

Leggi tutto

Storie

TOGO - Chiese chiuse fino a metà ottobre

La Conferenza episcopale del Togo ha chiesto in questo mese del Rosario di accendere una candela il 7 ottobre, festa della Madonna del Rosario, davanti alle porte chiuse di tutte le chiese parrocchiali. Nonostante l’imposizione della chiusura delle chiese nel Paese africano, l’impegno dei missionari non si arresta.

Leggi tutto

Chiesa

Monsignor Paolo Giulietti e la Fede ai tempi del Coronavirus

La tutela della salute, infatti, è senza dubbio un bene primario, per il quale è giusto fare delle rinunce. Mi domando però se una società possa considerare irrilevante o marginale ciò che alimenta il “capitale morale” della nazione (e i riti religiosi sono certamente un elemento importante da questo punto di vista). Il senso del dovere e del sacrificio non sono innati, ma sono il frutto di esperienze educative e spirituali alle quali debbono continuare ad alimentarsi, pena il dilagare di quegli atteggiamenti di irresponsabilità ed egoismo che hanno sicuramente aggravato la crisi.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: “La libertà si realizza nella carità”

All’udienza generale in Aula Paolo VI, il Papa spiega il concetto di libertà secondo la fede cristiana: non consiste nello stare lontano dagli altri, sentendoli come “fastidi” che limitano la nostra azione, ma essere inseriti in una comunità, amare e servire gli altri

Leggi tutto

Chiesa

Possibili vie del traboccamento

Eventuali passaggi non adeguati dal principio immutabile all’accompagnamento specifico possono orientare qualche altro pastore per esempio a variamente temere l’attenzione, nei modi e nei tempi adeguati fin dalla scuola, allo sviluppo spirituale e culturale delle diverse identità, filosofie e religioni. Rifugiandosi in un molto positivo incontro tra di esse

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano